Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Perché   dobbiamo   fare   il   contrario   di   quello   che   è   scritto   sulla   Bibbia?   Perché   siamo   più   intelligenti   e   capaci   a   difendere   i nostri   interessi,   che   a   custodire   la   legge   di   Dio?   Dalle   rivelazioni   profetiche   sappiamo   che   il   Signore   è   molto   fermo   e preciso   nelle   sue   richieste,   non   giustifica   nessun   comportamento,   persino   quello   di   Mosé,   che   per   una   sua   ribellione,   non è   entrato   nella   terra   promessa.   Se   conoscessimo   il   modo   migliore   per   chiedere   al   Signore,   potremmo   ottenere   tanto   di più   rispetto   a   quello   che   pensiamo   di   ottenere   nel   modo   tradizionale.   La   cosa   più   giusta   da   fare   non   è   dire   al   Signore:   "Io do   una   cosa   a   te   e   tu   dai   una   cosa   a   me”,   come   se   volessimo   barattare   per   avere   qualcosa   in   cambio.   Il   Signore   non vuole   mercanteggiare,   né   vuole   i   mercanti   della   preghiera,   ma   un   popolo   che   lo   lodi   e   lo   onori,   perché   lui   sa   già   quello   di cui   abbiamo   bisogno.   È   un'offesa   grave   dire   al   Signore:   "Ti   do   se   tu   mi   dai” .   Infatti,   sappiamo   che   nella   sua   infinita misericordia   ci   dà   di   più   di   quello   che   noi   chiediamo,   per   compassione,   e   perché   l’ha   promesso   ai   nostri   padri,   non   per   i nostri   meriti.   In   realtà   non   sappiamo   neanche   che   cosa   ci   serve   di   più,   se   la   guarigione   del   corpo   o   quella   dello   spirito   e del   cuore.   Il   Signore   benedice   il   popolo   che   lo   onora,   non   coloro   che   si   propongono;   questo   è   scritto   sulla   Bibbia.   La   cosa peggiore   è   mercanteggiare   nelle   grazie   e   non   ce   ne   rendiamo   conto   perché   siamo   portatori   degli   errori   di   chi   ci   ha preceduto;   nel   nostro   DNA   si   è   fatto   strada   questo   stile   di   comportamento   che   usiamo   tra   noi,   per   praticarlo   con   Dio.   Ma è   assurdo,   così   non   otterremo   nulla,   perdiamo   solo   tempo   e   annulliamo   quello   che   il   Signore   vorrebbe   darci.   Il   modo migliore   per   ottenere   le   grazie   è   quello   di   non   chiederle,   ma   di   lodare,   onorare   e   ringraziare   il   Signore,   come   facevano   gli apostoli   quando   salivano   al   tempio;   poi   sono   stati   premiati   nella   Pentecoste.   Qualcuno   potrebbe   obiettare   che   è   scritto: "Chiedete   e   vi   sarà   dato",    ma   chi   ci   impedisce   di   meritare   le   grazie?   Chiediamo   col   cuore   e   con   la   bocca   lodiamo,   perché il   Signore   conosce   la   nostra   storia   da   prima   che   nascessimo,   sapeva   già   tutto   di   noi,   anche   i   nostri   errori.   Ipotizziamo   di usare   la   legge   che   ci   siamo   inventati   noi:   "Ti   do   sei   tu   mi   dai" ,   barattando   e   mercanteggiando.   Come   la   mettiamo quando   facciamo   un   errore?   Se   io   non   ti   do,   tu   cosa   fai?   Sarebbero   di   più   le   cose   che   il   Signore   dovrebbe   toglierci rispetto   a   quelle   che   dovrebbe   darci!   Se   usiamo   questo   metro   abbiamo   tutto   da   rimetterci.   E   non   parliamo   della misericordia   di   Dio   perché   non   è   dovuta   a   un'offerta   o   a   un   privilegio,   ma   deve   coprire   una   nostra   mancanza   e   questo non   può   rendergli   gioia.   Come   figli   non   possiamo   andare   davanti   al   Padre   con   la   nostra   presunzione,   come   se   fossimo   al Suo   stesso   livello,   non   esiste   proprio.   Purtroppo   tanti   che   non   hanno   ottenuto   quello   che   hanno   chiesto   per   un   certo periodo   di   tempo,   si   sono   defilati   e   ritirati,   sono   spariti   nei   meandri   del   mondo.   Certo,   è   cosa   buona   pregare,   ma   bisogna farlo   con   lo   spirito   giusto,   con   la   caratteristica   principale   che   il   Signore   ci   chiede;   allora   potremmo   vedere   la   nostra   vita capovolgersi   all'improvviso   ed   essere   stracolmi   di   grazie.   Ecco   il   senso   della   richiesta   fatta   da   Maria   Santissima   sul monte   Misma:   "Togliete   tutto   ciò   che   mi   impedisce   di   realizzare   quello   che   io   intendo   offrirvi” .   Il   Signore   vuol   darci   tutto gratuitamente,   non   ha   bisogno   di   compromessi,   non   accetta   sacrifici   o   olocausti,   se   non   li   offriamo   come   Lui   ci   chiede, ma   uno   spirito   contristato   e   umiliato,   privo   del   nostro   orgoglio.   E   non   pensiamo   di   essere   pronti   a   ricevere   il   premio   solo per   aver   detto   un   rosario   in   più   o   per   essere   andati   a   messa   (che   serve   come   fonte   di   grazia   e   di   benedizione,   non   come fonte   di   richieste).   Anche   i   malfattori,   gli   idolatri,   gli   omicidi   e   gli   adulteri   pregano,   e   magari   pregano   più   di   noi.   Ma   è giusto   pregare   e   commettere   quelle   infrazioni   o   è   giusto   prima   non   commettere   quelle   infrazioni   e   poi   pregare?   Perché ostinatamente   continuiamo   imperterriti   nel   nostro   errore?   Il   Signore   perdona   i   nostri   peccati,   ma   non   inventiamoci   leggi che   non   esistono.   C'è   modo   e   modo   di   pregare   e   di   essere   cristiani.   Non   dobbiamo   aver   paura,   come   avviene   nelle   cose umane,   che   se   non   facciamo   una   richiesta   non   otteniamo   niente.   Rivolgiamoci   nel   modo   giusto   al   Signore,   altrimenti potremmo   vanificare   i   nostri   sforzi   e   trovarci   con   un   pugno   di   mosche   in   mano" ,   come   hanno   fatto   due   figli   di   Aronne. Comportiamoci   da   cristiani   in   modo   semplice,   come   se   tutto   non   dipendesse   da   noi   ed   otterremo   molto   di   più.   Il   Signore non ci vuole sofferenti e tristi, ma siamo noi che ci complichiamo la vita con: i nostri errori 1° FARE IL PASSO PIU' LUNGO DELLA GAMBA 2° ABUSARE DEL FISICO 3° NON ESSERE IN GRAZIE DI DIO    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
I mercanti della preghiera
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Perché   dobbiamo   fare   il   contrario   di   quello   che   è scritto   sulla   Bibbia?   Perché   siamo   più   intelligenti e    capaci    a    difendere    i    nostri    interessi,    che    a custodire    la    legge    di    Dio?    Dalle    rivelazioni profetiche   sappiamo   che   il   Signore   è   molto   fermo e    preciso    nelle    sue    richieste,    non    giustifica nessun   comportamento,   persino   quello   di   Mosé, che   per   una   sua   ribellione,   non   è   entrato   nella terra     promessa.     Se     conoscessimo     il     modo migliore    per    chiedere    al    Signore,    potremmo ottenere    tanto    di    più    rispetto    a    quello    che pensiamo   di   ottenere   nel   modo   tradizionale.   La cosa   più   giusta   da   fare   non   è   dire   al   Signore:   "Io do   una   cosa   a   te   e   tu   dai   una   cosa   a   me”,   come se    volessimo    barattare    per    avere    qualcosa    in cambio.   Il   Signore   non   vuole   mercanteggiare,   vuole   i   mercanti   della   preghiera,   ma   un   popolo che   lo   lodi   e   lo   onori,   perché   lui   sa   già   quello   di cui   abbiamo   bisogno.   È   un'offesa   grave   dire   al Signore:   "Ti   do   se   tu   mi   dai” .   Infatti,   sappiamo che   nella   sua   infinita   misericordia   ci   dà   di   più   di quello   che   noi   chiediamo,   per   compassione,   e perché   l’ha   promesso   ai   nostri   padri,   non   per   i nostri   meriti.   In   realtà   non   sappiamo   neanche che   cosa   ci   serve   di   più,   se   la   guarigione   del corpo   o   quella   dello   spirito   e   del   cuore.   Il   Signore benedice   il   popolo   che   lo   onora,   non   coloro   che   si propongono;    questo    è    scritto    sulla    Bibbia.    La cosa   peggiore   è   mercanteggiare   nelle   grazie   e non   ce   ne   rendiamo   conto   perché   siamo   portatori degli   errori   di   chi   ci   ha   preceduto;   nel   nostro DNA     si     è     fatto     strada     questo     stile     di comportamento     che     usiamo     tra     noi,     per praticarlo    con    Dio.    Ma    è    assurdo,    così    non otterremo     nulla,     perdiamo     solo     tempo     e annulliamo   quello   che   il   Signore   vorrebbe   darci. Il   modo   migliore   per   ottenere   le   grazie   è   quello di    non    chiederle,    ma    di    lodare,    onorare    e ringraziare   il   Signore,   come   facevano   gli   apostoli quando     salivano     al     tempio;     poi     sono     stati premiati    nella    Pentecoste.    Qualcuno    potrebbe obiettare   che   è   scritto:   "Chiedete   e   vi   sarà   dato",   ma    chi    ci    impedisce    di    meritare    le    grazie? Chiediamo    col    cuore    e    con    la    bocca    lodiamo, perché    il    Signore    conosce    la    nostra    storia    da prima   che   nascessimo,   sapeva   già   tutto   di   noi, anche    i    nostri    errori.    Ipotizziamo    di    usare    la legge   che   ci   siamo   inventati   noi:   "Ti   do   sei   tu   mi dai" ,    barattando    e    mercanteggiando.    Come    la mettiamo   quando   facciamo   un   errore?   Se   io   non ti   do,   tu   cosa   fai?   Sarebbero   di   più   le   cose   che   il Signore   dovrebbe   toglierci   rispetto   a   quelle   che dovrebbe     darci!     Se     usiamo     questo     metro abbiamo   tutto   da   rimetterci.   E   non   parliamo   della misericordia    di    Dio    perché    non    è    dovuta    a un'offerta   o   a   un   privilegio,   ma   deve   coprire   una nostra    mancanza    e    questo    non    può    rendergli gioia.   Come   figli   non   possiamo   andare   davanti   al Padre    con    la    nostra    presunzione,    come    se fossimo   al   Suo   stesso   livello,   non   esiste   proprio. Purtroppo   tanti   che   non   hanno   ottenuto   quello che   hanno   chiesto   per   un   certo   periodo   di   tempo, si   sono   defilati   e   ritirati,   sono   spariti   nei   meandri del   mondo.   Certo,   è   cosa   buona   pregare,   ma bisogna    farlo    con    lo    spirito    giusto,    con    la caratteristica   principale   che   il   Signore   ci   chiede; allora      potremmo      vedere      la      nostra      vita capovolgersi   all'improvviso   ed   essere   stracolmi   di grazie.   Ecco   il   senso   della   richiesta   fatta   da   Maria Santissima   sul   monte   Misma:   "Togliete   tutto   ciò che    mi    impedisce    di    realizzare    quello    che    io intendo    offrirvi” .    Il    Signore    vuol    darci    tutto gratuitamente,   non   ha   bisogno   di   compromessi, non    accetta    sacrifici    o    olocausti,    se    non    li offriamo    come    Lui    ci    chiede,    ma    uno    spirito contristato   e   umiliato,   privo   del   nostro   orgoglio. E   non   pensiamo   di   essere   pronti   a   ricevere   il premio   solo   per   aver   detto   un   rosario   in   più   o   per essere   andati   a   messa   (che   serve   come   fonte   di grazia    e    di    benedizione,    non    come    fonte    di richieste).    Anche    i    malfattori,    gli    idolatri,    gli omicidi   e   gli   adulteri   pregano,   e   magari   pregano più   di   noi.   Ma   è   giusto   pregare   e   commettere quelle     infrazioni     o     è     giusto     prima     non commettere    quelle    infrazioni    e    poi    pregare? Perché    ostinatamente    continuiamo    imperterriti nel   nostro   errore?   Il   Signore   perdona   i   nostri peccati,    ma    non    inventiamoci    leggi    che    non esistono.   C'è   modo   e   modo   di   pregare   e   di   essere cristiani.     Non     dobbiamo     aver     paura,     come avviene   nelle   cose   umane,   che   se   non   facciamo una   richiesta   non   otteniamo   niente.   Rivolgiamoci nel   modo   giusto   al   Signore,   altrimenti   potremmo vanificare   i   nostri   sforzi   e   trovarci   con   un   pugno di   mosche   in   mano" ,   come   hanno   fatto   due   figli di   Aronne.   Comportiamoci   da   cristiani   in   modo semplice,   come   se   tutto   non   dipendesse   da   noi ed   otterremo   molto   di   più.   Il   Signore   non   ci   vuole sofferenti     e     tristi,     ma     siamo     noi     che     ci complichiamo la vita con: i nostri errori 1° FARE IL PASSO PIU' LUNGO DELLA GAMBA   2° ABUSARE DEL FISICO 3° NON ESSERE IN GRAZIE DI DIO   

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                        I mercanti della preghiera   
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile