Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Siamo   convinti   del   monte   Misma?   Chi   sarebbe   riuscito   a   realizzare   un   progetto   così   grande   partendo   dal   nulla?   Tutto   è nato   con   una   spontaneità   totale,   perché   è   un   luogo   scelto   da   Dio,   ma   se   ci   fosse   stata   l'armonia   e   la   condivisione all'obbedienza   fin   dall'inizio,   il   risultato   sarebbe   migliore.   Il   Misma   è   di   difficile   individuazione,   non   c'è   un   collegamento   o un   riferimento   che   tenga,   perché   solo   la   Madonna   sa   quello   che   ci   serve,   mentre   le   profezie   del   Signore   sono   soggette   a critiche   da   parte   di   chi   non   sa   niente.   Pochi   giorni   fa   sul   monte   Misma   si   è   staccato   un   sasso   che   ha   demolito   un   cartello con   scritto   SILENZIO;    possiamo   credere   quello   che   vogliamo,   ma   all’infido   dà   fastidio   quello   che   c'è   qui.   La   missione che   la   Madonna   ci   ha   affidato   su   questa   montagna   non   si   è   spostata   di   un   millimetro,   nonostante   le   decisioni   così importanti   dell'autorità   della   Chiesa.   Anche   il   Papa   ha   dato   una   indicazione   ben   precisa,   che   si   ritira   in   silenzio,   in preghiera   e   in   meditazione,   per   servire   in   questo   modo   la   Chiesa   di   Cristo.   Non   sono   forse   i   tre   messaggi   che   da   25   anni appartengono   al   monte   Misma?   Dio   conosce   il   suo   progetto   e   per   questo   ci   ha   detto   di   pregare   perché   per   l'umanità   si prospettano   rotture   inimmaginabili.      E’   ora   di   finire   di   delirare   spiritualmente,   di   sentirci   tutti   profeti,   apostoli,   saccenti. Da   trent'anni   a   questa   parte   ci   sono   state   iniziative   di   gruppi   di   preghiera,   di   proposte   una   più   bella   dell'altra,   di messaggi   che   si   attribuiscono   alla   Madonna;   ma   si   prega   per   andare   meglio   o   per   andare   peggio?   Non   era   meglio lasciare   le   cose   come   stavano   prima,   quando   c'era   un'onestà   migliore   di   quella   di   oggi?   Perché   abbiamo   cominciato   ad agitarci   e   a   delirare?   Dove   non   c'è   obbedienza   e   umiltà,   non   c'è   la   carità.   Il   Misma   scandalizza   quelli   che   scandalizzano. Quando   uno   pensa   male   è   perché   è   collegato   con   il   male;   se   fosse   collegato   con   il   bene   non   andrebbe   avanti   con   certi discorsi,   con   le   accuse.   Gli   scribi   e   i   farisei   avevano   dimostrato   di   pregare   come   preghiamo   noi,   ma   Gesù   non   ha   accolto la   loro   esperienza   e   gli   ha   detto:   " Le   prostitute   vi   passeranno   davanti".    A   noi   questo   non   dice   niente?   Quelle   persone volevano   lapidare   la   Maddalena,   ma   quante   lapidazioni   psicologiche   ci   sono   in   mezzo   a   noi?   Come   ci   permettiamo   di scandalizzarci   degli   altri,   quando   dovremmo   scandalizzarci   del   nostro   comportamento?   Il   mondo   manca   di   risposte concrete.   Non   sappiamo   cosa   ci   sta   sotto   la   decisione   del   Papa,   ma   c'è   in   giro   un   delirio   spirituale   che   fa   paura.   Perché ha   detto:   "sembra   che   il   Signore   si   sia   addormentato"?    Stiamo   attenti   a   non   essere   contagiati,   perché   il   male   è   più   forte di   noi,   non   commettiamo   gli   errori   di   chi   ci   ha   preceduto.   Ci   troviamo   a   pregare   qui   alle   17   dell'ultimo   giovedì   del   mese, come   se   fossimo   chiamati   indirettamente   a   sostenere   il   gesto   del   Papa.   E’   ora   di   sturarci   le   orecchie,   di   aprire   gli   occhi   e di   chiudere   la   bocca,   perché   non   c'è   peggior   elemento   negativo   di   chi   ha   le   orecchie   chiuse,   gli   occhi   chiusi   e   la   bocca aperta.   Ci   deve   far   riflettere   il   mondo   così   peggiorato,   come   ci   deve   far   riflettere   la   provocazione   del   monte   Misma:   "il modo   migliore   di   pregare   è   quello   di   non   pregare,   ma   di   amare".      La   preghiera   detta   con   bontà   d'animo   ha   un   effetto meraviglioso,   come   l'eucarestia   ricevuta   da   un'anima   sana,   invece,   in   generale,   non   c'è   alcuna   differenza   tra   chi   riceve un'eucarestia   e   chi   non   la   riceve.   L'infido   entra   negli   spazi   che   gli   lasciamo   e   poi   ci   gestisce   come   marionette,   senza   che ce   ne   rendiamo   conto;   l'unica   cosa   che   gli   impedisce   di   operare   è   il   silenzio.   Come   ci   ha   portato   fuori   misura   questo delirio   dell'immaginazione!   Per   portare   avanti   la   missione   del   Misma   dobbiamo   penalizzare   le   nostre   abitudini   e   avere una   mente   libera.   Bastano   poche   persone   per   cambiare   le   sorti   del   mondo,   perché   con   lo   spirito   di   Dio   si   vincono   tante battaglie   senza   lottare   (come   ha   detto   San   Giuseppe).   La   Madonna   è   delicata,   non   ha   conosciuto   l'arroganza   e   la prepotenza    nella    sua    vita,    ma    ha    saputo    accettare    all'infinito    l'umiliazione.    Dimentichiamoci    di    dire    la    nostra    e mettiamoci   al   servizio   di   Dio,   perché   tutto   quello   che   serve   lo   ha   già   deciso   il   Signore.   Si   dice   che   negli   ultimi   anni   sono stati   fatti   tanti   esorcismi,   anche   da   laici   improvvisati,   ma   i   demoni   sono   stati   scacciati   o   gli   è   stata   aperta   la   porta?   A   chi dobbiamo   credere?   Il   Signore   con   la   sola   presenza   faceva   cose   meravigliose,   così   noi   se   siamo   giusti   possiamo   essere esorcisti,   liberare   una   moltitudine   di   persone,   perché   è   la   croce   che   scaccia   i   demoni,   non noi.   Il   carisma   non   ci   viene   dato   per   votazione,   ma   per   grazia   di   Dio   e   chi   lo   possiede   si accorge    di    averlo    solo    dopo    tanto    tempo.    Qualcuno    però    dice    di    avere    il    dono    del discernimento,   poi   fa   litigare   suo   fratello   e   lo   accusa.   Chi   gli   ha   dato   quel   dono?   Chi   giudica e   critica   il   fratello,   giudica   la   legge,   va   contro   la   legge;   quando   non   si   parla   d'amore   non   c'è Dio.   Stiamo   facendo   figuracce   davanti   al   Signore   e   stiamo   facendo   ridere   Satana   con   il nostro   comportamento.   E’   meglio   un   ateo   intelligente   che   un   cristiano   ignorante,   che   ignora il   male   che   può   fare.   Cominciamo   a   cambiare   noi,   in   quella   parte   che   ci   compete,   lasciamo perdere   i   vescovi   e   i   sacerdoti,   che   magari   loro   hanno   respirato   la   nostra   aria.   E   se   fossero vittime   innocenti?   Anche   loro   hanno   avuto   tanti   suggeritori negativi.   Siamo   sicuri   che   i   suggeritori   che   abbiamo   avuto   siano   stati   positivi?   Siamo   sicuri che   tutti   i   consigli   e   le   frasi   uscite   da   noi   siano   piaciute   al   Signore?   La   Madonna   ci   sta facendo   capire   come   dobbiamo   pregare,   perché   come   si   prega   abitualmente   ci   dà   un risultato   negativo.   Sentiamoci   tutti   in   colpa   per   il   gesto   compiuto   da   Benedetto   XVI,   non sentiamoci   esclusi,   chiediamogli   scusa.   Quale   danno   abbiamo   dato   ai   nostri   figli   lasciando un mondo così? Li abbiamo imprigionati e traditi, le nostre colpe sono ricadute su di loro. Tutto    questo    danno    proviene    dalla    nostra    lingua,    la    dovremmo    strisciare    per    terra, martirizzarla,   perché   ci   ha   tradito      atrocemente;   non   permettiamogli   più   di   proferir   parola se   non   per   una   dichiarazione   d'amore.   Chi   ci   ha   obbligato   a   usarla      in   un   modo   così improprio,   quando   eravamo   stati   avvertiti   dalla   Bibbia   di   essere   cauti,   che   di   ogni   parola infondata         avremmo   dovuto   rendere   conto?   Perché   non   distruggiamo   le   nostre   ragioni   che   sono   state   la   nostra   rovina? Ci   interessa   di      più   il   nostro   orgoglio   o   quello   che   ci   chiede   il   Signore?   L'orgoglio   è   il   peggior   nemico   di   viaggio   della nostra vita,  non facciamoci manovrare da chi non sa niente.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La nuova fiamma partita dal monte Misma
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Siamo   convinti   del   monte   Misma?   Chi   sarebbe riuscito    a    realizzare    un    progetto    così    grande partendo    dal    nulla?    Tutto    è    nato    con    una spontaneità   totale,   perché   è   un   luogo   scelto   da Dio,    ma    se    ci    fosse    stata    l'armonia    e    la condivisione     all'obbedienza     fin     dall'inizio,     il risultato   sarebbe   migliore.   Il   Misma   è   di   difficile individuazione,    non    c'è    un    collegamento    o    un riferimento   che   tenga,   perché   solo   la   Madonna   sa quello    che    ci    serve,    mentre    le    profezie    del Signore   sono   soggette   a   critiche   da   parte   di   chi non   sa   niente.   Pochi   giorni   fa   sul   monte   Misma   si è   staccato   un   sasso   che   ha   demolito   un   cartello con   scritto   SILENZIO;    possiamo   credere   quello che   vogliamo,   ma   all’infido   dà   fastidio   quello   che c'è    qui.    La    missione    che    la    Madonna    ci    ha affidato   su   questa   montagna   non   si   è   spostata   di un     millimetro,     nonostante     le     decisioni     così importanti    dell'autorità    della    Chiesa.    Anche    il Papa   ha   dato   una   indicazione   ben   precisa,   che   si ritira   in   silenzio,   in   preghiera   e   in   meditazione, per   servire   in   questo   modo   la   Chiesa   di   Cristo. Non   sono   forse   i   tre   messaggi   che   da   25   anni appartengono   al   monte   Misma?   Dio   conosce   il suo   progetto   e   per   questo   ci   ha   detto   di   pregare perché    per    l'umanità    si    prospettano    rotture inimmaginabili.        E’    ora    di    finire    di    delirare spiritualmente,   di   sentirci   tutti   profeti,   apostoli, saccenti.   Da   trent'anni   a   questa   parte   ci   sono state   iniziative   di   gruppi   di   preghiera,   di   proposte una    più    bella    dell'altra,    di    messaggi    che    si attribuiscono    alla    Madonna;    ma    si    prega    per andare    meglio    o    per    andare    peggio?    Non    era meglio    lasciare    le    cose    come    stavano    prima, quando   c'era   un'onestà   migliore   di   quella   di   oggi? Perché    abbiamo    cominciato    ad    agitarci    e    a delirare?   Dove   non   c'è   obbedienza   e   umiltà,   non c'è    la    carità.    Il    Misma    scandalizza    quelli    che scandalizzano.   Quando   uno   pensa   male   è   perché è   collegato   con   il   male;   se   fosse   collegato   con   il bene   non   andrebbe   avanti   con   certi   discorsi,   con le   accuse.   Gli   scribi   e   i   farisei   avevano   dimostrato di   pregare   come   preghiamo   noi,   ma   Gesù   non   ha accolto   la   loro   esperienza   e   gli   ha   detto:   " Le prostitute   vi   passeranno   davanti".    A   noi   questo non     dice     niente?     Quelle     persone     volevano lapidare    la    Maddalena,    ma    quante    lapidazioni psicologiche   ci   sono   in   mezzo   a   noi?   Come   ci permettiamo   di   scandalizzarci   degli   altri,   quando dovremmo         scandalizzarci         del         nostro comportamento?    Il    mondo    manca    di    risposte concrete.    Non    sappiamo    cosa    ci    sta    sotto    la decisione    del    Papa,    ma    c'è    in    giro    un    delirio spirituale   che   fa   paura.   Perché   ha   detto:   "sembra che    il    Signore    si    sia    addormentato"?     Stiamo attenti   a   non   essere   contagiati,   perché   il   male   è più   forte   di   noi,   non   commettiamo   gli   errori   di   chi ci   ha   preceduto.   Ci   troviamo   a   pregare   qui   alle 17   dell'ultimo   giovedì   del   mese,   come   se   fossimo chiamati   indirettamente   a   sostenere   il   gesto   del Papa.   E’   ora   di   sturarci   le   orecchie,   di   aprire   gli occhi    e    di    chiudere    la    bocca,    perché    non    c'è peggior   elemento   negativo   di   chi   ha   le   orecchie chiuse,   gli   occhi   chiusi   e   la   bocca   aperta.   Ci   deve far   riflettere   il   mondo   così   peggiorato,   come   ci deve    far    riflettere    la    provocazione    del    monte Misma:   "il   modo   migliore   di   pregare   è   quello   di non pregare, ma di amare".  La    preghiera    detta    con    bontà    d'animo    ha    un effetto   meraviglioso,   come   l'eucarestia   ricevuta da   un'anima   sana,   invece,   in   generale,   non   c'è alcuna   differenza   tra   chi   riceve   un'eucarestia   e chi   non   la   riceve.   L'infido   entra   negli   spazi   che   gli lasciamo    e    poi    ci    gestisce    come    marionette, senza   che   ce   ne   rendiamo   conto;   l'unica   cosa   che gli   impedisce   di   operare   è   il   silenzio.   Come   ci   ha portato        fuori        misura        questo        delirio dell'immaginazione!      Per      portare      avanti      la missione    del    Misma    dobbiamo    penalizzare    le nostre    abitudini    e    avere    una    mente    libera. Bastano   poche   persone   per   cambiare   le   sorti   del mondo,   perché   con   lo   spirito   di   Dio   si   vincono tante   battaglie   senza   lottare   (come   ha   detto   San Giuseppe).    La    Madonna    è    delicata,    non    ha conosciuto   l'arroganza   e   la   prepotenza   nella   sua vita,      ma      ha      saputo      accettare      all'infinito l'umiliazione.   Dimentichiamoci   di   dire   la   nostra   e mettiamoci   al   servizio   di   Dio,   perché   tutto   quello che   serve   lo   ha   già   deciso   il   Signore.   Si   dice   che negli   ultimi   anni   sono   stati   fatti   tanti   esorcismi, anche   da   laici   improvvisati,   ma   i   demoni   sono stati   scacciati   o   gli   è   stata   aperta   la   porta?   A   chi dobbiamo     credere?     Il     Signore     con     la     sola presenza   faceva   cose   meravigliose,   così   noi   se siamo   giusti   possiamo   essere   esorcisti,   liberare una   moltitudine   di   persone,   perché   è   la   croce   che scaccia   i   demoni,   non   noi.   Il   carisma   non   ci   viene dato   per   votazione,   ma   per   grazia   di   Dio   e   chi   lo possiede   si   accorge   di   averlo   solo   dopo   tanto tempo.   Qualcuno   però   dice   di   avere   il   dono   del discernimento,   poi   fa   litigare   suo   fratello   e   lo accusa.   Chi   gli   ha   dato   quel   dono?   Chi   giudica   e critica   il   fratello,   giudica   la   legge,   va   contro   la legge;   quando   non   si   parla   d'amore   non   c'è   Dio. Stiamo   facendo   figuracce   davanti   al   Signore   e stiamo    facendo    ridere    Satana    con    il    nostro comportamento.   E’   meglio   un   ateo   intelligente che   un   cristiano   ignorante,   che   ignora   il   male   che può   fare.   Cominciamo   a   cambiare   noi,   in   quella parte   che   ci   compete,   lasciamo   perdere   i   vescovi e   i   sacerdoti,   che   magari   loro   hanno   respirato   la nostra   aria.   E   se   fossero   vittime   innocenti?   Anche loro    hanno    avuto    tanti    suggeritori    negativi. Siamo   sicuri   che   i   suggeritori   che   abbiamo   avuto siano    stati    positivi?    Siamo    sicuri    che    tutti    i consigli   e   le   frasi   uscite   da   noi   siano   piaciute   al Signore?   La   Madonna   ci   sta   facendo   capire   come dobbiamo     pregare,     perché     come     si     prega abitualmente     ci     dà     un     risultato     negativo. Sentiamoci   tutti   in   colpa   per   il   gesto   compiuto   da Benedetto      XVI,      non      sentiamoci      esclusi, chiediamogli   scusa.   Quale   danno   abbiamo   dato   ai nostri   figli   lasciando   un   mondo   così?   Li   abbiamo imprigionati    e    traditi,    le    nostre    colpe    sono ricadute su di loro. Tutto   questo   danno   proviene   dalla   nostra   lingua, la   dovremmo   strisciare   per   terra,   martirizzarla, perché     ci     ha     tradito          atrocemente;     non permettiamogli   più   di   proferir   parola   se   non   per una   dichiarazione   d'amore.   Chi   ci   ha   obbligato   a usarla        in    un    modo    così    improprio,    quando eravamo    stati    avvertiti    dalla    Bibbia    di    essere cauti,   che   di   ogni   parola   infondata         avremmo dovuto   rendere   conto?   Perché   non   distruggiamo le   nostre   ragioni   che   sono   state   la   nostra   rovina? Ci   interessa   di      più   il   nostro   orgoglio   o   quello   che ci    chiede    il    Signore?    L'orgoglio    è    il    peggior nemico    di    viaggio    della    nostra    vita,        non facciamoci manovrare da chi non sa niente.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile