Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  È   stupido   chi   pensa   che   siamo   frutto   dell'evoluzione.   Chi   ha   creato   l'elemento   che   deve   evolversi?   C'è    una    partenza,    non   abbiamo   fatto   un   salto   nel   buio.   Pensare   di   essere   stati   creati   da   un   Dio   meraviglioso   ci   deve   rendere   più   responsabili non   così   fatalisti.   Senza   il   suo   intervento   come   potremmo   procreare?   Dovremmo   estasiarci   davanti   all'universo   creato dove   tutto   fa   il   suo   corso   in   un   modo   naturale,   ma   noi,   la   creatura   più   bella   e   intelligente,   l’abbiamo   imbruttito.   Ci   è stata   data   una   regola   di   vita   attraverso   i   profeti,   ci   è   stata   donata   la   Santissima   Vergine   Immacolata,   con   il   suo   divin Figlio   e   lo   Spirito   Santo.   Non   dobbiamo   inventare   nulla,   abbiamo   molto   più   di   quello   che   è   necessario   e   potremmo   star bene   in   ogni   situazione.   Potremmo   salvarci   seguendo   la   parola   del   Signore   e   vivere   in   modo   fraterno,   nel   gaudio   e   nella letizia.   Ma   ci   siamo   svuotati   allegramente   della   cristianità.   Dov'è   il   risultato   dopo   miliardi   e   miliardi   di   preghiere?   Si sbaglia   di   grosso   chi   pensa   che   il   buon   cristiano   è   quello   che   ha   pregato   di   più,   perché   allora   vuol   dire   che   non   fa   testo   il Vangelo.   Stiamo   attenti   perché   pagheremo   anche   l’aver   consigliato   male   gli   altri.   O   siamo   caritatevoli   o   non   lo   siamo, non   c'entrano   le   preghiere.   È   scritto   che   tutto   sparirà,   ma   rimarrà   la   carità .   Chi   è   caritatevole   non   critica,   non   parla   di malizia,   di   intrighi,   di   opportunismo,   aiuta   con   amore   e   non   vuole   nemmeno   che   si   sappia.   Chi   non   è   caritatevole dubita   dell'integrità   fisica   e   morale   degli   altri .   Critica   il   sacerdote   ma   non   dà   niente   alla   parrocchia.   E'   la   malizia   dei perversi.   Perché   chi   non   ha   dato   niente   di   suo   critica   un   ambiente   e   mette   in   dubbio   quello   che   hanno   fatto   gli   altri? Questo   avviene   anche   nelle   nostre   famiglie   e   nella   fede:   quello   che   ha   fatto   meno   vuole   apparire   come   quello   che   ha fatto   di   più,   pretende   di   più   e   critica   chi   ha   fatto   bene.   È   una   perfidia   demoniaca.   Non   siamo   caritatevoli   perché pensiamo   solo   a   questa   dimensione,   vogliamo   che   il   mondo   vada   come   diciamo   noi   e   rifiutiamo   chi   non   condivide   le nostre   scelte.   Siamo   perseguiti   dal   nostro   orgoglio,   dalla   presunzione   e   dalle   nostre   parole.   La   nostra   felicità   non   deve essere   l'infelicità   altrui.   Abbiamo   il   cuore   aperto   all'amore?   Troppe   volte   pensiamo   a   star   bene   solo   noi,   ma   il   nostro egoismo   viene   pagato   a   caro   prezzo   da   persone   magari   più   deboli,   fragili   o   meno   scaltre.   Invece   di   approfittare   della bontà    degli    altri,    perché    non    ci    sacrifichiamo?    E    quando    li    facciamo    felici    dobbiamo    essere    contenti,    non    senza sentimento   come   degli   zombie.   Non   escludiamo   la   pecorella   smarrita,   cerchiamo   di   recuperarla.   Come   può   giudicare   e condannare   il   fratello   uno   che   prega?   Si   lamenta   di   ciò   che   prima   commetteva   anche   lui,   così   annulla   quello   che   di   buono fa.   La   malizia   dei   perversi   è   terribile ,   si   presenta   nel   migliore   dei   modi,   è   accattivante.   Quando   ci   difendiamo facciamo   un   errore   dietro   l'altro   perché   la   rabbia   ci   assale,   sarebbe   più   intelligente   non   cogliere   la   provocazione.   Eva   non doveva   parlare   col   male,   perché   vogliamo   discutere   e   far   valere   i   nostri   diritti?   Il   silenzio   è   il   custode   della   verità , proviamo   a   tacere   quando   ci   accusano   ingiustamente,   accettiamo   l'iniquità.   L'occhio   è   lo   specchio   dell'anima,   è   il   miglior giudice,   chi   devia   lo   sguardo   è   in   difetto.   Pregando   dovremmo   concretizzare   dentro   di   noi   la   parte   migliore,   perché   esce la   peggiore?   Dov'è   la   dimostrazione   che   con   il   nutrimento   più   dolce   diventiamo   buoni?   Preghiamo   con   le   parole   che   ci   ha insegnato   Dio   (anche   quelle   ce   le   ha   fornite   in   abbondanza),   ma   pur   conoscendone   il   significato   non   dimostriamo   i benefici.   Quando   siamo   messi   alla   prova   anche   noi   siamo   avidi,   avari,   maligni,   al   di   sopra   di   tutto   ci   sono   sempre   i   nostri interessi.   Nessuno   vede   il   pensiero   di   un'altra   persona,   ma   conosciamo   il   progetto   che   ha   in   mente   vedendo   ciò   che   va   a realizzare.   Le   nostre   preghiere   sono   la   forza   dei   nostri   pensieri,   però   l'opera   che   andiamo   a   fare   non   è   conforme   ad   essi. E’   l'ipocrisia   che   Dio   ha   già   rifiutato.   Chi   prega   è   desideroso   del   bene,   ma   non   riesce   a   dimostrarlo   perché   ha dentro   di   sé   la   malizia   dei   perversi .   Che   tristezza   quando   vediamo   delle   persone   convinte   di   applicare   la   Parola,   ma non   la   confermano   con   la   loro   vita.   È   una   delusione   per   noi,   figuriamoci   per   il   Signore!   Crediamo   di   essere   buoni   e   di aver   subito   ogni   male,   ma   subiamo   anche   la   reazione   di   chi   abbiamo   provocato   con   il   nostro   comportamento.   Non   si   può obbligare   una   persona   a   vivere   diversamente   dal   suo   sentire   e   scontrarsi   perché   ha   delle   vedute   diverse   dalle   nostre.   I conflitti   più   grandi   nascono   a   livello   spirituale,   dalla   fede,   soprattutto   in   famiglia.   La   preghiera   è   l'ossigeno   della   nostra anima,   perché   non   dovrebbe   fuoriuscire   altrettanto   bene   nel   momento   della   prova?   È   come   piantare   il   seme   di   un   fico   e veder   crescere   un   rovo.   Abbiamo   scombinato   i   veri   tesori   che   Dio   ci   ha   dato,   gestendo   nel   modo   peggiore   la   nostra libertà.   Dimostriamo   la   fede   nelle   azioni   che   intendiamo   creare,   amando,   non   giudicando,   mettendoci   in   gioco   per   non peggiorare la situazione nell’ambiente in cui viviamo.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La malizia dei perversi
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
È      stupido      chi      pensa      che      siamo      frutto dell'evoluzione.    Chi    ha    creato    l'elemento    che deve   evolversi?   C'è    una    partenza,    non    abbiamo fatto   un   salto   nel   buio.   Pensare   di   essere   stati creati   da   un   Dio   meraviglioso   ci   deve   rendere   più responsabili    non    così    fatalisti.    Senza    il    suo intervento        come        potremmo        procreare? Dovremmo   estasiarci   davanti   all'universo   creato dove   tutto   fa   il   suo   corso   in   un   modo   naturale, ma    noi,    la    creatura    più    bella    e    intelligente, l’abbiamo   imbruttito.   Ci   è   stata   data   una   regola di   vita   attraverso   i   profeti,   ci   è   stata   donata   la Santissima   Vergine   Immacolata,   con   il   suo   divin Figlio   e   lo   Spirito   Santo.   Non   dobbiamo   inventare nulla,    abbiamo    molto    più    di    quello    che    è necessario     e     potremmo     star     bene     in     ogni situazione.   Potremmo   salvarci   seguendo   la   parola del   Signore   e   vivere   in   modo   fraterno,   nel   gaudio e   nella   letizia.   Ma   ci   siamo   svuotati   allegramente della   cristianità.   Dov'è   il   risultato   dopo   miliardi   e miliardi    di    preghiere?    Si    sbaglia    di    grosso    chi pensa    che    il    buon    cristiano    è    quello    che    ha pregato   di   più,   perché   allora   vuol   dire   che   non   fa testo      il      Vangelo.      Stiamo      attenti      perché pagheremo   anche   l’aver   consigliato   male   gli   altri. O    siamo    caritatevoli    o    non    lo    siamo,    non c'entrano   le   preghiere.   È   scritto   che   tutto   sparirà, ma    rimarrà    la    carità .    Chi    è    caritatevole    non critica,    non    parla    di    malizia,    di    intrighi,    di opportunismo,    aiuta    con    amore    e    non    vuole nemmeno   che   si   sappia.   Chi   non   è   caritatevole dubita    dell'integrità    fisica    e    morale    degli altri .   Critica   il   sacerdote   ma   non   dà   niente   alla parrocchia.   E'   la   malizia   dei   perversi.   Perché   chi non   ha   dato   niente   di   suo   critica   un   ambiente   e mette   in   dubbio   quello   che   hanno   fatto   gli   altri? Questo    avviene    anche    nelle    nostre    famiglie    e nella    fede:    quello    che    ha    fatto    meno    vuole apparire    come    quello    che    ha    fatto    di    più, pretende   di   più   e   critica   chi   ha   fatto   bene.   È   una perfidia     demoniaca.     Non     siamo     caritatevoli perché    pensiamo    solo    a    questa    dimensione, vogliamo   che   il   mondo   vada   come   diciamo   noi   e rifiutiamo    chi    non    condivide    le    nostre    scelte. Siamo     perseguiti     dal     nostro     orgoglio,     dalla presunzione    e    dalle    nostre    parole.    La    nostra felicità     non     deve     essere     l'infelicità     altrui. Abbiamo   il   cuore   aperto   all'amore?   Troppe   volte pensiamo    a    star    bene    solo    noi,    ma    il    nostro egoismo   viene   pagato   a   caro   prezzo   da   persone magari   più   deboli,   fragili   o   meno   scaltre.   Invece di   approfittare   della   bontà   degli   altri,   perché   non ci    sacrifichiamo?    E    quando    li    facciamo    felici dobbiamo   essere   contenti,   non   senza   sentimento come   degli   zombie.   Non   escludiamo   la   pecorella smarrita,    cerchiamo    di    recuperarla.    Come    può giudicare   e   condannare   il   fratello   uno   che   prega? Si   lamenta   di   ciò   che   prima   commetteva   anche lui,    così    annulla    quello    che    di    buono    fa.    La malizia   dei   perversi   è   terribile ,   si   presenta   nel migliore    dei    modi,    è    accattivante.    Quando    ci difendiamo    facciamo    un    errore    dietro    l'altro perché     la     rabbia     ci     assale,     sarebbe     più intelligente   non   cogliere   la   provocazione.   Eva   non doveva     parlare     col     male,     perché     vogliamo discutere   e   far   valere   i   nostri   diritti?   Il   silenzio   è il    custode    della    verità ,    proviamo    a    tacere quando    ci    accusano    ingiustamente,    accettiamo l'iniquità.   L'occhio   è   lo   specchio   dell'anima,   è   il miglior   giudice,   chi   devia   lo   sguardo   è   in   difetto. Pregando   dovremmo   concretizzare   dentro   di   noi la   parte   migliore,   perché   esce   la   peggiore?   Dov'è la   dimostrazione   che   con   il   nutrimento   più   dolce diventiamo   buoni?   Preghiamo   con   le   parole   che   ci ha   insegnato   Dio   (anche   quelle   ce   le   ha   fornite   in abbondanza),   ma   pur   conoscendone   il   significato non   dimostriamo   i   benefici.   Quando   siamo   messi alla   prova   anche   noi   siamo   avidi,   avari,   maligni, al    di    sopra    di    tutto    ci    sono    sempre    i    nostri interessi.   Nessuno   vede   il   pensiero   di   un'altra persona,   ma   conosciamo   il   progetto   che   ha   in mente   vedendo   ciò   che   va   a   realizzare.   Le   nostre preghiere   sono   la   forza   dei   nostri   pensieri,   però l'opera   che   andiamo   a   fare   non   è   conforme   ad essi.   E’   l'ipocrisia   che   Dio   ha   già   rifiutato.   Chi prega   è   desideroso   del   bene,   ma   non   riesce a    dimostrarlo    perché    ha    dentro    di    sé    la malizia    dei    perversi .    Che    tristezza    quando vediamo   delle   persone   convinte   di   applicare   la Parola,   ma   non   la   confermano   con   la   loro   vita.   È una   delusione   per   noi,   figuriamoci   per   il   Signore! Crediamo   di   essere   buoni   e   di   aver   subito   ogni male,    ma    subiamo    anche    la    reazione    di    chi abbiamo   provocato   con   il   nostro   comportamento. Non    si    può    obbligare    una    persona    a    vivere diversamente   dal   suo   sentire   e   scontrarsi   perché ha   delle   vedute   diverse   dalle   nostre.   I   conflitti più   grandi   nascono   a   livello   spirituale,   dalla   fede, soprattutto   in   famiglia.   La   preghiera   è   l'ossigeno della     nostra     anima,     perché     non     dovrebbe fuoriuscire   altrettanto   bene   nel   momento   della prova?   È   come   piantare   il   seme   di   un   fico   e   veder crescere    un    rovo.    Abbiamo    scombinato    i    veri tesori   che   Dio   ci   ha   dato,   gestendo   nel   modo peggiore   la   nostra   libertà.   Dimostriamo   la   fede nelle   azioni   che   intendiamo   creare,   amando,   non giudicando,     mettendoci     in     gioco     per     non peggiorare    la    situazione    nell’ambiente    in    cui viviamo.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile