Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Come   si   muovono   i   meccanismi   di   Dio?   Non   lo   sa   nessuno,   ma   la   cosa   più   importante   è   entrare   nella   misura   dei   tempi eterni.   Anche   se   vediamo   solo   la   nostra   conformazione   fisica   e   il   breve   passaggio   della   nostra   vita,   il   Signore   ci   chiede   di andare   oltre   il   nostro   limite   perché   siamo   in   un   contesto   universale   eterno,   facciamo   già   parte   dell’eternità.   Di   questo però   non   ce   ne   rendiamo   conto   perché   siamo   troppo   attaccati   al   materialismo,   alle   cose   terrene.   Se   fossimo   invece   già staccati   da   esse,   potremmo   veramente   capire   che   il   tempo   di   Abramo   è   il   nostro   tempo,   senza   quella   distanza   di   tanti secoli.   Ciò   che   è   scritto   sulla   Bibbia   non   è   una   storia   come   quella   di   un   qualsiasi   personaggio   storico,   ma   è   sempre attuale,   fa   parte   della   storia   di   tutti   i   tempi.   Noi   siamo   il   popolo   di   Israele,   quel   popolo   prescelto   dedicato   totalmente all'adorazione,   alla   lode   e   all'obbedienza   del   Signore,   non   siamo   certo   dei   pellegrini   erranti   o   degli   individualisti.   Quello che   il   Signore   ha   detto   al   popolo   d'Israele   è   quello   che   ha   detto   a   noi   direttamente,   ma   in   pochi   l’hanno   capito   e   Dio aspetta   ancora   che   il   suo   popolo   rinsavisca.   Potremmo   entrare   nel   meccanismo   dorato,   meraviglioso   e   magico   di   Dio,   che muove   l'universo   creato,   con   i   suoi   astri   sospesi   nel   vuoto   che   girano   in   un   modo   perfetto.   E   noi   siamo   le   creature   per eccellenza,   il   meglio   del   meglio   della   creazione.   Il   Signore,   sapendo   che   non   riusciremo   mai   a   raggiungere   la   sua potenza   e   a   capire   i   suoi   meccanismi,   ci   vuol   dire:   "Non   perdete   il   vostro   tempo,   ma   fidatevi   di   me,   siate   solamente   servi fedeli   e   non   disobbedienti" .   Purtroppo   ciò   che   ha   unito   tutti   popoli   è   la   disobbedienza,   quella   cosa   che   ha   irritato   tanto   il Signore;   per   questo   Dio   li   ha   castigati   mettendoli   in   una   condizione   di   essere   perseguitati   dalla   propria   sorte.   Quante cose   stupide   facciamo   inutilmente   senza   avere   un   risultato   positivo!   Smettiamola   di   limitare   il   potere   di   Dio   su   di   noi   con la   nostra   ragione:   vogliamo   raggiungere   la   conoscenza   della   storia   o   addentrarci   in   una   stanza   senza   pareti,   infinita, dove   sono   entrati   solo   pochi   eletti   (anche   se   molti   sono   “i   chiamati” )?   Guardando   alle   meraviglie   del   mondo   possiamo capire   che   siamo   stati   creati   dallo   stesso   Ingegnere   e   rimanerne   estasiati.   Potremmo   gustare   le   prelibatezze   pur   non avendo   niente,   come   facevano   Rut   e   Noemi   nella   loro   casa   disadorna,   poiché   in   essa   c'era   la   luce   di   Dio;   invece   coloro che   hanno   un   cuore   triste   e   arrabbiato   non   sanno   nemmeno   gustare   il   cibo.   Noi   non   ci   curiamo   della   meraviglia   di   cui siamo   stati   fatti   partecipi,   rifiutiamo   questo   beneficio   e   pretendiamo   ancora   una   risposta,   quando   invece   dovremmo fornirla.   Il   Signore   ci   ha   fatti   MISSIONARI   della   fede,   non   DIMISSIONARI   della   fede.    Essere   missionari   della fede   non   vuol   dire   andare   in   Africa,   ma   diventare   credibili   e   autentici   nelle   nostre   famiglie,   nel   lavoro,   dove   viviamo.   Ci sono   già   stati   tanti   attacchi   e   tradimenti   nel   cammino   della   nostra   fede   e,   a   nostra   insaputa,   siamo   i   portatori   di   tanti secoli   di   errori,   perché   vogliamo   fare   (e   far   fare   al   Signore)   quello   che   riteniamo   giusto.   Ma   è   più   giusto   che   noi corrispondiamo    alle    esigenze    di    Dio    o    che    Dio    corrisponda    alle    nostre    esigenze?        Abbiamo    sostituito    il meccanismo   magico   di   Dio,   nel   quale   siamo   inseriti,   con   falsi   ideali   e   falsi   idoli,   dissacrando   e   usurpando   nel   suo   ruolo   il Signore,   con   statue   di   legno   e   simboli   di   pietra   e   poi   con   la   televisione   e   le   altre   tecnologie,   perché   siamo   più   dipendenti da    esse    che    da    Dio.    Per    non    parlare    delle    nostre    debolezze    e    fragilità...    Cosa    c'è    di    più    profanante    di    questa dimostrazione?   Perché   guardiamo   sempre   con   occhio   polemico   quello   che   avviene   nel   mondo,   quello   che   fanno   i   nostri figli,   le   nostre   mogli,   i   nostri   mariti   e   i   nostri   vicini,   pur   sapendo   che   non   dobbiamo   criticare   e   giudicare?   Perché vogliamo   che   Dio   cambi,   invece   di   fare   la   nostra   parte?    Ma   chi   è   Dio?   Che   peso   può   avere   su   di   noi?   In   che   misura noi   dobbiamo   corrispondere   al   Signore   per   tutte   le   offese   che   ha   accettato   per   amore   dell'uomo?   La   nostra   fede   non   ha bisogno   di   ciarlatani   o   di   ripetitori,   ma   di   persone   autentiche,   perché   la   fede   ha   il   nostro   volto   ed   è   scritto   che   senza   le opere   è   cosa   vana.   Non   siamo   bravi   solo   perché   siamo   cristiani,   ma   c’è   modo   e   modo   di   essere   cristiani,   così   come   c'è modo   e   modo   di   essere   genitore   o   operaio.   Il   male   vuole   toglierci   questi   ideali   per   farci   rimanere   attaccati   alla   materia   e farci   credere   che   il   momento   che   viviamo   sia   al   di   sopra   di   tutto.   Anche   se   siamo   fatti   di   materia,   non   siamo   stati   creati per   la   materia   (che   è   destinata   a   perire),   ma   per   la   vita   spirituale,   in   un   contesto   che   dura   per   tutta   l'eternità.   Dobbiamo confermare   la   caratteristica   e   il   meccanismo   per   cui   siamo   stati   voluti   e   creati   da   Dio   per   rendere   credibile   quello   che   ci   è stato proposto di rappresentare. Allora sì che, con l'aiuto dello Spirito Santo, capiremo tutto il valore e la potenza della nostra responsabilità. E sarà gioia per tutti.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il meccanismo di Dio
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Come   si   muovono   i   meccanismi   di   Dio?   Non   lo   sa nessuno,   ma   la   cosa   più   importante   è   entrare nella   misura   dei   tempi   eterni.   Anche   se   vediamo solo    la    nostra    conformazione    fisica    e    il    breve passaggio   della   nostra   vita,   il   Signore   ci   chiede   di andare   oltre   il   nostro   limite   perché   siamo   in   un contesto   universale   eterno,   facciamo   già   parte dell’eternità.   Di   questo   però   non   ce   ne   rendiamo conto      perché      siamo      troppo      attaccati      al materialismo,    alle    cose    terrene.    Se    fossimo invece      già      staccati      da      esse,      potremmo veramente   capire   che   il   tempo   di   Abramo   è   il nostro    tempo,    senza    quella    distanza    di    tanti secoli.   Ciò   che   è   scritto   sulla   Bibbia   non   è   una storia   come   quella   di   un   qualsiasi   personaggio storico,    ma    è    sempre    attuale,    fa    parte    della storia   di   tutti   i   tempi.   Noi   siamo   il   popolo   di Israele,      quel      popolo      prescelto      dedicato totalmente       all'adorazione,       alla       lode       e all'obbedienza   del   Signore,   non   siamo   certo   dei pellegrini   erranti   o   degli   individualisti.   Quello   che il   Signore   ha   detto   al   popolo   d'Israele   è   quello che   ha   detto   a   noi   direttamente,   ma   in   pochi l’hanno   capito   e   Dio   aspetta   ancora   che   il   suo popolo      rinsavisca.      Potremmo      entrare      nel meccanismo    dorato,    meraviglioso    e    magico    di Dio,   che   muove   l'universo   creato,   con   i   suoi   astri sospesi    nel    vuoto    che    girano    in    un    modo perfetto.     E     noi     siamo     le     creature     per eccellenza,     il     meglio     del     meglio     della creazione.     Il     Signore,     sapendo     che     non riusciremo   mai   a   raggiungere   la   sua   potenza   e   a capire    i    suoi    meccanismi,    ci    vuol    dire:    "Non perdete   il   vostro   tempo,   ma   fidatevi   di   me,   siate solamente    servi    fedeli    e    non    disobbedienti" . Purtroppo    ciò    che    ha    unito    tutti    popoli    è    la disobbedienza,   quella   cosa   che   ha   irritato   tanto   il Signore;   per   questo   Dio   li   ha   castigati   mettendoli in    una    condizione    di    essere    perseguitati    dalla propria    sorte.    Quante    cose    stupide    facciamo inutilmente    senza    avere    un    risultato    positivo! Smettiamola   di   limitare   il   potere   di   Dio   su   di   noi con   la   nostra   ragione:   vogliamo   raggiungere   la conoscenza    della    storia    o    addentrarci    in    una stanza   senza   pareti,   infinita,   dove   sono   entrati solo     pochi     eletti     (anche     se     molti     sono     “i chiamati” )?   Guardando   alle   meraviglie   del   mondo possiamo    capire    che    siamo    stati    creati    dallo stesso      Ingegnere      e      rimanerne      estasiati. Potremmo     gustare     le     prelibatezze     pur     non avendo   niente,   come   facevano   Rut   e   Noemi   nella loro   casa   disadorna,   poiché   in   essa   c'era   la   luce di   Dio;   invece   coloro   che   hanno   un   cuore   triste   e arrabbiato   non   sanno   nemmeno   gustare   il   cibo. Noi   non   ci   curiamo   della   meraviglia   di   cui   siamo stati   fatti   partecipi,   rifiutiamo   questo   beneficio   e pretendiamo   ancora   una   risposta,   quando   invece dovremmo    fornirla.    Il    Signore    ci    ha    fatti MISSIONARI   della   fede,   non   DIMISSIONARI della   fede.    Essere   missionari   della   fede   non   vuol dire   andare   in   Africa,   ma   diventare   credibili   e autentici   nelle   nostre   famiglie,   nel   lavoro,   dove viviamo.    Ci    sono    già    stati    tanti    attacchi    e tradimenti   nel   cammino   della   nostra   fede   e,   a nostra   insaputa,   siamo   i   portatori   di   tanti   secoli di    errori,    perché    vogliamo    fare    (e    far    fare    al Signore)   quello   che   riteniamo   giusto.   Ma   è   più giusto   che   noi   corrispondiamo   alle   esigenze di    Dio    o    che    Dio    corrisponda    alle    nostre esigenze?        Abbiamo    sostituito    il    meccanismo magico   di   Dio,   nel   quale   siamo   inseriti,   con   falsi ideali   e   falsi   idoli,   dissacrando   e   usurpando   nel suo   ruolo   il   Signore,   con   statue   di   legno   e   simboli di    pietra    e    poi    con    la    televisione    e    le    altre tecnologie,   perché   siamo   più   dipendenti   da   esse che     da     Dio.     Per     non     parlare     delle     nostre debolezze   e   fragilità...   Cosa   c'è   di   più   profanante di     questa     dimostrazione?     Perché     guardiamo sempre   con   occhio   polemico   quello   che   avviene nel    mondo,    quello    che    fanno    i    nostri    figli,    le nostre   mogli,   i   nostri   mariti   e   i   nostri   vicini,   pur sapendo   che   non   dobbiamo   criticare   e   giudicare? Perché   vogliamo   che   Dio   cambi,   invece   di fare   la   nostra   parte?    Ma   chi   è   Dio?   Che   peso può   avere   su   di   noi?   In   che   misura   noi   dobbiamo corrispondere   al   Signore   per   tutte   le   offese   che ha    accettato    per    amore    dell'uomo?    La    nostra fede   non   ha   bisogno   di   ciarlatani   o   di   ripetitori, ma   di   persone   autentiche,   perché   la   fede   ha   il nostro   volto   ed   è   scritto   che   senza   le   opere   è cosa   vana.   Non   siamo   bravi   solo   perché   siamo cristiani,   ma   c’è   modo   e   modo   di   essere   cristiani, così   come   c'è   modo   e   modo   di   essere   genitore   o operaio.   Il   male   vuole   toglierci   questi   ideali   per farci    rimanere    attaccati    alla    materia    e    farci credere   che   il   momento   che   viviamo   sia   al   di sopra   di   tutto.   Anche   se   siamo   fatti   di   materia, non    siamo    stati    creati    per    la    materia    (che    è destinata   a   perire),   ma   per   la   vita   spirituale,   in un     contesto     che     dura     per     tutta     l'eternità. Dobbiamo     confermare     la     caratteristica     e     il meccanismo   per   cui   siamo   stati   voluti   e   creati   da Dio   per   rendere   credibile   quello   che   ci   è   stato proposto    di    rappresentare.    Allora    sì    che,    con l'aiuto    dello    Spirito    Santo,    capiremo    tutto    il valore   e   la   potenza   della   nostra   responsabilità.   E sarà gioia per tutti.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile