Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Il   destino   non   è   fatalità,   ma   un   disegno   che   il   nostro   Creatore   ha   già   preparato   per   noi,   al   quale   non   dobbiamo   porre resistenza.   Da   quando   ha   progettato   il   mondo,   il   Signore   ha   già   pensato   a   tutto   quello   che   doveva   essere   fino   all'ultimo giorno   e   ha   stabilito   i   luoghi   dove   devono   avvenire   certe   manifestazioni   soprannaturali. Da   millenni   sapeva   quello   che   doveva   avvenire   sul   monte   Misma   e   lo   testimoniano alcuni   segni   come   il   sasso   che   sostiene   la   cappelletta   col   volto   di   Gesù   (chi   l’ha   messo lì?)   e   come   la   via   dei   Santi,      realizzata   addirittura   partendo   dall'alto   e   non   dal   basso. Dobbiamo   essere   più   riverenti   verso   i   luoghi   scelti   da   Dio   e   verso   la   Chiesa   che   il Signore   ha   pensato   in   un   modo   perfetto.   Perché   l'ultimo   arrivato   deve   imporre,   gestire e   mancare   di   riverenza?   Non   è   così   che   dobbiamo   comportarci   nei   luoghi   benedetti. Troppe   persone   entrano   nella   casa   del   Signore,   davanti   al   Santissimo   tabernacolo,   con una   irriverenza   stomachevole.   C'è   nel   nostro   cuore   il   sacro   timore   di   Dio   e   il   rispetto (che   non   è   paura)?      Non   solo   Dio   aveva   già   preordinato   tutto,   ma   aveva   dato   anche delle   regole   ben   precise   in   ogni   luogo,   che   nessuno   può   dissentire.   Roberto   non   sapeva che   il   20   gennaio   1988   sarebbe   arrivato   il   turno   del   Misma,   non   aveva   nessuna   cultura religiosa,   ma   ha   seguito   la   via   tracciata   per   lui   dal   Signore,   creando   la   base   su   quel monte,   per   essere   perfezionata   in   seguito.   Che   ne   sapeva   lui   di   cosa   significasse formare    una    famiglia    di    cristiani    autentici?    L'ha    capito    dopo...    Poi    è    venuta    la irriverenza   che   ha   impedito   e   ritardato   quel   progetto,   perché   il   male   sa   come   può   influire   in   questo   senso.   Lo   vediamo altresì   nelle   nostre   case,   nelle   nostre   famiglie   e   nelle   altissime   sfere   dell'autorità   della   Chiesa.   Cerchiamo   di   capire   il nostro   ruolo,   che   è   quello   di   ascoltare,   di   seguire.   Da   sempre   il   Signore   prende   una   persona   poco   credibile,   “che   non   sa né   leggere   e   né   scrivere”,   gli   dà   in   mano   un   timone,   gli   indica   la   rotta   e   questa   va   avanti.   È   da   intelligenti   avvicinarsi   a quello   strumento   e   dirgli:   "Tu   non   devi   andare   di   qui,   ma   di   lì"?   Non   sarebbe   meglio   stati   zitti?   Il   Misma   non   è un'invenzione   umana,   come   si   può   realizzare   un   progetto   simile   senza   la   grazia   di   Dio?   Sentiamoci   inadeguati   davanti   al Creatore   del   mondo   e   ai   suoi   progetti,   per   stimolarci   a   migliorare,   perché   in   campo   spirituale   più   si   cresce   e   più   si diventa piccoli, indegni. L’OPPORTUNITA’ DELL’INTELLIGENTE C’è   un   elemento   che   potrebbe   avere   il   valore   di   recitare   cento   rosari   contemporaneamente:   se   abbiamo   detto   qualcosa di   male   a   nostro   fratello,   andiamo   a   chiedergli   scusa.   Anche   se   ha   torto.   Se   non   accetta   il   nostro   gesto,   chiediamo   scusa al   nostro   cuore   e   alla   nostra   anima,   che   abbiamo   offeso   e   condannato   con   la   nostra   lingua,   facendo   inorridire   gli   angeli   e i   santi.   E’   un   gesto   dal   valore   immenso,   che   dobbiamo   sentire   dal   cuore,   non   farlo   con   freddezza.   Questo   non   vuol   dire che   non   dobbiamo   pregare,   perché   attraverso   la   preghiera   dimostriamo   il   nostro   amore   a   Dio   liberando   il   nostro   cuore, come   se   scrivessimo   una   lettera   d'amore   alla   persona   amata.   La   preghiera   non   va   dimostrata   in   piazza,   perché   allora non   è   libera.   Quando   uno   di   noi   va   umilmente   a   chiedere   scusa   perché   si   rende   conto   d'aver   detto   una   cosa   che   non doveva   dire,   fa’   gioire   il   Signore,   mentre   siamo   sgraditi   ai   sui   occhi   quando   diciamo   una   cosa   non   giusta   e   sgradevole. Sentiamoci   di   dover   soltanto   amare,   come   ci   chiede   il   Signore.   E’   questo   il   sentimento   che   ha   nel   cuore      Roberto   davanti alla   visione   di   Maria   Santissima,   tutto   il   resto   non   esiste   più.   Per   piacere   a   Dio   dobbiamo   avere   le   qualità   giuste,   che vanno   contro   il   nostro   orgoglio;   se   nel   nostro   cuore   abbiamo   una   diatriba   con   un'altra   persona,   è   opera   molto   gradita andare   a   chiedere   scusa.   Però   se   la   persona   direttamente   coinvolta   non   sa   niente,   cerchiamo   di   riparare   andando   verso quella   persona   con   cui   abbiamo   parlato   male,   altrimenti   rischiamo   di   creare   una   situazione   negativa.   Questo   gesto   vale un'infinità di preghiere, anzi diamo valore anche a quelle che abbiamo già recitato in passato.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L'irriverenza dell'ignorante
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Il   destino   non   è   fatalità,   ma   un   disegno   che   il nostro    Creatore    ha    già    preparato    per    noi,    al quale   non   dobbiamo   porre   resistenza.   Da   quando ha   progettato   il   mondo,   il   Signore   ha   già   pensato a   tutto   quello   che   doveva   essere   fino   all'ultimo giorno    e    ha    stabilito    i    luoghi    dove    devono avvenire   certe   manifestazioni   soprannaturali.   Da millenni   sapeva   quello   che   doveva   avvenire   sul monte    Misma    e    lo    testimoniano    alcuni    segni come   il   sasso   che   sostiene   la   cappelletta   col   volto di Gesù (chi l’ha messo lì?) e   come   la   via   dei   Santi,      realizzata   addirittura partendo    dall'alto    e    non    dal    basso.    Dobbiamo essere   più   riverenti   verso   i   luoghi   scelti   da   Dio   e verso   la   Chiesa   che   il   Signore   ha   pensato   in   un modo    perfetto.    Perché    l'ultimo    arrivato    deve imporre,   gestire   e   mancare   di   riverenza?   Non   è così     che     dobbiamo     comportarci     nei     luoghi benedetti.   Troppe   persone   entrano   nella   casa   del Signore,   davanti   al   Santissimo   tabernacolo,   con una    irriverenza    stomachevole.    C'è    nel    nostro cuore   il   sacro   timore   di   Dio   e   il   rispetto   (che   non è   paura)?      Non   solo   Dio   aveva   già   preordinato tutto,    ma    aveva    dato    anche    delle    regole    ben precise     in     ogni     luogo,     che     nessuno     può dissentire.   Roberto   non   sapeva   che   il   20   gennaio 1988   sarebbe   arrivato   il   turno   del   Misma,   non aveva   nessuna   cultura   religiosa,   ma   ha   seguito   la via   tracciata   per   lui   dal   Signore,   creando   la   base su    quel    monte,    per    essere    perfezionata    in seguito.   Che   ne   sapeva   lui   di   cosa   significasse formare   una   famiglia   di   cristiani   autentici?   L'ha capito   dopo...   Poi   è   venuta   la   irriverenza   che   ha impedito   e   ritardato   quel   progetto,   perché   il   male sa   come   può   influire   in   questo   senso.   Lo   vediamo altresì   nelle   nostre   case,   nelle   nostre   famiglie   e nelle    altissime    sfere    dell'autorità    della    Chiesa. Cerchiamo   di   capire   il   nostro   ruolo,   che   è   quello di   ascoltare,   di   seguire.   Da   sempre   il   Signore prende   una   persona   poco   credibile,   “che   non   sa né   leggere   e   né   scrivere”,   gli   dà   in   mano   un timone,   gli   indica   la   rotta   e   questa   va   avanti.   È da   intelligenti   avvicinarsi   a   quello   strumento   e dirgli:   "Tu   non   devi   andare   di   qui,   ma   di   lì"?   Non sarebbe    meglio    stati    zitti?    Il    Misma    non    è un'invenzione   umana,   come   si   può   realizzare   un progetto     simile     senza     la     grazia     di     Dio? Sentiamoci    inadeguati    davanti    al    Creatore    del mondo    e    ai    suoi    progetti,    per    stimolarci    a migliorare,    perché    in    campo    spirituale    più    si cresce e più si diventa piccoli, indegni. L’OPPORTUNITA’ DELL’INTELLIGENTE C’è   un   elemento   che   potrebbe   avere   il   valore   di recitare    cento    rosari    contemporaneamente:    se abbiamo   detto   qualcosa   di   male   a   nostro   fratello, andiamo   a   chiedergli   scusa.   Anche   se   ha   torto. Se   non   accetta   il   nostro   gesto,   chiediamo   scusa al   nostro   cuore   e   alla   nostra   anima,   che   abbiamo offeso    e    condannato    con    la    nostra    lingua, facendo   inorridire   gli   angeli   e   i   santi.   E’   un   gesto dal   valore   immenso,   che   dobbiamo   sentire   dal cuore,   non   farlo   con   freddezza.   Questo   non   vuol dire     che     non     dobbiamo     pregare,     perché attraverso    la    preghiera    dimostriamo    il    nostro amore   a   Dio   liberando   il   nostro   cuore,   come   se scrivessimo    una    lettera    d'amore    alla    persona amata.   La   preghiera   non   va   dimostrata   in   piazza, perché   allora   non   è   libera.   Quando   uno   di   noi   va umilmente    a    chiedere    scusa    perché    si    rende conto   d'aver   detto   una   cosa   che   non   doveva   dire, fa’   gioire   il   Signore,   mentre   siamo   sgraditi   ai   sui occhi    quando    diciamo    una    cosa    non    giusta    e sgradevole.   Sentiamoci   di   dover   soltanto   amare, come   ci   chiede   il   Signore.   E’   questo   il   sentimento che   ha   nel   cuore      Roberto   davanti   alla   visione   di Maria   Santissima,   tutto   il   resto   non   esiste   più. Per    piacere    a    Dio    dobbiamo    avere    le    qualità giuste,   che   vanno   contro   il   nostro   orgoglio;   se nel    nostro    cuore    abbiamo    una    diatriba    con un'altra   persona,   è   opera   molto   gradita   andare   a chiedere   scusa.   Però   se   la   persona   direttamente coinvolta   non   sa   niente,   cerchiamo   di   riparare andando   verso   quella   persona   con   cui   abbiamo parlato   male,   altrimenti   rischiamo   di   creare   una situazione   negativa.   Questo   gesto   vale   un'infinità di   preghiere,   anzi   diamo   valore   anche   a   quelle che abbiamo già recitato in passato.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                       L'irriverenza dell'ignorante
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile