Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  In   che   misura   ci   proteggono   gli   angeli   e   la   misericordia   divina?   In   che   misura   lo   Spirito   Santo   e   la   parola   di   Dio   agiscono su   di   noi?   Per   una   vita   ricordiamo   gli   sgarbi   ricevuti,   la   parola   costruita   sulla   rabbia,   la   gelosia   e   l'invidia,   ma   davanti   ai nostri   problemi   svanisce   in   fretta   la   parola   del   Signore.   Abbiamo   la   dolcezza,   la   mansuetudine,   la   bontà,   la   pazienza,   il dominio   di   sé?   Nel   corso   della   vita   troppo   pochi   hanno   saputo   cogliere   i   segni   dei   tempi,   perché   molti   hanno   commesso l’errore   gravissimo   di   difendere   ciò   che   secondo   loro   è   giustizia   e   verità,   dimenticando   le   rivelazioni   di   Dio.   Chi   del genere   umano   può   conoscere   in   una   misura   equa,   la   bontà   o   la   malvagità   che   c'è   nell'uomo?   In   che   modo   decidiamo   di     assolvere    o    condannare?    Prendere    posizione    è    un    comportamento    sbagliato    a    prescindere,    perché    non conosciamo   quello   che   c'è   nel   cuore   di   una   persona.   Quando   si   condanna   senza   motivazioni,   solo   per   associarsi   a chi   vuole   accusare,   si   sbaglia   clamorosamente.   Magari   uno   diventa   irruente   perché   deve   difendersi   da   ogni   posizione. Chi   ama   deve   amare   indistintamente,   l’uno   e   l'altro.   Quanti   danni   abbiamo   fatto   all'immagine   di   Dio   e   alla   Chiesa prendendo   posizione!   Siamo   noi   i   giudici   o   i   legislatori?   Se   prendiamo   la   parte   di   uno,   condanniamo   l'altro,   è   giusto?   Con questo   principio   elementare   hanno   condannato   Gesù.   Quando   c'è   una   discussione   tra   due   persone   stiamone   fuori, perché   tutto   quello   che   facciamo   interferendo   è   di   danno.   Loro   sanno   perché   si   sono   scontrati,   noi   no,   perché   ci mettiamo   il   becco?   San   Giacomo   ci   ammonisce:   Chi   sparla   del   fratello   o   giudica   il   fratello,   parla   contro   la   legge   e giudica   la   legge.   E   se   tu   giudichi   la   legge   non   sei   più   uno   che   osserva   la   legge,   ma   uno   che   la   giudica.   Ora,   uno   solo   è legislatore   e   giudice,   Colui   che   può   salvare   e   rovinare;   ma   chi   sei   tu   che   ti   fai   giudice   del   tuo   prossimo?”.    Facciamo   così solo    perché    preghiamo    o    per    giustificare    i    nostri    difetti?    Questa    abitudine    la    portiamo    in    tutti    gli    ambienti    che frequentiamo,   inclusa   la   Chiesa.   Ci   schieriamo   per   simpatia   o   perché   uno   è   più   convincente,   così   vedremo   con   gli   occhi del   nemico   l'altra   persona   che   magari   ha   ricevuto   pugnalate ”   ingiuste.   Quando   papa   Francesco   ha   sollevato   dai   loro incarichi   alte   autorità   della   Chiesa,   non   l'ha   fatto   perché   non   sapeva   amare,   però   noi   critichiamo.   Soffriva,   ma   è   stato costretto:   se   non   ci   dispiacciamo   per   entrambi   siamo   degli   ipocriti.   Amare   non   vuol   dire   dare   la   possibilità   al   nostro prossimo   di   peccare.   Se   non   abbiamo   la   possibilità   di   conoscere   quello   che   sta   nel   cuore   di   un   parente   o   di   un   amico,   ai quali   diamo   più   credibilità,   non   prendiamo   nessuna   posizione   perché   è   più   equo   nel   giudizio   colui   che   non   ha   nessuna parte   in   causa.   Hanno   visto   qualcosa   i   nostri   occhi   o   udito   qualcosa   le   nostre   orecchie?   Il   male   aspetta   solo   che   noi prendiamo   posizione   in   una   cosa   che   non   conosciamo,   per   far   tornare   tutto   a   suo   vantaggio.   Nessuno   ci   chiede   di difendere   un   colore   politico   o   una   bandiera,   bisogna   essere   sportivi   non   tifosi.   È   quello   che   stanno   facendo   nel   mondo arabo   pensando   di   difendere   un'ideologia.   E   se   facessimo   altrettanto?   Però   avviene   nelle   nostre   famiglie,   chi   mette   il   dito nelle   faccende   degli   altri   è   poco   intelligente,   si   complica   la   vita,   semmai   può   dire:   "Mi   dispiace   per   tutti   e   due".    Non diciamo   mai:   "Mi   dispiace   per   l'uno   e   sono   contro   l'altro",    perché   Barabba   è   sempre   attuale.   Senza   condanne   e   accuse non   ci   sarebbero   stati   scismi,   divisioni,   guerre,   profanazioni,   avremmo   ancora   l'unica   legge   che   Dio   ha   dato   ad   Abramo. E   se   quello   che   viene   a   piangere   sulla   nostra   spalla   meritasse   un   calcio   nel   sedere?      I   nostri   consiglieri   siano   uno   su mille,   non   fidiamoci   delle   apparenze   o   delle   parole,   perché   poi   è   inutile   dire   la   solita   frase:   "non   avrei   mai   creduto…" .   La persona   buona   ha   fiducia   degli   altri,   ma   ci   rimette   di   tasca   sua,   non   si   preparerà   mai   a   difendersi   da   quelle   false, perché   non   ha   la   falsità   dentro   di   sé   e   quando   viene   attaccata   o   tradita,   è   impreparata .    Prima   che   si   riprenda   dallo stupore,   l'altra   persona   che   invece   aveva   tramato   tutto,   mette   delle   condizioni   in   cui,   pur   avendo   torto,   uscirà   con   la ragione.   La   infida   e   terribile   ragnatela   del   male   agisce   così   perché   siamo   ingenui.   Se   non   possiamo   conoscere   la   persona che   ci   sta   davanti,   possiamo   però   conoscere   la   prudenza    evitando   gli   errori   dei   nostri   padri   ed   educando   i   nostri   figli con   intelligenza   e   scaltrezza,   per   difenderli   in   un   mondo   dove   c’è   il   nemico   più   falso   e   cattivo   che   possa   esistere.   Il Signore   sa   fino   al   millesimo   di   grammo   quanto   pesa   la   bontà   o   la   malvagità   in   una   persona,   noi   no.   Potremmo   essere consiglieri   e   maestri   di   vita,   ma   stiamo   fuori   dai   problemi   che   non   ci   riguardano.   La   persona   buona   non   è   quella   che incontriamo   in   certi   posti   cosparsa   di   cenere” ,   potrebbe   essere   lì   per   un   rimorso   di   coscienza.   Come   possiamo   saperlo? La   verità   e   l'errore   vivono   nella   stessa   famiglia,   anche   noi   possiamo   commettere   sbagli,   ma   nessuno   deve   aumentare   la nostra   condanna   o   la   nostra   assoluzione.   I   danni   del   mondo   vengono   dalla   lingua,   dai   nostri   errori   di   valutazione:   se vogliamo   essere   generosi,   invece   di   prendere   posizione   e   farci   provocare,   accettiamo   l'ingiustizia,   è   la misericordia che Dio si aspetta da noi.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Tra moglie e marito non mettere il dito
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
In    che    misura    ci    proteggono    gli    angeli    e    la misericordia    divina?    In    che    misura    lo    Spirito Santo   e   la   parola   di   Dio   agiscono   su   di   noi?   Per una   vita   ricordiamo   gli   sgarbi   ricevuti,   la   parola costruita   sulla   rabbia,   la   gelosia   e   l'invidia,   ma davanti   ai   nostri   problemi   svanisce   in   fretta   la parola    del    Signore.    Abbiamo    la    dolcezza,    la mansuetudine,   la   bontà,   la   pazienza,   il   dominio di   sé?   Nel   corso   della   vita   troppo   pochi   hanno saputo   cogliere   i   segni   dei   tempi,   perché   molti hanno   commesso   l’errore   gravissimo   di   difendere ciò    che    secondo    loro    è    giustizia    e    verità, dimenticando   le   rivelazioni   di   Dio.   Chi   del   genere umano   può   conoscere   in   una   misura   equa,   la bontà   o   la   malvagità   che   c'è   nell'uomo?   In   che modo    decidiamo    di        assolvere    o    condannare? Prendere    posizione    è    un    comportamento sbagliato      a      prescindere,      perché      non conosciamo   quello   che   c'è   nel   cuore   di   una persona.       Quando       si       condanna       senza motivazioni,    solo    per    associarsi    a    chi    vuole accusare,   si   sbaglia   clamorosamente.   Magari   uno diventa   irruente   perché   deve   difendersi   da   ogni posizione.   Chi   ama   deve   amare   indistintamente, l’uno    e    l'altro.    Quanti    danni    abbiamo    fatto all'immagine    di    Dio    e    alla    Chiesa    prendendo posizione!   Siamo   noi   i   giudici   o   i   legislatori?   Se prendiamo   la   parte   di   uno,   condanniamo   l'altro,   è giusto?   Con   questo   principio   elementare   hanno condannato   Gesù.   Quando   c'è   una   discussione tra    due    persone    stiamone    fuori,    perché    tutto quello   che   facciamo   interferendo   è   di   danno.   Loro sanno   perché   si   sono   scontrati,   noi   no,   perché   ci mettiamo   il   becco?   San   Giacomo   ci   ammonisce: Chi   sparla   del   fratello   o   giudica   il   fratello,   parla contro    la    legge    e    giudica    la    legge.    E    se    tu giudichi   la   legge   non   sei   più   uno   che   osserva   la legge,   ma   uno   che   la   giudica.   Ora,   uno   solo   è legislatore    e    giudice,    Colui    che    può    salvare    e rovinare;   ma   chi   sei   tu   che   ti   fai   giudice   del   tuo prossimo?”.    Facciamo   così   solo   perché   preghiamo o   per   giustificare   i   nostri   difetti?   Questa   abitudine la      portiamo      in      tutti      gli      ambienti      che frequentiamo,   inclusa   la   Chiesa.   Ci   schieriamo per   simpatia   o   perché   uno   è   più   convincente, così    vedremo    con    gli    occhi    del    nemico    l'altra persona    che    magari    ha    ricevuto    pugnalate ingiuste.   Quando   papa   Francesco   ha   sollevato   dai loro   incarichi   alte   autorità   della   Chiesa,   non   l'ha fatto     perché     non     sapeva     amare,     però     noi critichiamo.   Soffriva,   ma   è   stato   costretto:   se non    ci    dispiacciamo    per    entrambi    siamo    degli ipocriti.   Amare   non   vuol   dire   dare   la   possibilità   al nostro   prossimo   di   peccare.   Se   non   abbiamo   la possibilità   di   conoscere   quello   che   sta   nel   cuore di   un   parente   o   di   un   amico,   ai   quali   diamo   più credibilità,    non    prendiamo    nessuna    posizione perché   è   più   equo   nel   giudizio   colui   che   non   ha nessuna   parte   in   causa.   Hanno   visto   qualcosa   i nostri   occhi   o   udito   qualcosa   le   nostre   orecchie? Il   male   aspetta   solo   che   noi   prendiamo   posizione in   una   cosa   che   non   conosciamo,   per   far   tornare tutto    a    suo    vantaggio.    Nessuno    ci    chiede    di difendere    un    colore    politico    o    una    bandiera, bisogna   essere   sportivi   non   tifosi.   È   quello   che stanno   facendo   nel   mondo   arabo   pensando   di difendere       un'ideologia.       E       se       facessimo altrettanto?   Però   avviene   nelle   nostre   famiglie, chi   mette   il   dito   nelle   faccende   degli   altri   è   poco intelligente,   si   complica   la   vita,   semmai   può   dire: "Mi   dispiace   per   tutti   e   due".    Non   diciamo   mai: "Mi    dispiace    per    l'uno    e    sono    contro    l'altro",   perché     Barabba     è     sempre     attuale.     Senza condanne   e   accuse   non   ci   sarebbero   stati   scismi, divisioni,   guerre,   profanazioni,   avremmo   ancora l'unica   legge   che   Dio   ha   dato   ad   Abramo.   E   se quello   che   viene   a   piangere   sulla   nostra   spalla meritasse    un    calcio    nel    sedere?        I    nostri consiglieri   siano   uno   su   mille,   non   fidiamoci   delle apparenze   o   delle   parole,   perché   poi   è   inutile   dire la    solita    frase:    "non    avrei    mai    creduto…" .    La persona   buona   ha   fiducia   degli   altri,   ma   ci rimette   di   tasca   sua,   non   si   preparerà   mai   a difendersi    da    quelle    false,    perché    non    ha    la falsità   dentro   di   sé   e   quando   viene   attaccata   o tradita,    è    impreparata .     Prima    che    si    riprenda dallo   stupore,   l'altra   persona   che   invece   aveva tramato   tutto,   mette   delle   condizioni   in   cui,   pur avendo   torto,   uscirà   con   la   ragione.   La   infida   e terribile   ragnatela   del   male   agisce   così   perché siamo   ingenui.   Se   non   possiamo   conoscere   la persona    che    ci    sta    davanti,    possiamo    però conoscere   la   prudenza    evitando   gli   errori   dei nostri    padri    ed    educando    i    nostri    figli    con intelligenza    e    scaltrezza,    per    difenderli    in    un mondo   dove   c’è   il   nemico   più   falso   e   cattivo   che possa   esistere.   Il   Signore   sa   fino   al   millesimo   di grammo   quanto   pesa   la   bontà   o   la   malvagità   in una   persona,   noi   no.   Potremmo   essere   consiglieri e   maestri   di   vita,   ma   stiamo   fuori   dai   problemi che   non   ci   riguardano.   La   persona   buona   non   è quella   che   incontriamo   in   certi   posti   cosparsa   di cenere” ,   potrebbe   essere   lì   per   un   rimorso   di coscienza.   Come   possiamo   saperlo?   La   verità   e l'errore   vivono   nella   stessa   famiglia,   anche   noi possiamo   commettere   sbagli,   ma   nessuno   deve aumentare    la    nostra    condanna    o    la    nostra assoluzione.   I   danni   del   mondo   vengono   dalla lingua,    dai    nostri    errori    di    valutazione:    se vogliamo      essere      generosi,      invece      di prendere     posizione     e     farci     provocare, accettiamo    l'ingiustizia,    è    la    misericordia che Dio si aspetta da noi.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile