Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Pian   piano   stiamo   sostituendo   le   basi   insostituibili   della   nostra   provenienza,   perché   trasmettiamo   ciò   che   la   fantasia   ci suggerisce   e   non   la   parola   di   Dio.   Scendendo   dal   cielo   Gesù   ha   voluto   far   prevalere   la   natura   umana   che comprende   l'amore,   la   carità,   il   perdono,   l'obbedienza   alla   legge   di   Dio;    soltanto   quando   è   stato   interrogato   da Ponzio   Pilato   ha   confermato   la   sua   divinità.   E   noi   che   siamo   umani   vogliamo   parlare   della   natura   divina?   Chi   ce l’ha   messo   in   testa?   Ha   forse   bisogno   di   noi   Dio   per   rivelare   la   sua   divinità?   Nei   40   giorni   di   deserto   Gesù   ha   sofferto nella   sua   natura   umana,   non   ridicolizziamo   la   sua   penitenza.   Egli   faceva   di   tutto   per   nascondere   la   sua   natura   divina, solo   quasi   costretto   dalle   situazioni   l’ha   offerta   al   popolo,   risuscitando   morti,   guarendo   zoppi   e   ciechi;   persino   sua   Madre lo   ha   sollecitato   alle   nozze   di   Cana.   Dobbiamo   parlar   d'amore   o   di   sensazionale?   In   certi   luoghi   di   pellegrinaggio   si   parla molto   di   divino,   se   si   parlasse   di   umano   non   ci   sarebbe   la   stessa   affluenza.   La   divinità   non   è   una   cosa   che   ci   compete, non   la   conosciamo   neanche.   Gesù   è   venuto   a   trasmetterci   come   dobbiamo   comportarci,   perché   vogliamo   chiudere   il   suo discorso   e   aprirne   un   altro   senza   esserne   all'altezza?   Sulla   croce   ha   parlato   di   amore   fino   all'ultimo   respiro   rimanendo fedele   al   suo   compito   e   noi   lo   rifiutiamo   per   parlare   in   nome   suo   della   natura   divina.   Ma   chi   vogliamo   incantare?   Chi   ci   ha detto   che   dobbiamo   vivere   per   le   cose   morte,   astratte,   futili,   teoriche,   che   non   hanno   nessuna   validità   davanti   al Signore?   Siamo   morti   alla   vita   perché   le   cose   del   creato   non   ci   fanno   più   nessun   effetto.   Gesù   ha   sudato   liberamente sangue   nell'Orto   degli   Ulivi   vedendo   l'ipocrisia   del   mondo.   Chi   di   noi   sa   accettare   le   ingiustizie?   Maria   Santissima   ci   ha trasmesso   l'importanza   del   silenzio   perché   le   parole   non   portano   alcun   risultato,   sono   morte.   Perché   negli   ultimi   anni   si accosta   il   suo   nome   ai   fatti   soprannaturali?   Possiamo   essere   solidali   con   Lei,   rifiutando   ogni   invito   e   ogni   incitamento   al divino.   Quante   parole   inutili   nella   nostra   vita!   Dove   sono   quelle   d'amore?   Siamo   così   entusiasti   di   parlare   della   natura divina,   come   se   fossimo   noi   i   miracolati   o   i   miracolosi.   Il   Signore   merita   più   rispetto,   perché   lo   barattiamo   a   vil   prezzo   col primo   che   incontriamo,   come   se   fosse   un   amuleto?   Senza   rendercene   conto   oggi   assolveremmo   Barabba.    Stiamo educando   i   nostri   eredi   ad   un   mondo   senza   Dio,   sul   sensazionale,   sul   teorico,   sull'immaginario,   ma   non   vediamo   quello che   sta   accadendo   per   colpa   dei   cristiani?   Con   la   nostra   disobbedienza   togliamo   le   barriere   di   difesa   che   Dio   ha   messo per   noi,   così   il   diavolo   farà   sfracelli   del   genere   umano.   La   preghiera,   che   noi   pensiamo   sia   il   capostipite   della   nostra formazione   cristiana,   serve   più   a   Lui   o   a   noi?    Preoccupiamoci   di   più   di   essere   giusti   davanti   al   Signore,   di   gioire   della vita,   della   creazione,   del   Creatore.   Trasmettere   le   nostre   menzogne   in   nome   di   Dio   è   un   errore   di   cui   dovremmo   rendere conto,   perché   trasgrediamo   il   secondo   comandamento.   Nella   nostra   miseria   possiamo   solo   rivelare   una   natura   fanatica, che   incanta   le   persone   fragili.   I   veri   strumenti   del   Signore   non   hanno   mai   saputo   riconoscere   la   Grazia   che   operava   in loro,   ma   sono   stati   provati   duramente   prima   di   poter   rivelare   le   grandi   verità.      Hanno   versato   tante   lacrime   intimamente, perché   il   male   ha   infierito   su   di   loro   per   farli   cadere   e   noi   neanche   li   onoriamo.   Chi   è   solidale   con   loro?   È   mai   possibile oggi   che   tutti   improvvisamente   si   rivelano   veggenti   allo   stadio   finale   del   soprannaturale,   escludendo   la   parte   di formazione?   Non   si   dà   il   diploma   del   cristiano   senza   aver   fatto   alcuna   fatica.Un   atleta   si   sente   al   massimo   della performance   sportiva   solo   perché   mette   piede   nello   stadio   o   perché   è   formato   da   un   duro   allenamento?   Così   un   attore   o un   cantante   non   sono   artisti   solo   perché   salgono   su   un   palco,   altrimenti   che   figura   fanno?   Quella   figura   che   facciamo fare   noi   all'opinione   del   mondo   dei   cristiani,   poiché   noi   ci   sentiamo   tali   solamente   perché   entriamo   in   chiesa.   La   nostra fede   è   impoverita   fino   al   limite   e   la   tiene   accesa   Maria   Santissima.   Chi   si   dichiara   rivelatore   della   Parola   ne   vuole capovolgere   il   significato,   mentre   riveliamo   Dio   nel   momento   in   cui   ci   amiamo.   Troppi   cristiani   hanno   scelto   la   parte   più gradevole,   deformando   la   divinità   agli   occhi   del   mondo,   mentre   i   profeti   hanno   saputo   tenere   alta   la   parola   di   Dio, dimostrando   che   non   erano   già   sconfitti   prima   di   affrontare   le   prove   più   crudeli,   perché   il   Signore   era   con   loro.   Gesù   è venuto   a   portare   la   nostra   croce,   non   la   sua,   mentre   noi   portiamo   quella   che   ci   costruiamo   con   l’orgoglio   e   la   superbia. Se   fossimo   più   attenti   ai   suoi   insegnamenti,   potremmo   evitare   tante   croci   e   da   veri   figli   di   Dio   potremmo   portare   quelle degli   altri.   Quante   volte   avrà   alleggerito   la   nostra   croce   Maria   Santissima?   Sosteniamoci   vicendevolmente   con   quella natura   umana   che   ci   ha   trasmesso   Gesù,   cerchiamo   di   parlare   la   sua   stessa   lingua.   Ce   la   sentiamo   di   chiudere definitivamente   con   la   diffusione   della   divinità   e   delle   rivelazioni   private   e   a   voler   vivere   e   conoscere   fino   in fondo   il   Vangelo?   Queste   confidenze,   che   mai   si   erano   sentite,   sono   una   dichiarazione   d'amore   che   il   Signore   ci   ha fatto insieme alla sua meravigliosa Madre.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il peggior delirio
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Pian      piano      stiamo      sostituendo      le      basi insostituibili    della    nostra    provenienza,    perché trasmettiamo   ciò   che   la   fantasia   ci   suggerisce   e non   la   parola   di   Dio.   Scendendo   dal   cielo   Gesù ha   voluto   far   prevalere   la   natura   umana   che comprende    l'amore,    la    carità,    il    perdono, l'obbedienza     alla     legge     di     Dio;      soltanto quando   è   stato   interrogato   da   Ponzio   Pilato   ha confermato   la   sua   divinità.   E    noi    che    siamo umani   vogliamo   parlare   della   natura   divina? Chi   ce   l’ha   messo   in   testa?   Ha   forse   bisogno   di noi   Dio   per   rivelare   la   sua   divinità?   Nei   40   giorni di    deserto    Gesù    ha    sofferto    nella    sua    natura umana,   non   ridicolizziamo   la   sua   penitenza.   Egli faceva    di    tutto    per    nascondere    la    sua    natura divina,   solo   quasi   costretto   dalle   situazioni   l’ha offerta   al   popolo,   risuscitando   morti,   guarendo zoppi     e     ciechi;     persino     sua     Madre     lo     ha sollecitato   alle   nozze   di   Cana.   Dobbiamo   parlar d'amore    o    di    sensazionale?    In    certi    luoghi    di pellegrinaggio    si    parla    molto    di    divino,    se    si parlasse    di    umano    non    ci    sarebbe    la    stessa affluenza.    La    divinità    non    è    una    cosa    che    ci compete,   non   la   conosciamo   neanche.   Gesù   è venuto       a       trasmetterci       come       dobbiamo comportarci,    perché    vogliamo    chiudere    il    suo discorso     e     aprirne     un     altro     senza     esserne all'altezza?   Sulla   croce   ha   parlato   di   amore   fino all'ultimo     respiro     rimanendo     fedele     al     suo compito   e   noi   lo   rifiutiamo   per   parlare   in   nome suo     della     natura     divina.     Ma     chi     vogliamo incantare?   Chi   ci   ha   detto   che   dobbiamo   vivere per   le   cose   morte,   astratte,   futili,   teoriche,   che non   hanno   nessuna   validità   davanti   al   Signore? Siamo   morti   alla   vita   perché   le   cose   del   creato non   ci   fanno   più   nessun   effetto.   Gesù   ha   sudato liberamente   sangue   nell'Orto   degli   Ulivi   vedendo l'ipocrisia   del   mondo.   Chi   di   noi   sa   accettare   le ingiustizie?    Maria    Santissima    ci    ha    trasmesso l'importanza    del    silenzio    perché    le    parole    non portano   alcun   risultato,   sono   morte.   Perché   negli ultimi    anni    si    accosta    il    suo    nome    ai    fatti soprannaturali?   Possiamo   essere   solidali   con   Lei, rifiutando    ogni    invito    e    ogni    incitamento    al divino.    Quante    parole    inutili    nella    nostra    vita! Dove   sono   quelle   d'amore?   Siamo   così   entusiasti di   parlare   della   natura   divina,   come   se   fossimo noi   i   miracolati   o   i   miracolosi.   Il   Signore   merita più   rispetto,   perché   lo   barattiamo   a   vil   prezzo   col primo     che     incontriamo,     come     se     fosse     un amuleto?     Senza     rendercene     conto     oggi assolveremmo    Barabba.     Stiamo    educando    i nostri    eredi    ad    un    mondo    senza    Dio,    sul sensazionale,    sul    teorico,    sull'immaginario,    ma non   vediamo   quello   che   sta   accadendo   per   colpa dei     cristiani?     Con     la     nostra     disobbedienza togliamo   le   barriere   di   difesa   che   Dio   ha   messo per   noi,   così   il   diavolo   farà   sfracelli   del   genere umano.   La   preghiera,   che   noi   pensiamo   sia   il capostipite    della    nostra    formazione    cristiana, serve   più   a   Lui   o   a   noi?    Preoccupiamoci   di   più di   essere   giusti   davanti   al   Signore,   di   gioire   della vita,   della   creazione,   del   Creatore.   Trasmettere   le nostre   menzogne   in   nome   di   Dio   è   un   errore   di cui       dovremmo       rendere       conto,       perché trasgrediamo    il    secondo    comandamento.    Nella nostra   miseria   possiamo   solo   rivelare   una   natura fanatica,   che   incanta   le   persone   fragili.   I   veri strumenti    del    Signore    non    hanno    mai    saputo riconoscere   la   Grazia   che   operava   in   loro,   ma sono    stati    provati    duramente    prima    di    poter rivelare   le   grandi   verità.      Hanno   versato   tante lacrime   intimamente,   perché   il   male   ha   infierito su    di    loro    per    farli    cadere    e    noi    neanche    li onoriamo.   Chi   è   solidale   con   loro?   È   mai   possibile oggi     che     tutti     improvvisamente     si     rivelano veggenti    allo    stadio    finale    del    soprannaturale, escludendo   la   parte   di   formazione?   Non   si   dà   il diploma    del    cristiano    senza    aver    fatto    alcuna fatica.Un     atleta     si     sente     al     massimo     della performance    sportiva    solo    perché    mette    piede nello    stadio    o    perché    è    formato    da    un    duro allenamento?   Così   un   attore   o   un   cantante   non sono    artisti    solo    perché    salgono    su    un    palco, altrimenti    che    figura    fanno?    Quella    figura    che facciamo    fare    noi    all'opinione    del    mondo    dei cristiani,   poiché   noi   ci   sentiamo   tali   solamente perché    entriamo    in    chiesa.    La    nostra    fede    è impoverita   fino   al   limite   e   la   tiene   accesa   Maria Santissima.   Chi   si   dichiara   rivelatore   della   Parola ne     vuole     capovolgere     il     significato,     mentre riveliamo    Dio    nel    momento    in    cui    ci    amiamo. Troppi     cristiani     hanno     scelto     la     parte     più gradevole,   deformando   la   divinità   agli   occhi   del mondo,    mentre    i    profeti    hanno    saputo    tenere alta   la   parola   di   Dio,   dimostrando   che   non   erano già    sconfitti    prima    di    affrontare    le    prove    più crudeli,   perché   il   Signore   era   con   loro.   Gesù   è venuto   a   portare   la   nostra   croce,   non   la   sua, mentre   noi   portiamo   quella   che   ci   costruiamo   con l’orgoglio   e   la   superbia.   Se   fossimo   più   attenti   ai suoi   insegnamenti,   potremmo   evitare   tante   croci e   da   veri   figli   di   Dio   potremmo   portare   quelle degli   altri.   Quante   volte   avrà   alleggerito   la   nostra croce        Maria        Santissima?        Sosteniamoci vicendevolmente   con   quella   natura   umana   che   ci ha   trasmesso   Gesù,   cerchiamo   di   parlare   la   sua stessa    lingua.    Ce    la    sentiamo    di    chiudere definitivamente     con     la     diffusione     della divinità   e   delle   rivelazioni   private   e   a   voler vivere   e   conoscere   fino   in   fondo   il   Vangelo? Queste    confidenze,    che    mai    si    erano    sentite, sono   una   dichiarazione   d'amore   che   il   Signore   ci ha fatto insieme alla sua meravigliosa Madre.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                             Il peggior delirio
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile