Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Chi   è   il   migliore   di   oggi?   Quello   che   va   in   chiesa   e   si   comporta   in   un   certo   modo.   Però   è   il   peggiore   di   ieri.   Un   po'   di   anni fa   c'era   una   netta   differenza   tra   il   birichino   e   il   vero   cristiano.   Quando   in   un   paese   c'era   una   donna   frivola   o   uno   che aveva   l'abitudine   di   rubare,   venivano   classificati   subito   e   si   distinguevano   dalla   moltitudine.   Frequentavano   persone   dello stesso   rango,   non   facevano   parte   dell'oratorio,   si   autoescludevano;   erano   coerenti   perché   avevano   scelto   un'altra   via   e avevano   il   coraggio   di   dire   che   non   “credevano ”.   Oggi   è   il   contrario,   la   donna   dai   costumi   facili   sembra   la   migliore. Quello   che   una   volta   era   l'eccezione   è   diventata   la   normalità.    Chi   non   commettere   adulterio?   Chi   non   è   conforme alla   legge   di   Dio?   La   persona   giusta   oggi   è   un’eccezione.   Perché   ci   adeguiamo   così   in   fretta   alle   abitudini   del   mondo   e   le sosteniamo?   Frequentare   la   santa   messa,   rispettare   i   comandamenti,   la   Chiesa   con   i   suoi   tempi   e   le   devozioni   mariane, una   volta   si   faceva   con   un   coinvolgimento   che   oggi   non   c'è   più.   Nelle   famiglie   c’era   il   santo   timor   di   Dio.   È   incredibile come   il   mondo   si   sia   capovolto!   Come   possiamo   dare   degli   ignoranti   ai   nostri   predecessori?   Oggi   chi   va   in   chiesa   e   si comporta   bene   è   una   mosca   bianca,   una   rarità.   Quanti   di   quelli   che   la   frequentano   si   nascondono   tra   i   giusti,   ma   sono falsi,   adulteri,   opportunisti,   affaristi?   Obiettivamente,   a   quale   categoria   apparteniamo?   Credono   di   più   quelli   che   vanno   in chiesa   o   quelli   che   non   ci   vanno?   Parliamo   ai   nostri   figli   senza   coerenza   e   senza   conoscere   le   verità   principali   della   nostra fede.   Quanti   di   noi   sostengono   rivelazioni   private   non   confermate   dal   Signore?   In   contemporanea   all'apparizione   di Lourdes   c'erano   decine   e   decine   di   false   apparizioni   sostenute   dal   popolino.   Così   avviene   in   tutto   il   mondo,   quando   ce   una   vera   quelle   false   sono   moltiplicate   in   un   numero   impressionante.   Tutti   pensano   di   essere   nel   giusto,   ma   quanti sostengono   la   verità?   Ce   lo   dice   il   comportamento   della   persona:   quello   che   ha   la   malizia   e   un   senso   di   polemica   nel cuore,   non   sosterrà   mai   la   voce   di   Maria   Santissima;   chi   ha   da   dire   qualcosa   sul   proprio   fratello,   non   ha   la   voce   del Signore.   Pensiamo   un   po'   se   un   giorno   il   70%   di   noi   verrà   a   sapere   di   non   aver   sostenuto   la   verità   di   Dio!   Significa   che avrà   sostenuto   l'inganno,   perché   la   persona   che   prega   può   anche   criticare.   Maria   Santissima   conosce   la   verità,   mentre noi   non   conosciamo   neanche   noi   stessi,   oggi   la   pensiamo   in   un   modo   e   domani   nell'altro.   Dove   abita   l'autentico cristiano?   Perché   si   sono   capovolti   così   i   valori   nelle   famiglie?   Oggi   predomina   l'opportunismo,   i   vantaggi   personali,   gli interessi,   poi   viene   il   Signore.   L'eccezione   è   essere   unanimi   nel   parlare,   amarci   gli   uni   gli   altri,   ma   chi   giudica   e   critica tradisce   un   comandamento.   Il   Signore   ci   ha   indicato   di   subire   le   ingiustizie,   non   di   difenderci   con   la   stessa   moneta.   Non dobbiamo   massacrare   chi   non   condivide   il   nostro   comportamento,   non   obblighiamo   i   nostri   cari   a   pregare   con   durezza   e prepotenza.   La   Chiesa   è   mamma   e   come   tale   non   metterà   mai   “in   piazza”   il   suo   figlio   che   la   fa   soffrire,   anzi   lo   copre ancora   di   più.   Perché   mettiamo   in   piazza   un   nostro   collega   di   lavoro?   Chi   ci   ha   insegnato   queste   regole?   Uno   che   non   è santo   pensa   di   non   peccare   mai   (non   rubo,   non   uccido,   perché   mi   devo   confessare?),   mentre   chi   ha   intrapreso   un cammino   di   santità,   si   sente   il   peggior   peccatore   (i   santi   pensavano   di   peccare   sette   volte   al   giorno…).   Anche   qui   c'è   un inghippo!   Se   conoscessimo   la   parola   del   Dio,   vedremmo   che   la   gamma   dei   peccati   è   molto   più   ampia   di   quello   che pensiamo.   Sfatiamo   il   qualunquismo,   il   convenzionale,   il   convenevole,   l'opportunismo,   cerchiamo   di   essere   più   profondi, coinvolti   e   consapevoli.   Se   non   c'è   amore,   accettazione   della   sofferenza   e   dell'ingiustizia,   ma   malizia   nei   nostri   cuori… Qual   è   il   nostro   sentimento   quando   vediamo   una   persona   che   si   comporta   in   un   certo   modo?   Se   ci   mettiamo   la   malizia, dubitiamo   dell'integrità   comportamentale   del   nostro   fratello,   sparliamo,   mentre   se   abbiamo   il   bene   nel   cuore,   penseremo bene.   Nessuno   merita   polemica,   magari   il   Signore   ci   mette   la   prova   con   persone   meno   credibili.   La   malizia   è   gemella della   perfidia,   quella   che   ci   porta   a   fare   cose   inimmaginabili.   Con   la   malizia   stiamo   male   dentro,   ma   chi   è   genuino   nel cuore   non   viene   sconvolto   e   trascinato   nella   confusione.   Riportiamo   le   nostre   abitudini   alla   normalità   di   un   tempo,   dove non   deve   essere   innaturale   (o   non   alla   moda)   una   ragazza   integra   nei   suoi   sentimenti.   Una   volta   ci   si   rispettava,   passava molto   tempo   prima   che   una   donna   baciasse   un   uomo   e   la   cosa   finiva   lì.   Perché   vogliamo   continuare   a   frequentare   la Chiesa   e   a   ribaltare   i   valori   che   essa   rivela?   L'umiltà   ci   fa   accettare   ogni   tipo   di   ingiustizia,   con   gioia,   come   ha   fatto   Maria Santissima.   Essere   “mariani”   significa   imitare   le   sue   qualità.   Chi   si   critica   apertamente   a   vicenda   è   orgoglioso,   ci   deve dispiacere   di   avere   portato   ribellione   in   un'altra   persona:   “Scusami,   pensavo   di   averti   dato   un   buon   consiglio,   ma   tu   fa quello che vuoi, non arrabbiarti”.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La mosca bianca
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Chi   è   il   migliore   di   oggi?   Quello   che   va   in   chiesa   e si   comporta   in   un   certo   modo.   Però   è   il   peggiore di    ieri.    Un    po'    di    anni    fa    c'era    una    netta differenza    tra    il    birichino    e    il    vero    cristiano. Quando   in   un   paese   c'era   una   donna   frivola   o uno   che   aveva   l'abitudine   di   rubare,   venivano classificati     subito     e     si     distinguevano     dalla moltitudine.   Frequentavano   persone   dello   stesso rango,     non     facevano     parte     dell'oratorio,     si autoescludevano;   erano   coerenti   perché   avevano scelto   un'altra   via   e   avevano   il   coraggio   di   dire che    non    “credevano ”.    Oggi    è    il    contrario,    la donna    dai    costumi    facili    sembra    la    migliore. Quello    che    una    volta    era    l'eccezione    è diventata   la   normalità.    Chi   non   commettere adulterio?   Chi   non   è   conforme   alla   legge   di   Dio? La   persona   giusta   oggi   è   un’eccezione.   Perché   ci adeguiamo   così   in   fretta   alle   abitudini   del   mondo e   le   sosteniamo?   Frequentare   la   santa   messa, rispettare   i   comandamenti,   la   Chiesa   con   i   suoi tempi   e   le   devozioni   mariane,   una   volta   si   faceva con   un   coinvolgimento   che   oggi   non   c'è   più.   Nelle famiglie   c’era   il   santo   timor   di   Dio.   È   incredibile come   il   mondo   si   sia   capovolto!   Come   possiamo dare   degli   ignoranti   ai   nostri   predecessori?   Oggi chi   va   in   chiesa   e   si   comporta   bene   è   una   mosca bianca,    una    rarità.    Quanti    di    quelli    che    la frequentano   si   nascondono   tra   i   giusti,   ma   sono falsi,         adulteri,         opportunisti,         affaristi? Obiettivamente,   a   quale   categoria   apparteniamo? Credono   di   più   quelli   che   vanno   in   chiesa   o   quelli che   non   ci   vanno?   Parliamo   ai   nostri   figli   senza coerenza   e   senza   conoscere   le   verità   principali della    nostra    fede.    Quanti    di    noi    sostengono rivelazioni   private   non   confermate   dal   Signore? In    contemporanea    all'apparizione    di    Lourdes c'erano    decine    e    decine    di    false    apparizioni sostenute   dal   popolino.   Così   avviene   in   tutto   il mondo,   quando   ce   né   una   vera   quelle   false   sono moltiplicate   in   un   numero   impressionante.   Tutti pensano     di     essere     nel     giusto,     ma     quanti sostengono      la      verità?      Ce      lo      dice      il comportamento   della   persona:   quello   che   ha   la malizia   e   un   senso   di   polemica   nel   cuore,   non sosterrà   mai   la   voce   di   Maria   Santissima;   chi   ha da   dire   qualcosa   sul   proprio   fratello,   non   ha   la voce   del   Signore.   Pensiamo   un   po'   se   un   giorno   il 70%   di   noi   verrà   a   sapere   di   non   aver   sostenuto la    verità    di    Dio!    Significa    che    avrà    sostenuto l'inganno,    perché    la    persona    che    prega    può anche    criticare.    Maria    Santissima    conosce    la verità,   mentre   noi   non   conosciamo   neanche   noi stessi,   oggi   la   pensiamo   in   un   modo   e   domani nell'altro.   Dove   abita   l'autentico   cristiano?   Perché si   sono   capovolti   così   i   valori   nelle   famiglie?   Oggi predomina   l'opportunismo,   i   vantaggi   personali, gli   interessi,   poi   viene   il   Signore.   L'eccezione   è essere    unanimi    nel    parlare,    amarci    gli    uni    gli altri,    ma    chi    giudica    e    critica    tradisce    un comandamento.    Il    Signore    ci    ha    indicato    di subire    le    ingiustizie,    non    di    difenderci    con    la stessa    moneta.    Non    dobbiamo    massacrare    chi non    condivide    il    nostro    comportamento,    non obblighiamo   i   nostri   cari   a   pregare   con   durezza   e prepotenza.   La   Chiesa   è   mamma   e   come   tale non   metterà   mai   “in   piazza”   il   suo   figlio   che   la   fa soffrire,    anzi    lo    copre    ancora    di    più.    Perché mettiamo   in   piazza   un   nostro   collega   di   lavoro? Chi   ci   ha   insegnato   queste   regole?   Uno   che   non   è santo   pensa   di   non   peccare   mai   (non   rubo,   non uccido,   perché   mi   devo   confessare?),   mentre   chi ha   intrapreso   un   cammino   di   santità,   si   sente   il peggior   peccatore   (i   santi   pensavano   di   peccare sette    volte    al    giorno…).    Anche    qui    c'è    un inghippo!    Se    conoscessimo    la    parola    del    Dio, vedremmo   che   la   gamma   dei   peccati   è   molto   più ampia    di    quello    che    pensiamo.    Sfatiamo    il qualunquismo,   il   convenzionale,   il   convenevole, l'opportunismo,   cerchiamo   di   essere   più   profondi, coinvolti    e    consapevoli.    Se    non    c'è    amore, accettazione    della    sofferenza    e    dell'ingiustizia, ma    malizia    nei    nostri    cuori…    Qual    è    il    nostro sentimento   quando   vediamo   una   persona   che   si comporta   in   un   certo   modo?   Se   ci   mettiamo   la malizia,                dubitiamo                dell'integrità comportamentale   del   nostro   fratello,   sparliamo, mentre   se   abbiamo   il   bene   nel   cuore,   penseremo bene.     Nessuno     merita     polemica,     magari     il Signore    ci    mette    la    prova    con    persone    meno credibili.    La    malizia    è    gemella    della    perfidia, quella   che   ci   porta   a   fare   cose   inimmaginabili. Con   la   malizia   stiamo   male   dentro,   ma   chi   è genuino     nel     cuore     non     viene     sconvolto     e trascinato   nella   confusione.   Riportiamo   le   nostre abitudini   alla   normalità   di   un   tempo,   dove   non deve   essere   innaturale   (o   non   alla   moda)   una ragazza   integra   nei   suoi   sentimenti.   Una   volta   ci si   rispettava,   passava   molto   tempo   prima   che una   donna   baciasse   un   uomo   e   la   cosa   finiva   lì. Perché    vogliamo    continuare    a    frequentare    la Chiesa    e    a    ribaltare    i    valori    che    essa    rivela? L'umiltà   ci   fa   accettare   ogni   tipo   di   ingiustizia, con    gioia,    come    ha    fatto    Maria    Santissima. Essere   “mariani”   significa   imitare   le   sue   qualità. Chi   si   critica   apertamente   a   vicenda   è   orgoglioso, ci   deve   dispiacere   di   avere   portato   ribellione   in un'altra    persona:    “Scusami,    pensavo    di    averti dato   un   buon   consiglio,   ma   tu   fa   quello   che   vuoi, non arrabbiarti”.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                 La mosca bianca
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile