Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
In   generale   si   crede   che   la   materia   non   possa   ostacolare   Spirito   Santo;      in   realtà   è   vero   il   contrario!   Lo   Spirito   è rispettoso   dei   nostri   progetti   umani,   anzi,   più   uno   è   giusto   e   ha   permesso   allo   Spirito   Santo   di   scendere   su   di   lui,   più quella   persona   realizzerà   ancor   meglio   ogni   sua   iniziativa.   Al   contrario,   tutto   ciò   che   riguarda   la   materia   (non   solo   i   beni materiali,   i   “piaceri”   della   vita,   ma   anche   le   ansie,   le   preoccupazioni,   le   malinconie,   il   modo   irrazionale   di   gestire   la propria   vita,   il   contare   solo   su   sé   stessi,   ecc.)   ha   il   potere   di   annullare   lo   Spirito,   di   annullare   la   nostra   fede.   Dobbiamo fare   attenzione   a   gestire   con   equilibrio   la   nostra   ragione,   a   far   si   che   non   prenda   lo   spazio   che   dovremmo   lasciare   alle cose   spirituali.   La   confusione,   le   liti,   i   rumori,   allontanano   da   noi   lo   Spirito   di   Dio:   ciò   è   ben   noto   al   demonio,   che   fa   di tutto   per   metterci   in   situazioni   di   agitazione,   di   inquietudine,   per   rendere   forte   la   materia.   Il   male   vuole   che   ci immergiamo   completamente   nella   materia,   così   da   non   lasciare   più   spazio   allo   Spirito   di   operare   in   noi.   E   l’uomo,   salvo poche   eccezioni,   è   sempre   più   materialista,   sospinto   dai   mass-media   e   dall’opinione   pubblica,   vuol   gestire   tutto   con   il proprio   ragionamento,   anche   le   cose   di   Dio.   Ma   noi   non   siamo   stati   creati   solo   per   gestire   la   materia   e   non   renderci conto   dell’impegno   spirituale.   Diamo   il   giusto   spazio   alla   materia   e   allo   Spirito   di   Dio,   seguendo   Gesù   che   ha   detto: “…Rendete   dunque   a   Cesare   ciò   che   è   di   Cesare   e   a   Dio   ciò   che   è   di   Dio”.    Oltre   ad   essere   strumenti   del   Signore,   siamo anche   inseriti   nel   mondo,   abbiamo   anche   dei   doveri   ben   precisi   che   devono   essere   sostenuti   dalla   nostra   parola,   dalle nostre   conoscenze:   quello   è   un   altro   compito   perché   noi   siamo   materia   e   spirito.   Dobbiamo   diversificare   le   due   cose, perché   ambedue   appartengono   alla   stessa   persona;   ogni   realtà   deve   essere   sobriamente   gestita   con   equilibrio, nello   stesso   impegno   e   nella   stessa   importanza.    Una   persona   equilibrata   riesce   a   gestire   la   materia   ed   essere abbastanza   zelante   nel   gestire   la   parte   spirituale,   che   è   quella   che   permette   tutto   all’uomo   perché   lo   Spirito   che   è   in ognuno   suggerisce   la   verità,   la   ragione,   la   giusta   misura,   mentre   la   materia   tende   ad   esagerare,   ad   eccedere   o   a   essere indifferente.   Ci   sono   troppe   poche   persone   che   hanno   raggiunto   un   equilibrio:   o   si   lasciano   prendere   eccessivamente   da un   lato   o   trascurano   troppo   l’altro   lato,   pagando   poi   le   conseguenze   perché   ad   un   certo   punto   della   loro   vita   si   rendono conto   che   c’è   un   vuoto,   che   ci   sono   dei   problemi,   che   non   sono   stati   capaci   di   gestire   la   propria   vita.      Saranno   le   persone in   balia   della   ragione   e   della   verità   dell’uomo,   a      pagare   con   la   sofferenza      i   propri   errori   di   valutazione,      non   quelle   che accettano   la      Grazia   del   Signore.   Stiamo   attenti:   lo   Spirito   di   Dio   è   Spirito   di   verità,   di   contraddizione   per   le   abitudini umane.   Ecco   perché   l’uomo   (che   ha   un   orgoglio   che   si   ribella)   non   vuole   più   essere   redarguito   e   si   lascia   prendere   dalla contestazione   e   dal   giudizio.   Non   percepisce   il   dolce   suggerimento   dello   Spirito,   perché   la   confusione   interna   prende   il sopravvento   sulla   verità.   Anche   le   ingiustizie   che   riceviamo   hanno   il   potere   di   farci   annullare   lo   Spirito   di   Dio,   nel momento   in   cui   non   le   sappiamo   accettare   con   amore   e   nell’abbandono,   ma   siamo   più   preoccupati   di   come   ci   dobbiamo comportare   e   difendere,   magari   covando   dentro   di   noi   delle   piccole   vendette.   Non   impoveriamo   la   nostra   fede   con   il materialismo,   solo   perché      “tutti   si   comportano   così”…. Ma   se   gli   altri   sbagliano,   dobbiamo   sbagliare   anche   noi?E’   un compito   difficile   quello   di   testimoniare   la   verità   perché   l’uomo   vuol   gestire   in   un   modo   umano   la   propria   vita,   senza l’abbandono   nel   Signore   e   senza   permettere   il   sostegno   dello   Spirito   Santo.   Ricordiamoci   che   gli   apostoli   prima   di   essere stati trasformati nella Pentecoste, erano stati definiti da Gesù  “uomini di poca fede”...      Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La materia può annullare lo spirito non viceversa!
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
In   generale   si   crede   che   la   materia   non   possa ostacolare    Spirito    Santo;        in    realtà    è    vero    il contrario!    Lo    Spirito    è    rispettoso    dei    nostri progetti    umani,    anzi,    più    uno    è    giusto    e    ha permesso   allo   Spirito   Santo   di   scendere   su   di   lui, più   quella   persona   realizzerà   ancor   meglio   ogni sua   iniziativa.   Al   contrario,   tutto   ciò   che   riguarda la   materia   (non   solo   i   beni   materiali,   i   “piaceri” della   vita,   ma   anche   le   ansie,   le   preoccupazioni, le   malinconie,   il   modo   irrazionale   di   gestire   la propria   vita,   il   contare   solo   su   sé   stessi,   ecc.)   ha il   potere   di   annullare   lo   Spirito,   di   annullare   la nostra   fede.   Dobbiamo   fare   attenzione   a   gestire con   equilibrio   la   nostra   ragione,   a   far   si   che   non prenda   lo   spazio   che   dovremmo   lasciare   alle   cose spirituali.     La     confusione,     le     liti,     i     rumori, allontanano   da   noi   lo   Spirito   di   Dio:   ciò   è   ben noto   al   demonio,   che   fa   di   tutto   per   metterci   in situazioni    di    agitazione,    di    inquietudine,    per rendere   forte   la   materia.   Il   male   vuole   che   ci immergiamo   completamente   nella   materia,   così da   non   lasciare   più   spazio   allo   Spirito   di   operare in   noi.   E   l’uomo,   salvo   poche   eccezioni,   è   sempre più    materialista,    sospinto    dai    mass-media    e dall’opinione   pubblica,   vuol   gestire   tutto   con   il proprio   ragionamento,   anche   le   cose   di   Dio.   Ma noi    non    siamo    stati    creati    solo    per    gestire    la materia     e     non     renderci     conto     dell’impegno spirituale.   Diamo   il   giusto   spazio   alla   materia   e allo   Spirito   di   Dio,   seguendo   Gesù   che   ha   detto: “…Rendete   dunque   a   Cesare   ciò   che   è   di   Cesare e    a    Dio    ciò    che    è    di    Dio”.     Oltre    ad    essere strumenti   del   Signore,   siamo   anche   inseriti   nel mondo,   abbiamo   anche   dei   doveri   ben   precisi   che devono essere sostenuti dalla nostra parola, dalle nostre    conoscenze:    quello    è    un    altro    compito perché   noi   siamo   materia   e   spirito.   Dobbiamo diversificare     le     due     cose,     perché     ambedue appartengono   alla   stessa   persona;   ogni   realtà deve      essere      sobriamente      gestita      con equilibrio,    nello    stesso    impegno    e    nella stessa    importanza.     Una    persona    equilibrata riesce   a   gestire   la   materia   ed   essere   abbastanza zelante    nel    gestire    la    parte    spirituale,    che    è quella    che    permette    tutto    all’uomo    perché    lo Spirito   che   è   in   ognuno   suggerisce   la   verità,   la ragione,    la    giusta    misura,    mentre    la    materia tende    ad    esagerare,    ad    eccedere    o    a    essere indifferente.   Ci   sono   troppe   poche   persone   che hanno    raggiunto    un    equilibrio:    o    si    lasciano prendere   eccessivamente   da   un   lato   o   trascurano troppo   l’altro   lato,   pagando   poi   le   conseguenze perché    ad    un    certo    punto    della    loro    vita    si rendono   conto   che   c’è   un   vuoto,   che   ci   sono   dei problemi,   che   non   sono   stati   capaci   di   gestire   la propria   vita.      Saranno   le   persone   in   balia   della ragione   e   della   verità   dell’uomo,   a      pagare   con   la sofferenza      i   propri   errori   di   valutazione,      non quelle    che    accettano    la        Grazia    del    Signore. Stiamo    attenti:    lo    Spirito    di    Dio    è    Spirito    di verità,   di   contraddizione   per   le   abitudini   umane. Ecco   perché   l’uomo   (che   ha   un   orgoglio   che   si ribella)    non    vuole    più    essere    redarguito    e    si lascia   prendere   dalla   contestazione   e   dal   giudizio. Non    percepisce    il    dolce    suggerimento    dello Spirito,   perché   la   confusione   interna   prende   il sopravvento   sulla   verità.   Anche   le   ingiustizie   che riceviamo   hanno   il   potere   di   farci   annullare   lo Spirito    di    Dio,    nel    momento    in    cui    non    le sappiamo   accettare   con   amore   e   nell’abbandono, ma   siamo   più   preoccupati   di   come   ci   dobbiamo comportare   e   difendere,   magari   covando   dentro di   noi   delle   piccole   vendette.   Non   impoveriamo   la nostra    fede    con    il    materialismo,    solo    perché      “tutti     si     comportano     così”…. Ma     se     gli     altri sbagliano,   dobbiamo   sbagliare   anche   noi?E’   un compito   difficile   quello   di   testimoniare   la   verità perché   l’uomo   vuol   gestire   in   un   modo   umano   la propria    vita,    senza    l’abbandono    nel    Signore    e senza   permettere   il   sostegno   dello   Spirito   Santo. Ricordiamoci   che   gli   apostoli   prima   di   essere   stati trasformati   nella   Pentecoste,   erano   stati   definiti da Gesù  “uomini di poca fede”...     

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

            La matera può annullare lo spirito                   non viceversa!
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile