Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
La   Madonna   desidera   che   abbiamo   a   conoscere   la   verità,   perché   se   non   la   conosciamo   ci   comportiamo   “per   abitudine”   in tutte   le   cose   della   nostra   vita,   nel   lavoro,   nella   società,   in   chiesa   e   possiamo   commettere   errori   che   ci   penalizzano. Innanzitutto   il   modo   migliore   di   parlare   del   Signore   è   di   non   parlare,   perché   in   generale,   quando   ne   parliamo   non abbelliamo   la   sua   immagine.   Quando   diciamo   il   nostro   punto   di   vista   inneschiamo   delle   discussioni:   ma   è   giusto innescare   discussioni   in   nome   di   Dio   come   se   sapessimo   la   verità?   Anche   se   lo   immaginiamo   e   abbiamo   alle   spalle   una cultura,   nessuno   di   noi   conosce   Dio   nella   sua   grandezza   e   nella   sua   profondità   perché   le   nostre   conoscenze   sono limitate.   Se   vogliamo   essere   obiettivi   e   non   commettere   l'errore   che   ogni   popolo   ha   commesso,   dobbiamo   stare   molto attenti   e   pensare   se,   al   di   là   delle   nostre   deduzioni,   il   nostro   intervento   favorisce   l'immagine   del   Signore   o   la   sfavorisce. Poi   dobbiamo   essere   consapevoli   che   colui   che   desidera   e   merita   di   essere   il   nostro   maestro   è   lo   Spirito   Santo,   l'unico rivelatore   della   verità.   Per   dare   spazio   alla   sua   azione   potente   e   misteriosa   dobbiamo   vivere   nel   mondo   ma   fuori   dal mondo,   facendo   in   primis   l'esperienza   del   silenzio.   Più   faremo   l'esperienza   del   silenzio   e   più   sarà   lo   Spirito   Santo   che parlerà   in   noi,   così   come   ha   parlato   ai   grandi   profeti   quando   vennero   chiamati   nel   deserto,   fuori   da   ogni   rumore   e   da ogni   logica.   Le   cose   di   Dio   funzionano   in   modo   diverso   da   come   ce   le   siamo   sempre   immaginate,   non   sono   basate   sulla ragione.   Quando   conosceremo   il   Signore   non   avremo   più   il   coraggio   di   parlare   come   parla   il   popolino,   perché   capiremo   di aver   creato   tanta   confusione   in   buona   fede;   ci   sentiremo   talmente   indegni   che   vorremo   sparire   dalla   faccia   della   terra. Questo   accade   a   chi   si   avvicina   alla   verità.   Imitiamo   la   Madonna,   colei   che   ha   avuto   l'esperienza   più   meravigliosa,   che non   è   mai   andata   nelle   piazze   a   convincere   qualcuno,   non   è   mai   andata   a   creare   dei   proclami:   si   è   chiusa   nella   sua meditazione e nel suo silenzio e ha fatto come meglio non poteva fare, realizzando la sua promessa al Padre.   CREDENTE = MISCREDENTE?  Col   Signore   non   c'è   da   discutere:   o   crediamo   o   non   crediamo;   la   nostra   mente   è   così   contorta   che   riesce   persino   a mettere   in   dubbio   tutto   e   ci   lascia   al   nostro   destino   senza   rendercene   conto.   Se   non   crediamo   che   il   Signore   sa   tutto di   noi,       anche   ciò   di   cui   avremo   bisogno   fino   all'ultimo   giorno   della   nostra   vita,   incredibilmente   e   tristemente diventiamo   cristiani   miscredenti.    Noi   pensiamo   che   i   miscredenti   siano   coloro   che   rifiutano   Dio,   ma   se   non   crediamo in   Dio   noi   che   professiamo   la   sua   parola,   siamo   i   peggiori   miscredenti.   Gli   atei   hanno   preso   una   decisione   più   coraggiosa, mentre   noi   che   conosciamo   la   legge,   se   non   ci   comportiamo   di   conseguenza,   sarebbe   meglio   che   fossimo   in   una condizione   diversa   da   quella   che   pensiamo   di   essere.   Non   rispettare   quello   che   si   conosce   significa   essere   miscredenti, vuol   dire   non   credere.   Non   addolciamo   la   pillola   per   giustificarci,   dobbiamo   essere   severi   e   precisi   con   noi   stessi   per capire   che   involontariamente   stiamo   commettendo   tanti   errori   per   colpa   del   nostro   orgoglio   e   della   nostra   ragione. Facciamo   un   cammino   di   liberazione   da   tanti   impedimenti   e   da   tanti   muri   che   ci   siamo   costruiti   attraverso   abitudini, concessioni e ragionamenti sbagliati, pur pregando e andando in chiesa.    LA MADONNA HA BISOGNO DI NOI  La   Madonna   per   potere   operare   nel   mondo   ha   bisogno   dell'uomo   del   mondo.   Non   ha   bisogno   di   apparire   per   concedere   le grazie   o   i   miracoli,   può   farlo   anche   stando   in   cielo;   se   appare   è   perché   vuole   svegliarci   e   farci   ragionare,   non   per emozionarci   o   per   farci   innescare   discussioni   inutili.   Per   abitudine   ci   rivolgiamo   alla   Madonna   nel   momento   del bisogno,   ma   mai   pensavamo   che   era   Lei,   che   tutto   può,   ad   aver   bisogno   di   noi.    Se   non   fosse   così   non chiederebbe   con   insistenza   la   preghiera,   perché   il   Signore   le   concede   la   possibilità   di   elargire   le   grazie   in   base   al   nostro comportamento:   ha   bisogno   che   noi   forniamo   i   due   pani   e   i   due   pesci   per   poterli   moltiplicare   all'infinito.   Da   secoli   la Madonna   si   aspetta   la   nostra   collaborazione   per   avere   il   trionfo   sul   male,   ecco   perché   ci   chiede   di   decidere   da   che   parte stare.   Non   vuole   che   cambiamo   in   un   modo   esagerato   e   violento   le   nostre   abitudini,   perché   perderemmo   il   senso   della misura   e   dell'equilibrio;   desidera   però   che   abbiamo   capire   le   cose   e   ci   dà   anche   il   tempo   per   modificare   con   l’aiuto   del Signore.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
E' meglio non parlare del Signore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
La   Madonna   desidera   che   abbiamo   a   conoscere   la verità,     perché     se     non     la     conosciamo     ci comportiamo    “per    abitudine”    in    tutte    le    cose della    nostra    vita,    nel    lavoro,    nella    società,    in chiesa    e    possiamo    commettere    errori    che    ci penalizzano.   Innanzitutto   il   modo   migliore   di parlare   del   Signore   è   di   non   parlare,   perché in   generale,   quando   ne   parliamo   non   abbelliamo la   sua   immagine.   Quando   diciamo   il   nostro   punto di    vista    inneschiamo    delle    discussioni:    ma    è giusto   innescare   discussioni   in   nome   di   Dio   come se   sapessimo   la   verità?   Anche   se   lo   immaginiamo e   abbiamo   alle   spalle   una   cultura,   nessuno   di   noi conosce    Dio    nella    sua    grandezza    e    nella    sua profondità    perché    le    nostre    conoscenze    sono limitate.    Se    vogliamo    essere    obiettivi    e    non commettere     l'errore     che     ogni     popolo     ha commesso,    dobbiamo    stare    molto    attenti    e pensare   se,   al   di   là   delle   nostre   deduzioni,   il nostro     intervento     favorisce     l'immagine     del Signore    o    la    sfavorisce.    Poi    dobbiamo    essere consapevoli   che   colui   che   desidera   e   merita   di essere    il    nostro    maestro    è    lo    Spirito    Santo, l'unico   rivelatore   della   verità.   Per   dare   spazio   alla sua   azione   potente   e   misteriosa   dobbiamo   vivere nel   mondo   ma   fuori   dal   mondo,   facendo   in   primis l'esperienza      del      silenzio.      Più      faremo l'esperienza    del    silenzio    e    più    sarà    lo    Spirito Santo   che   parlerà   in   noi,   così   come   ha   parlato   ai grandi    profeti    quando    vennero    chiamati    nel deserto,   fuori   da   ogni   rumore   e   da   ogni   logica.   Le cose   di   Dio   funzionano   in   modo   diverso   da   come ce    le    siamo    sempre    immaginate,    non    sono basate    sulla    ragione.    Quando    conosceremo    il Signore   non   avremo   più   il   coraggio   di   parlare come   parla   il   popolino,   perché   capiremo   di   aver creato     tanta     confusione     in     buona     fede;     ci sentiremo   talmente   indegni   che   vorremo   sparire dalla   faccia   della   terra.   Questo   accade   a   chi   si avvicina   alla   verità.   Imitiamo   la   Madonna,   colei che   ha   avuto   l'esperienza   più   meravigliosa,   che non    è    mai    andata    nelle    piazze    a    convincere qualcuno,    non    è    mai    andata    a    creare    dei proclami:   si   è   chiusa   nella   sua   meditazione   e   nel suo   silenzio   e   ha   fatto   come   meglio   non   poteva fare, realizzando la sua promessa al Padre.   CREDENTE = MISCREDENTE?  Col   Signore   non   c'è   da   discutere:   o   crediamo   o non   crediamo;   la   nostra   mente   è   così   contorta che   riesce   persino   a   mettere   in   dubbio   tutto   e   ci lascia   al   nostro   destino   senza   rendercene   conto. Se   non   crediamo   che   il   Signore   sa   tutto   di noi,         anche    ciò    di    cui    avremo    bisogno    fino all'ultimo        giorno        della        nostra        vita, incredibilmente    e    tristemente    diventiamo cristiani    miscredenti.     Noi    pensiamo    che    i miscredenti   siano   coloro   che   rifiutano   Dio,   ma   se non   crediamo   in   Dio   noi   che   professiamo   la   sua parola,    siamo    i    peggiori    miscredenti.    Gli    atei hanno     preso     una     decisione     più     coraggiosa, mentre   noi   che   conosciamo   la   legge,   se   non   ci comportiamo    di    conseguenza,    sarebbe    meglio che   fossimo   in   una   condizione   diversa   da   quella che   pensiamo   di   essere.   Non   rispettare   quello che   si   conosce   significa   essere   miscredenti,   vuol dire   non   credere.   Non   addolciamo   la   pillola   per giustificarci,   dobbiamo   essere   severi   e   precisi   con noi    stessi    per    capire    che    involontariamente stiamo   commettendo   tanti   errori   per   colpa   del nostro   orgoglio   e   della   nostra   ragione.   Facciamo un   cammino   di   liberazione   da   tanti   impedimenti   e da   tanti   muri   che   ci   siamo   costruiti   attraverso abitudini,    concessioni    e    ragionamenti    sbagliati, pur pregando e andando in chiesa.    LA MADONNA HA BISOGNO DI NOI  La   Madonna   per   potere   operare   nel   mondo   ha bisogno   dell'uomo   del   mondo.   Non   ha   bisogno   di apparire   per   concedere   le   grazie   o   i   miracoli,   può farlo   anche   stando   in   cielo;   se   appare   è   perché vuole    svegliarci    e    farci    ragionare,    non    per emozionarci    o    per    farci    innescare    discussioni inutili.     Per     abitudine     ci     rivolgiamo     alla Madonna   nel   momento   del   bisogno,   ma   mai pensavamo   che   era   Lei,   che   tutto   può,   ad aver   bisogno   di   noi.    Se   non   fosse   così   non chiederebbe   con   insistenza   la   preghiera,   perché   il Signore   le   concede   la   possibilità   di   elargire   le grazie    in    base    al    nostro    comportamento:    ha bisogno   che   noi   forniamo   i   due   pani   e   i   due   pesci per   poterli   moltiplicare   all'infinito.   Da   secoli   la Madonna   si   aspetta   la   nostra   collaborazione   per avere   il   trionfo   sul   male,   ecco   perché   ci   chiede   di decidere    da    che    parte    stare.    Non    vuole    che cambiamo   in   un   modo   esagerato   e   violento   le nostre    abitudini,    perché    perderemmo    il    senso della   misura   e   dell'equilibrio;   desidera   però   che abbiamo   capire   le   cose   e   ci   dà   anche   il   tempo   per modificare con l’aiuto del Signore.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile