Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Chi   ci   ha   trasmesso   che   il   nostro   essere   cristiani   è   racchiuso   nell'ora   in   cui   andiamo   a   messa?   Chi   è   quel   regista   occulto che   ci   ha   fatto   vedere   l'esatto   contrario   della   nostra   coerenza?   Il   90%   dei   cristiani   pensa   di   fare   il   proprio   dovere   quando va   a   messa,   mentre,   a   nostra   insaputa,   è   un   privilegio   perché   siamo   invitati   dal   Signore   e   otteniamo   di   più   di   quello   che offriamo.   Sia   nel   vecchio   che   nel   nuovo   Testamento,   Dio   si   è   dato   tanto   da   fare   per   scegliersi   i   profeti   e   i   servi   per     trasmettere   la   sua   parola.   In   nessun   passaggio   ci   ha   detto   che   tutto   il   nostro   dovere   è   racchiuso   nell'ora   in   cui   andiamo a   messa,   ma   ci   ha   rivelato   una   qualità   e   una   caratteristica   che   la   maggior   parte   di   noi   non   ha.   Andare   a   messa   è   cosa buona,   ma   con   quale   spirito   ci   andiamo?   Il   Signore   non   l'ha   posto   sotto   il   profilo   del   nostro   dovere,   è   un   fatto   puramente personale.   Durante   la   santa   messa   Dio   si   dona   a   noi   nell’eucaristia   in   una   misura   così   grande,   che   la   nostra   ignoranza   ci impedisce   di   comprenderne   il   beneficio.   Perché   se   non   pensiamo   che   in   quel   momento   il   Signore   ci   dona   la   sua grazia,   noi   la   rifiutiamo,   anzi   pensiamo   addirittura   di   avanzarne,   di   fare   il   nostro   dovere   come   quando   andiamo   a lavorare   e   di   meritare   il   salario.   Ma   è   giusto   comportarsi   così?   È   giusto   non   conoscere   il   privilegio   di   essere   invitati   al banchetto   nuziale?   Nessuno   sa   quanto   tempo   Gesù   e   la   Madonna   hanno   passato   a   pregare   nel   tempio,   perché   non   ci sono   tracce   di   questo.   Allora   vuol   dire   che   non   è   quello   che   dobbiamo   immagazzinare.   Il   Signore   non   ci   ha   detto   in nessun   modo,   e   nemmeno   ce   l'ha   fatto   capire,   che   una   volta   andati   in   chiesa,   siamo   liberi   di   fare   quello   che   vogliamo. Perché   noi   lo   interpretiamo   così?   Anzi   se   andiamo   in   chiesa   tutti   i   giorni,   pensiamo   di   avere   ancora   più   libertà   di   azione di   chi   non   ci   va,   perché   pensiamo   di   aver   dato   quello   che   ci   è   stato   chiesto.   Chi   ci   ha   messo   in   testa   questa   falsa   verità? Invece   di   dimostrare   intelligenza   spirituale,   dimostriamo   ignoranza   spirituale.   Dio   è   venuto   a   rivelarci   uno   stile comportamentale   che   è   totalmente   fuori   dalla   funzione   religiosa,   che   fa   parte   della   vita   quotidiana.   Non   ci   ha   detto:   “per un'ora   adorami   e   per   23   ore   fa   quello   che   vuoi” .   Non   c'è   scritto   questo   sulla   Bibbia.   Chi   di   noi   si   sente   un   privilegiato quando   va   in   chiesa,   tanto   da   entrare   in   punta   di   piedi   come   se   si   entrasse   nel   salone   di   un   re?   Se   noi   fossimo   invitati dal   re   più   importante   del   mondo,   che   è   un   nulla   rispetto   a   Dio,   entreremmo   con   molta   preoccupazione   in   quella   sala,   con tanta   attenzione.   Perché   non   usiamo   gli   stessi   modi   gentili   quando   entriamo   nella   casa   del   Re   dei   re,   di   colui   che   muove tutte   le   armonie   del   cosmo?   Certo,   noi   dovremmo   rimanere   in   continuazione   nella   casa   del   Signore,   ma   dobbiamo rimanerci    con    lo    spirito    giusto,    sentendoci    dei    privilegiati.    Perché    appena    fuori    dalla    casa    del    Signore bestemmiamo,   dicendo   cose   contrarie   a   quello   che   la   santa   Chiesa   vuole   trasmetterci?   Questa   è   la   vera bestemmia!   Gli   ipocriti   sono   un   popolo   sgradito   a   Dio   e   noi   senza   rendercene   conto   siamo   né   più   né   meno   come   gli   scribi e   i   farisei,   anzi   ancor   peggio,   perché   loro   non   avevano   la   conoscenza   della   resurrezione   di   Gesù   e   gli   strumenti   di informazione   che   ci   sono   oggi.   E   il   Signore   ci   dirà:   “Tanto   ti   ho   dato   e   tanto   ti   chiederò” .   Gesù   merita   un   gruppo,   un movimento   di   persone,   che   dimostra   di   avere   capito   la   condizione   che   dobbiamo   rivelare.   Cerchiamo    di   non   pensare   a cose   emozionanti,   soprannaturali,   di   non   avere   il   delirio   dei   segni   come   hanno   certi   cristiani,    che   se   vedono   una foglia   che   si   muove   dicono   che   è   il   Signore.   Ci   vuole   più   concretezza,   più   fermezza,   più   considerazione,   più   umiltà.   Il Signore   ci   ha   formato   per   come   dobbiamo   comportarci   fuori   dal   tempio;   poi   quando   saremo   formati,   non   desidereremo altro   che   andare   nel   tempio   in   un   modo   puro   e   giusto.   Nel   vecchio   Testamento   abbiamo   visto   che   coloro   che   volevano offrire   sacrifici   non   graditi,   come   i   figli   di   Aronne,   Dio   li   ha   uccisi   perché   aveva   chiesto   loro   un   altro   comportamento. Questo   ci   fa   capire   che   il   Signore   non   accetta   sacrifici   e   olocausti,   ma   uno   spirito   contrito   e   umiliato.   Certo,   c'è   un comandamento   che   ci   dice   di   santificare   la   festa,   ma   non   dobbiamo   farlo   per   desiderare   una   retribuzione.   Il   nostro compito,   la   santificazione   della   messa   e   la   nostra   santificazione,   inizia   quando   usciamo   dalla   chiesa   e   deve   avvenire   nella gioia,   non   nella   fatica,   nella   tensione   o   nel   limite   di   sopportazione.   Nessuno   ci   impedisce   di   perfezionare   questo comandamento   e   di   meritarci   la   grazia   del   Signore,   anziché   pretenderla.   Dovremmo   essere   dispiaciuti   perché   per   anni non   abbiamo   capito   niente,   e   nello   stesso   tempo   esplodere   di   gioia   per   i   privilegi   che   abbiamo.   Invece   siamo   depressi, nevrotici,   tristi,   rassegnati,   quasi   fossimo   un   popolo   perdente   dove   hanno   la   meglio   i   malfattori.   Possiamo   capire   che oggi   il   Signore   si   è   ritirato   dietro   le   quinte,   sdegnato   dal   comportamento   dell'uomo,   e   potrebbe   anche   dire:   “se   non volete capire, sarete la distruzione di voi stessi”.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Andare a messa dovere o privilegio?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Chi   ci   ha   trasmesso   che   il   nostro   essere   cristiani è   racchiuso   nell'ora   in   cui   andiamo   a   messa?   Chi è    quel    regista    occulto    che    ci    ha    fatto    vedere l'esatto   contrario   della   nostra   coerenza?   Il   90% dei    cristiani    pensa    di    fare    il    proprio    dovere quando   va   a   messa,   mentre,   a   nostra   insaputa,   è un   privilegio   perché   siamo   invitati   dal   Signore   e otteniamo   di   più   di   quello   che   offriamo.   Sia   nel vecchio   che   nel   nuovo   Testamento,   Dio   si   è   dato tanto   da   fare   per   scegliersi   i   profeti   e   i   servi   per     trasmettere   la   sua   parola.   In   nessun   passaggio   ci ha   detto   che   tutto   il   nostro   dovere   è   racchiuso nell'ora    in    cui    andiamo    a    messa,    ma    ci    ha rivelato   una   qualità   e   una   caratteristica   che   la maggior   parte   di   noi   non   ha.   Andare   a   messa   è cosa   buona,   ma   con   quale   spirito   ci   andiamo?   Il Signore   non   l'ha   posto   sotto   il   profilo   del   nostro dovere,   è   un   fatto   puramente   personale.   Durante la   santa   messa   Dio   si   dona   a   noi   nell’eucaristia   in una   misura   così   grande,   che   la   nostra   ignoranza ci   impedisce   di   comprenderne   il   beneficio.   Perché se   non   pensiamo   che   in   quel   momento   il Signore     ci     dona     la     sua     grazia,     noi     la rifiutiamo,      anzi      pensiamo      addirittura      di avanzarne,   di   fare   il   nostro   dovere   come   quando andiamo   a   lavorare   e   di   meritare   il   salario.   Ma   è giusto   comportarsi   così?   È   giusto   non   conoscere il     privilegio     di     essere     invitati     al     banchetto nuziale?   Nessuno   sa   quanto   tempo   Gesù   e   la Madonna   hanno   passato   a   pregare   nel   tempio, perché   non   ci   sono   tracce   di   questo.   Allora   vuol dire      che      non      è      quello      che      dobbiamo immagazzinare.    Il    Signore    non    ci    ha    detto    in nessun   modo,   e   nemmeno   ce   l'ha   fatto   capire, che   una   volta   andati   in   chiesa,   siamo   liberi   di fare     quello     che     vogliamo.     Perché     noi     lo interpretiamo   così?   Anzi   se   andiamo   in   chiesa tutti   i   giorni,   pensiamo   di   avere   ancora   più   libertà di   azione   di   chi   non   ci   va,   perché   pensiamo   di aver   dato   quello   che   ci   è   stato   chiesto.   Chi   ci   ha messo   in   testa   questa   falsa   verità?   Invece   di dimostrare           intelligenza           spirituale, dimostriamo     ignoranza     spirituale.     Dio     è venuto   a   rivelarci   uno   stile   comportamentale   che è   totalmente   fuori   dalla   funzione   religiosa,   che   fa parte   della   vita   quotidiana.   Non   ci   ha   detto:   “per un'ora   adorami   e   per   23   ore   fa   quello   che   vuoi” . Non   c'è   scritto   questo   sulla   Bibbia.   Chi   di   noi   si sente   un   privilegiato   quando   va   in   chiesa,   tanto da   entrare   in   punta   di   piedi   come   se   si   entrasse nel   salone   di   un   re?   Se   noi   fossimo   invitati   dal   re più    importante    del    mondo,    che    è    un    nulla rispetto      a      Dio,      entreremmo      con      molta preoccupazione     in     quella     sala,     con     tanta attenzione.   Perché   non   usiamo   gli   stessi   modi gentili   quando   entriamo   nella   casa   del   Re   dei   re, di   colui   che   muove   tutte   le   armonie   del   cosmo? Certo,   noi   dovremmo   rimanere   in   continuazione nella   casa   del   Signore,   ma   dobbiamo   rimanerci con   lo   spirito   giusto,   sentendoci   dei   privilegiati. Perché   appena   fuori   dalla   casa   del   Signore bestemmiamo,    dicendo    cose    contrarie    a quello       che       la       santa       Chiesa       vuole trasmetterci?   Questa   è   la   vera   bestemmia!   Gli ipocriti   sono   un   popolo   sgradito   a   Dio   e   noi   senza rendercene   conto   siamo   né   più   né   meno   come   gli scribi   e   i   farisei,   anzi   ancor   peggio,   perché   loro non   avevano   la   conoscenza   della   resurrezione   di Gesù   e   gli   strumenti   di   informazione   che   ci   sono oggi.   E   il   Signore   ci   dirà:   “Tanto   ti   ho   dato   e tanto   ti   chiederò” .   Gesù   merita   un   gruppo,   un movimento    di    persone,    che    dimostra    di    avere capito    la    condizione    che    dobbiamo    rivelare. Cerchiamo    di   non   pensare   a   cose   emozionanti, soprannaturali,    di    non    avere    il    delirio    dei segni    come    hanno    certi    cristiani,     che    se vedono   una   foglia   che   si   muove   dicono   che   è   il Signore.   Ci   vuole   più   concretezza,   più   fermezza, più   considerazione,   più   umiltà.   Il   Signore   ci   ha formato   per   come   dobbiamo   comportarci   fuori dal    tempio;    poi    quando    saremo    formati,    non desidereremo   altro   che   andare   nel   tempio   in   un modo    puro    e    giusto.    Nel    vecchio    Testamento abbiamo    visto    che    coloro    che    volevano    offrire sacrifici   non   graditi,   come   i   figli   di   Aronne,   Dio   li ha    uccisi    perché    aveva    chiesto    loro    un    altro comportamento.    Questo    ci    fa    capire    che    il Signore   non   accetta   sacrifici   e   olocausti,   ma   uno spirito     contrito     e     umiliato.     Certo,     c'è     un comandamento   che   ci   dice   di   santificare   la   festa, ma    non    dobbiamo    farlo    per    desiderare    una retribuzione.   Il   nostro   compito,   la   santificazione della    messa    e    la    nostra    santificazione,    inizia quando    usciamo    dalla    chiesa    e    deve    avvenire nella   gioia,   non   nella   fatica,   nella   tensione   o   nel limite   di   sopportazione.   Nessuno   ci   impedisce   di perfezionare      questo      comandamento      e      di meritarci      la      grazia      del      Signore,      anziché pretenderla.   Dovremmo   essere   dispiaciuti   perché per    anni    non    abbiamo    capito    niente,    e    nello stesso   tempo   esplodere   di   gioia   per   i   privilegi   che abbiamo.   Invece   siamo   depressi,   nevrotici,   tristi, rassegnati,    quasi    fossimo    un    popolo    perdente dove    hanno    la    meglio    i    malfattori.    Possiamo capire   che   oggi   il   Signore   si   è   ritirato   dietro   le quinte,   sdegnato   dal   comportamento   dell'uomo, e   potrebbe   anche   dire:   “se   non   volete   capire, sarete la distruzione di voi stessi”.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile