Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Davanti   alla   potenza   di   Dio   dovremmo   fare   solo   come   i   vegliardi   nel   libro   dell’Apocalisse   e   pregarlo.   La   ragione,   la   vista, l'udito,   l'olfatto   e   il   potere   di   procreare,   non   vengono   dalla   nostra   carne,   ma   dallo   spirito   che   scende   dall'alto   dei   cieli. Per   fare   il   cammino   che   la   Madonna   ci   ha   preparato,   non   dobbiamo   andare   a   guardare   in   casa   d’altri   dove   sono   nascoste le   infime   trappole   dei   tradimenti,   ma   nel   nostro   cuore.   Perché   un   conto   è   quello   che   vogliamo   far   trapelare   e   un   conto   è quello   che   abbiamo   nell'intimo,   che   è   ciò   di   cui   si   fida   il   Signore.   Il   quale   non   vuole   essere   amato   come   una   statua,   non ci   vuole   idolatri.   Il   miglior   modo   di   dimostrare   a   Dio   che   lo   amiamo   è   quello   di   amarci   fra   di   noi.   Perché   l'uomo   preferisce dimostrarlo   con   la   preghiera,   senza   prima   rappacificarsi   con   il   fratello?   Ce   lo   suggerisce   Maria   Santissima,   la   prima autentica   cristiana   che   ha   fondato   la   nuova   Chiesa.   Perché   davanti   al   Signore   noi   ci   proponiamo   come   i   migliori,   come coloro   che   hanno   subito   ogni   sorta   di   ingiustizia   e   di   vigliaccheria   e   non   avendo   risposte   dalla   statua,   ci   illudiamo   che   sia vero   e   illudiamo   gli   altri   (che   è   la   cosa   peggiore).   Così   pensiamo   che   le   colpe   siano   sui   nostri   fratelli,   giustifichiamo anche    l'azione    più    crudele    e    ci    mettiamo    il    cuore    in    pace.    Se    il    Signore    dovesse    risponderci,    resteremmo annichiliti!   Ci   si   prostituisce   davanti   a   Dio   e   alle   persone   che   non   conosciamo,   ma   abbiamo   la   coscienza   sporca.   Che orrore!    Amare    il    fratello,    non    quello    che    non    conosciamo,    ma    il    nostro    confinante,    il    nostro    parente,    potrebbe smascherarci.   Potremmo   sentirci   dire:   "Tu   vieni   a   parlarmi   d'amore   quando   hai   fatto   quella   vigliaccheria   nei   miei confronti?   Non   sei   degno".   Noi   conosciamo   i   suoi   difetti,   ma   lui   conosce   i   nostri,   potrebbe   scoprire   colpe   che   ci   siamo dimenticati.   Nessuno   vuole   essere   sgridato   o   rimproverato,   abbiamo   tutto   da   guadagnare   a   stare   alla   larga   da certe   persone   quando   siamo   in   difetto.    Perciò   furbescamente   e   vigliaccamente   le   evitiamo,   facciamo   finta   di   non vederle.   Non   riusciamo   ad   amarci   perché   ognuno   ha   un'ombra   nella   propria   vita   ed   è   più   facile   amare   Dio   e   chi   non   si conosce.   È   meglio   illudere   e   ingannare   tutti,   facendo   vedere   che   andiamo   ai   pellegrinaggi   con   la   testa   nelle   mani   e   la corona   del   rosario   al   collo,   anche   se   abbiamo   infierito   su   nostro   fratello.   Non   si   prende   in   giro   il   Signore,   con   l'ambiguità e   il   cuore   fallace   lo   offendiamo.   Questi   ipocriti   sono   la   peggior   specie,   anche   degli   sciacalli.   La   preghiera   che gradisce   di   più   il   Signore   è   quella   spontanea   e   sincera   con   l’amore   del   cuore   come   quella   di   Maria   Santissima,   non   quella con   cui   vogliamo   venderci.   Diamo   valore   alle   preghiere,   non   preghiamo   inutilmente.   E’   ora   che   abbiamo   coraggio   di   dire la   verità   e   se   abbiamo   fatto   uno   sgarbo,   non   parliamo   di   pace   con   nessuno.   Chi   ci   accusa   è   convinto   di   essere   senza peccato?   Se   non   viene   a   parlarci   di   pace   sa   che   potremmo   dire   qualcosa   di   lui.   Quando   una   persona   fa   un'azione indegna,   invece   di   andare   a   chiedere   scusa   al   fratello,   si   preoccupa   di   non   essere   scoperta   altrimenti   finisce   in   galera. Pensa   ancora   a   se   stessa,   è   doppiamente   vigliacca,   ma   non   l’ha   fatta   franca   davanti   a   Dio.   Ecco   perché   non   c'è   amore fra   di   noi,   perché   chi   è   senza   peccato   scagli   la   prima   pietra,   nessuno   può   permettersi   un   comportamento   non   gradito   a Dio.   Questo   trasmette   la   Madonna   a   Roberto   sul   monte   Misma:   " Figlio   caro   guardati,   ne   dovrai   vedere   di   situazioni   se vorrai   scoprire   tutti   gli   inganni,   tu   stesso   dovrai   passare   attraverso   le   loro   malignità,   sarai   perseguitato   e   criticato" .   Non ci   dispiace   che   davanti   a   Dio   c'è   tutta   questa   falsità   che   sopporta   con   tanto   amore   verso   di   noi?   Non   disprezzerà   se qualcuno   dirà:   "Basta,   ma   basta   veramente!   Abbiamo   il   coraggio   delle   nostre   azioni,   cerchiamo   di   essere   uomini   fino   in fondo   e   di   non   mettere   nessuno   sul   banco   degli   imputati,   perché   potrebbero   mettere   noi" .   Ci   si   può   dimostrare dispiaciuti   verso   il   fratello   e   chiedergli   cosa   possiamo   fare   per   recuperare.   Chi   non   ha   avuto   un   momento   negativo   nella propria   vita?   Non   mostriamoci   “cecchini”    verso   chi   ha   subito   una   forte   ingiustizia   e   ha   dovuto   per   forza   trovarsi   in   una certa   situazione   che   lo   ha   penalizzato.   Una   medaglia   ha   sempre   due   facce:   se   veniamo   a   sapere   qualcosa   di   una   persona ci   crediamo   perché   ce   l’ha   detto   qualcuno   di   nostra   fiducia,   quando   poi   in   modo   casuale   veniamo   a   conoscere   anche l'altro   aspetto   della   medaglia,   diciamo   “Non   avrei   mai   creduto”.    Tanti   non   vanno   in   chiesa   per   il   comportamento   di   quelle persone   che   pensano   di   essere   migliori   e   invece   criticano   e   giudicano,   sono   le   più   false.      Ammettiamo   quello   che   siamo   e amiamoci   tra   di   noi,   così   dimostriamo   di   essere   figli   di   Dio.   Ma   non   scegliamo   quello   che   non   ci   potrà   mai   incolpare, siamo   sinceri,   amiamo   quello   che   ci   potrà   accusare.   Se   siamo   stati   chiamati   ad   essere   luce   del   mondo   e   sale   della   terra, abbiamo   una   responsabilità   enorme.   Non   proponiamoci   mai,   lasciamo   che   sia   lo   spirito   a   farlo,   tanto   le   nostre   parole   ne convincono   uno   (l'ingenuo   che   un   domani   si   sveglia)   e   ne   scoraggiano   dieci.   Dubitiamo   di   chi   si   sente   degno   soltanto perché   prega,   perché   Satana   ci   usa   più   di   quello   che   pensiamo   noi,   sentiamoci   gli   ultimi   degli   ultimi,   i   più   infimi   degli infimi.   Non   rifiutiamo   gli   strumenti   che   Dio   manda   per   salvarci   e   non   aspettiamo   che   sia   Lui   ad   intervenire   direttamente, perché questa è arroganza.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
E' più facile amare Dio che l'uomo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Davanti   alla   potenza   di   Dio   dovremmo   fare   solo come    i    vegliardi    nel    libro    dell’Apocalisse    e pregarlo.   La   ragione,   la   vista,   l'udito,   l'olfatto   e   il potere   di   procreare,   non   vengono   dalla   nostra carne,   ma   dallo   spirito   che   scende   dall'alto   dei cieli.   Per   fare   il   cammino   che   la   Madonna   ci   ha preparato,   non   dobbiamo   andare   a   guardare   in casa   d’altri   dove   sono   nascoste   le   infime   trappole dei   tradimenti,   ma   nel   nostro   cuore.   Perché   un conto   è   quello   che   vogliamo   far   trapelare   e   un conto   è   quello   che   abbiamo   nell'intimo,   che   è   ciò di   cui   si   fida   il   Signore.   Il   quale   non   vuole   essere amato   come   una   statua,   non   ci   vuole   idolatri.   Il miglior   modo   di   dimostrare   a   Dio   che   lo   amiamo è    quello    di    amarci    fra    di    noi.    Perché    l'uomo preferisce    dimostrarlo    con    la    preghiera,    senza prima     rappacificarsi     con     il     fratello?     Ce     lo suggerisce   Maria   Santissima,   la   prima   autentica cristiana   che   ha   fondato   la   nuova   Chiesa.   Perché davanti    al    Signore    noi    ci    proponiamo    come    i migliori,   come   coloro   che   hanno   subito   ogni   sorta di    ingiustizia    e    di    vigliaccheria    e    non    avendo risposte   dalla   statua,   ci   illudiamo   che   sia   vero   e illudiamo   gli   altri   (che   è   la   cosa   peggiore).   Così pensiamo   che   le   colpe   siano   sui   nostri   fratelli, giustifichiamo    anche    l'azione    più    crudele    e    ci mettiamo    il    cuore    in    pace.    Se    il    Signore dovesse            risponderci,            resteremmo annichiliti!   Ci   si   prostituisce   davanti   a   Dio   e   alle persone    che    non    conosciamo,    ma    abbiamo    la coscienza   sporca.   Che   orrore!   Amare   il   fratello, non    quello    che    non    conosciamo,    ma    il    nostro confinante,      il      nostro      parente,      potrebbe smascherarci.   Potremmo   sentirci   dire:   "Tu   vieni   a parlarmi     d'amore     quando     hai     fatto     quella vigliaccheria   nei   miei   confronti?   Non   sei   degno". Noi   conosciamo   i   suoi   difetti,   ma   lui   conosce   i nostri,    potrebbe    scoprire    colpe    che    ci    siamo dimenticati.   Nessuno   vuole   essere   sgridato   o rimproverato,   abbiamo   tutto   da   guadagnare a   stare   alla   larga   da   certe   persone   quando siamo     in     difetto.      Perciò     furbescamente     e vigliaccamente   le   evitiamo,   facciamo   finta   di   non vederle.   Non   riusciamo   ad   amarci   perché   ognuno ha   un'ombra   nella   propria   vita   ed   è   più   facile amare   Dio   e   chi   non   si   conosce.   È   meglio   illudere e   ingannare   tutti,   facendo   vedere   che   andiamo   ai pellegrinaggi   con   la   testa   nelle   mani   e   la   corona del   rosario   al   collo,   anche   se   abbiamo   infierito   su nostro   fratello.   Non   si   prende   in   giro   il   Signore, con   l'ambiguità   e   il   cuore   fallace   lo   offendiamo. Questi   ipocriti   sono   la   peggior   specie,   anche degli   sciacalli.   La   preghiera   che   gradisce   di   più il    Signore    è    quella    spontanea    e    sincera    con l’amore     del     cuore     come     quella     di     Maria Santissima,     non     quella     con     cui     vogliamo venderci.     Diamo     valore     alle     preghiere,     non preghiamo    inutilmente.    E’    ora    che    abbiamo coraggio   di   dire   la   verità   e   se   abbiamo   fatto   uno sgarbo,   non   parliamo   di   pace   con   nessuno.   Chi   ci accusa   è   convinto   di   essere   senza   peccato?   Se non   viene   a   parlarci   di   pace   sa   che   potremmo dire    qualcosa    di    lui.    Quando    una    persona    fa un'azione   indegna,   invece   di   andare   a   chiedere scusa    al    fratello,    si    preoccupa    di    non    essere scoperta     altrimenti     finisce     in     galera.     Pensa ancora   a   se   stessa,   è   doppiamente   vigliacca,   ma non   l’ha   fatta   franca   davanti   a   Dio.   Ecco   perché non   c'è   amore   fra   di   noi,   perché   chi   è   senza peccato    scagli    la    prima    pietra,    nessuno    può permettersi    un    comportamento    non    gradito    a Dio.   Questo   trasmette   la   Madonna   a   Roberto   sul monte   Misma:   " Figlio   caro   guardati,   ne   dovrai vedere   di   situazioni   se   vorrai   scoprire   tutti   gli inganni,   tu   stesso   dovrai   passare   attraverso   le loro    malignità,    sarai    perseguitato    e    criticato" . Non   ci   dispiace   che   davanti   a   Dio   c'è   tutta   questa falsità   che   sopporta   con   tanto   amore   verso   di noi?   Non   disprezzerà   se   qualcuno   dirà:   "Basta, ma   basta   veramente!   Abbiamo   il   coraggio   delle nostre   azioni,   cerchiamo   di   essere   uomini   fino   in fondo   e   di   non   mettere   nessuno   sul   banco   degli imputati,   perché   potrebbero   mettere   noi" .   Ci   si può    dimostrare    dispiaciuti    verso    il    fratello    e chiedergli   cosa   possiamo   fare   per   recuperare.   Chi non   ha   avuto   un   momento   negativo   nella   propria vita?   Non   mostriamoci   “cecchini”    verso   chi   ha subito   una   forte   ingiustizia   e   ha   dovuto   per   forza trovarsi    in    una    certa    situazione    che    lo    ha penalizzato.   Una   medaglia   ha   sempre   due   facce: se   veniamo   a   sapere   qualcosa   di   una   persona   ci crediamo   perché   ce   l’ha   detto   qualcuno   di   nostra fiducia,   quando   poi   in   modo   casuale   veniamo   a conoscere   anche   l'altro   aspetto   della   medaglia, diciamo    “Non    avrei    mai    creduto”.     Tanti    non vanno   in   chiesa   per   il   comportamento   di   quelle persone   che   pensano   di   essere   migliori   e   invece criticano     e     giudicano,     sono     le     più     false.       Ammettiamo   quello   che   siamo   e   amiamoci   tra   di noi,   così   dimostriamo   di   essere   figli   di   Dio.   Ma non    scegliamo    quello    che    non    ci    potrà    mai incolpare,   siamo   sinceri,   amiamo   quello   che   ci potrà    accusare.    Se    siamo    stati    chiamati    ad essere    luce    del    mondo    e    sale    della    terra, abbiamo      una      responsabilità      enorme.      Non proponiamoci   mai,   lasciamo   che   sia   lo   spirito   a farlo,   tanto   le   nostre   parole   ne   convincono   uno (l'ingenuo    che    un    domani    si    sveglia)    e    ne scoraggiano    dieci.    Dubitiamo    di    chi    si    sente degno   soltanto   perché   prega,   perché   Satana   ci usa   più   di   quello   che   pensiamo   noi,   sentiamoci gli   ultimi   degli   ultimi,   i   più   infimi   degli   infimi.   Non rifiutiamo    gli    strumenti    che    Dio    manda    per salvarci    e    non    aspettiamo    che    sia    Lui    ad intervenire     direttamente,     perché     questa     è arroganza.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

         E’ più facile amare Dio che l’uomo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile