Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Ricordiamoci   che   abbiamo   tanti   difetti   e   siamo   molto   incompleti   rispetto   a   come   dovremmo   essere,   ci   manca   sempre qualcosa.   In   realtà   noi   conosciamo   come   siamo,   quello   che   abbiamo   davanti,   come   dobbiamo   comportarci   e   ragionare, ma   non   abbiamo   conosciuto   come   Dio   ci   ha   ideati.    Dovremmo   essere   come   i   primi   cristiani   che   sono   partiti   nel nuovo   testamento,   perché   tra   noi   e   loro   c'è   una   grande   differenza,   c’è   un   abisso:   l’uomo   è   talmente   cambiato   che   i migliori   di   oggi   sono   i   peggiori   di   ieri!   Anche   se   sappiamo   la   Bibbia   a   memoria,   conosciamo   meglio   le   cose   negative   di quelle   positive.   Pensiamo   di   essere   meritevoli   solo   perché,   vedendo   come   va   il   mondo,   non   ci   comportiamo   come   si comportano   tanti;   in   realtà   anche   se   non   siamo   i   migliori   e   ci   impegniamo   ad   esserlo,   non   siamo   testimoni   autentici   della parola   di   ieri.   A   cosa   servono,   allora,   le   nostre   parole?   Di   generazione   in   generazione   invece   di   perfezionarci,   ci   siamo disorientati   nei   meandri   del   mondo   e   persi   nelle   infinite   praterie   che   vogliamo   percorrere.   Siamo   diventati   dei “teorici”   che   vogliono   realizzare   il   concetto   del   ragionamento   e   non   coloro   che   si   abbandonano   a   Dio   per fare   la   sua   volontà.    La   Madonna   ci   vuole   portare   alla   verità   della   realtà,   per   farci   conoscere   chi   siamo   e   chi   non dovremmo   essere,   per   realizzare,   col   nostro   impegno   e   per   quello   che   il   Signore   ci   permetterà   di   raggiungere,      la missione   per   cui   siamo   stati   creati.   Il   Signore   per   testimoniare   la   sua   legge   non   ha   bisogno   chissà   quante   persone;   in epoche   difficili   ha   avuto   bisogno   di   12   apostoli,   mentre   oggi,   con   la   possibilità   di   informazione   che   c'è,   chissà   dove potrebbero   arrivare   12   persone   giuste,   12   madre   Teresa   di   Calcutta   o   12   Padre   Pio...   Sarebbero   già   sufficienti   per sconvolgere   il   mondo!   La   potenza   di   Dio   sta   in   noi,   però   dobbiamo   cambiare   e   rinnovarci,   non   pensare   che   devono cambiare   gli   altri   solo   perché   abbiamo   pregato,   altrimenti   dimostriamo   di   essere   egoisti   e   superbi.   Ognuno   di   noi   ha   un margine   di   miglioramento   che   non   conosce,   che   dobbiamo   mettere   nelle   mani   della   Madonna   affinché   faccia   di   noi secondo   la   sua   volontà,   per   il   suo   progetto   e   il   suo   trionfo.   Decidiamoci   ad   essere   quel   piccolo   resto   per   conoscere   quel potenziale   (non   intellettuale)   che   non   pensiamo   di   avere   dentro   di   noi   e   che   non   è   gestibile   perché   viene   da   Dio. Chiediamoci   come   dovremmo   essere   davanti   al   Signore,    perché   noi   sappiamo   solo   quello   che   siamo   per   abitudine, per   come   il   mondo   ci   ha   costruiti,   non   come   siamo   stati   creati   da   Dio.   Magari   potremmo   avere   quell'aiuto   dallo   Spirito Santo che tanti di noi desiderano per diventare veramente figli e servi di Dio. GRANO O ZIZZANIA? Ci   vuole   istruzione   ed   educazione   spirituale   per   non   brancolare   nel   buio   mentale.   La   nostra   intelligenza   e   la   nostra conoscenza   è   molto   limitata   rispetto   a   quello   che,   attraverso   la   sua   sapienza,   il   Signore   intende   farci   conoscere   per diventare   suoi   discepoli.   Non   bisogna   seguire   i   saccenti,   chiunque   essi   siano;   s eguire   la   mente   dell'uomo,   è   deleterio e   distruttivo.   La   mente   dell'uomo   a   livello   spirituale   è   un   minuscolo   microbo   rispetto   all'universo   creato,   dunque   è   un nulla   e   ragiona   come   un   nulla.   Solo   lo   Spirito   Santo   ci   può   portare   a   quelle   conoscenze   e   a   quei   livelli   eccelsi   che   l'uomo sembra   voler   rifiutare,   perché   desidera   di   più   la   scienza,   la   matematica,   i   numeri,   ciò   che   gli   consente   di   ottenere   un risultato   immediato.   Siamo   stati   educati   ed   istruiti   a   difendere   le   nostre   azioni,   i   nostri   beni   e   le   ingiustizie   che   l'uomo   ci riserva   nel   cammino   della   vita.   Questo   abbiamo   insegnato   ai   nostri   figli,   non   abbiamo   insegnato   a   essere   umili   e   ad accettare   le   ingiustizie,   che   è   la   cosa   più   importante.   Ma   che   educatori   siamo?   Per   dargli   un   po’   di   benessere   gli   abbiamo tolto   la   gioia   di   vivere   e   la   grazia   di   Dio.   Senza   rendercene   conto   siamo   più   propensi   a   sostenere   quelli   che   ci garantiscono   un   aumento   di   pensione   o   una   diminuzione   di   tasse,   ma   non   quelli   che   ci   fanno   vivere   in   grazia   di   Dio.   Ci interessa    accumulare    qualcosa    di    più    in    terra    o    in    cielo?    Il    Signore    sa    queste    cose    ed    è    un'offesa    per    lui    un comportamento   come   questo,   è   un   abominio.   Che   pretese   abbiamo   di   avere   la   grazia   del   Signore   quando   in realtà   desideriamo   la   grazia   della   materia?    Proviamo   a   dir   di   no   se   siamo   capaci!   In   cuor   nostro   dobbiamo   avere   il desiderio   che   trionfi   la   verità   di   Dio   e   non   quella   dell’uomo,   così   saremo   esauditi.   Certo   non   dobbiamo   trascurare   le   cose materiali,   ma   non   mettiamole   al   di   sopra   di   tutto.   La   Madonna   intende   salvare   tutti,   buoni   e   cattivi,   e   per   non   creare danni   dobbiamo   far   si   che   la   zizzania   la   tolga   Dio   non   noi.   Altrimenti   dovremmo   iniziare   ad   eliminare   noi   stessi!   Chi   ha detto   se   siamo   grano   o   zizzania?   Crediamo   tutti   di   essere   grano,   e   se   fossimo   zizzania   pur   pregando,   pur   andando   a messa e pur ricevendo l'Eucaristia?     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
I migliori di oggi sono “i peggiori di ieri”
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Ricordiamoci   che   abbiamo   tanti   difetti   e   siamo molto    incompleti    rispetto    a    come    dovremmo essere,   ci   manca   sempre   qualcosa.   In   realtà   noi conosciamo    come    siamo,    quello    che    abbiamo davanti,      come      dobbiamo      comportarci      e ragionare,   ma   non   abbiamo   conosciuto   come Dio   ci   ha   ideati.    Dovremmo   essere   come   i   primi cristiani   che   sono   partiti   nel   nuovo   testamento, perché   tra   noi   e   loro   c'è   una   grande   differenza, c’è   un   abisso:   l’uomo   è   talmente   cambiato   che   i migliori   di   oggi   sono   i   peggiori   di   ieri!   Anche   se sappiamo    la    Bibbia    a    memoria,    conosciamo meglio    le    cose    negative    di    quelle    positive. Pensiamo     di     essere     meritevoli     solo     perché, vedendo   come   va   il   mondo,   non   ci   comportiamo come   si   comportano   tanti;   in   realtà   anche   se   non siamo   i   migliori   e   ci   impegniamo   ad   esserlo,   non siamo   testimoni   autentici   della   parola   di   ieri.   A cosa     servono,     allora,     le     nostre     parole?     Di generazione       in       generazione       invece       di perfezionarci,   ci   siamo   disorientati   nei   meandri del    mondo    e    persi    nelle    infinite    praterie    che vogliamo     percorrere.     Siamo     diventati     dei “teorici”   che   vogliono   realizzare   il   concetto del     ragionamento     e     non     coloro     che     si abbandonano   a   Dio   per   fare   la   sua   volontà.   La    Madonna    ci    vuole    portare    alla    verità    della realtà,   per   farci   conoscere   chi   siamo   e   chi   non dovremmo    essere,    per    realizzare,    col    nostro impegno   e   per   quello   che   il   Signore   ci   permetterà di   raggiungere,      la   missione   per   cui   siamo   stati creati.   Il   Signore   per   testimoniare   la   sua   legge non   ha   bisogno   chissà   quante   persone;   in   epoche difficili   ha   avuto   bisogno   di   12   apostoli,   mentre oggi,   con   la   possibilità   di   informazione   che   c'è, chissà    dove    potrebbero    arrivare    12    persone giuste,   12   madre   Teresa   di   Calcutta   o   12   Padre Pio...   Sarebbero   già   sufficienti   per   sconvolgere   il mondo!   La   potenza   di   Dio   sta   in   noi,   però dobbiamo    cambiare    e    rinnovarci,    non    pensare che     devono     cambiare     gli     altri     solo     perché abbiamo     pregato,     altrimenti     dimostriamo     di essere   egoisti   e   superbi.   Ognuno   di   noi   ha   un margine   di   miglioramento   che   non   conosce,   che dobbiamo    mettere    nelle    mani    della    Madonna affinché   faccia   di   noi   secondo   la   sua   volontà,   per il   suo   progetto   e   il   suo   trionfo.   Decidiamoci   ad essere    quel    piccolo    resto    per    conoscere    quel potenziale   (non   intellettuale)   che   non   pensiamo di    avere    dentro    di    noi    e    che    non    è    gestibile perché     viene     da     Dio.     Chiediamoci     come dovremmo   essere   davanti   al   Signore,    perché noi     sappiamo     solo     quello     che     siamo     per abitudine,   per   come   il   mondo   ci   ha   costruiti,   non come   siamo   stati   creati   da   Dio.   Magari   potremmo avere   quell'aiuto   dallo   Spirito   Santo   che   tanti   di noi   desiderano   per   diventare   veramente   figli   e servi di Dio. GRANO O ZIZZANIA? Ci   vuole   istruzione   ed   educazione   spirituale   per non    brancolare    nel    buio    mentale.    La    nostra intelligenza    e    la    nostra    conoscenza    è    molto limitata   rispetto   a   quello   che,   attraverso   la   sua sapienza,   il   Signore   intende   farci   conoscere   per diventare   suoi   discepoli.   Non   bisogna   seguire   i saccenti,   chiunque   essi   siano;   s eguire   la   mente dell'uomo,   è   deleterio   e   distruttivo.   La   mente dell'uomo    a    livello    spirituale    è    un    minuscolo microbo   rispetto   all'universo   creato,   dunque   è   un nulla   e   ragiona   come   un   nulla.   Solo   lo   Spirito Santo   ci   può   portare   a   quelle   conoscenze   e   a quei    livelli    eccelsi    che    l'uomo    sembra    voler rifiutare,   perché   desidera   di   più   la   scienza,   la matematica,   i   numeri,   ciò   che   gli   consente   di ottenere    un    risultato    immediato.    Siamo    stati educati   ed   istruiti   a   difendere   le   nostre   azioni,   i nostri   beni   e   le   ingiustizie   che   l'uomo   ci   riserva nel     cammino     della     vita.     Questo     abbiamo insegnato   ai   nostri   figli,   non   abbiamo   insegnato   a essere   umili   e   ad   accettare   le   ingiustizie,   che   è   la cosa   più   importante.   Ma   che   educatori   siamo? Per   dargli   un   po’   di   benessere   gli   abbiamo   tolto   la gioia    di    vivere    e    la    grazia    di    Dio.    Senza rendercene   conto   siamo   più   propensi   a   sostenere quelli     che     ci     garantiscono     un     aumento     di pensione   o   una   diminuzione   di   tasse,   ma   non quelli   che   ci   fanno   vivere   in   grazia   di   Dio.   Ci interessa   accumulare   qualcosa   di   più   in   terra   o   in cielo?   Il   Signore   sa   queste   cose   ed   è   un'offesa per   lui   un   comportamento   come   questo,   è   un abominio.   Che   pretese   abbiamo   di   avere   la grazia      del      Signore      quando      in      realtà desideriamo      la      grazia      della      materia?   Proviamo   a   dir   di   no   se   siamo   capaci!   In   cuor nostro   dobbiamo   avere   il   desiderio   che   trionfi   la verità   di   Dio   e   non   quella   dell’uomo,   così   saremo esauditi.   Certo   non   dobbiamo   trascurare   le   cose materiali,   ma   non   mettiamole   al   di   sopra   di   tutto. La   Madonna   intende   salvare   tutti,   buoni   e   cattivi, e   per   non   creare   danni   dobbiamo   far   si   che   la zizzania     la     tolga     Dio     non     noi.     Altrimenti dovremmo   iniziare   ad   eliminare   noi   stessi!   Chi   ha detto   se   siamo   grano   o   zizzania?   Crediamo   tutti di    essere    grano,    e    se    fossimo    zizzania    pur pregando,   pur   andando   a   messa   e   pur   ricevendo l'Eucaristia?    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                I migliori di oggi sono “i peggiori di ieri”
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile