Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
In   che   misura   viviamo   la   Misericordia   di   Dio   e   l’amore   di   Maria   SS.   ?   Quando   Dio   interviene   nella   nostra   vita   con   la   sua Misericordia,   noi   ne   traiamo   gioia   e   benefici,   poiché   sono   perdonate   le   nostre   colpe   e   sono   assecondate   le   nostre   azioni. Noi   pretendiamo   che   il   Signore   sia   misericordioso,   anzi   lo   diamo   per   scontato,   come   un   fatto   dovuto:   il   Signore   deve chiudere   gli   occhi   dove   e   quando   vogliamo   noi,   perché   lo   immaginiamo   come   un   padre   buono,   che   ci   perdona,   che conosce   il   nostro   carattere..   Ma   abbiamo   mai   considerato   il   cuore   di   Gesù   e   di   Maria?   Ci   siamo   mai   preoccupati minimamente   di   come   si   possa   far   provar   dolore,   delusione   e   umiliazione   al   Signore?      Il   Signore   usa   Misericordia   non perché   abbiamo   fatto   una   cosa   giusta,   altrimenti   si   congratulerebbe   con   noi,   ma   perché   abbiamo   sbagliato.   E   quando sbaglia   un   suo   figlio,      il   Signore   non   può   gioire.   Che   ingrati   che   siamo   stati   da   non   capire   che   la   Misericordia   è   causa   di sofferenza   al   Signore.   Se   fossimo   stati   a   conoscenza   di   questo   fatto   e   avessimo   realmente   il   santo   timor   di   Dio,   quante volte   non   avremmo   confidato   con   superficialità   nella   Divina   Misericordia,   che      è   un   fatto   reale,   che   esiste,   ma   avremmo impiegato   la   nostra   persona   ad   invocarla   il   meno   possibile..      sbagliando   di   meno….   Ecco   perché   i   Santi,   che   si   sentivano sempre   indegni   verso   il   Signore,      cercavano   di   non   aver   mai   bisogno   della   Misericordia   di   Dio,   perché   significava   averlo offeso.Non   è   in   discussione   la   Divina   Misericordia   che   è   una   cosa   meravigliosa;   siamo   noi   che   siamo   in   discussione   che abbiamo   bisogno   di   invocarla!         -   CAPIRE   LE   NOSTRE   RESPONSABILITA’   E   TOGLIERE   OGNI   DUBBIO   -      La Madonna   in   tutti   i   messaggi   che   ci   concede,   non   ha   mai   dato   un   gesto   di   considerazione   che   noi   stiamo   vivendo   nel modo   giusto;   non   è   mai   venuta   a   congratularsi   con   noi,   ma   ci   ha   suggerito   sempre   il   modo   migliore   di   vivere.   Eppure l’uomo   accoglie   questi   messaggi   con   enfasi,   con   entusiasmo:   ma   se   la   Madonna   viene   a   dirci   che   non   stiamo   vivendo   nel modo   corretto,   come   possiamo   esultare?   Gioiamo   perché   ci   dice   che   stiamo   sbagliando?   Ecco   perché   è   importante, prima   di   pensare   all’ultima   fase   che   è   la   preghiera,   capire   le   nostre   responsabilità,   quelle   che   noi   dobbiamo   conoscere   e vivere.   Se   uno   è   umile,   non   cerca   una   contestazione   e   non   si   sente   ferito   nell’orgoglio,   ma   accetta   i   discorsi   di   Dio   per capirli   ancora   meglio,   per   conoscere   in   profondità   il   proprio   compito,   per   far   conoscere   la   verità   al   mondo   intero   con   il proprio   comportamento.   Facciamo   attenzione   alla   parola   del   Signore   e   non   usiamola   con   superficialità,   perché   in generale   gli   uomini   parlano   in   nome   di   Dio   liberamente   e   in   modo   sprovveduto,   dimenticando   che   si   sta   propagandando la   verità,   non   un   prodotto.   Oppure   si   lasciano   sedurre   da   persone   che   non   sanno   niente   della   verità   rivelata.   La   parte   di noi   che   più   non   permette   allo   Spirito   Santo   di   intervenire   è   il   dubbio   che   abbiamo.   Chi   di   noi   non   ha   un   dubbio?   Esso ostacola   l’azione   dello   Spirito   Santo   che   vuole   scendere   su   di   noi.   Anche   i   discepoli   di   Gesù   dissero   che   “questa   parola   è dura,   chi   può   ascoltarla?”.    Ed   alcuni   se   ne   andarono   perché   non   credevano   più   nel   figlio   di   Dio!      Stiamo   attenti!      Per   noi Gesù      è   quello   che   accetta   la   nostra   verità      o   colui   che   dice   la   verità?      E   Gesù,   sapendo   che   i   discepoli   mormoravano dentro   di   loro,   rispose:      “Questo   vi   scandalizza?   …      È   lo   Spirito   che   dà   la   vita,   non   la   carne…”.      E   noi   crediamo   che   tutte le   risposte   debba   darle   la   materia!   Accettiamo   anche   quello   che   la   nostra   mente   e   il   nostro   orgoglio   non   vogliono accettare.   La   risposta   di   Pietro   “Signore,   da   chi   andremo?   Tu   hai   parole   di   vita   eterna”,   deve   essere   la   risposta   di   tutti. Diamo   la   possibilità   allo   Spirito   Santo   di   scendere   su   di   noi,   togliendo   ogni   dubbio   dalla   nostra   mente,   per   vivere   in   un modo   giusto   quello   che   noi   siamo   chiamati   a   testimoniare.   Al   di   la   di   Cristo   non   c’è   niente,   non   c’è   una   teoria,   non   c’è una   setta,   non   c’è   niente   che   tenga.   Le   confidenze   di   Maria   SS.   che   Roberto   Longhi   riferisce   in   un   modo   semplice,   non teatrale,   che   mai   si   sono   conosciute,   rappresentano   l’ennesima   dimostrazione   d’amore   della   Madonna   nonostante   la nostra vita qualunquistica, e un aiuto  nel  non facile cammino per diventare cristiani autentici.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La divina misericordia costa sacrificio al Signore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
In   che   misura   viviamo   la   Misericordia   di   Dio   e l’amore   di   Maria   SS.   ?   Quando   Dio   interviene nella   nostra   vita   con   la   sua   Misericordia,   noi   ne traiamo   gioia   e   benefici,   poiché   sono   perdonate le    nostre    colpe    e    sono    assecondate    le    nostre azioni.    Noi    pretendiamo    che    il    Signore    sia misericordioso,   anzi   lo   diamo   per   scontato,   come un    fatto    dovuto:    il    Signore    deve    chiudere    gli occhi    dove    e    quando    vogliamo    noi,    perché    lo immaginiamo    come    un    padre    buono,    che    ci perdona,    che    conosce    il    nostro    carattere..    Ma abbiamo   mai   considerato   il   cuore   di   Gesù   e   di Maria?   Ci   siamo   mai   preoccupati   minimamente   di come    si    possa    far    provar    dolore,    delusione    e umiliazione     al     Signore?          Il     Signore     usa Misericordia   non   perché   abbiamo   fatto   una   cosa giusta,   altrimenti   si   congratulerebbe   con   noi,   ma perché   abbiamo   sbagliato.   E   quando   sbaglia   un suo   figlio,      il   Signore   non   può   gioire.   Che   ingrati che   siamo   stati   da   non   capire   che   la   Misericordia è   causa   di   sofferenza   al   Signore.   Se   fossimo   stati a     conoscenza     di     questo     fatto     e     avessimo realmente   il   santo   timor   di   Dio,   quante   volte   non avremmo   confidato   con   superficialità   nella   Divina Misericordia,   che      è   un   fatto   reale,   che   esiste,   ma avremmo     impiegato     la     nostra     persona     ad invocarla    il    meno    possibile..        sbagliando    di meno….   Ecco   perché   i   Santi,   che   si   sentivano sempre   indegni   verso   il   Signore,      cercavano   di non   aver   mai   bisogno   della   Misericordia   di   Dio, perché     significava     averlo     offeso.Non     è     in discussione   la   Divina   Misericordia   che   è   una   cosa meravigliosa;   siamo   noi   che   siamo   in   discussione che   abbiamo   bisogno   di   invocarla!         -   CAPIRE   LE NOSTRE     RESPONSABILITA’     E     TOGLIERE OGNI   DUBBIO   -      La   Madonna   in   tutti   i   messaggi che   ci   concede,   non   ha   mai   dato   un   gesto   di considerazione   che   noi   stiamo   vivendo   nel   modo giusto;   non   è   mai   venuta   a   congratularsi   con   noi, ma   ci   ha   suggerito   sempre   il   modo   migliore   di vivere.   Eppure   l’uomo   accoglie   questi   messaggi con   enfasi,   con   entusiasmo:   ma   se   la   Madonna viene   a   dirci   che   non   stiamo   vivendo   nel   modo corretto,     come     possiamo     esultare?     Gioiamo perché    ci    dice    che    stiamo    sbagliando?    Ecco perché   è   importante,   prima   di   pensare   all’ultima fase     che     è     la     preghiera,     capire     le     nostre responsabilità,      quelle      che      noi      dobbiamo conoscere   e   vivere.   Se   uno   è   umile,   non   cerca una     contestazione     e     non     si     sente     ferito nell’orgoglio,    ma    accetta    i    discorsi    di    Dio    per capirli   ancora   meglio,   per   conoscere   in   profondità il   proprio   compito,   per   far   conoscere   la   verità   al mondo    intero    con    il    proprio    comportamento. Facciamo    attenzione    alla    parola    del    Signore    e non     usiamola     con     superficialità,     perché     in generale    gli    uomini    parlano    in    nome    di    Dio liberamente       e       in       modo       sprovveduto, dimenticando   che   si   sta   propagandando   la   verità, non   un   prodotto.   Oppure   si   lasciano   sedurre   da persone    che    non    sanno    niente    della    verità rivelata.   La   parte   di   noi   che   più   non   permette allo   Spirito   Santo   di   intervenire   è   il   dubbio   che abbiamo.    Chi    di    noi    non    ha    un    dubbio?    Esso ostacola   l’azione   dello   Spirito   Santo   che   vuole scendere   su   di   noi.   Anche   i   discepoli   di   Gesù dissero    che    “questa    parola    è    dura,    chi    può ascoltarla?”.    Ed   alcuni   se   ne   andarono   perché non    credevano    più    nel    figlio    di    Dio!        Stiamo attenti!      Per   noi   Gesù      è   quello   che   accetta   la nostra   verità      o   colui   che   dice   la   verità?      E   Gesù, sapendo   che   i   discepoli   mormoravano   dentro   di loro,   rispose:      “Questo   vi   scandalizza?   …      È   lo Spirito   che   dà   la   vita,   non   la   carne…”.      E   noi crediamo   che   tutte   le   risposte   debba   darle   la materia!   Accettiamo   anche   quello   che   la   nostra mente     e     il     nostro     orgoglio     non     vogliono accettare.   La   risposta   di   Pietro   “Signore,   da   chi andremo?    Tu    hai    parole    di    vita    eterna”,    deve essere   la   risposta   di   tutti.   Diamo   la   possibilità allo   Spirito   Santo   di   scendere   su   di   noi,   togliendo ogni   dubbio   dalla   nostra   mente,   per   vivere   in   un modo    giusto    quello    che    noi    siamo    chiamati    a testimoniare.   Al   di   la   di   Cristo   non   c’è   niente,   non c’è   una   teoria,   non   c’è   una   setta,   non   c’è   niente che    tenga.    Le    confidenze    di    Maria    SS.    che Roberto   Longhi   riferisce   in   un   modo   semplice, non     teatrale,     che     mai     si     sono     conosciute, rappresentano   l’ennesima   dimostrazione   d’amore della     Madonna     nonostante     la     nostra     vita qualunquistica,    e    un    aiuto        nel        non    facile cammino per diventare cristiani autentici.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                 La divina misericordia costa                    sacrificio al Signore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile