Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Non   siamo   stati   creati   per   soffrire   e   per   vivere   in   una   valle   di   lacrime,   né   per   essere   sempre   in   conflitto   con   noi   stessi   o con   gli   altri;   il   Signore   ci   ha   creati   per   farci   trovare   la   felicità   che   è   nascosta   nel   nostro   cuore.   Il   richiamo   più frequente   che   la   Madonna   fa   in   tutte   le   sue   apparizioni   è   quello   di   amarci    e   non   lo   dice   tanto   per   dire,   ma   perché   se   noi pigiamo   sul   tasto   dell'amore,   che   è   nel   nostro   cuore,   sperimentiamo   una   verità   meravigliosa   e   stupenda,   che   pochi cristiani   hanno   provato.   Tra   questi   sicuramente   troviamo   i   primi   cristiani,   quelli   che   quando   andavano   al   martirio cantavano   lode   e   ringraziamento   al   Signore.   Che   differenza   con   i   cristiani   del   giorno   d'oggi!   Chi   di   noi   canterebbe   di   gioia andando   al   martirio?   Abbiamo   creato   un   danno   incalcolabile   alla   nostra   fede,   capovolgendo   il   senso   della   verità   che   Dio ci   ha   portato   dal   cielo,   solamente   perché,   di   generazione   in   generazione,   abbiamo   aggiunto   qualche   parola   in   più.   La fede   è   un   patrimonio   di   proprietà   dell'uomo,    non   è   un   patrimonio   relativo   o   mentale.   Ci   è   stata   affidata   nel momento   del      battesimo,   ma   come   l’abbiamo   alimentata?   C'è   qualcosa   che   non   quadra   e   di   deviante,   che   ci   porta   a   non conoscere   la   meraviglia   di   cui   facciamo   parte;   abbiamo   tante   domande   nel   nostro   cuore   perché   non   abbiamo   la   fede. Sperimentiamo   l'amore   vicendevole,   quello   che   Gesù   ci   ha   trasmesso   e   che   l'ha   portato   ad   accettare   la   croce,   espiando   i nostri   peccati.   Il   Signore   non   ci   chiede   niente   di   così   impossibile,   ci   chiede   di   amare.   Davanti   a   Dio   facciamo   una   pessima figura,   perché   siamo   bravi   nel   rispetto   umano,   nel   salvaguardare   “l'etichetta”,   ma   non   ci   comportiamo   per   amore.   Magari diciamo   a   una   persona   ciò   che   è   conveniente   dire,   ma   non   ciò   che   abbiamo   nel   cuore.   Il   Signore   conosce   questi passaggi:    è    il    comportamento    dei    farisei,    quelli    che    ha    mandato    via    dal    Tempio.    Ma    ce    lo    immaginiamo    Gesù, improvvisamente    perdere    le    staffe,    ribaltare    i    tavoli    e    scacciare    gli    ipocriti    dal    Tempio?    Chiediamoci    se    è    più conveniente   eseguire   quello   che   il   Signore   ci   chiede   oppure   se   dobbiamo   continuare   a   decidere   noi   quello che   il   Signore   deve   accettare.    Ma   ci   rendiamo   conto   che   stabiliamo   noi   quello   che   il   Signore   deve   ricevere   e   non facciamo   quello   che   Lui   ci   dice,   pur   avendo   davanti   la   sua   legge   e   la   sua   richiesta   ben   precisa   nel   Vangelo?   In   troppi   casi, purtroppo,   il   Signore   si   deve   accontentare   di   ricevere   l'esatto   contrario   di   quello   che   ci   chiede.   La   Madonna   scende   dal cielo   con   le   mani   piene   di   grazie   e   ci   concede   il   suo   aiuto,   mentre   noi   sulle   sue   mani   non   mettiamo   niente,   siamo   egoisti, vogliamo   offrire   a   Dio   ciò   che   decidiamo   noi   e   così   torna   in   cielo   mani   vuote.   E   abbiamo   anche   coraggio   di   pensare   di aver   fatto   chissà   che   cosa   per   il   Signore!   Se   fosse   così   vivremmo   in   un'altra   condizione,   avremmo   altre   caratteristiche, non ci sarebbe un mondo così alla perdizione.  AMARE DIPENDE SOLTANTO DA NOI Il   Vangelo   è   scritto   secondo   Dio,   non   secondo   la   nostra   opinione;   mettiamoci   a   confronto   con   la   parola   di   Dio   per   capire se   stiamo   facendo   le   cose   giuste,   non   con   gli   amici   che   condividono   le   nostre   tesi.   Confrontiamoci   con   il   non   giudicare   e il   non   criticare   e   iniziamo   ad   amare   anche   chi   ci   ha   fatto   del   male,   che   è   quello   che   il   Signore   desidera   da   noi.   Egli rimane   in   attesa   che   amiamo   il   nemico,   non   l'amico,   e   se   rimarremo   fedeli   in   questo   saremo   graditi   a   Dio   come   lo   sono stati   Abramo,   Isacco   e   Giacobbe.   Il   Signore   ci   lascia   tutte   le   nostre   comodità,   tutto   quello   che   abbiamo   conquistato   con tanta   fatica,   nonostante   i   nostri   difetti   e   le   nostre   debolezze,   per   i   quali   c'è   la   confessione.   Certo   non   dobbiamo approfittarne,   ma   il   Signore,   che   conosce   le   nostre   cadute,   ci   aspetta   al   varco   per   vedere   se   superiamo   la   prova nell'amore.   Se   sapessimo   quanta   gioia   ci   dà   nel   cuore   riuscire   ad   amare   il   nemico...   ma   poche   volte   abbiamo conosciuto   la   gioia   del   Signore.   Diventiamo   scaltri,   intelligenti   e   consapevoli,   perché   anche   se   rimaniamo   fermi   sulle nostre   posizioni,   abbiamo   solo   da   perderci,   siamo   solo   più   delusi   e   arrabbiati.   Se   abbiamo   tutti   le   nostre   tristi   storie   negli affetti   personali   (anche   Gesù   non   è   stato   profeta   in   patria   …),   non   dobbiamo   preoccuparci,   perché   quando   siamo   felici nel   cuore,   tutto   il   resto   poi   si   completa,   siamo   liberi   di   amare   e   non   siamo   più   condizionati   da   niente   e   da   nessuno. Improvvisamente ci liberiamo da ogni tabù e dalle catene che ci siamo stretti intorno a noi.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Che cosa è più conveniente?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Non   siamo   stati   creati   per   soffrire   e   per   vivere   in una   valle   di   lacrime,   né   per   essere   sempre   in conflitto   con   noi   stessi   o   con   gli   altri;   il   Signore ci   ha   creati   per   farci   trovare   la   felicità   che   è nascosta    nel    nostro    cuore.    Il    richiamo    più frequente    che    la    Madonna    fa    in    tutte    le    sue apparizioni    è    quello    di    amarci     e    non    lo    dice tanto   per   dire,   ma   perché   se   noi   pigiamo   sul tasto     dell'amore,     che     è     nel     nostro     cuore, sperimentiamo      una      verità      meravigliosa      e stupenda,   che   pochi   cristiani   hanno   provato.   Tra questi    sicuramente    troviamo    i    primi    cristiani, quelli      che      quando      andavano      al      martirio cantavano   lode   e   ringraziamento   al   Signore.   Che differenza   con   i   cristiani   del   giorno   d'oggi!   Chi   di noi    canterebbe    di    gioia    andando    al    martirio? Abbiamo     creato     un     danno     incalcolabile     alla nostra   fede,   capovolgendo   il   senso   della   verità che   Dio   ci   ha   portato   dal   cielo,   solamente   perché, di   generazione   in   generazione,   abbiamo   aggiunto qualche   parola   in   più.   La   fede   è   un   patrimonio di   proprietà   dell'uomo,    non   è   un   patrimonio relativo    o    mentale.    Ci    è    stata    affidata    nel momento    del        battesimo,    ma    come    l’abbiamo alimentata?   C'è   qualcosa   che   non   quadra   e   di deviante,    che    ci    porta    a    non    conoscere    la meraviglia   di   cui   facciamo   parte;   abbiamo   tante domande   nel   nostro   cuore   perché   non   abbiamo la    fede.    Sperimentiamo    l'amore    vicendevole, quello    che    Gesù    ci    ha    trasmesso    e    che    l'ha portato   ad   accettare   la   croce,   espiando   i   nostri peccati.   Il   Signore   non   ci   chiede   niente   di   così impossibile,   ci   chiede   di   amare.   Davanti   a   Dio facciamo   una   pessima   figura,   perché   siamo   bravi nel       rispetto       umano,       nel       salvaguardare “l'etichetta”,   ma   non   ci   comportiamo   per   amore. Magari     diciamo     a     una     persona     ciò     che     è conveniente   dire,   ma   non   ciò   che   abbiamo   nel cuore.   Il   Signore   conosce   questi   passaggi:   è   il comportamento     dei     farisei,     quelli     che     ha mandato   via   dal   Tempio.   Ma   ce   lo   immaginiamo Gesù,     improvvisamente     perdere     le     staffe, ribaltare    i    tavoli    e    scacciare    gli    ipocriti    dal Tempio?    Chiediamoci    se    è    più    conveniente eseguire    quello    che    il    Signore    ci    chiede oppure   se   dobbiamo   continuare   a   decidere noi   quello   che   il   Signore   deve   accettare.    Ma ci   rendiamo   conto   che   stabiliamo   noi   quello   che   il Signore   deve   ricevere   e   non   facciamo   quello   che Lui   ci   dice,   pur   avendo   davanti   la   sua   legge   e   la sua   richiesta   ben   precisa   nel   Vangelo?   In   troppi casi,   purtroppo,   il   Signore   si   deve   accontentare di    ricevere    l'esatto    contrario    di    quello    che    ci chiede.   La   Madonna   scende   dal   cielo   con   le   mani piene   di   grazie   e   ci   concede   il   suo   aiuto,   mentre noi   sulle   sue   mani   non   mettiamo   niente,   siamo egoisti,   vogliamo   offrire   a   Dio   ciò   che   decidiamo noi   e   così   torna   in   cielo   mani   vuote.   E   abbiamo anche   coraggio   di   pensare   di   aver   fatto   chissà che   cosa   per   il   Signore!   Se   fosse   così   vivremmo in       un'altra       condizione,       avremmo       altre caratteristiche,   non   ci   sarebbe   un   mondo   così alla perdizione.  AMARE DIPENDE SOLTANTO DA NOI Il   Vangelo   è   scritto   secondo   Dio,   non   secondo   la nostra   opinione;   mettiamoci   a   confronto   con   la parola   di   Dio   per   capire   se   stiamo   facendo   le cose   giuste,   non   con   gli   amici   che   condividono   le nostre   tesi.   Confrontiamoci   con   il   non   giudicare   e il   non   criticare   e   iniziamo   ad   amare   anche   chi   ci ha   fatto   del   male,   che   è   quello   che   il   Signore desidera    da    noi.    Egli    rimane    in    attesa    che amiamo   il   nemico,   non   l'amico,   e   se   rimarremo fedeli   in   questo   saremo   graditi   a   Dio   come   lo sono   stati   Abramo,   Isacco   e   Giacobbe.   Il   Signore ci   lascia   tutte   le   nostre   comodità,   tutto   quello che     abbiamo     conquistato     con     tanta     fatica, nonostante   i   nostri   difetti   e   le   nostre   debolezze, per     i     quali     c'è     la     confessione.     Certo     non dobbiamo    approfittarne,    ma    il    Signore,    che conosce   le   nostre   cadute,   ci   aspetta   al   varco   per vedere    se    superiamo    la    prova    nell'amore.    Se sapessimo    quanta    gioia    ci    dà    nel    cuore riuscire   ad   amare   il   nemico...   ma   poche   volte abbiamo     conosciuto     la     gioia     del     Signore. Diventiamo    scaltri,    intelligenti    e    consapevoli, perché   anche   se   rimaniamo   fermi   sulle   nostre posizioni,   abbiamo   solo   da   perderci,   siamo   solo più   delusi   e   arrabbiati.   Se   abbiamo   tutti   le   nostre tristi   storie   negli   affetti   personali   (anche   Gesù non   è   stato   profeta   in   patria   …),   non   dobbiamo preoccuparci,    perché    quando    siamo    felici    nel cuore,   tutto   il   resto   poi   si   completa,   siamo   liberi di   amare   e   non   siamo   più   condizionati   da   niente e   da   nessuno.   Improvvisamente   ci   liberiamo   da ogni    tabù    e    dalle    catene    che    ci    siamo    stretti intorno a noi.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile