Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
La   Madonna   è   la   Madre   di   tutte   le   madri,   ma   come   ogni   mamma   ha   dei   figli   bravi   e   altri   meno   bravi,   alcuni   che   la consolano   e   altri   che   la   fanno   soffrire.   Pensiamo   di   essere   tutti   bravi   solo   perché   la   chiamiamo   Mamma?   E   se   invece   di sostenerla   le   causiamo   le   più   grandi   sofferenze?   Il   figlio   bravo   quando   vede   piangere   sua   madre   cerca   di   consolarla,   di portarle   via   le   colpe   degli   altri,   non   va   a   giudicare   e   offendere   il   proprio   fratello,   semmai   lo   riprende   al      momento   giusto. Il   figlio   umile   sa   che   sta   facendo   del   bene,   ma   viene   criticato   e   pugnalato   dagli   stessi   fratelli;   non   si   esalterà   mai   con   la sua   vana   gloria,   non   imbroglierà   mai.   Il   figlio   cattivo   sembra   che   faccia   la   parte   migliore   con   la   propria   madre,   ma   poi   la tradisce   facendola   soffrire   e   offendendola,   mentre   quello   buono   riceve   tante   ingiustizie,   perché   magari   la   mamma   ha   più attenzioni    verso    quel    figlio    che    ha    più    problemi.    Quanti    di    noi    si    sono    lamentati    perché    non    hanno    visto riconosciuto   il   bene   che   hanno   fatto?   E’   il   modo   di   servire   i   propri   genitori?   La   nostra   missione   potrebbe   essere proprio   quella,   se   siamo   nati   di   una   natura   invece   che   un'altra,   ci   sarà   un   motivo.   Incominciamo   a   fare   bene   quello   che   è in   noi,   senza   preoccuparci   se   c'è   il   merito   o   meno,   come   ha   fatto   Gesù   morendo   in   croce   per   noi.   Il   cristiano   oggi   si lamenta   e   sembra   che   Dio   si   disinteressi   della   sua   vita,   ma   non   è   così;   è   che   a   un   certo   punto   della   nostra   esistenza, specialmente   negli   ultimi   trent'anni,   abbiamo   deciso   noi   cosa   può   essere   sufficiente   e   cosa   è   meglio   fare   anche   delle cose   di   Dio.   Che   presunzione,   che   offesa!   Il   Signore   è   dove   l'abbiamo   abbandonato   quando   abbiamo   fatto   di   testa nostra;   se   fossimo   rimasti   con   lui   non   saremmo   in   questa   situazione.   La   preghiera   non   nasconderà   mai   un'azione   cattiva di   un   figlio,   quella   rimane   perché   ha   fatto   soffrire   sua   madre.   Ecco   perché   ha   detto   a   Roberto:   "non   commettere   anche tu   errori   che   tanti   altri   miei   figli   commettono"    e   "ah   se   questi   figli   mi   ascoltassero!".    Quando   manchiamo   di   carità,   amore e   umiltà,   la   Madre   delle   madri   non   gioisce.   Dobbiamo   avere   nel   cuore   il   desiderio   di   essere   la   parte   migliore   della   sua famiglia,   ma   non   per   primeggiare.   Chi   vuole   essere   al   primo   posto   non   è   mai   il   migliore,   perché   calpesta   gli   altri, offende,   non   si   comporta   con   correttezza,   è   quello   che   vuole   più   vantaggi   materiali   (non   spirituali).   Una   madre   vuole sempre   semplificare   la   vita   del   proprio   figlio   e   dargli   tutto   per   evitare   la   sofferenza.   Non   è   quello   che   la   Madonna   sta facendo   con   noi?   Ha   miliardi   di   figli,   uno   diverso   dall'altro,   non   vogliamo   consolarla   ed   essere   con   lei   un   cuor   solo   e un'anima   sola?   Amando,   otterremo   tante   grazie,   anche   quelle   che   non   può   dare   a   chi   non   le   merita.   Dobbiamo immolarci,   non   aver   paura   di   essere   perseguitati,   criticati   e   giudicati.   Quante   persone   non   fanno   più   del   bene, perché   l'altra   non   si   è   comportata   correttamente?   Queste   cose   devono   entrare   nel   nostro   cuore,   non   nella   mente che   ha   molti   stimoli   polemici.   Quando   pensiamo   alla   nostra   giornata,   diciamo:   “quello   ha   sbagliato,   non   doveva,   mi   ha offeso”      oppure   siamo   caritatevoli?   Lasciamo   che   sia   Dio   a   togliere   la   zizzania   dal   grano,   perché   noi   rischieremmo   di   fare il   contrario.   Dobbiamo   avere   il   coraggio   delle   nostre   azioni   e   dire:   “Signore   ho   sbagliato   tutto,   anche   se   pensavo   di essere   nel   giusto,   però   ho   capito   che   si   può   essere   migliori".   Solo   così   possiamo   ricevere   la   grazia   del   Signore   che   ci cambia   la   vita   in   un   modo   stupendo   e   non   avremo   più   quella   rabbia   e   quella   voglia   di   vendicarsi,   che   normalmente   ci assale quando uno ci offende e tradisce. I TRE PRINCIPI FONDAMENTALI Se   la   Madre   di   tutte   le   madri   ha   inciso   sul   monte   Misma   silenzio,   preghiera   e   meditazione,    tre   richieste   principali nella   vita   di   ogni   cristiano,   vuol   dire   che   dobbiamo   attenerci   a   questo   e   non   creare   noi   le   basi   su   cui   appoggiare   tutta   la nostra   buona   volontà.   Questi   tre   sigilli   meravigliosi,   ripetuti   da   tanti   Papi,   hanno   anche   una   cronologia   ben   precisa.   Il silenzio:   l'uomo   oggi   sa   fare   tutto   tranne   che   il   silenzio,   non   riesce   ad   ubbidire;   è   la   debolezza   comune   che   accompagna i   popoli   del   vecchio   e   nuovo   Testamento.   Il   Signore   ci   lascia   la   libertà   e   ci   chiede   le   cose   più   semplici,   comode   e riposanti,   non   quelle   più   grandi   di   noi.   Se   non   siamo   in   silenzio   non   ci   parlerà   mai,   è   inutile   pensare   che   intervenga   tra suoni   e   canti;   non   sentiremo   mai   la   sua   voce   nelle   orecchie,   ma   nel   cuore   e   in   quel   momento   saremo   desiderosi   di amare   e   di   ringraziarlo,   anche   a   nome   dei   nostri   fratelli   che   non   hanno   capito.   Se   guardiamo   la   Bibbia,   Dio   ha   sempre parlato   nel   silenzio,   in   certi   luoghi,   o   quando   le   persone   erano   sole   in   certi   luoghi.   Perché   vogliamo   fare   una   fede   e   un rumore   di   massa?   Abbiamo   paura   della   nostra   coscienza?   Nella   confusione   e   nel   fanatismo   non   intervengono   a   parlarci   il Signore   e   la   Madonna,   sapendo   già   che   siamo   super   esaltati   da   tante   cose.   Il   silenzio   parla   più   di   quello   che   ci immaginiamo    e    quando    l’avremo    conosciuto,    insieme    alla    dolce    voce    del    Signore    che    ci    trasporta    e    sostiene, pregheremo   senza   che   nessuno   ci   obblighi,   con   l'unico   scopo   di   lodare   Dio.   Poi   si   mediterà   su   tutto   quello   che   ci   ha donato   e   messo   a   disposizione,   sull’universo   creato.   Com'è   bello   pregare   con   la   gioia   dell'abbandono   a   Dio   nel   cuore, anche   davanti   alle   prove!   La   meditazione   non   è   un   fatto   fisico    come   lo   yoga,   dobbiamo   essere   noi   stessi   perché   è una   cosa   semplice   e   normale,   che   ci   levita.   Al   Signore   bastano   poche   persone   giuste   e   obbedienti   per   cambiare   le   cose del mondo, non i grandi numeri come pensiamo noi.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Ci chiamiamo ancora figli di Maria?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
La   Madonna   è   la   Madre   di   tutte   le   madri,   ma come   ogni   mamma   ha   dei   figli   bravi   e   altri   meno bravi,   alcuni   che   la   consolano   e   altri   che   la   fanno soffrire.    Pensiamo    di    essere    tutti    bravi    solo perché   la   chiamiamo   Mamma?   E   se   invece   di sostenerla   le   causiamo   le   più   grandi   sofferenze? Il   figlio   bravo   quando   vede   piangere   sua   madre cerca   di   consolarla,   di   portarle   via   le   colpe   degli altri,   non   va   a   giudicare   e   offendere   il   proprio fratello,   semmai   lo   riprende   al      momento   giusto. Il   figlio   umile   sa   che   sta   facendo   del   bene,   ma viene   criticato   e   pugnalato   dagli   stessi   fratelli; non   si   esalterà   mai   con   la   sua   vana   gloria,   non imbroglierà    mai.    Il    figlio    cattivo    sembra    che faccia   la   parte   migliore   con   la   propria   madre,   ma poi   la   tradisce   facendola   soffrire   e   offendendola, mentre    quello    buono    riceve    tante    ingiustizie, perché   magari   la   mamma   ha   più   attenzioni   verso quel   figlio   che   ha   più   problemi.   Quanti   di   noi   si sono    lamentati    perché    non    hanno    visto riconosciuto   il   bene   che   hanno   fatto?   E’   il modo    di    servire    i    propri    genitori?    La    nostra missione    potrebbe    essere    proprio    quella,    se siamo   nati   di   una   natura   invece   che   un'altra,   ci sarà   un   motivo.   Incominciamo   a   fare   bene   quello che   è   in   noi,   senza   preoccuparci   se   c'è   il   merito   o meno,   come   ha   fatto   Gesù   morendo   in   croce   per noi.   Il   cristiano   oggi   si   lamenta   e   sembra   che   Dio si   disinteressi   della   sua   vita,   ma   non   è   così;   è che    a    un    certo    punto    della    nostra    esistenza, specialmente    negli    ultimi    trent'anni,    abbiamo deciso   noi   cosa   può   essere   sufficiente   e   cosa   è meglio    fare    anche    delle    cose    di    Dio.    Che presunzione,    che    offesa!    Il    Signore    è    dove l'abbiamo   abbandonato   quando   abbiamo   fatto   di testa    nostra;    se    fossimo    rimasti    con    lui    non saremmo   in   questa   situazione.   La   preghiera   non nasconderà    mai    un'azione    cattiva    di    un    figlio, quella   rimane   perché   ha   fatto   soffrire   sua   madre. Ecco     perché     ha     detto     a     Roberto:     "non commettere   anche   tu   errori   che   tanti   altri   miei figli    commettono"     e    "ah    se    questi    figli    mi ascoltassero!".     Quando    manchiamo    di    carità, amore    e    umiltà,    la    Madre    delle    madri    non gioisce.   Dobbiamo   avere   nel   cuore   il   desiderio   di essere   la   parte   migliore   della   sua   famiglia,   ma non   per   primeggiare.   Chi   vuole   essere   al   primo posto   non   è   mai   il   migliore,   perché   calpesta   gli altri,   offende,   non   si   comporta   con   correttezza,   è quello    che    vuole    più    vantaggi    materiali    (non spirituali).   Una   madre   vuole   sempre   semplificare la   vita   del   proprio   figlio   e   dargli   tutto   per   evitare la   sofferenza.   Non   è   quello   che   la   Madonna   sta facendo   con   noi?   Ha   miliardi   di   figli,   uno   diverso dall'altro,   non   vogliamo   consolarla   ed   essere   con lei    un    cuor    solo    e    un'anima    sola?    Amando, otterremo   tante   grazie,   anche   quelle   che   non   può dare   a   chi   non   le   merita.   Dobbiamo   immolarci, non   aver   paura   di   essere   perseguitati,   criticati   e giudicati.   Quante   persone   non   fanno   più   del bene,    perché    l'altra    non    si    è    comportata correttamente?    Queste    cose    devono    entrare nel   nostro   cuore,   non   nella   mente   che   ha   molti stimoli    polemici.    Quando    pensiamo    alla    nostra giornata,    diciamo:    “quello    ha    sbagliato,    non doveva,   mi   ha   offeso”      oppure   siamo   caritatevoli? Lasciamo   che   sia   Dio   a   togliere   la   zizzania   dal grano,     perché     noi     rischieremmo     di     fare     il contrario.    Dobbiamo    avere    il    coraggio    delle nostre   azioni   e   dire:   “Signore   ho   sbagliato   tutto, anche   se   pensavo   di   essere   nel   giusto,   però   ho capito    che    si    può    essere    migliori".    Solo    così possiamo   ricevere   la   grazia   del   Signore   che   ci cambia    la    vita    in    un    modo    stupendo    e    non avremo    più    quella    rabbia    e    quella    voglia    di vendicarsi,   che   normalmente   ci   assale   quando uno ci offende e tradisce. I TRE PRINCIPI FONDAMENTALI Se   la   Madre   di   tutte   le   madri   ha   inciso   sul   monte Misma   silenzio,   preghiera   e   meditazione,    tre richieste    principali    nella    vita    di    ogni    cristiano, vuol   dire   che   dobbiamo   attenerci   a   questo   e   non creare    noi    le    basi    su    cui    appoggiare    tutta    la nostra      buona      volontà.      Questi      tre      sigilli meravigliosi,   ripetuti   da   tanti   Papi,   hanno   anche una   cronologia   ben   precisa.   Il   silenzio:   l'uomo oggi    sa    fare    tutto    tranne    che    il    silenzio,    non riesce   ad   ubbidire;   è   la   debolezza   comune   che accompagna     i     popoli     del     vecchio     e     nuovo Testamento.   Il   Signore   ci   lascia   la   libertà   e   ci chiede   le   cose   più   semplici,   comode   e   riposanti, non   quelle   più   grandi   di   noi.   Se   non   siamo   in silenzio   non   ci   parlerà   mai,   è   inutile   pensare   che intervenga   tra   suoni   e   canti;   non   sentiremo   mai la   sua   voce   nelle   orecchie,   ma   nel   cuore   e   in   quel momento    saremo    desiderosi    di    amare    e    di ringraziarlo,   anche   a   nome   dei   nostri   fratelli   che non   hanno   capito.   Se   guardiamo   la   Bibbia,   Dio ha   sempre   parlato   nel   silenzio,   in   certi   luoghi,   o quando    le    persone    erano    sole    in    certi    luoghi. Perché   vogliamo   fare   una   fede   e   un   rumore   di massa?   Abbiamo   paura   della   nostra   coscienza? Nella      confusione      e      nel      fanatismo      non intervengono   a   parlarci   il   Signore   e   la   Madonna, sapendo   già   che   siamo   super   esaltati   da   tante cose.   Il   silenzio   parla   più   di   quello   che   ci immaginiamo    e    quando    l’avremo    conosciuto, insieme    alla    dolce    voce    del    Signore    che    ci trasporta    e    sostiene,    pregheremo    senza    che nessuno   ci   obblighi,   con   l'unico   scopo   di   lodare Dio.   Poi   si   mediterà   su   tutto   quello   che   ci   ha donato    e    messo    a    disposizione,    sull’universo creato.     Com'è     bello     pregare     con     la     gioia dell'abbandono   a   Dio   nel   cuore,   anche   davanti alle    prove!    La    meditazione    non    è    un    fatto fisico    come   lo   yoga,   dobbiamo   essere   noi   stessi perché   è   una   cosa   semplice   e   normale,   che   ci levita.   Al   Signore   bastano   poche   persone   giuste   e obbedienti   per   cambiare   le   cose   del   mondo,   non   i grandi numeri come pensiamo noi.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile