Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Stiamo   brancolando   nel   buio   come   tanti   zombi   e   non   ci   rendiamo   conto   che   alzando   gli   occhi   possiamo   vedere   una   luce stupenda   che   ci   suggerisce   come   uscire   da   questo   torpore   mondiale.   Noi   possiamo   vivere   la   stessa   esperienza meravigliosa   di   "Marcellino   pane   e   vino"   e   far   scendere   Gesù   dalla   croce.   Non   ci dispiace   che   è   ancora   lì   dopo   2000   anni   con   la   corona   di   spine,   inchiodato   a   quei   due   legni per   la   nostra   stupidità,   per   un   comportamento   che   deve   venire   solo   da   noi?   Certo,   qualcuno l'avrà   fatto   scendere,   ma   anche   noi   potremmo   sfruttare   questa   opportunità   che   vale   più   della migliore   occasione   della   nostra   vita,   con   il   semplice   gesto   dell'amore.      Un   gesto   gratuito   che eliminerebbe   tutti   i   nostri   peccati,   il   risultato   massimo   di   un   cristiano.      Non   è   mica   vero   che   il nostro   Messia   deve   rimanere   sempre   in   croce,   se   ci   ameremo   gli   uni   gli   altri   e   vivremo   in perfetta   letizia,   lui   scenderà   e   gioirà   con   noi.   Ma   fintanto   che   non   lo   faremo   resterà   in   croce. Dov’è   il   nostro   amore   verso   Gesù   se   continuiamo   a   confermare   la   sorte   peggiore?   Lui   che   ha il    potere    su    tutto    si    è    immolato    per    noi    e    noi    che    abbiamo    il    potere    su    niente    ci autopromuoviamo   al   suo   posto.   Che   cosa   rimane   di   quello   che   costruisce   l'uomo?   Tutto   ciò che   ha   creato   è   svanito,   non   è   servito   a   nulla   e   delle   grandi   civiltà   che   dominarono   il   mondo con    milioni    di    persone    ridotte    in    schiavitù,    non    abbiamo    altro    che    qualche    reperto archeologico    coperto    da    sterpi    e    rovi.    Anche    della    nostra    civiltà    del    progresso    fra cinquant'anni   sarà   rimasto   ben   poco,   mentre   quello   che   ha   creato   Dio   è   rimasto,   non   si   è   consumato.   Conviene affidarci   a   quello   che   propone   l'uomo,   quando   poi   non   ne   rimane   più   traccia?   Perché   pensiamo   che   dipenda   tutto   da   noi   e non   siamo   disposti   ad   accettare   quello   che   il   Signore   vuol   dirci?   Perché   vogliamo   rappresentare   un   Dio   che   non   esiste, quando   lui   si   aspetta   solo   che   lo   facciamo   scendere   dalla   croce?   È   salito   lì   per   amor   nostro   e   non   pensa   nemmeno   a   se stesso   in   quest'occasione,   ma   desidera   che   ci   amiamo   tra   noi.   Se   sapessimo   la   realtà   dell'amore   di   Dio,   potremmo veramente   capire   quanto   siamo   indegni.   Non   è   sufficiente   leggere   la   Bibbia   come   qualcuno   pensa,   perché   se   non   la mettiamo   in   pratica   con   la   carità   e   l'amore,   siamo   lettori   smemorati.   Il   nostro   è   un   Dio   geloso,   preciso,   che   non   concede replica.   Se   fosse   come   molti   lo   raffigurano,   allora   sarebbe   stato   ingiusto   con   tanti   suoi   strumenti   che   ha   provato   in   modo disumano.   Purtroppo   quelli   meno   disponibili   ad   amare   sono   coloro   che   pregano   di   più,   i   famosi   farisei.   Non   commettiamo lo   stesso   errore,   si   può   pregare   in   perfetta   letizia   senza   avere   un   cuore   duro.   Diciamo:   "Signore,   fa   che   io   desideri   di   non peccare   mai   più".    Lui   scende   dalla   croce   solamente   per   l’amore,   non   per   le   preghiere   false .   Meditiamo.   Non vogliamo   condolerci   con   il   nostro   Salvatore?   Come   possiamo   dirgli   ti   voglio   bene” ,   se   non   abbiamo   ancora   tolto   una spina   dalla   sua   corona   e   nemmeno   ci   curiamo   di   farlo   scendere   un   attimo   dal   quel   patibolo?   Lo   prendiamo   in   giro   con   le nostre   promesse   da   “marinaio”.   L'amore   puro   e   vero   non   è   quello   che   ci   permette   di   avere   dei   riconoscimenti,   ma   quello che   ci   fa   subire   ogni   sorta   di   prove   contro   la   logica   della   nostra   mente,   accettando   anche   il   tradimento   più   crudele.   Se tutto   ciò   che   è   passato   sotto   i   nostri   occhi   non   serve   a   capire   che   gli   inghippi   stanno   tutti   nella   nostra   mente,   vuol   dire che   difficilmente   il   Signore   potrà   contare   su   di   noi.      Che   gioia   se   un   giorno   vedessimo   una   delle   nostre   croci   senza   il corpo   di   Gesù!   Il   Padre   ci   dimostrerà   riconoscenza.   Perché   vogliamo   la   ricompensa   prima   di   fare   la   nostra   parte? Sarebbe   come   vincere   il   premio   di   una   lotteria   pagando   con   quei   soldi   il   prezzo   del   biglietto.      Il   Signore   interverrà   solo quando   sarà   messo   il   sigillo   su   144.000   uomini   giusti   (Ap   14,   1-5),   cosa   che   non   è   avvenuta   dopo   miliardi   e   miliardi   di persone.  DA’ COSÌ FASTIDIO IL MONTE MISMA? Il   movimento   dei   monaci   è   stato   iniziato   dai   laici   e   il   monte   Misma   è   un   monastero   laico   con   le   sue   regole   scritte   già da   tanti   anni,   per   aprire   un   rifugio   di   risanamento   per   chi   conferma   infermità   di   mente,   di   corpo   e   di   anima.   Il mondo   è   pieno   di   queste   infermità,   perciò   non   dobbiamo   entrare   al   monte   Misma   con   le   nostre   malignità,   con   un   cuore fallace,   altrimenti   non   potrà   esserci   la   perfetta   letizia,   il   sigillo   più   emblematico   del   monaco   che   rispetta   le   regole.   Il monte Misma è un posto decrepito e anche la strada per arrivarci é irta e tortuosa. Come quella per arrivare in Paradiso.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Non è utopia
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Stiamo   brancolando   nel   buio   come   tanti   zombi   e non    ci    rendiamo    conto    che    alzando    gli    occhi possiamo    vedere    una    luce    stupenda    che    ci suggerisce     come     uscire     da     questo     torpore mondiale.    Noi    possiamo    vivere    la    stessa esperienza   meravigliosa   di   "Marcellino   pane e vino" e far scendere Gesù dalla croce. Non   ci   dispiace   che   è   ancora   lì   dopo   2000   anni con   la   corona   di   spine,   inchiodato   a   quei   due legni      per      la      nostra      stupidità,      per      un comportamento    che    deve    venire    solo    da    noi? Certo,   qualcuno   l'avrà   fatto   scendere,   ma   anche noi   potremmo   sfruttare   questa   opportunità   che vale    più    della    migliore    occasione    della    nostra vita,   con   il   semplice   gesto   dell'amore.      Un   gesto gratuito   che   eliminerebbe   tutti   i   nostri   peccati,   il risultato   massimo   di   un   cristiano.      Non   è   mica vero   che   il   nostro   Messia   deve   rimanere   sempre in   croce,   se   ci   ameremo   gli   uni   gli   altri   e   vivremo in   perfetta   letizia,   lui   scenderà   e   gioirà   con   noi. Ma   fintanto   che   non   lo   faremo   resterà   in   croce. Dov’è   il   nostro   amore   verso   Gesù   se   continuiamo a   confermare   la   sorte   peggiore?   Lui   che   ha   il potere   su   tutto   si   è   immolato   per   noi   e   noi   che abbiamo   il   potere   su   niente   ci   autopromuoviamo al    suo    posto.    Che    cosa    rimane    di    quello    che costruisce    l'uomo?    Tutto    ciò    che    ha    creato    è svanito,    non    è    servito    a    nulla    e    delle    grandi civiltà   che   dominarono   il   mondo   con   milioni   di persone   ridotte   in   schiavitù,   non   abbiamo   altro che    qualche    reperto    archeologico    coperto    da sterpi    e    rovi.    Anche    della    nostra    civiltà    del progresso    fra    cinquant'anni    sarà    rimasto    ben poco,    mentre    quello    che    ha    creato    Dio    è rimasto,     non     si     è     consumato.     Conviene affidarci   a   quello   che   propone   l'uomo,   quando   poi non   ne   rimane   più   traccia?   Perché   pensiamo   che dipenda   tutto   da   noi   e   non   siamo   disposti   ad accettare   quello   che   il   Signore   vuol   dirci?   Perché vogliamo   rappresentare   un   Dio   che   non   esiste, quando    lui    si    aspetta    solo    che    lo    facciamo scendere   dalla   croce?   È   salito   lì   per   amor   nostro e     non     pensa     nemmeno     a     se     stesso     in quest'occasione,   ma   desidera   che   ci   amiamo   tra noi.   Se   sapessimo   la   realtà   dell'amore   di   Dio, potremmo     veramente     capire     quanto     siamo indegni.   Non   è   sufficiente   leggere   la   Bibbia   come qualcuno   pensa,   perché   se   non   la   mettiamo   in pratica    con    la    carità    e    l'amore,    siamo    lettori smemorati.   Il   nostro   è   un   Dio   geloso,   preciso, che   non   concede   replica.   Se   fosse   come   molti   lo raffigurano,    allora    sarebbe    stato    ingiusto    con tanti    suoi    strumenti    che    ha    provato    in    modo disumano.   Purtroppo   quelli   meno   disponibili   ad amare   sono   coloro   che   pregano   di   più,   i   famosi farisei.   Non   commettiamo   lo   stesso   errore,   si   può pregare   in   perfetta   letizia   senza   avere   un   cuore duro.   Diciamo:   "Signore,   fa   che   io   desideri   di   non peccare    mai    più".     Lui    scende    dalla    croce solamente   per   l’amore,   non   per   le   preghiere false .   Meditiamo.   Non   vogliamo   condolerci   con   il nostro   Salvatore?   Come   possiamo   dirgli   ti   voglio bene” ,   se   non   abbiamo   ancora   tolto   una   spina dalla   sua   corona   e   nemmeno   ci   curiamo   di   farlo scendere     un     attimo     dal     quel     patibolo?     Lo prendiamo   in   giro   con   le   nostre   promesse   da “marinaio”.   L'amore   puro   e   vero   non   è   quello   che ci    permette    di    avere    dei    riconoscimenti,    ma quello   che   ci   fa   subire   ogni   sorta   di   prove   contro la   logica   della   nostra   mente,   accettando   anche   il tradimento    più    crudele.    Se    tutto    ciò    che    è passato   sotto   i   nostri   occhi   non   serve   a   capire che   gli   inghippi   stanno   tutti   nella   nostra   mente, vuol    dire    che    difficilmente    il    Signore    potrà contare    su    di    noi.        Che    gioia    se    un    giorno vedessimo   una   delle   nostre   croci   senza   il   corpo   di Gesù!   Il   Padre   ci   dimostrerà   riconoscenza.   Perché vogliamo   la   ricompensa   prima   di   fare   la   nostra parte?   Sarebbe   come   vincere   il   premio   di   una lotteria    pagando    con    quei    soldi    il    prezzo    del biglietto.      Il   Signore   interverrà   solo   quando   sarà messo   il   sigillo   su   144.000   uomini   giusti   (Ap   14, 1-5),   cosa   che   non   è   avvenuta   dopo   miliardi   e miliardi di persone.  DA’ COSÌ FASTIDIO IL MONTE MISMA? Il   movimento   dei   monaci   è   stato   iniziato   dai   laici e   il   monte   Misma   è   un   monastero   laico   con   le sue   regole   scritte   già   da   tanti   anni,   per   aprire un   rifugio   di   risanamento   per   chi   conferma infermità   di   mente,   di   corpo   e   di   anima.   Il mondo   è   pieno   di   queste   infermità,   perciò   non dobbiamo   entrare   al   monte   Misma   con   le   nostre malignità,   con   un   cuore   fallace,   altrimenti   non potrà    esserci    la    perfetta    letizia,    il    sigillo    più emblematico   del   monaco   che   rispetta   le   regole.   Il monte   Misma   è   un   posto   decrepito   e   anche   la strada    per    arrivarci    é    irta    e    tortuosa.    Come quella per arrivare in Paradiso.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile