Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Siamo   grandi   nell'orgoglio   ma   piccoli   nell’amore   tra   fratelli.   Anche   la   nascita   del   Figlio   di   Dio   non   è   stata   sufficiente   a sconvolgere   le   abitudini   più   negative   dell'uomo.   Quando   mai   è   sentito   un   avvenimento   del   genere?   Allora   pensiamo   che questo   regalo   sceso   dal   cielo   sia   una   tradizione,   una   storia   e   consideriamo   verità   solo   ciò   che   dice   uno   scienziato.   Perché non   crediamo   a   ciò   che   l'uomo   non   può   fare?   Smettiamola   di   prendere   in   giro   il   Signore,   se   avessimo   conosciuto veramente   la   sua   nascita   sulla   terra,   non   saremmo   in   questa   condizione,   dove   basta   una   telefonata   che   prende   il sopravvento   la   rabbia,   la   gelosia,   l'invidia,   la   ragione.   La   nostra   inqualificabile   realtà   oscura   persino   i   progetti   immensi: un   personaggio   che   inventa   una   nuova   linea   di   abbigliamento   ha   più   aderenti   di   Colui   che   ha   creato   il   mondo   intero, dell'Immacolata   Concezione,   di   un   Dio   che   si   è   fatto   uomo.   Quel   capo   di   abbigliamento   lo   indossiamo   come   ci   viene detto,   ma   la   parola   di   Dio   non   la   incastoniamo   nel   cuore   in   un   modo   perfetto.   Che   assurdità!   Il   problema,   anche   tra   noi che   recitiamo   il   santo   rosario,   è   che   vogliamo   solamente   sostenere   il   nostro   pensiero,   non   l'umiltà   e   l'obbedienza,   così creiamo   un   muro   di   separazione.   Impariamo   ad   accettarci   così   come   siamo,   strampalati,   discontinui,   distratti   e senza   creare   classifiche   tra   di   noi,   altrimenti   non   ci   ameremo   mai   veramente.   Non   abbiamo   nemmeno aperto   la   porta   a   una   donna   che   stava   per   partorire…   Quante   volte   abbiamo   avuto   l'opportunità   di   aprire   la   porta di   casa   e   non   l'abbiamo   fatto?   Abbiamo   accolto   solo   quelli   che   ragionano   come   noi   e   fanno   quello   che   diciamo   noi,   coloro che   sono   complici   delle   nostre   idee.   Maria   Santissima   ci   viene   in   aiuto   tracciando   una   nuova   linea   di   vita:   " tu   ama ", perché   sui   nostri   volti   non   c'è   più   neanche   il   cenno   del   sorriso   (se   non   da   ubriachi).   Chi   di   noi   trasmette   pace   e   serenità? Siamo   i   figli   della   luce,   ma   invece   di   annunciare   la   lieta   novella,   andiamo   a   parlare   delle   tenebre   e   i   diavoli,   che   sono   i figli   delle   tenebre,   parlano   della   luce,   di   Dio,   della   Madonna,   del   Vangelo,   non   di   carità   o   dell'inferno.   Chi   ci   ha   messo   in testa   che   al   Signore   piacciono   le   persone   rassegnate,   perdenti   e   lamentose?   Vogliamo   forse   attirare   l'attenzione? Dobbiamo   recuperare   la   virtù   della   purezza,   dell'amore,   dell'equilibrio   e   del   gioire.   Viviamo   faticosamente   come   se portassimo   un   grande   peso,   ma   in   realtà   non   esiste,   ce   lo   siamo   messi   in   testa   noi.   Buttiamolo   via!   Perché   vogliamo spegnere   tutte   le   luci   sull'universo   creato   per   il   nostro   stato   d'animo?   Dopo   i   momenti   di   sconforto   deve   prendere sempre   il   sopravvento   la   gioia.   Che   tristezza   sentirci   dire   che   le   prostitute   ci   passeranno   avanti!   E’   ora   di   vivere   la vita:    tutto   pulsa,   il   sole,   la   luna,   le   stelle,   la   creazione   e   noi   possiamo   completarla   nel   gaudio,   nell'essere   contenti   di stare   insieme.   Non   ci   sono   delle   frasi   di   "contrabbando"   nella   creazione   di   Dio   che   ci   possono   fare   dubitare   del   Vangelo; quello   che   dicono   i   profeti   non   è   soggetto   a   privata   spiegazione,   per   cui   se   oggi   non   si   capisce,   lo   si   può   capire   un domani,   è   sempre   stato   così.   Per   questo   sono   sempre   stati   torturati   e   criticati.   Ci   sono   vari   livelli   di   cristiani:   c'è   chi riesce   a   stare   al   primo   stadio,   chi   un   po'   più   in   alto   e   chi   scala   cime   impervie   perché   si   abbandona   a   Dio.   Non   facciamo   di tutte   le   erbe   un   fascio,   dove   tutti   devono   comportarsi   allo   stesso   modo.   Come   i   12   apostoli   non   avevano   lo   stesso carisma,   così   ognuno   ha   una   crescita   di   fede   diverso   dall'altro,   ma   quando   uno   rimane   sempre   allo   stesso   livello   è   perché manca   di   carità   e   amore.      Non   impediamo   al   Signore   di   farci   fare   un   salto   di   qualità   e   non   invidiamo   chi   fa   un   cammino superiore   al   nostro.   Ognuno   riconosca   i   propri   limiti,   ma   sappia   anche   riconoscere   i   meriti   degli   altri.   La   nostra generazione   ha   distrutto   la   famiglia   cristiana,   non   c’è   più   il   rispetto   tra   marito   e   moglie.   L'amore   umile,   dignitoso   e sublime   che   c'era   nella   famiglia   di   Nazareth,   neanche   la   più   fervida   immaginazione   lo   può   raggiungere.   Dobbiamo   avere a   cuore   anche   ciò   che   non   ci   riguarda,   altrimenti   siamo   egoisti.   La   fede   non   si   trasmette   a   parole,   ma   con   l’amore   e   la carità.   Se   rinunciare   a   qualcosa   ci   indurisce   il   cuore,   non   facciamolo,   perché   non   rappresentiamo   più   Dio   ma   la depressione,   la   durezza,   la   rinuncia.   In   che   misura   pensiamo   di   fare   il   nostro   dovere   se   abbiamo   deturpato   l'immagine del   cristiano   autentico?   Come   pensiamo   di   parlare   d'amore   se   ci   alleniamo   solamente   ai   fatti   più   tristi   della   vita?   La natura   trasmette   la   meravigliosa   fantasia   del   Dio   creatore   in   tutta   la   sua   bellezza,   mentre   noi   uomini   davanti   a   un autentico   cristiano,   potremmo   capire   che   brutta   copia   siamo   diventati,   ci   sentiremmo   dei   mostri.   Perciò   sentiamo   i   santi fuori   moda,   perché   scombinano   le   regole   del   “popolino”.    La   Madonna   non   verrà   mai   a   criticare   un   suo   figlio   che   ha   avuto un   momento   di   difficoltà,   non   crediamo   a   rivelazioni   private   di   questo   genere.   Così   anche   noi   davanti   a   situazioni criticabili   dobbiamo   soltanto   amare,   amare,   amare.   Non   stupiamoci   degli   altri   perché   Dio   potrebbe   essere   deluso   da   noi. Il   male   ci   ha   trasformati   da   cristiani   a   ipocriti,   ci   fa   pregare,   digiunare,   andare   in   chiesa,   ma   non   amare.   Chi   ama   non   si scandalizza,   ma   si   dispiace.    Quando   un   nostro   caro   sbaglia,   facciamo   finta   di   niente,   perché   ci   scandalizziamo   tanto degli altri?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Cuor contento il ciel l'aiuta
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Siamo   grandi   nell'orgoglio   ma   piccoli   nell’amore tra   fratelli.   Anche   la   nascita   del   Figlio   di   Dio   non è   stata   sufficiente   a   sconvolgere   le   abitudini   più negative    dell'uomo.    Quando    mai    è    sentito    un avvenimento    del    genere?    Allora    pensiamo    che questo   regalo   sceso   dal   cielo   sia   una   tradizione, una   storia   e   consideriamo   verità   solo   ciò   che   dice uno   scienziato.   Perché   non   crediamo   a   ciò   che l'uomo   non   può   fare?   Smettiamola   di   prendere   in giro      il      Signore,      se      avessimo      conosciuto veramente     la     sua     nascita     sulla     terra,     non saremmo   in   questa   condizione,   dove   basta   una telefonata   che   prende   il   sopravvento   la   rabbia,   la gelosia,      l'invidia,      la      ragione.      La      nostra inqualificabile    realtà    oscura    persino    i    progetti immensi:   un   personaggio   che   inventa   una   nuova linea   di   abbigliamento   ha   più   aderenti   di   Colui che   ha   creato   il   mondo   intero,   dell'Immacolata Concezione,   di   un   Dio   che   si   è   fatto   uomo.   Quel capo    di    abbigliamento    lo    indossiamo    come    ci viene     detto,     ma     la     parola     di     Dio     non     la incastoniamo   nel   cuore   in   un   modo   perfetto.   Che assurdità!     Il     problema,     anche     tra     noi     che recitiamo    il    santo    rosario,    è    che    vogliamo solamente    sostenere    il    nostro    pensiero,    non l'umiltà   e   l'obbedienza,   così   creiamo   un   muro   di separazione.    Impariamo    ad    accettarci    così come      siamo,      strampalati,      discontinui, distratti    e    senza    creare    classifiche    tra    di noi,      altrimenti      non      ci      ameremo      mai veramente.   Non   abbiamo   nemmeno   aperto la     porta     a     una     donna     che     stava     per partorire…      Quante      volte      abbiamo      avuto l'opportunità    di    aprire    la    porta    di    casa    e    non l'abbiamo   fatto?   Abbiamo   accolto   solo   quelli   che ragionano   come   noi   e   fanno   quello   che   diciamo noi,   coloro   che   sono   complici   delle   nostre   idee. Maria   Santissima   ci   viene   in   aiuto   tracciando   una nuova   linea   di   vita:   " tu   ama ",   perché   sui   nostri volti   non   c'è   più   neanche   il   cenno   del   sorriso   (se non   da   ubriachi).   Chi   di   noi   trasmette   pace   e serenità?   Siamo   i   figli   della   luce,   ma   invece   di annunciare   la   lieta   novella,   andiamo   a   parlare delle   tenebre   e   i   diavoli,   che   sono   i   figli   delle tenebre,     parlano     della     luce,     di     Dio,     della Madonna,     del     Vangelo,     non     di     carità     o dell'inferno.    Chi    ci    ha    messo    in    testa    che    al Signore      piacciono      le      persone      rassegnate, perdenti    e    lamentose?    Vogliamo    forse    attirare l'attenzione?   Dobbiamo   recuperare   la   virtù   della purezza,   dell'amore,   dell'equilibrio   e   del   gioire. Viviamo   faticosamente   come   se   portassimo   un grande   peso,   ma   in   realtà   non   esiste,   ce   lo   siamo messi    in    testa    noi.    Buttiamolo    via!    Perché vogliamo    spegnere    tutte    le    luci    sull'universo creato    per    il    nostro    stato    d'animo?    Dopo    i momenti   di   sconforto   deve   prendere   sempre   il sopravvento   la   gioia.   Che   tristezza   sentirci   dire che   le   prostitute   ci   passeranno   avanti!   E’   ora   di vivere   la   vita:    tutto   pulsa,   il   sole,   la   luna,   le stelle,   la   creazione   e   noi   possiamo   completarla nel   gaudio,   nell'essere   contenti   di   stare   insieme. Non   ci   sono   delle   frasi   di   "contrabbando"   nella creazione   di   Dio   che   ci   possono   fare   dubitare   del Vangelo;    quello    che    dicono    i    profeti    non    è soggetto   a   privata   spiegazione,   per   cui   se   oggi non   si   capisce,   lo   si   può   capire   un   domani,   è sempre   stato   così.   Per   questo   sono   sempre   stati torturati   e   criticati.   Ci   sono   vari   livelli   di   cristiani: c'è   chi   riesce   a   stare   al   primo   stadio,   chi   un   po' più   in   alto   e   chi   scala   cime   impervie   perché   si abbandona   a   Dio.   Non   facciamo   di   tutte   le   erbe un    fascio,    dove    tutti    devono    comportarsi    allo stesso   modo.   Come   i   12   apostoli   non   avevano   lo stesso   carisma,   così   ognuno   ha   una   crescita   di fede   diverso   dall'altro,   ma   quando   uno   rimane sempre    allo    stesso    livello    è    perché    manca    di carità   e   amore.      Non   impediamo   al   Signore   di farci   fare   un   salto   di   qualità   e   non   invidiamo   chi fa    un    cammino    superiore    al    nostro.    Ognuno riconosca   i   propri   limiti,   ma   sappia   anche riconoscere    i    meriti    degli    altri.    La    nostra generazione    ha    distrutto    la    famiglia    cristiana, non    c’è    più    il    rispetto    tra    marito    e    moglie. L'amore    umile,    dignitoso    e    sublime    che    c'era nella   famiglia   di   Nazareth,   neanche   la   più   fervida immaginazione    lo    può    raggiungere.    Dobbiamo avere   a   cuore   anche   ciò   che   non   ci   riguarda, altrimenti   siamo   egoisti.   La   fede   non   si   trasmette a    parole,    ma    con    l’amore    e    la    carità.    Se rinunciare   a   qualcosa   ci   indurisce   il   cuore,   non facciamolo,   perché   non   rappresentiamo   più   Dio ma   la   depressione,   la   durezza,   la   rinuncia.   In   che misura    pensiamo    di    fare    il    nostro    dovere    se abbiamo     deturpato     l'immagine     del     cristiano autentico?   Come   pensiamo   di   parlare   d'amore   se ci    alleniamo    solamente    ai    fatti    più    tristi    della vita?     La     natura     trasmette     la     meravigliosa fantasia   del   Dio   creatore   in   tutta   la   sua   bellezza, mentre    noi    uomini    davanti    a    un    autentico cristiano,    potremmo    capire    che    brutta    copia siamo   diventati,   ci   sentiremmo   dei   mostri.   Perciò sentiamo   i   santi   fuori   moda,   perché   scombinano le   regole   del   “popolino”.    La   Madonna   non   verrà mai   a   criticare   un   suo   figlio   che   ha   avuto   un momento   di   difficoltà,   non   crediamo   a   rivelazioni private   di   questo   genere.   Così   anche   noi   davanti a   situazioni   criticabili   dobbiamo   soltanto   amare, amare,   amare.   Non   stupiamoci   degli   altri   perché Dio   potrebbe   essere   deluso   da   noi.   Il   male   ci   ha trasformati   da   cristiani   a   ipocriti,   ci   fa   pregare, digiunare,   andare   in   chiesa,   ma   non   amare.   Chi ama    non    si    scandalizza,    ma    si    dispiace.   Quando   un   nostro   caro   sbaglia,   facciamo   finta   di niente, perché ci scandalizziamo tanto degli altri?

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                        Cuor contento il ciel l'aiuta
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile