Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Se   vivessimo   la   nostra   vita   in   modo   corretto,   potremmo   capire   che   il   male   lo   si   evita   non   lo   si   cura.   È   meglio   curare   una malattia   o   evitarla?   Quando   in   casa   vi   è   una   persona   gravemente   malata,   il   dottore   che   deve   arrivare   avrebbe   più possibilità   di   salvarla   se   trovasse   una   strada   non   accidentata   e   piena   di   ostacoli.   Quante   volte   la   Madonna   prima   di aiutarci   deve   fare   i   conti   con   la   nostra   miseria   umana,   basata   solamente   su   diatribe   e   alterchi?   Invece   di   appianare   le incomprensioni    della    vita,    le    rendiamo    ancora    più    aspre    perché    vogliamo    difenderci.    Proviamo    a    pensare    in    che condizioni   invochiamo   Maria   Santissima.   È   più   facile   per   lei   ottenere   la   grazia   per   una   famiglia   che   ha   un   cuor   solo   e un'anima   sola,   dove   ci   si   vuole   veramente   bene,   dove   c'è   il   santo   timor   di   Dio   e   un   unico   interesse   (anche   un   unico   conto corrente).   Ma   se   in   casa   c'è   solo   miseria,   ci   si   detesta,   non   ci   si   sopporta   più   e   si   vive   una   vita   contraria   all'altra,   come può   intervenire?      Ci   dà   fastidio   come   si   veste   il   nostro   coniuge,   ci   stufa   appena   inizia   a   parlare,   tutto   quello   che   fa   è motivo   di   critica.   Ci   lamentiamo   se   si   lava   troppo   o   poco,   se   è   sempre   a   casa   o   fuori,   se   lavora   tanto   o   poco.   Anche durante   i   pasti   usiamo   telefonini   e   tablet   invece   di   dialogare.   Quando   veniamo      meno   alla   promessa   fatta   al Signore   di   amarci   tutta   la   vita,   automaticamente   viene   meno   la   sua   alleanza,    ci   lascia   andare   per   conto   nostro. Non   è   il   Signore   che   dà   o   toglie,   siamo   noi   che   dimostriamo   di   meritare   una   cosa   o   l'altra.   Quando   usciamo   al   mattino diamo   il   bacio   del   buongiorno   al   nostro   coniuge   o   diamo   il   bacio   dell'amicizia   al   primo   che   incontriamo?   Abbiamo   il desiderio   di   ritornare   nel   nido   che   ci   siamo   creati   o   ci   dispiace   perché   stiamo   meglio   con   altre   persone?   Siamo   costretti   a stare   a   casa   perché   così   possiamo   mangiare,   dormire,   stare   comodi   sul   divano,   non   ci   serve   a   nient'altro?   Tante   famiglie sono   divise   sotto   lo   stesso   tetto,   si   sopportano,   non   si   amano   e   non   fanno   nulla   per   migliorare.   È   un'offesa   al   Signore.   Ci complimentiamo    a    vicenda?    Senza    l'amore    non    si    può    essere    uniti,    si    diventa    polemici,    rabbiosi,    si    mangia nervosamente.   Cerchiamo   di   riordinare   il   disordine   che   abbiamo   creato.   I   figli   crescono   in   base   all'aria   che   respirano   in casa,   se   non   trattano   con   il   dovuto   rispetto   i   genitori   è   perché   marito   e   moglie   non   sono   stati   maestri   nel trattarsi    bene.     È    una    conseguenza.    Che    aria    respirano    quando    i    genitori    sono    insofferenti    e    si    comportano freddamente?   Dopo   aver   litigato   con   il   coniuge,   tutto   quello   che   sappiamo   dire   ai   figli   è:   " Hai   fatto   i   compiti,   hai   messo   il pigiama,   ti   sei   lavato   i   denti”...   Non   lamentiamoci   se   a   quindici   o   vent'anni   hanno   dei   problemi.   Che   bello   quando   ci   si chiede   scusa:   "Ho   sbagliato,   possiamo   recuperare?   Mi   dispiace   perché   non   ho   voluto   farti   felice   come   avrei potuto".    Questa   è   la   scuola   di   vita   per   i   figli,   non   le   lezioni   sul   preservativo   e   sulla   pillola   a   12   anni.   Vogliamo   sacrificarci per   la   famiglia   o   vogliamo   la   libertà   di   fare   quello   che   vogliamo?   Una   volta   il   corso   prematrimoniale   ce   lo   facevano   i genitori   con   due   parole:   “State   attenti   a   sposarvi   che   poi   non   tornate   più   indietro   a   vivere   con   noi”.   Oggi   invece   i   figli hanno   sempre   ragione,   sono   gli   altri   che   sbagliano.   È   una   linea   ambigua,   guardiamo   in   faccia   la   realtà   perché   poi pagheremo   tutti   le   conseguenze.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   si   sente   a   proprio   agio   quando   è   perseguitato   e   criticato   perché   sa     disintegrare   il   male,   non   è   polemico,   non   replica.   Per   lui   la   cosa   più   bella   è   accettare   l'ingiustizia   e   si   sente   quasi   indegno di   perdonare.   Se   è   possibile   fare   tanto   male,   perché   non   si   può   fare   un   po'   di   bene?   La   Madonna   potrebbe   concedere   di più   se   vedesse   collaborazione   e   disponibilità   da   parte   nostra,   più   armonia   familiare.   Abbiamo   creato   i   presupposti   della divisione   e   poi   ci   lamentiamo   quando   questa   ha   preso   consistenza.   Aiutiamo   Maria   Santissima   ad   aiutarci,   smettiamola di   essere   opportunisti,   chiediamo   di   cambiare   noi   stessi,   non   gli   altri.   Chi   si   sposa   senza   sentimento   è   un   disgraziato, perché   rovina   non   solo   la   vita   del   coniuge   ma   anche   quella   dei   propri   figli.   Il   vero   male   della   famiglia   è   la   mancanza d'amore.   Ci   si   separa   quando   si   tira   troppo   la   corda,   poi   succede   che   i   suoceri   si   scontrano   tra   di   loro,   sostenendo   i propri   figli   e   parlando   male   ai   nipoti   del   papà   o   della   mamma.   Ricordiamoci   che   un   bambino   di   5   o   6   anni   ragiona   e capisce   molto,   soffre   tanto   quanto   i   genitori   non   sono   uniti.   Anche   nelle   convivenze   c'è   un   velo   di   tristezza,   non   si   ha   il completamento   dell'amore   come   nelle   famiglie   costruite   davanti   al   Signore.   Come   si   può   dire:   “Io   sto   meglio   con quell'altra   persona”?    Non   è   l'altro   che   ci   fa   stare   bene,   siamo   noi   che   lo   desideriamo   più   del   nostro   coniuge.   È   inutile   dire che   abbiamo   pregato   tanto   e   non   abbiamo   ottenuto   niente.   Come   viviamo?   Facciamo   le   cose   perché   siamo   costretti,   per rispetto   umano   o   per   amore?   Togliete   tutto   ciò   che   mi   impedisce   di   realizzare   quello   che   io   desidero   offrirv i:   se   Maria Santissima   ci   concedesse   il   suo   aiuto   in   certe   condizioni,   finiremmo   per   peggiorare   la   nostra   situazione.   Anche   in vacanza   non   ci   andiamo   più   con   quella   gioia   immensa,   ma   solo   per   accontentare   i   figli.   Stiamo   clamorosamente scivolando,   fermiamoci!      La   Madonna   darà   aiuto   alle   famiglie   che   eroicamente   e   coraggiosamente,   nonostante   mille prove,   sono   unite,   indissolubili.   Creiamo   un   bel   clima   in   casa   nostra   non   solo   problemi,   nevrosi,   stress,   ansie,   alterchi   e liti. Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La miseria nella miseria
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Se   vivessimo   la   nostra   vita   in   modo   corretto, potremmo   capire   che   il   male   lo   si   evita   non   lo   si cura.   È   meglio   curare   una   malattia   o   evitarla? Quando   in   casa   vi   è   una   persona   gravemente malata,   il   dottore   che   deve   arrivare   avrebbe   più possibilità   di   salvarla   se   trovasse   una   strada   non accidentata   e   piena   di   ostacoli.   Quante   volte   la Madonna   prima   di   aiutarci   deve   fare   i   conti   con   la nostra    miseria    umana,    basata    solamente    su diatribe    e    alterchi?    Invece    di    appianare    le incomprensioni   della   vita,   le   rendiamo   ancora   più aspre    perché    vogliamo    difenderci.    Proviamo    a pensare    in    che    condizioni    invochiamo    Maria Santissima.   È   più   facile   per   lei   ottenere   la   grazia per   una   famiglia   che   ha   un   cuor   solo   e   un'anima sola,   dove   ci   si   vuole   veramente   bene,   dove   c'è   il santo   timor   di   Dio   e   un   unico   interesse   (anche   un unico   conto   corrente).   Ma   se   in   casa   c'è   solo miseria,   ci   si   detesta,   non   ci   si   sopporta   più   e   si vive    una    vita    contraria    all'altra,    come    può intervenire?      Ci   dà   fastidio   come   si   veste   il   nostro coniuge,   ci   stufa   appena   inizia   a   parlare,   tutto quello   che   fa   è   motivo   di   critica.   Ci   lamentiamo se   si   lava   troppo   o   poco,   se   è   sempre   a   casa   o fuori,   se   lavora   tanto   o   poco.   Anche   durante   i pasti     usiamo     telefonini     e     tablet     invece     di dialogare.     Quando     veniamo          meno     alla promessa   fatta   al   Signore   di   amarci   tutta   la vita,    automaticamente    viene    meno    la    sua alleanza,    ci   lascia   andare   per   conto   nostro.   Non è    il    Signore    che    dà    o    toglie,    siamo    noi    che dimostriamo    di    meritare    una    cosa    o    l'altra. Quando   usciamo   al   mattino   diamo   il   bacio   del buongiorno   al   nostro   coniuge   o   diamo   il   bacio dell'amicizia   al   primo   che   incontriamo?   Abbiamo il   desiderio   di   ritornare   nel   nido   che   ci   siamo creati   o   ci   dispiace   perché   stiamo   meglio   con altre   persone?   Siamo   costretti   a   stare   a   casa perché   così   possiamo   mangiare,   dormire,   stare comodi   sul   divano,   non   ci   serve   a   nient'altro? Tante   famiglie   sono   divise   sotto   lo   stesso   tetto,   si sopportano,   non   si   amano   e   non   fanno   nulla   per migliorare.      È      un'offesa      al      Signore.      Ci complimentiamo   a   vicenda?   Senza   l'amore   non   si può   essere   uniti,   si   diventa   polemici,   rabbiosi,   si mangia   nervosamente.   Cerchiamo   di   riordinare   il disordine   che   abbiamo   creato.   I   figli   crescono   in base    all'aria    che    respirano    in    casa,    se    non trattano   con   il   dovuto   rispetto   i   genitori   è perché    marito    e    moglie    non    sono    stati maestri       nel       trattarsi       bene.        È       una conseguenza.     Che     aria     respirano     quando     i genitori     sono     insofferenti     e     si     comportano freddamente?   Dopo   aver   litigato   con   il   coniuge, tutto   quello   che   sappiamo   dire   ai   figli   è:   " Hai fatto   i   compiti,   hai   messo   il   pigiama,   ti   sei   lavato i    denti”...    Non    lamentiamoci    se    a    quindici    o vent'anni   hanno   dei   problemi.   Che   bello   quando ci   si   chiede   scusa:   "Ho   sbagliato,   possiamo recuperare?    Mi    dispiace    perché    non    ho voluto   farti   felice   come   avrei   potuto".    Questa è   la   scuola   di   vita   per   i   figli,   non   le   lezioni   sul preservativo   e   sulla   pillola   a   12   anni.   Vogliamo sacrificarci   per   la   famiglia   o   vogliamo   la   libertà   di fare    quello    che    vogliamo?    Una    volta    il    corso prematrimoniale   ce   lo   facevano   i   genitori   con   due parole:    “State    attenti    a    sposarvi    che    poi    non tornate    più    indietro    a    vivere    con    noi”.    Oggi invece   i   figli   hanno   sempre   ragione,   sono   gli   altri che   sbagliano.   È   una   linea   ambigua,   guardiamo in   faccia   la   realtà   perché   poi   pagheremo   tutti   le conseguenze.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   si   sente   a proprio   agio   quando   è   perseguitato   e   criticato perché   sa      disintegrare   il   male,   non   è   polemico, non   replica.   Per   lui   la   cosa   più   bella   è   accettare l'ingiustizia     e     si     sente     quasi     indegno     di perdonare.   Se   è   possibile   fare   tanto   male,   perché non   si   può   fare   un   po'   di   bene?   La   Madonna potrebbe      concedere      di      più      se      vedesse collaborazione   e   disponibilità   da   parte   nostra,   più armonia   familiare.   Abbiamo   creato   i   presupposti della    divisione    e    poi    ci    lamentiamo    quando questa    ha    preso    consistenza.    Aiutiamo    Maria Santissima    ad    aiutarci,    smettiamola    di    essere opportunisti,   chiediamo   di   cambiare   noi   stessi, non   gli   altri.   Chi   si   sposa   senza   sentimento   è   un disgraziato,   perché   rovina   non   solo   la   vita   del coniuge   ma   anche   quella   dei   propri   figli.   Il   vero male   della   famiglia   è   la   mancanza   d'amore.   Ci   si separa    quando    si    tira    troppo    la    corda,    poi succede   che   i   suoceri   si   scontrano   tra   di   loro, sostenendo   i   propri   figli   e   parlando   male   ai   nipoti del   papà   o   della   mamma.   Ricordiamoci   che   un bambino   di   5   o   6   anni   ragiona   e   capisce   molto, soffre    tanto    quanto    i    genitori    non    sono    uniti. Anche   nelle   convivenze   c'è   un   velo   di   tristezza, non    si    ha    il    completamento    dell'amore    come nelle   famiglie   costruite   davanti   al   Signore.   Come si    può    dire:    “Io    sto    meglio    con    quell'altra persona”?     Non    è    l'altro    che    ci    fa    stare    bene, siamo    noi    che    lo    desideriamo    più    del    nostro coniuge.   È   inutile   dire   che   abbiamo   pregato   tanto e   non   abbiamo   ottenuto   niente.   Come   viviamo? Facciamo    le    cose    perché    siamo    costretti,    per rispetto   umano   o   per   amore?   Togliete   tutto   ciò che    mi    impedisce    di    realizzare    quello    che    io desidero     offrirv i:     se     Maria     Santissima     ci concedesse    il    suo    aiuto    in    certe    condizioni, finiremmo   per   peggiorare   la   nostra   situazione. Anche   in   vacanza   non   ci   andiamo   più   con   quella gioia   immensa,   ma   solo   per   accontentare   i   figli. Stiamo         clamorosamente         scivolando, fermiamoci!        La    Madonna    darà    aiuto    alle famiglie    che    eroicamente    e    coraggiosamente, nonostante   mille   prove,   sono   unite,   indissolubili. Creiamo   un   bel   clima   in   casa   nostra   non   solo problemi, nevrosi, stress, ansie, alterchi e liti.   Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                                                                                                                                              La miseria nella miseria               
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile