Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
È   una   provocazione,   non   è   un'eresia,   ma   può   servire   per   un   esame   di   coscienza.   Non   è   un   invito   a   non   pregare,   ma      a dare   sostanza   alla   nostra   preghiera,   a   renderla   più   gradita   al   Signore   con   la   nostra   vita.   Nel   momento   in   cui   preghiamo si   apre   la   porta   del   cielo:   il   Signore   e   la   Madonna   sono   in   contatto   con   noi,   desiderano   trasmetterci   la   verità,   anche davanti   ad   un   mondo   così   disordinato.   E   lo   Spirito   Santo   scende,   sperando   che   all'ultimo   momento   qualcuno   si   ravveda, ma   poi   ritorna   in   cielo   senza   posarsi   su   di   noi,   perché   non   trova   il   terreno   fertile.      Il   problema   è   che   facciamo   l'esatto contrario   di   quello   che   il   Signore   ci   ha   insegnato.   Più   preghiamo   e   più   critichiamo   e   giudichiamo.    Che   strano   effetto che   ci   fa   la   preghiera,   invece   di   renderci   più   dolci   e   amorevoli,   ci   fa   diventare   più   duri   verso   gli   altri.   Vogliamo   imporre quello   che   abbiamo   conosciuto   noi,   con   violenza   e   con   prepotenza.   Ma   Gesù   non   si   è   imposto   all’umanità   con   proclami   e canti,   con   squilli   di   tromba”    o   con   cortei   che   ne   annunciavano   la   sua   venuta:   è   sceso   dal   cielo   con   tanta   dolcezza   e semplicità,   nel   silenzio,   nel   mistero…   Quando   mai   il   Signore   ci   ha   detto   di   andare   a   casa   e   di   imporre   la   nostra linea   con   violenza   agli   altri?      Accettiamo   i   nostri   cari   con   più   amore,   anche   nei   loro   errori.   È   sbagliato   obbligare   un familiare   a   cambiare   vita   e   difendere   a   tutti   i   costi   la   verità   che   stiamo   intravedendo.   Se   nostra   moglie   ci   dice:   "questa sera   voglio   andare   a   divertirmi",    nostro   malgrado   dobbiamo   assecondarla,   e   non   dire:   " no,   perché   stasera   devi   recitare   il rosario   con   me" .   Questa   è   violenza!   Portiamola   a   divertirsi,   che   il   giorno   dopo   dirà   rosario   con   noi.   Deve   essere   l’esempio di   una   vita   corretta   e   sobria   a   recuperare   gli   altri.   Se   già   in   una   famiglia   ci   sono   problemi,   almeno   noi   che   siamo   sul cammino   di   perfezione   e   di   purificazione,   dobbiamo   trasmettere   tutta   quella   bontà   che   il   Signore   ci   dice   trasmettere.   Lo ha   fatto   lui,   accettando   tutti   i   mangioni,   i   beoni   e   i   peccatori   che   incontrava   nella   sua   vita,   tranne   gli   ipocriti.    Non meravigliamoci   degli   errori   degli   altri,   perché   le   peggiori   offese   vengono   da   quelli   che   pensano   di   aver   fatto   il   proprio dovere,   solo   per   essere   entrati   in   chiesa.    Che   peccato   avere   questa   mentalità   così   distorta:   pensare   di   eliminare tutti   i   nostri   difetti   e   tutti   i   nostri   peccati   con   una   semplice   preghiera.    Siamo   illusi   dalle   nostre   preghiere,   perché il   Signore   e   la   Madonna   ci   dicono   di   pregare...   Ma   loro   ci   dicono   tante   altre   cose.   È   più   giusto   non   pregare   e   rispettare veramente   la   parola   del   Signore,   o   pregare   e   non   rispettare   la   legge   di   Dio?   Inginocchiamoci   davanti   al   Signore   e diciamo:   "Sono   così   misero   e   peccatore   che   non   sono   degno   neanche   di   pregare.   Vorrei   tanto   che   la   mia   preghiera   fosse genuina,   pulita,   giusta,   ma   non   lo   è   Signore.   Cosa   devo   fare?   Mi   dai   la   possibilità   di   pregarti   anche   nella   mia   indegnità?".      Questo   gesto   ha   un   valore   immenso   davanti   al   Signore,   il   quale   potrebbe   riconoscere   la   nostra   miseria   e   concederci   di pregare,   come   fece   per   il   pubblicano…   Ricordiamoci   che   Dio   aveva   detto   a   Mosè   di   togliersi   i   sandali   per   proseguire   sul Monte   Sinai;   ecco   perché   ci   dobbiamo   presentare   davanti   al   Signore,   prima   di   tutto   col   cuore   contrito   e   umiliato. Imitiamo   i   santi   che   più   si   avvicinavano   alla   santità   e   più   si   sentivano   indegni   e   peccatori.   Così   faremo   di   tutto   per diventare   meritevoli;   se   invece   pensiamo   che   pregare   ci   fa   diventare   giusti,   potremmo   essere   condannati   dal   nostro comportamento.  PERCHE’ ALTERIAMO IL CONTENUTO DELLA BIBBIA? Perché   quando   leggiamo   dalla   stessa   Bibbia   la   stessa   parola   di   Dio,   che   ha   per   tutti   lo   stesso   significato,   la   trasmettiamo ognuno   in   modo   differente?   Perché   siamo   così   diversi   l’uno   dall’altro?   Qui   c'è   qualcosa   che   non   va;      la   stessa   parola   ci   fa essere   in   contraddizione   tra   di   noi.   Le   persone   che   aderiscono   ad   altre   religioni   e   ad   altre   sette,   trasmettono   quei   valori tutti   allo   stesso   modo,   nella   stessa   misura,   non   sbagliano   di   una   virgola.   Noi   addirittura   ne   alteriamo   il   contenuto.   Quella identica   parola   che   leggiamo   nella   Bibbia,   deve   avere   per   tutti   lo   stesso   significato,   se   siamo   sostenuti   dallo   Spirito Santo;   poi   la   possiamo   trasmettere   in   base   alla   nostra   cultura,      al   nostro   carattere,   a   come   ci   esprimiamo.   Ma   non   deve cambiare   nella   sostanza,   perché   si   tratta   della   medesima      rivelazione,   tramandata   dagli   stessi   profeti   e   dagli   stessi apostoli.   Se   il   professore   ci   dà   un   tema   da   svolgere,   noi   dobbiamo   rimanere   nella   traccia,   non   possiamo   trattare   un   altro argomento.   Siamo   totalmente   sballati   che   non   ci   rendiamo   conto   di   non   essere   neanche   in   tema,   quando   si   tratta   di trasmettere   i   valori   cristiani.   Dovremmo   dare   tutti   lo   stesso   risultato,   è   un   fatto   matematico:   1   +   1   fa   2   e   invece   per   noi potrebbe   fare   11.   Non   riteniamoci   esclusi   da   questi   pericoli   solo   perché   preghiamo   e   abbiamo   la   corona   del   rosario   in mano!   Ecco   perché   Gesù   ha   detto:   ”non   chi   dice   Signore   Signore   entrerà   nel   regno   dei   cieli…,   le   prostitute   ci   passeranno avanti…,   io   non   ti   conosco...”.   Si   salvi   chi   può!   È   fuori   di   dubbio   che   la   preghiera   e   la   Santa   messa   devono   essere   il nostro   alimento   quotidiano,   è   evidente   la   grazia   e   la   forza   che   queste   verità   ci   donano.   Ma   chi   impedisce   a   noi   di ragionare   da   uomini,   di   vedere   la   negatività   e   gli   errori   che   ci   sono   tra   noi.   Se   fossimo   veri   osservanti   nella   parola   di   Dio, quando    leggiamo    "    alba",     non    dovremmo    riferire    che    è    "    il    tramonto",    perché    sono    due    significati    diversi.    Non dimostreremmo di essere fuori misura e confusi.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il miglior modo di pregare è non pregare
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  È   una   provocazione,   non   è   un'eresia,   ma   può servire   per   un   esame   di   coscienza.   Non   è   un invito   a   non   pregare,   ma      a   dare   sostanza   alla nostra    preghiera,    a    renderla    più    gradita    al Signore   con   la   nostra   vita.   Nel   momento   in   cui preghiamo   si   apre   la   porta   del   cielo:   il   Signore   e la   Madonna   sono   in   contatto   con   noi,   desiderano trasmetterci    la    verità,    anche    davanti    ad    un mondo    così    disordinato.    E    lo    Spirito    Santo scende,     sperando     che     all'ultimo     momento qualcuno   si   ravveda,   ma   poi   ritorna   in   cielo   senza posarsi   su   di   noi,   perché   non   trova   il   terreno fertile.        Il    problema    è    che    facciamo    l'esatto contrario   di   quello   che   il   Signore   ci   ha   insegnato. Più      preghiamo      e      più      critichiamo      e giudichiamo.     Che    strano    effetto    che    ci    fa    la preghiera,     invece     di     renderci     più     dolci     e amorevoli,   ci   fa   diventare   più   duri   verso   gli   altri. Vogliamo   imporre   quello   che   abbiamo   conosciuto noi,   con   violenza   e   con   prepotenza.   Ma   Gesù   non si   è   imposto   all’umanità   con   proclami   e   canti,   con squilli     di     tromba”      o     con     cortei     che     ne annunciavano   la   sua   venuta:   è   sceso   dal   cielo con   tanta   dolcezza   e   semplicità,   nel   silenzio,   nel mistero…   Quando   mai   il   Signore   ci   ha   detto di   andare   a   casa   e   di   imporre   la   nostra   linea con   violenza   agli   altri?      Accettiamo   i   nostri   cari con   più   amore,   anche   nei   loro   errori.   È   sbagliato obbligare     un     familiare     a     cambiare     vita     e difendere    a    tutti    i    costi    la    verità    che    stiamo intravedendo.   Se   nostra   moglie   ci   dice:   "questa sera   voglio   andare   a   divertirmi",    nostro   malgrado dobbiamo   assecondarla,   e   non   dire:   " no,   perché stasera   devi   recitare   il   rosario   con   me" .   Questa   è violenza!    Portiamola    a    divertirsi,    che    il    giorno dopo   dirà   rosario   con   noi.   Deve   essere   l’esempio di   una   vita   corretta   e   sobria   a   recuperare   gli   altri. Se   già   in   una   famiglia   ci   sono   problemi,   almeno noi   che   siamo   sul   cammino   di   perfezione   e   di purificazione,   dobbiamo   trasmettere   tutta   quella bontà   che   il   Signore   ci   dice   trasmettere.   Lo   ha fatto   lui,   accettando   tutti   i   mangioni,   i   beoni   e   i peccatori   che   incontrava   nella   sua   vita,   tranne gli   ipocriti.    Non   meravigliamoci   degli   errori   degli altri,   perché   le   peggiori   offese   vengono   da   quelli che   pensano   di   aver   fatto   il   proprio   dovere,   solo per   essere   entrati   in   chiesa.    Che   peccato   avere questa   mentalità   così   distorta:   pensare   di eliminare   tutti   i   nostri   difetti   e   tutti   i   nostri peccati   con   una   semplice   preghiera.    Siamo illusi   dalle   nostre   preghiere,   perché   il   Signore   e la   Madonna   ci   dicono   di   pregare...   Ma   loro   ci dicono   tante   altre   cose.   È   più   giusto   non   pregare e   rispettare   veramente   la   parola   del   Signore,   o pregare    e    non    rispettare    la    legge    di    Dio? Inginocchiamoci    davanti    al    Signore    e    diciamo: "Sono    così    misero    e    peccatore    che    non    sono degno   neanche   di   pregare.   Vorrei   tanto   che   la mia   preghiera   fosse   genuina,   pulita,   giusta,   ma non    lo    è    Signore.    Cosa    devo    fare?    Mi    dai    la possibilità      di      pregarti      anche      nella      mia indegnità?".       Questo   gesto   ha   un   valore   immenso davanti   al   Signore,   il   quale   potrebbe   riconoscere la   nostra   miseria   e   concederci   di   pregare,   come fece    per    il    pubblicano…    Ricordiamoci    che    Dio aveva    detto    a    Mosè    di    togliersi    i    sandali    per proseguire    sul    Monte    Sinai;    ecco    perché    ci dobbiamo   presentare   davanti   al   Signore,   prima di   tutto   col   cuore   contrito   e   umiliato.   Imitiamo   i santi   che   più   si   avvicinavano   alla   santità   e   più   si sentivano    indegni    e    peccatori.    Così    faremo    di tutto     per     diventare     meritevoli;     se     invece pensiamo    che    pregare    ci    fa    diventare    giusti, potremmo      essere      condannati      dal      nostro comportamento.  PERCHE’ ALTERIAMO IL CONTENUTO DELLA BIBBIA? Perché   quando   leggiamo   dalla   stessa   Bibbia   la stessa   parola   di   Dio,   che   ha   per   tutti   lo   stesso significato,    la    trasmettiamo    ognuno    in    modo differente?     Perché     siamo     così     diversi     l’uno dall’altro?   Qui   c'è   qualcosa   che   non   va;      la   stessa parola   ci   fa   essere   in   contraddizione   tra   di   noi.   Le persone   che   aderiscono   ad   altre   religioni   e   ad altre    sette,    trasmettono    quei    valori    tutti    allo stesso   modo,   nella   stessa   misura,   non   sbagliano di    una    virgola.    Noi    addirittura    ne    alteriamo    il contenuto.   Quella   identica   parola   che   leggiamo nella    Bibbia,    deve    avere    per    tutti    lo    stesso significato,    se    siamo    sostenuti    dallo    Spirito Santo;   poi   la   possiamo   trasmettere   in   base   alla nostra   cultura,      al   nostro   carattere,   a   come   ci esprimiamo.     Ma     non     deve     cambiare     nella sostanza,     perché     si     tratta     della     medesima       rivelazione,    tramandata    dagli    stessi    profeti    e dagli   stessi   apostoli.   Se   il   professore   ci   dà   un tema   da   svolgere,   noi   dobbiamo   rimanere   nella traccia,      non      possiamo      trattare      un      altro argomento.   Siamo   totalmente   sballati   che   non   ci rendiamo   conto   di   non   essere   neanche   in   tema, quando   si   tratta   di   trasmettere   i   valori   cristiani. Dovremmo   dare   tutti   lo   stesso   risultato,   è   un fatto   matematico:   1   +   1   fa   2   e   invece   per   noi potrebbe    fare    11.    Non    riteniamoci    esclusi    da questi   pericoli   solo   perché   preghiamo   e   abbiamo la   corona   del   rosario   in   mano!   Ecco   perché   Gesù ha   detto:   ”non   chi   dice   Signore   Signore   entrerà nel   regno   dei   cieli…,   le   prostitute   ci   passeranno avanti…,   io   non   ti   conosco...”.   Si   salvi   chi   può!   È fuori   di   dubbio   che   la   preghiera   e   la   Santa   messa devono   essere   il   nostro   alimento   quotidiano,   è evidente   la   grazia   e   la   forza   che   queste   verità   ci donano.   Ma   chi   impedisce   a   noi   di   ragionare   da uomini,   di   vedere   la   negatività   e   gli   errori   che   ci sono   tra   noi.   Se   fossimo   veri   osservanti   nella parola    di    Dio,    quando    leggiamo    "    alba",     non dovremmo   riferire   che   è   "   il   tramonto",   perché sono   due   significati   diversi.   Non   dimostreremmo di essere fuori misura e confusi.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile