Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Abbiamo   capito   quello   che   sta   succedendo   al   monte   Misma?   Non   è   certo   un   luogo   di   riserva   inventato   dal   Signore   perché non   sapeva   cosa   fare,   eppure   tante   persone   arrivano   su   questo   monte   parlando   di   altre   apparizioni.   A   cosa   serve frequentare   un   istituto   scolastico   e   parlare   di   un'altra   scuola?   Non   siamo   chiamati   a   diffondere   i   fatti   di   cronaca   e   i pettegolezzi   del   mondo,   ma   a   testimoniare   la   parola   di   Dio.   Come   possiamo   permetterci   di   sostituirci   o   addirittura   gestire Colui   che   ha   il   potere   di   creare   un   meraviglioso   giglio?   Lo   renderemmo   ridicolo.   Il   seme   nella   terra   a   contatto   con   l'acqua e   il   sole,   si   genera   e   si   sviluppa   perché   ha   vita.   Nella   migliore   delle   ipotesi   l'uomo   sa   solo   copiarlo   in   una   natura   morta, senza   profumo,   perché   non   ha   la   creatività   dell’autore   della   vita.   Come   possiamo   pensare   di   sostituirci   a   persone   che hanno   i   carismi   e   le   facoltà   enormi   di   Michelangelo   o   Leonardo?   Che   illusi,   renderemmo   ridicole   le   loro   opere!   Se andassimo   in   uno   stadio   e   ci   mettessero   al   posto   di   Maradona,   la   gente   sarebbe   inorridita,   perché   saremmo   privi   delle sue   doti   naturali   in   quella   disciplina.   La   nostra   facoltà   cristiana   è   in   serio   pericolo   perché   manchiamo   della   caratteristica indispensabile,   la   carità.   È   come   se   un   genio   venisse   privato   dell'inventiva.   Senza   la   carità   non   possiamo   parlare   di Dio,   saremmo   superficiali   e   creeremmo   danni   alla   nostra   fede.   La   differenza   che   c'è   tra   noi   e   il   cristiano   autentico   è   la carità:   chi   di   noi,   anche   solo   mentalmente,   sarebbe   disposto   a   dare   tutto   al   primo   che   incontriamo?   Abbiamo   avuto   mille occasioni   di   dare,   ma   siamo   stati   come   il   giovane   ricco   di   cui   si   parla   nel   Vangelo,   mentre   Gesù   non   ci   ha   pensato   due volte   a   dare   la   vita   per   noi.   Chi   ha   la   carità   nel   cuore   offre   quello   che   ha   senza   pensarci,   è   una   cosa   normalissima,   come per   Leonardo   costruire   un'opera.   Uno   che   si   sostituisce   a   un   genio   diventa   ridicolo   all'opinione   pubblica   e   uno che   parla   in   nome   di   Dio   senza   averne   le   caratteristiche,   rende   ridicolo   Dio.    Abbiamo   capito   cosa   vuol   dire essere   cristiani?   Gesù   aveva   lasciato   le   novantanove   pecore   nell'ovile   per   andare   a   cercare   la   pecorella   smarrita,   oggi   è   il contrario:   nell'ovile   è   rimasta   una   sola   pecora   e   novantanove   si   sono   smarrite   a   forza   di   imitare   e   di   commettere   un errore   dietro   l'altro.   Anzi,   quelle   pecore   rimaste   nell'ovile   si   chiedono   se   sono   nell'errore.   Senza   la   carità   nel   cuore   non proponiamoci,   altrimenti   diventiamo   apostati   testimoniando   il   contrario.   Chi   di   noi   può   illudersi   di   essere   san   Francesco? Lui   aveva   un   cuore   contrito   e   umiliato,   aveva   la   carità   dentro   di   sé,   non   esteriormente.   Meditiamo   prima   di   parlare perché   i   nostri   fiumi   di   parole   non   servono   a   niente   davanti   a   Colui   che   ha   il   potere   sull'universo   infinito.   Soltanto guardandoci   intorno   potremmo   capire   con   chi   abbiamo   a   che   fare   e   quale   rispetto   merita   da   parte   nostra,   che   siamo   il vero   miracolo   vivente   di   questa   forza   creativa.   Dovremmo   solo   inginocchiarci.   Smettiamola   di   creare   danno   al   Dio creatore,   di   blaterare   e   di   renderlo   superficiale.   Lui   desidera   solo   che   ci   amiamo.   In   un   mondo   così   materialista,   persone a   cui   non   manca   niente,   non   hanno   la   carità   con   nessuno.   Che   bello   se   fossimo   almeno   pronti   mentalmente   ad   offrire quello   che   possediamo,   senza   fare   tanti   ragionamenti!   La   base   miliare   della   nostra   formazione   è   la   carità,   perché vogliamo   illuderci   ed   illudere   gli   altri   con   la   preghiera?   Quando   pensiamo   male   e   dubitiamo   di   un   nostro   fratello   non abbiamo   la   carità   nel   cuore.   Siamo   diventati   apostati   non   apostoli,   perciò   siamo   in   regresso   in   una   misura   clamorosa, nonostante   le   preghiere.   Pur   essendoci   un   abisso   tra   un   genio   e   un   volgare   imitatore,   è   niente   rispetto   a   Colui   che   ha creato   il   meraviglioso   giglio.   Chi   conosce   Dio?   La   nostra   fede   è   ancora   più   difficile   e   immensa   di   una   grande opera   d'arte,   perché   abbiamo   la   possibilità   davanti   agli   occhi   del   mondo   di   unire   il   visibile   con   l'invisibile.    A cosa   servono   le   nostre   sensazioni   e   le   nostre   parole?   Non   sappiamo   quel   che   sta   avvenendo   al   monte   Misma   perché siamo   tutti   dei   volgari   imitatori   dei   nostri   pensieri   e   pensiamo   di   raggiungere   una   realtà   che   non   ci   compete.   Fintanto che   nessuno   ci   mette   alla   prova,   possiamo   immaginarci   di   essere   i   più   grandi   geni   sulla   terra,   ma   ci   illudiamo.   Non   ci preoccupa   che   la   fede   è   in   declino?   È   colpa   nostra   se   ci   siamo   smarriti.   Il   potenziale   che   dovrebbe   uscire   da   noi   come cristiani   è   fermo   e   anche   dopo   la   morte   non   rimane   traccia,   mentre   colui   che   obbedisce   alla   parola   di   Dio   lascia un’eredità    costruttiva    infinita,    che    supera    persino    quella    delle    opere    d'arte.    Il    Signore    non    viene    a    metterci    in competizione   con   le   emozioni,   ma   per   recuperare   tanti   suoi   figli   che   sono   morti   alla   fede.      Per   i   quali   Maria   Santissima   è in lutto.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Apostoli o apostati?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Abbiamo    capito    quello    che    sta    succedendo    al monte   Misma?   Non   è   certo   un   luogo   di   riserva inventato   dal   Signore   perché   non   sapeva   cosa fare,   eppure   tante   persone   arrivano   su   questo monte   parlando   di   altre   apparizioni.   A   cosa   serve frequentare    un    istituto    scolastico    e    parlare    di un'altra   scuola?   Non   siamo   chiamati   a   diffondere i   fatti   di   cronaca   e   i   pettegolezzi   del   mondo,   ma   a testimoniare   la   parola   di   Dio.   Come   possiamo permetterci    di    sostituirci    o    addirittura    gestire Colui   che   ha   il   potere   di   creare   un   meraviglioso giglio?    Lo    renderemmo    ridicolo.    Il    seme    nella terra   a   contatto   con   l'acqua   e   il   sole,   si   genera   e si   sviluppa   perché   ha   vita.   Nella   migliore   delle ipotesi    l'uomo    sa    solo    copiarlo    in    una    natura morta,     senza     profumo,     perché     non     ha     la creatività   dell’autore   della   vita.   Come   possiamo pensare    di    sostituirci    a    persone    che    hanno    i carismi    e    le    facoltà    enormi    di    Michelangelo    o Leonardo?   Che   illusi,   renderemmo   ridicole   le   loro opere!     Se     andassimo     in     uno     stadio     e     ci mettessero    al    posto    di    Maradona,    la    gente sarebbe   inorridita,   perché   saremmo   privi   delle sue   doti   naturali   in   quella   disciplina.   La   nostra facoltà    cristiana    è    in    serio    pericolo    perché manchiamo   della   caratteristica   indispensabile,   la carità.    È    come    se    un    genio    venisse    privato dell'inventiva.   Senza   la   carità   non   possiamo parlare      di      Dio,      saremmo      superficiali      e creeremmo   danni   alla   nostra   fede.   La   differenza che   c'è   tra   noi   e   il   cristiano   autentico   è   la   carità: chi    di    noi,    anche    solo    mentalmente,    sarebbe disposto   a   dare   tutto   al   primo   che   incontriamo? Abbiamo   avuto   mille   occasioni   di   dare,   ma   siamo stati   come   il   giovane   ricco   di   cui   si   parla   nel Vangelo,   mentre   Gesù   non   ci   ha   pensato   due volte   a   dare   la   vita   per   noi.   Chi   ha   la   carità   nel cuore   offre   quello   che   ha   senza   pensarci,   è   una cosa   normalissima,   come   per   Leonardo   costruire un'opera.   Uno   che   si   sostituisce   a   un   genio diventa   ridicolo   all'opinione   pubblica   e   uno che   parla   in   nome   di   Dio   senza   averne   le caratteristiche,   rende   ridicolo   Dio.    Abbiamo capito   cosa   vuol   dire   essere   cristiani?   Gesù   aveva lasciato    le    novantanove    pecore    nell'ovile    per andare   a   cercare   la   pecorella   smarrita,   oggi   è   il contrario:   nell'ovile   è   rimasta   una   sola   pecora   e novantanove   si   sono   smarrite   a   forza   di   imitare   e di    commettere    un    errore    dietro    l'altro.    Anzi, quelle   pecore   rimaste   nell'ovile   si   chiedono   se sono   nell'errore.   Senza   la   carità   nel   cuore   non proponiamoci,     altrimenti     diventiamo     apostati testimoniando   il   contrario.   Chi   di   noi   può   illudersi di    essere    san    Francesco?    Lui    aveva    un    cuore contrito   e   umiliato,   aveva   la   carità   dentro   di   sé, non   esteriormente.   Meditiamo   prima   di   parlare perché   i   nostri   fiumi   di   parole   non   servono   a niente     davanti     a     Colui     che     ha     il     potere sull'universo      infinito.      Soltanto      guardandoci intorno   potremmo   capire   con   chi   abbiamo   a   che fare   e   quale   rispetto   merita   da   parte   nostra,   che siamo   il   vero   miracolo   vivente   di   questa   forza creativa.       Dovremmo       solo       inginocchiarci. Smettiamola   di   creare   danno   al   Dio   creatore,   di blaterare   e   di   renderlo   superficiale.   Lui   desidera solo     che     ci     amiamo.     In     un     mondo     così materialista,   persone   a   cui   non   manca   niente, non   hanno   la   carità   con   nessuno.   Che   bello   se fossimo    almeno    pronti    mentalmente    ad    offrire quello     che     possediamo,     senza     fare     tanti ragionamenti!     La     base     miliare     della     nostra formazione   è   la   carità,   perché   vogliamo   illuderci ed    illudere    gli    altri    con    la    preghiera?    Quando pensiamo   male   e   dubitiamo   di   un   nostro   fratello non   abbiamo   la   carità   nel   cuore.   Siamo   diventati apostati   non   apostoli,   perciò   siamo   in   regresso   in una   misura   clamorosa,   nonostante   le   preghiere. Pur    essendoci    un    abisso    tra    un    genio    e    un volgare   imitatore,   è   niente   rispetto   a   Colui   che ha   creato   il   meraviglioso   giglio.   Chi   conosce   Dio? La    nostra    fede    è    ancora    più    difficile    e immensa   di   una   grande   opera   d'arte,   perché abbiamo   la   possibilità   davanti   agli   occhi   del mondo   di   unire   il   visibile   con   l'invisibile.    A cosa   servono   le   nostre   sensazioni   e   le   nostre parole?   Non   sappiamo   quel   che   sta   avvenendo   al monte    Misma    perché    siamo    tutti    dei    volgari imitatori    dei    nostri    pensieri    e    pensiamo    di raggiungere    una    realtà    che    non    ci    compete. Fintanto    che    nessuno    ci    mette    alla    prova, possiamo   immaginarci   di   essere   i   più   grandi   geni sulla   terra,   ma   ci   illudiamo.   Non   ci   preoccupa   che la   fede   è   in   declino?   È   colpa   nostra   se   ci   siamo smarriti.   Il   potenziale   che   dovrebbe   uscire   da   noi come   cristiani   è   fermo   e   anche   dopo   la   morte non   rimane   traccia,   mentre   colui   che   obbedisce alla    parola    di    Dio    lascia    un’eredità    costruttiva infinita,   che   supera   persino   quella   delle   opere d'arte.    Il    Signore    non    viene    a    metterci    in competizione   con   le   emozioni,   ma   per   recuperare tanti   suoi   figli   che   sono   morti   alla   fede.      Per   i quali Maria Santissima è in lutto.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                            Apostoli o apostati?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile