Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Il   modo   migliore   per   arrivare   al   Signore   ed   ottenere   il   massimo   che   ci   è   consentito,   è   quello   di   seguire   la   strada   che   lui ha   tracciato   per   noi   attraverso   la   guida   di   Maria   Santissima.   Noi   abbiamo   un   potere   molto   grande   per   cambiare   il   mondo che   non   dipende   solo   dalle   nostre   preghiere,   ma   da   come   gestiamo   il   nostro   libero   arbitrio.   Dunque,   per   poter   esercitare il   nostro   potere,   dobbiamo   capire   cosa   significa   la   libertà,   il   libero   arbitrio   che   il   Signore   ci   ha   dato   per   conoscere   la verità   e   non   da   usare   solamente   nel   modo   in   cui   ci   fa   più   comodo.   Noi   pensiamo   che   tutto   il   male   e   le   cose   sbagliate   del mondo   le   debba   sistemare   il   Signore,   quando   invece   basta   un   uomo   giusto   per   sconvolgere   una   nazione   come   ha   fatto madre   Teresa   di   Calcutta.   La   Madonna   come   una   madre   amorevole   non   perde   mai   la   pazienza,   accetta   anche   il   lato peggiore   della   nostra   vita,   che   più   offende   la   nostra   anima,   perché   sa   che   un   giorno   quella   cosa   che   ci   può condannare   può   diventare   la   nostra   migliore   virtù   se   cambiamo   abitudini   di   vita.    Chi   ha   una   dipendenza   da   un certo   vizio   e   riesce   con   bontà   a   resistere   pur   avendo   la   tentazione   (magari   con   il   sostegno   della   confessione,   della preghiera   e   dell’eucarestia),   può   salvare   una   vita   e   aiuta   Maria   Santissima   a   vincere   ogni   sorta   di   male   nel   mondo.   Però non   dobbiamo   classificare   le   nostre   dipendenze   e   i   nostri   vizi   perché,   pur   essendo   diversi,   davanti   a   Dio   potrebbero essere   tutti   uguali.   E   chi   pensa   di   essere   vizioso   può   avere   più   pregi   di   chi   pensa   di   avere   tante   virtù.   La   nostra   è   una misera   capacità   di   capire   che   non   ci   permette   di   comprendere   l’esatta   verità;   meglio   quindi   evitare   lunghe   ed   estenuanti discussioni   per   spiegare   agli   altri   le   nostre   emozioni   e   le   nostre   esperienze,   tanto   sono   inutili   anche   davanti   alla Madonna.   Il   Signore   si   aspetta   da   noi   la   qualità,   non   la   quantità,   una   risposta   che   va   contro   le   nostre   abitudini   e   che   non ci   è   gradita;   potremmo   cambiare   le   sorti   della   nostra   Italia   e   dell'Europa,   perché   quei   due   pani   e   quei   due   pesci   stanno   a spiegare   che   Dio   è   nella   possibilità   di   intervenire   con   potenza   nella   nostra   realtà.   Le   nostre   preghiere   possono   avere   un valore   stupendo   che   può   trasformare   veramente   l'acqua   in   vino,   però   i   due   pani   e   i   due   pesci”    devono   venire   da   noi, come   sono   venuti   da   quel   bambino   per   poter   essere   moltiplicati   da   Gesù.   Abbiamo   facoltà   miracolose,   quando permettiamo   al   nostro   Creatore   di   operare   nuovi   miracoli.   Però   bisogna   essere   giusti   davanti   al   Signore,   non venditori   di   fumo   che   si   affidano   alle   proprie   parole.   Anzi   quelle   persone   che   la   sanno   lunga   davanti   al   popolino,   i ciarlatani,   sono   poco   gradite   a   Dio   perché   "nel   molto   parlare   non   manca   la   colpa" ;   non   saranno   mai   depositarie   della verità,   ma   persone   che   incantano   e   illustrano   con   le   parole.   Non   saranno   mai   “Figli   del   Silenzio”,    perché   lo   Spirito   Santo e   la   parola   di   Dio   entrano   nel   silenzio,   con   quel   “leggero   venticello”,   non   tra   clamori   e   squilli   di   tromba.   Possiamo   far trionfare   la   pace   e   la   giustizia,   però   dobbiamo   scontrarci   con   il   nostro   orgoglio   e   la   nostra   permalosità,   i   peggiori compagni   di   vita   che   ci   fanno   commettere   tanti   errori.   Dobbiamo   lavorare   su   noi   stessi,   non   sui   fatti   materiali   o   politici, per   avere   risposte   meravigliose   dal   Signore   e   vedere   realizzare   i   nostri   pensieri   gentili   verso   altre   persone.   Attenzione però:   si   possono   realizzare   anche   i   pensieri   negativi,   perché   come   c'è   il   Creatore   del   bene,   così   c'è   anche   il   depositario del   male   che   raccoglie   i   sentimenti   che   fuoriescono   da   noi.   È   certo   che   è   così,   la   Madonna   appare   per   suggerirci   queste verità,   per   informarci   e   istruirci.   Il   Signore   ci   dà   la   possibilità   di   essere   miracolosi   se   dimostreremo   umiltà   e   carità, sentendoci   sempre   indegni,   perché   saremo   giusti   quando   pensiamo   di   non   esserlo.   Ma   quante   volte   abbiamo   pregato   per le   persone   che   ci   sono   antipatiche?   Siamo   stati   ipnotizzati   dal   sindacalismo,   dalle   abitudini   controverse,   dalla   modernità, dalla   sensualità,   dalla   materia   e   non   ci   rendiamo   conto   qual   è   la   parte   che   dobbiamo   fare.   Dovremmo   desiderare   tutti   lo stesso   bene,   rinunciare   a   noi   stessi   e   alle   tentazioni.   Non   ci   costerebbe   niente   perchè   il   Signore   non   chiede   soldi   come fanno   i   maghi   e   i   fattucchieri;   chi   agisce   veramente   in   nome   di   Dio   lo   fa   gratuitamente   perché   gratuitamente   ha   ricevuto. Dobbiamo   avere   il   desiderio   che   la   Madonna   riesca   ad   esaudire   tutti   quelli   che   si   affidano   a   Lei   e   perché   ciò   avvenga siamo   importanti   noi,   ci   vuole   la   nostra   collaborazione,   altrimenti   non   potrebbe   farlo.   È   la   misura   che   Dio   ha   dato: l'uomo   vuole,   l'uomo   deve   dimostrare.   Quale   gioia   potremmo   avere   se   fossimo   iniziatori   di   una   salvezza,   di   un miracolo!   Ma   ci   rendiamo   conto   che   potremmo   salvare   una   vita?   Ecco   perché   dobbiamo   avere   quel   sentimento   di   carità, di   mansuetudine,   di   obbedienza   e   capire   che   noi   siamo   nessuno   quando   in   realtà   potremmo   essere   il   tutto   con   la benedizione del Signore. Il   miracolo   lo   portiamo   dentro   di   noi,   dove   andiamo   a   cercarlo?   Accettando   le   ingiustizie   possiamo   premiare   anche   chi non   lo   merita   e   i   primi   che   ne   beneficiano   sono   i   nostri   cari   in   Purgatorio.   Dunque   vogliamo   essere   gli   artefici   del miracolo   o   coloro   che   vogliono   usufruire   del   miracolo?   La   Madonna   ha   bisogno   di   essere   consolata   più   di   quello   che pensiamo   noi   perché   troppi   si   comportano   davanti   a   Lei   desiderando   solamente   e   non   chiedendosi   se   ha   bisogno   di qualcosa   da   parte   nostra.   Solo   i   santi   si   sono   preoccupati   di   questo   e   venivano   ricambiati   10.000   volte   tanto.   Non   ci dispiace   vedere   soffrire   una   madre   che   dovrebbe   solamente   gioire?   Che   figli   sensibili   siamo   se   non   ci   curiamo   dello   suo stato d'animo?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Gli iniziatori del miracolo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il    modo    migliore    per    arrivare    al    Signore    ed ottenere   il   massimo   che   ci   è   consentito,   è   quello di   seguire   la   strada   che   lui   ha   tracciato   per   noi attraverso    la    guida    di    Maria    Santissima.    Noi abbiamo   un   potere   molto   grande   per   cambiare   il mondo     che     non     dipende     solo     dalle     nostre preghiere,   ma   da   come   gestiamo   il   nostro   libero arbitrio.   Dunque,   per   poter   esercitare   il   nostro potere,   dobbiamo   capire   cosa   significa   la   libertà, il   libero   arbitrio   che   il   Signore   ci   ha   dato   per conoscere   la   verità   e   non   da   usare   solamente   nel modo   in   cui   ci   fa   più   comodo.   Noi   pensiamo   che tutto   il   male   e   le   cose   sbagliate   del   mondo   le debba   sistemare   il   Signore,   quando   invece   basta un    uomo    giusto    per    sconvolgere    una    nazione come    ha    fatto    madre    Teresa    di    Calcutta.    La Madonna   come   una   madre   amorevole   non   perde mai   la   pazienza,   accetta   anche   il   lato   peggiore della    nostra    vita,    che    più    offende    la    nostra anima,   perché   sa   che   un   giorno   quella   cosa   che ci   può   condannare   può   diventare   la   nostra migliore   virtù   se   cambiamo   abitudini   di   vita.   Chi   ha   una   dipendenza   da   un   certo   vizio   e   riesce con   bontà   a   resistere   pur   avendo   la   tentazione (magari   con   il   sostegno   della   confessione,   della preghiera   e   dell’eucarestia),   può   salvare   una   vita e   aiuta   Maria   Santissima   a   vincere   ogni   sorta   di male   nel   mondo.   Però   non   dobbiamo   classificare le   nostre   dipendenze   e   i   nostri   vizi   perché,   pur essendo   diversi,   davanti   a   Dio   potrebbero   essere tutti   uguali.   E   chi   pensa   di   essere   vizioso   può avere   più   pregi   di   chi   pensa   di   avere   tante   virtù. La   nostra   è   una   misera   capacità   di   capire   che non   ci   permette   di   comprendere   l’esatta   verità; meglio    quindi    evitare    lunghe    ed    estenuanti discussioni    per    spiegare    agli    altri    le    nostre emozioni    e    le    nostre    esperienze,    tanto    sono inutili   anche   davanti   alla   Madonna.   Il   Signore   si aspetta   da   noi   la   qualità,   non   la   quantità,   una risposta   che   va   contro   le   nostre   abitudini   e   che non   ci   è   gradita;   potremmo   cambiare   le   sorti della   nostra   Italia   e   dell'Europa,   perché   quei   due pani   e   quei   due   pesci   stanno   a   spiegare   che   Dio è   nella   possibilità   di   intervenire   con   potenza   nella nostra   realtà.   Le   nostre   preghiere   possono   avere un     valore     stupendo     che     può     trasformare veramente   l'acqua   in   vino,   però   i   due   pani   e   i due    pesci”     devono    venire    da    noi,    come    sono venuti     da     quel     bambino     per     poter     essere moltiplicati      da      Gesù.      Abbiamo      facoltà miracolose,   quando   permettiamo   al   nostro Creatore    di    operare    nuovi    miracoli.    Però bisogna    essere    giusti    davanti    al    Signore,    non venditori    di    fumo    che    si    affidano    alle    proprie parole.   Anzi   quelle   persone   che   la   sanno   lunga davanti    al    popolino,    i    ciarlatani,    sono    poco gradite    a    Dio    perché    "nel    molto    parlare    non manca   la   colpa" ;   non   saranno   mai   depositarie della     verità,     ma     persone     che     incantano     e illustrano   con   le   parole.   Non   saranno   mai   “Figli del   Silenzio”,    perché   lo   Spirito   Santo   e   la   parola di   Dio   entrano   nel   silenzio,   con   quel   “leggero venticello”,   non   tra   clamori   e   squilli   di   tromba. Possiamo   far   trionfare   la   pace   e   la   giustizia,   però dobbiamo   scontrarci   con   il   nostro   orgoglio   e   la nostra   permalosità,   i   peggiori   compagni   di   vita che   ci   fanno   commettere   tanti   errori.   Dobbiamo lavorare   su   noi   stessi,   non   sui   fatti   materiali   o politici,    per    avere    risposte    meravigliose    dal Signore    e    vedere    realizzare    i    nostri    pensieri gentili   verso   altre   persone.   Attenzione   però:   si possono    realizzare    anche    i    pensieri    negativi, perché   come   c'è   il   Creatore   del   bene,   così   c'è anche    il    depositario    del    male    che    raccoglie    i sentimenti   che   fuoriescono   da   noi.   È   certo   che   è così,   la   Madonna   appare   per   suggerirci   queste verità,   per   informarci   e   istruirci.   Il   Signore   ci   la       possibilità       di       essere       miracolosi       se dimostreremo   umiltà   e   carità,   sentendoci   sempre indegni,   perché   saremo   giusti   quando   pensiamo di   non   esserlo.   Ma   quante   volte   abbiamo   pregato per   le   persone   che   ci   sono   antipatiche?   Siamo stati   ipnotizzati   dal   sindacalismo,   dalle   abitudini controverse,    dalla    modernità,    dalla    sensualità, dalla   materia   e   non   ci   rendiamo   conto   qual   è   la parte   che   dobbiamo   fare.   Dovremmo   desiderare tutti   lo   stesso   bene,   rinunciare   a   noi   stessi   e   alle tentazioni.    Non    ci    costerebbe    niente    perchè    il Signore   non   chiede   soldi   come   fanno   i   maghi   e   i fattucchieri;   chi   agisce   veramente   in   nome   di   Dio lo    fa    gratuitamente    perché    gratuitamente    ha ricevuto.    Dobbiamo    avere    il    desiderio    che    la Madonna   riesca   ad   esaudire   tutti   quelli   che   si affidano    a    Lei    e    perché    ciò    avvenga    siamo importanti   noi,   ci   vuole   la   nostra   collaborazione, altrimenti   non   potrebbe   farlo.   È   la   misura   che Dio    ha    dato:    l'uomo    vuole,    l'uomo    deve dimostrare.    Quale    gioia    potremmo    avere    se fossimo   iniziatori   di   una   salvezza,   di   un   miracolo! Ma   ci   rendiamo   conto   che   potremmo   salvare   una vita?      Ecco      perché      dobbiamo      avere      quel sentimento     di     carità,     di     mansuetudine,     di obbedienza    e    capire    che    noi    siamo    nessuno quando   in   realtà   potremmo   essere   il   tutto   con   la benedizione del Signore.   Il   miracolo   lo   portiamo   dentro   di   noi,   dove andiamo      a      cercarlo?      Accettando      le ingiustizie    possiamo    premiare    anche    chi non   lo   merita   e   i   primi   che   ne   beneficiano sono    i    nostri    cari    in    Purgatorio.    Dunque vogliamo   essere   gli   artefici   del   miracolo   o coloro   che   vogliono   usufruire   del   miracolo? La   Madonna   ha   bisogno   di   essere   consolata più    di    quello    che    pensiamo    noi    perché troppi     si     comportano     davanti     a     Lei desiderando   solamente   e   non   chiedendosi se   ha   bisogno   di   qualcosa   da   parte   nostra. Solo   i   santi   si   sono   preoccupati   di   questo   e venivano   ricambiati   10.000   volte   tanto.   Non ci   dispiace   vedere   soffrire   una   madre   che dovrebbe     solamente     gioire?     Che     figli sensibili   siamo   se   non   ci   curiamo   dello   suo stato d'animo?

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile