Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Noi   dobbiamo   attenerci   alle   regole,   alle   leggi   ed   ai   comandamenti   precisi   della   Chiesa,   poiché   la   Chiesa   è   stata   fondata dal   Re   dei   Re.   La   Chiesa   è   la   Scuola   sopra   le   scuole,      non   è   un'improvvisazione,   non   è   un   luogo   di   ritrovo      in   cui   un impreparato,   che   ha   dei   limiti   impressionanti,   con   arroganza      emette   sentenze   e   giudizi   impropri.   La   santa   Chiesa   non   è stata   fondata   sull’ultimo   arrivato   che   “detta   legge”.La   Chiesa   ha   la   sua   storia,   la   sua   verità,   la   sua   profondità,   e   noi   non avendo   fatto   la   sua   storia,   siamo   impreparati   e   incompetenti,   perché   conosciamo   solo   ciò   che   c'è   stato   trasmesso.Chi decide   di   diventare   un   responsabile,   deve   fare   anni   di   studi   e   di   rinunce;   chi   deve   gestire,   difendere   e   promuovere   la Chiesa,   è   colui   che   ha   una   preparazione   alle   spalle:   il   sacerdote,   i   vescovi,   i   cardinali,   il   Papa.   È   una   scala   gerarchica   che noi   dobbiamo   accettare   al   di   là   delle   nostre   interpretazioni.   La   cosa   peggiore   è   che   noi   che   siamo   impreparati,   che   siamo arrivati   all'ultimo   momento,   abbiamo   l'ardire   di   insegnare   e   criticare   come   agisce   colui   che   è   preparato   per   gestire   la santa   Chiesa.   Dobbiamo   stare   molto   attenti   e   capire   qual   è   il   nostro   comportamento   davanti   ad   un   bene   così   grande, altrimenti    si    deteriora    e    si    offende    l'immagine    della    Santa    Chiesa.        Ecco    perché    Maria    Santissima    chiede    tanto l'obbedienza   alla   Chiesa,      a   coloro   che   sono   a   conoscenza   di   quella   verità,   senza   criticare,   né   commentare,   nè   giudicare, perché   innanzitutto   il   relatore,   che   è   il   sacerdote,   si   è   applicato   e   ha   superato   certi   esami,   mentre   noi   ci   auto   approviamo e   ci   diamo   una   laurea   solo   perché   frequentiamo   la   casa   del   Signore.   Quali   studi   abbiamo   fatto,   quali   esami   abbiamo superato,   cosa   abbiamo   approfondito   della   legge   e   della   realtà   di   cui      facciamo   parte?      Noi   conosciamo   solo   in   superficie le   leggi   della   Chiesa!   Quanti   di   noi,   che   hanno   letto   ed   interpretato   la   Bibbia   in   un   modo   personale      (e   vanno   in   chiesa con   “la   pancia   piena”    avendo   sperimentato   tutte   le   esperienze   della   vita),   hanno   l'ardire   di   criticare   coloro   che   possono vantare   anni   di   studi,   di   rinunce   e   di   astinenze   di   ogni   tipo?   Dobbiamo   adorare   e   rispettare   veramente   i   sacerdoti   che hanno   una   conoscenza   superiore   alla   nostra,   e   la   gerarchia   della   Chiesa,   altrimenti   il   nostro   comportamento   sarebbe simile   a   quello   di   un      alunno,   al   quale   gli   vengono   lasciati   dei   testi   scolastici   e   l'insegnante   (che   viene   criticato..)   lo   lascia libero   di   improvvisare,   di   decidere   quello   che   va   bene....   Ma   è   questo   il   modo   di   superare   gli   esami?   Dobbiamo   applicarci molto   bene   e   capire   qual   è      il   nostro   limite,   perché   la   Chiesa   ha   delle   leggi   così   profonde   e   forti   da   conoscere,   che nessuna   scuola   terrena   può   avere.   Non   dobbiamo   pensare   di   comportarci   liberamente   solo   perché   preghiamo,   ma dobbiamo   diventare   responsabili   del   nostro   comportamento,   ed   essere   consapevoli   del   beneficio   o   del   danno   che possiamo    arrecare    alla    Chiesa.    Non    devono    essere    il    numero    delle    nostre    preghiere    e    dei    nostri    digiuni    ad autopromuoverci,   a   farci   diventare   dei   docenti,   dei   relatori.   Cerchiamo   di   comportarci   da   allievi,   per   migliorare   la   nostra condotta   ed   essere   di   buon   esempio   verso   coloro   che   hanno   bisogno   di   essere   illuminati;   diversamente,   noi   che sappiamo   la   verità   e   non   la   riveliamo,   peccheremmo   di   omissione,   offendendo   lo   spirito   Santo.   Quando   noi   diciamo   che   i sacerdoti   fanno   la   bella   vita,   che   fanno   di   tutto,   che   sono   peggio   di   noi,   dimostriamo   di   essere   pessimi,   perfidi.      Se   c'è qualcuno   che   sbaglia,   non   facciamone   di   tutta   un'erba   un   fascio   e   non   puntiamo   il   dito,      perché   non   sta   a   noi   dire   certe cose.      Pensiamo   a   quante   amarezze   potremmo   aver   procurato   con   le   nostre   critiche   a   chi   è   più   preparato   di   noi,   a   chi      si è   lasciato   forgiare   fin   da   giovane:   è   come   se   gli   avessimo   detto   che   ha   fatto   anni   di   sacrifici,   di   rinunce,   di   povertà,   di castità   e   di   obbedienza   per   niente!   Noi   che   facciamo   una   vita   mondana…Che   tristezza   e   che   offesa   davanti   al   Signore, uno   che   si   autopromuove   e   detronizza,   insultandolo,   colui   che   rappresenta   Dio,   mettendo   davanti   se   stesso,   il   proprio orgoglio   e   la   propria   arroganza…   Che   errore!      E   il   Signore   per   amore   nostro   accetta   anche   questo.....   .Non   sono   molte   le persone   che   frequentano   la   chiesa   che   hanno   una   conoscenza   superiore   alla   media,   quindi   finiamola   di   seguire   la   linea dei   saputelli,   come   se   noi   fossimo   la   verità,   la   voce   che   deve   essere   innalzata,   perché   la   cosa   peggiore   (come   nella società)   è   dare   la   parola   a   un   incompetente.   Smettiamola   di   ciarlare!Meditiamo   prima   di   parlare,   non   lasciamoci provocare   e   non   provochiamo,   non   assecondiamo   le   dicerie   che   sono   in   giro   e   imperversano:   stiamo   attenti   ad   accusare sacerdoti   perché   ne   renderemo   conto   a   Dio.   La   Chiesa   per   opera   dello   spirito   Santo   si   è   scelta   i   suoi   responsabili   e   noi   li dobbiamo   rispettare.   Queste   cose   le   dobbiamo   conoscere   per   renderci   conto   dei   nostri   errori,   per   fare   ammenda   fra   di noi,    e    per    non    vanificare    la    grazia    del    Signore.    La    verità    e    la    legge    di    Dio    sono    fondate    sull'obbedienza,    sulla mansuetudine,   sulla   concordia,   sull'amore,   non   sull'arroganza,   sulla   critica,   sull'accusa,   sulla   condanna.   E'      mai   possibile che “15 anni” di studi, di sacrifici e di rinunce per noi non significano niente?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La santa Chiesa non è fondata sull'improvvisazione
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Noi   dobbiamo   attenerci   alle   regole,   alle   leggi   ed ai   comandamenti   precisi   della   Chiesa,   poiché   la Chiesa   è   stata   fondata   dal   Re   dei   Re.   La   Chiesa   è la      Scuola      sopra      le      scuole,            non      è un'improvvisazione,   non   è   un   luogo   di   ritrovo      in cui      un      impreparato,      che      ha      dei      limiti impressionanti,   con   arroganza      emette   sentenze e   giudizi   impropri.   La   santa   Chiesa   non   è   stata fondata   sull’ultimo   arrivato   che   “detta   legge”.La Chiesa   ha   la   sua   storia,   la   sua   verità,   la   sua profondità,   e   noi   non   avendo   fatto   la   sua   storia, siamo     impreparati     e     incompetenti,     perché conosciamo   solo   ciò   che   c'è   stato   trasmesso.Chi decide   di   diventare   un   responsabile,   deve   fare anni    di    studi    e    di    rinunce;    chi    deve    gestire, difendere   e   promuovere   la   Chiesa,   è   colui   che   ha una    preparazione    alle    spalle:    il    sacerdote,    i vescovi,     i     cardinali,     il     Papa.     È     una     scala gerarchica   che   noi   dobbiamo   accettare   al   di   delle   nostre   interpretazioni.   La   cosa   peggiore   è che   noi   che   siamo   impreparati,   che   siamo   arrivati all'ultimo      momento,      abbiamo      l'ardire      di insegnare    e    criticare    come    agisce    colui    che    è preparato   per   gestire   la   santa   Chiesa.   Dobbiamo stare    molto    attenti    e    capire    qual    è    il    nostro comportamento   davanti   ad   un   bene   così   grande, altrimenti   si   deteriora   e   si   offende   l'immagine della     Santa     Chiesa.          Ecco     perché     Maria Santissima   chiede   tanto   l'obbedienza   alla   Chiesa,     a   coloro   che   sono   a   conoscenza   di   quella   verità, senza    criticare,    né    commentare,    nè    giudicare, perché   innanzitutto   il   relatore,   che   è   il   sacerdote, si   è   applicato   e   ha   superato   certi   esami,   mentre noi   ci   auto   approviamo   e   ci   diamo   una   laurea solo   perché   frequentiamo   la   casa   del   Signore. Quali   studi   abbiamo   fatto,   quali   esami   abbiamo superato,   cosa   abbiamo   approfondito   della   legge e    della    realtà    di    cui        facciamo    parte?        Noi conosciamo    solo    in    superficie    le    leggi    della Chiesa!    Quanti    di    noi,    che    hanno    letto    ed interpretato   la   Bibbia   in   un   modo   personale      (e vanno   in   chiesa   con   “la   pancia   piena”    avendo sperimentato    tutte    le    esperienze    della    vita), hanno    l'ardire    di    criticare    coloro    che    possono vantare   anni   di   studi,   di   rinunce   e   di   astinenze   di ogni     tipo?     Dobbiamo     adorare     e     rispettare veramente   i   sacerdoti   che   hanno   una   conoscenza superiore   alla   nostra,   e   la   gerarchia   della   Chiesa, altrimenti     il     nostro     comportamento     sarebbe simile   a   quello   di   un      alunno,   al   quale   gli   vengono lasciati    dei    testi    scolastici    e    l'insegnante    (che viene   criticato..)   lo   lascia   libero   di   improvvisare, di   decidere   quello   che   va   bene....   Ma   è   questo   il modo   di   superare   gli   esami?   Dobbiamo   applicarci molto    bene    e    capire    qual    è        il    nostro    limite, perché   la   Chiesa   ha   delle   leggi   così   profonde   e forti   da   conoscere,   che   nessuna   scuola   terrena può   avere.   Non   dobbiamo   pensare   di   comportarci liberamente      solo      perché      preghiamo,      ma dobbiamo     diventare     responsabili     del     nostro comportamento,     ed     essere     consapevoli     del beneficio   o   del   danno   che   possiamo   arrecare   alla Chiesa.    Non    devono    essere    il    numero    delle nostre     preghiere     e     dei     nostri     digiuni     ad autopromuoverci,   a   farci   diventare   dei   docenti, dei   relatori.   Cerchiamo   di   comportarci   da   allievi, per   migliorare   la   nostra   condotta   ed   essere   di buon   esempio   verso   coloro   che   hanno   bisogno   di essere      illuminati;      diversamente,      noi      che sappiamo     la     verità     e     non     la     riveliamo, peccheremmo   di   omissione,   offendendo   lo   spirito Santo.   Quando   noi   diciamo   che   i   sacerdoti   fanno la   bella   vita,   che   fanno   di   tutto,   che   sono   peggio di   noi,   dimostriamo   di   essere   pessimi,   perfidi.      Se c'è   qualcuno   che   sbaglia,   non   facciamone   di   tutta un'erba   un   fascio   e   non   puntiamo   il   dito,      perché non   sta   a   noi   dire   certe   cose.      Pensiamo   a   quante amarezze   potremmo   aver   procurato   con   le   nostre critiche   a   chi   è   più   preparato   di   noi,   a   chi      si   è lasciato   forgiare   fin   da   giovane:   è   come   se   gli avessimo   detto   che   ha   fatto   anni   di   sacrifici,   di rinunce,   di   povertà,   di   castità   e   di   obbedienza per     niente!     Noi     che     facciamo     una     vita mondana…Che   tristezza   e   che   offesa   davanti   al Signore,   uno   che   si   autopromuove   e   detronizza, insultandolo,      colui      che      rappresenta      Dio, mettendo   davanti   se   stesso,   il   proprio   orgoglio   e la   propria   arroganza…   Che   errore!      E   il   Signore per   amore   nostro   accetta   anche   questo.....   .Non sono   molte   le   persone   che   frequentano   la   chiesa che   hanno   una   conoscenza   superiore   alla   media, quindi   finiamola   di   seguire   la   linea   dei   saputelli, come   se   noi   fossimo   la   verità,   la   voce   che   deve essere   innalzata,   perché   la   cosa   peggiore   (come nella      società)      è      dare      la      parola      a      un incompetente.   Smettiamola   di   ciarlare!Meditiamo prima   di   parlare,   non   lasciamoci   provocare   e   non provochiamo,   non   assecondiamo   le   dicerie   che sono   in   giro   e   imperversano:   stiamo   attenti   ad accusare   sacerdoti   perché   ne   renderemo   conto   a Dio.   La   Chiesa   per   opera   dello   spirito   Santo   si   è scelta    i    suoi    responsabili    e    noi    li    dobbiamo rispettare.   Queste   cose   le   dobbiamo   conoscere per    renderci    conto    dei    nostri    errori,    per    fare ammenda    fra    di    noi,    e    per    non    vanificare    la grazia   del   Signore.   La   verità   e   la   legge   di   Dio sono          fondate          sull'obbedienza,          sulla mansuetudine,   sulla   concordia,   sull'amore,   non sull'arroganza,    sulla    critica,    sull'accusa,    sulla condanna.    E'        mai    possibile    che    “15    anni”    di studi,    di    sacrifici    e    di    rinunce    per    noi    non significano niente?  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile