Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Non   sono   molti   i   luoghi   nel   mondo,   onorati   dal   Cielo,   che   hanno   avuto   il   privilegio   di   essere   stati   benedetti   dalla   presenza meravigliosa   della   vergine   Maria,   di   San   Giuseppe,   di   Gesù   e   dei   Santi.   Quando   si   frequenta   un      luogo   "del   Signore",   un santuario,   bisogna   fare   molta   attenzione   e   avere   tanto   rispetto,   come   se   entrassimo   veramente   nella   Città   Santa.   Così anche   il   Monte   Misma   merita   molto   rispetto.    La   peggior   cosa   è   far   nascere   discordie   e   pettegolezzi   nei   luoghi benedetti,    perché   il   Signore   merita   il   massimo   del   comportamento   nostro;   criticare   e   commentare   gli   altri,   i   sacerdoti, la   Chiesa...,   è   profanare   un   luogo   benedetto.   E’   meglio   restare   a   casa!   Comportiamoci   nel   modo   giusto   per   essere   da esempio   a   chi   frequenta   un   luogo   benedetto   e   a   chi   entra   nella   santa   Chiesa,   con   un   dialogo   conforme   alla   purezza   e   alla divinità   di   Dio   (ricordiamoci   che   la   Chiesa   intesa   come   dimora   di   Dio,   è   santa   e   pura   da   sempre,   non   ha   alcun   difetto). Quante   volte   ci   inchiniamo   in   modo   composto   davanti   al   Signore?   Alcuni   non   lo   fanno   nemmeno   più.   La   Madonna   e   Gesù possono   anche   confidarsi   sul   nostro   comportamento   e   dire:   "Pensa   un   po'   quella   persona,   che   non   è   nessuno,   entra come   se   fosse   padrone   di   casa.   Noi   che   siamo   i   padroni   di   casa   dobbiamo   diventare   i   loro   servi,   perché   dobbiamo   essere disponibili   quando   chiedono   il   nostro   aiuto".    Nemmeno   sappiamo   chi   è   Dio   e   cosa   ha   fatto   per   noi   …   Che   presuntuosi!   La Madonna   vuole   che   diventiamo   degli   educatori,   ma   prima   dobbiamo   essere   educati   al   giusto   comportamento;   non   è importante   in   quale   percentuale   ci   riusciamo,   perché   ognuno   di   noi   ha   un   carisma   e   delle   possibilità   che   solo   Dio conosce.   Dimostriamo   almeno   l'impegno   e   l'umiltà   a   farci   educare.   Non   facciamo   reagire   il   nostro   orgoglio,   togliamo   tutti i   muri   che   abbiamo   eretto   per   salvaguardare   la   nostra   ragione,   mettiamoci   davanti   al   Signore   così   come   siamo   e facciamo   una   profonda   riflessione:   "Signore,   quante   volte   ti   ho   mancato   di   rispetto!   Non   meritavi   che   io   ti   facessi questo".   L'uomo   si   sente   il   vero   Dio,   con   la   sua   ragione,   il   suo   diritto,   i   suoi   interessi:   questo   ci   ha   insegnato   una mentalità   sindacalista,   che   vuole   mettere   tutto   in   discussione.   Almeno   quando   andiamo   ai   pellegrinaggi   o   entriamo   in chiesa,   comportiamoci   bene,   senza   esagerare   e   senza   fanatismo,   in   modo   semplice   e   ossequioso,   nel   nascondimento, quasi da non farci notare dagli altri, per non disturbarli, per non farli reagire nel loro orgoglio. LA VERITÀ VA DETTA PER GRADI Stiamo   attenti:   essere   la   voce   della   coscienza   è   irritante,   non   c’è   cosa   peggiore   per   gli   altri.   L'uomo   non   vuole essere   messo   in   discussione   o   rimproverato,   non   vuole   sentire   la   voce   della   verità.   Perciò   è   stato   ucciso   Giovanni Battista.....      Non   irritiamo   gli   altri   mettendoci   in   mostra,   usiamo   molta   dolcezza   e   molta   tattica,   come   fossimo   degli strateghi.   Bisogna   usare   quella   accortezza   che   ci   deve   far   diventare   miti   come   colombe   e   furbi   come   serpenti.   Se vogliamo   essere   ossequiosi   davanti   al   Signore,   comportiamoci   con   molta   prudenza,   mettiamoci   dove   nessuno   ci   vede   e apriamo   il   nostro   cuore   in   ginocchio,   ringraziando   il   Signore   per   averci   fatto   ancora   entrare   nella   sua   casa.      Non cerchiamo   di   evidenziare   e   richiamare   tutti   allo   stesso   comportamento   …   Dobbiamo   agire   così   anche   nelle   nostre famiglie,   perché   il   demonio   "   ci   sguazza"   in   questi   atteggiamenti,   facendoci   scontrare   uno   con   l'altro,   in   una   guerra   di spiriti.   Lo   spirito   cattivo   non   ha   fatto   alcun   compromesso   con   lo   spirito   buono,   e   quando   sa   che   deve   essere   sfrattato, non   si   rassegna   facilmente,   non   diventa   mite   e   umile,   reagisce   e   si   ribella   in   modo   violento,   in   modo   da   alimentare scontri.   E’   ciò   che   vediamo   nel   mondo.   Gesù   nella   sua   vita   pubblica   non   è   mai   stato   prepotente   con   chi   lo   ha   incontrato; ha   accettato   di   sedersi   anche   con   chi   non   era   d'accordo   sulle   sue   parabole   e   su   quello   che   proponeva.   Gesù   era   docile   e intelligente,   come   lo   è   stata   Maria   Santissima:   mai   hanno   innescato   meccanismi   di   reazione,   di   sfida,   di   provocazione, mai.   Hanno   subito,   sono   passati   per   quello   che   non   erano,   sono   stati   insultati,   però   hanno   taciuto.   Anche   noi   possiamo comportarci   come   Gesù   e   la   Madonna,   perché   siamo   stati   creati   con   quelle   caratteristiche.      Lo   hanno   dimostrato Bernadette   e   i   tre   pastorelli   di   Fatima,   quando   hanno   tenuto   testa   a   gente   che   era   il   massimo   dell'istruzione,      superando     con   intelligenza   e   sostegno   di   Dio   tante   prove.   Il   Signore   non   sceglie   i   più   ignoranti,   come   qualcuno   pensa,   sceglie   i   più umili   e   i   più   disponibili   a   far   si   che   il   suo   progetto   si   possa   attuare.   Non   siamo   stati   creati   per   l'arroganza   e   la prepotenza,   quelle   vengono   con   l'abitudine   …   Quante   cose   insensate   che   abbiamo   detto   non   solo   davanti   al   Signore   e alla   Madonna,   ma   anche   davanti   agli   angeli,   ai   santi   e   agli   antichi   profeti   del   vecchio   testamento:   dimostriamo   di   sapere tutto,   quando   in   realtà   non   sappiamo   niente,   perché   il   nostro   comportamento   lo   comprova.   Il   Cielo   ci   osserva   da   sempre e   quando   apre   la   sua   porta,   tutti   ci   dicono:   "Non   fate   anche   voi   gli   errori   che   altri   hanno   commesso" ;   ripetono   ciò   che Maria   Santissima   ha   suggerito   a   Roberto   Longhi.   Ricordiamoci   che   il   nostro   modo   di   fare   può   influire   su   molte persone,   dunque   siamo   tutti   responsabili   del   nostro   comportamento.      Non   dobbiamo   diseducare.   Ma   se   saremo giusti,   a   nostra   insaputa,   potremmo   essere   portatori   di   luce   e   di   verità,   perché   qualsiasi   alito   che   uscirà   dalla   nostra bocca sarà frutto di conversione.  SMETTIAMOLA DI FARE TUTTO PER CONVENIENZA! L'uomo   oggi   fa   tutto   per   convenienza.   Ogni   comportamento   umano   ha   un   vantaggio   personale.   Ci   siamo   talmente abituati   a      questo   modo   di   vivere,   che   anche   quando   andiamo   in   chiesa   e   ci   affidiamo   al   Signore,   lo   facciamo   per   un beneficio      personale,   dimenticandoci   totalmente   che   il   Signore   va   lodato   e   ringraziato.   E   se   anche   facciamo   del volontariato,   è   solo      per   una   piccola   percentuale,   perché   in   generale   i   nostri   comportamenti   sono   originati   da   una convenienza.   Dobbiamo      essere   un   po'   severi   con   noi   stessi   e   avere   coraggio   di   dire   le   cose   come   stanno.   Perché   il Signore   premia   gli   audaci,   coloro      che   sanno   dire   quello   che   è,   non   coloro   che   sono   condiscendenti,   che   si   auto approvano   solo   per   amicizia.   Chiediamoci      perché   ci   siamo   abituati   a   fare   tutto   per   convenienza.   Tutto!   Qual   è   lo   stimolo che   abbiamo   per   andare   in   chiesa,   se   è   realtà   facciamo   l'esatto   contrario   di   quello   che   Gesù   ci   ha   rivelato?   Che   ipocrisia! Siamo   ciò   che   il   Signore   deve   subire   per      amor   nostro,   siamo   tutte   queste   ambiguità   che   salgono   dalla   terra. Diciamo   basta,   fermiamoci,   cambiamo   rotta,      perché   gli   angeli,   i   santi,   il   Signore   e   la   Madonna   ci   vedono   quando   siamo in   mezzo   a   tanti   guai,   e   quando   li   invochiamo:      "aiutami   a   fare   questo,   aiutami   a   fare   quello,   Signore   pensaci   tu… ".   Ma quando   si   tratta   di   rispettare   la   legge   del   Signore,      non   lo   facciamo.   Andiamo   in   chiesa   per   convenienza,   non   per   gioia, perché   vogliamo   un   riscontro,   una   risposta,   perché      abbiamo   paura   dell'altra   vita,   perché   siamo   superstiziosi.   Dov'è l'umiltà   e   la   carità?   Questa   è   avarizia   spirituale,   è   falsità      comportamentale.   Facciamo   finta   di   essere   umili   e   di   dire Signore,   Signore...   Comportiamoci   per   quello   che   noi   siamo   in      realtà:   il   nulla!   Purtroppo   una   forza   malefica   ci   ha   messo in   testa   strane   idee,   e   ci   è   riuscita   in   pieno,   al   99,9%.   La   Madonna      ha   confidato   a   Roberto   Longhi   che:   ”il   demonio   ci lascia   pregare,   andare   a   messa,   digiunare,   ma   ha   già   ottenuto   da   noi   il      massimo,   quello   che   lui   si   è   prefisso”.    Glielo permettiamo   noi,   ci   proponiamo   noi   ad   essere   soggiogati.   A   cosa   serve      pregare   se   la   nostra   preghiera   è   sostenuta dall'interesse   personale,   da   vantaggi,   quando   il   Signore   sa   già   di   cosa   abbiamo      bisogno   ancor   prima   che   glielo chiediamo?    Perché    continuare    su    questa    strada    e    abusare    continuamente    della    misericordia        di    Dio?    Iniziamo    a comportarci   con   maggiore   obiettività,   per   realizzare   il   progetto   più   grande   che   il   Signore   ha   assegnato      all'uomo: diventare cristiani autentici per portare la sua parola nel mondo.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Un luogo benedetto non è una bettola
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Non   sono   molti   i   luoghi   nel   mondo,   onorati   dal Cielo,   che   hanno   avuto   il   privilegio   di   essere   stati benedetti     dalla     presenza     meravigliosa     della vergine   Maria,   di   San   Giuseppe,   di   Gesù   e   dei Santi.    Quando    si    frequenta    un        luogo    "del Signore",     un     santuario,     bisogna     fare     molta attenzione    e    avere    tanto    rispetto,    come    se entrassimo    veramente    nella    Città    Santa.    Così anche   il   Monte   Misma   merita   molto   rispetto.    La peggior    cosa    è    far    nascere    discordie    e pettegolezzi   nei   luoghi   benedetti,    perché   il Signore   merita   il   massimo   del   comportamento nostro;     criticare     e     commentare     gli     altri,     i sacerdoti,    la    Chiesa...,    è    profanare    un    luogo benedetto.      E’      meglio      restare      a      casa! Comportiamoci   nel   modo   giusto   per   essere   da esempio   a   chi   frequenta   un   luogo   benedetto   e   a chi    entra    nella    santa    Chiesa,    con    un    dialogo conforme    alla    purezza    e    alla    divinità    di    Dio (ricordiamoci   che   la   Chiesa   intesa   come   dimora di   Dio,   è   santa   e   pura   da   sempre,   non   ha   alcun difetto).    Quante    volte    ci    inchiniamo    in    modo composto   davanti   al   Signore?   Alcuni   non   lo   fanno nemmeno    più.    La    Madonna    e    Gesù    possono anche    confidarsi    sul    nostro    comportamento    e dire:   "Pensa   un   po'   quella   persona,   che   non   è nessuno,   entra   come   se   fosse   padrone   di   casa. Noi    che    siamo    i    padroni    di    casa    dobbiamo diventare   i   loro   servi,   perché   dobbiamo   essere disponibili    quando    chiedono    il    nostro    aiuto".   Nemmeno   sappiamo   chi   è   Dio   e   cosa   ha   fatto   per noi   …   Che   presuntuosi!   La   Madonna   vuole   che diventiamo   degli   educatori,   ma   prima   dobbiamo essere   educati   al   giusto   comportamento;   non   è importante    in    quale    percentuale    ci    riusciamo, perché    ognuno    di    noi    ha    un    carisma    e    delle possibilità    che    solo    Dio    conosce.    Dimostriamo almeno   l'impegno   e   l'umiltà   a   farci   educare.   Non facciamo   reagire   il   nostro   orgoglio,   togliamo   tutti i   muri   che   abbiamo   eretto   per   salvaguardare   la nostra    ragione,    mettiamoci    davanti    al    Signore così    come    siamo    e    facciamo    una    profonda riflessione:   "Signore,   quante   volte   ti   ho   mancato di   rispetto!   Non   meritavi   che   io   ti   facessi   questo". L'uomo   si   sente   il   vero   Dio,   con   la   sua   ragione,   il suo     diritto,     i     suoi     interessi:     questo     ci     ha insegnato   una   mentalità   sindacalista,   che   vuole mettere    tutto    in    discussione.    Almeno    quando andiamo   ai   pellegrinaggi   o   entriamo   in   chiesa, comportiamoci   bene,   senza   esagerare   e   senza fanatismo,   in   modo   semplice   e   ossequioso,   nel nascondimento,   quasi   da   non   farci   notare   dagli altri,   per   non   disturbarli,   per   non   farli   reagire   nel loro orgoglio. LA VERITÀ VA DETTA PER GRADI Stiamo      attenti:      essere      la      voce      della coscienza   è   irritante,   non   c’è   cosa   peggiore per   gli   altri.   L'uomo   non   vuole   essere   messo   in discussione   o   rimproverato,   non   vuole   sentire   la voce   della   verità.   Perciò   è   stato   ucciso   Giovanni Battista.....      Non   irritiamo   gli   altri   mettendoci   in mostra,   usiamo   molta   dolcezza   e   molta   tattica, come    fossimo    degli    strateghi.    Bisogna    usare quella   accortezza   che   ci   deve   far   diventare   miti come     colombe     e     furbi     come     serpenti.     Se vogliamo   essere   ossequiosi   davanti   al   Signore, comportiamoci   con   molta   prudenza,   mettiamoci dove   nessuno   ci   vede   e   apriamo   il   nostro   cuore in   ginocchio,   ringraziando   il   Signore   per   averci fatto    ancora    entrare    nella    sua    casa.        Non cerchiamo   di   evidenziare   e   richiamare   tutti   allo stesso    comportamento    …    Dobbiamo    agire    così anche   nelle   nostre   famiglie,   perché   il   demonio   " ci    sguazza"    in    questi    atteggiamenti,    facendoci scontrare   uno   con   l'altro,   in   una   guerra   di   spiriti. Lo      spirito      cattivo      non      ha      fatto      alcun compromesso   con   lo   spirito   buono,   e   quando   sa che    deve    essere    sfrattato,    non    si    rassegna facilmente,   non   diventa   mite   e   umile,   reagisce   e si     ribella     in     modo     violento,     in     modo     da alimentare    scontri.    E’    ciò    che    vediamo    nel mondo.   Gesù   nella   sua   vita   pubblica   non   è   mai stato   prepotente   con   chi   lo   ha   incontrato;   ha accettato    di    sedersi    anche    con    chi    non    era d'accordo    sulle    sue    parabole    e    su    quello    che proponeva.   Gesù   era   docile   e   intelligente,   come lo   è   stata   Maria   Santissima:   mai   hanno   innescato meccanismi       di       reazione,       di       sfida,       di provocazione,   mai.   Hanno   subito,   sono   passati per   quello   che   non   erano,   sono   stati   insultati, però     hanno     taciuto.     Anche     noi     possiamo comportarci   come   Gesù   e   la   Madonna,   perché siamo   stati   creati   con   quelle   caratteristiche.      Lo hanno   dimostrato   Bernadette   e   i   tre   pastorelli   di Fatima,   quando   hanno   tenuto   testa   a   gente   che era   il   massimo   dell'istruzione,      superando      con intelligenza    e    sostegno    di    Dio    tante    prove.    Il Signore     non     sceglie     i     più     ignoranti,     come qualcuno    pensa,    sceglie    i    più    umili    e    i    più disponibili   a   far   si   che   il   suo   progetto   si   possa attuare.   Non   siamo   stati   creati   per   l'arroganza   e la   prepotenza,   quelle   vengono   con   l'abitudine   Quante   cose   insensate   che   abbiamo   detto   non solo    davanti    al    Signore    e    alla    Madonna,    ma anche   davanti   agli   angeli,   ai   santi   e   agli   antichi profeti   del   vecchio   testamento:   dimostriamo   di sapere    tutto,    quando    in    realtà    non    sappiamo niente,     perché     il     nostro     comportamento     lo comprova.    Il    Cielo    ci    osserva    da    sempre    e quando   apre   la   sua   porta,   tutti   ci   dicono:   "Non fate     anche     voi     gli     errori     che     altri     hanno commesso" ;   ripetono   ciò   che   Maria   Santissima ha    suggerito    a    Roberto    Longhi.    Ricordiamoci che   il   nostro   modo   di   fare   può   influire   su molte       persone,       dunque       siamo       tutti responsabili     del     nostro     comportamento.       Non   dobbiamo   diseducare.   Ma   se   saremo   giusti, a   nostra   insaputa,   potremmo   essere   portatori   di luce   e   di   verità,   perché   qualsiasi   alito   che   uscirà dalla nostra bocca sarà frutto di conversione.  SMETTIAMOLA DI FARE TUTTO PER CONVENIENZA! L'uomo    oggi    fa    tutto    per    convenienza.    Ogni comportamento      umano      ha      un      vantaggio personale.   Ci   siamo   talmente   abituati   a      questo modo   di   vivere,   che   anche   quando   andiamo   in chiesa   e   ci   affidiamo   al   Signore,   lo   facciamo   per un      beneficio            personale,      dimenticandoci totalmente   che   il   Signore   va   lodato   e   ringraziato. E   se   anche   facciamo   del   volontariato,   è   solo      per una    piccola    percentuale,    perché    in    generale    i nostri    comportamenti    sono    originati    da    una convenienza.   Dobbiamo      essere   un   po'   severi   con noi   stessi   e   avere   coraggio   di   dire   le   cose   come stanno.    Perché    il    Signore    premia    gli    audaci, coloro      che   sanno   dire   quello   che   è,   non   coloro che   sono   condiscendenti,   che   si   auto   approvano solo   per   amicizia.   Chiediamoci      perché   ci   siamo abituati   a   fare   tutto   per   convenienza.   Tutto!   Qual è   lo   stimolo   che   abbiamo   per   andare   in   chiesa, se   è   realtà   facciamo   l'esatto   contrario   di   quello che   Gesù   ci   ha   rivelato?   Che   ipocrisia!   Siamo   ciò che   il   Signore   deve   subire   per      amor   nostro, siamo   tutte   queste   ambiguità   che   salgono dalla      terra.      Diciamo      basta,      fermiamoci, cambiamo   rotta,      perché   gli   angeli,   i   santi,   il Signore   e   la   Madonna   ci   vedono   quando   siamo   in mezzo    a    tanti    guai,    e    quando    li    invochiamo:      "aiutami   a   fare   questo,   aiutami   a   fare   quello, Signore    pensaci    tu… ".    Ma    quando    si    tratta    di rispettare   la   legge   del   Signore,      non   lo   facciamo. Andiamo    in    chiesa    per    convenienza,    non    per gioia,     perché     vogliamo     un     riscontro,     una risposta,   perché      abbiamo   paura   dell'altra   vita, perché   siamo   superstiziosi.   Dov'è   l'umiltà   e   la carità?    Questa    è    avarizia    spirituale,    è    falsità      comportamentale.   Facciamo   finta   di   essere   umili e   di   dire   Signore,   Signore...   Comportiamoci   per quello   che   noi   siamo   in      realtà:   il   nulla!   Purtroppo una   forza   malefica   ci   ha   messo   in   testa   strane idee,    e    ci    è    riuscita    in    pieno,    al    99,9%.    La Madonna      ha   confidato   a   Roberto   Longhi   che:   ”il demonio    ci    lascia    pregare,    andare    a    messa, digiunare,   ma   ha   già   ottenuto   da   noi   il      massimo, quello   che   lui   si   è   prefisso”.    Glielo   permettiamo noi,   ci   proponiamo   noi   ad   essere   soggiogati.   A cosa   serve      pregare   se   la   nostra   preghiera   è sostenuta   dall'interesse   personale,   da   vantaggi, quando    il    Signore    sa    già    di    cosa    abbiamo      bisogno     ancor     prima     che     glielo     chiediamo? Perché   continuare   su   questa   strada   e   abusare continuamente     della     misericordia          di     Dio? Iniziamo   a   comportarci   con   maggiore   obiettività, per    realizzare    il    progetto    più    grande    che    il Signore     ha     assegnato          all'uomo:     diventare cristiani   autentici   per   portare   la   sua   parola   nel mondo.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile