Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Di   generazione   in   generazione   il   baricentro   dell'uomo   si   è   allontanato   sempre   più   da   Dio   e   dalla   sua   parola,      che   è   scritta sul   Libro   per   eccellenza,   non   in   un   libro   qualsiasi.   L'errore   che   sistematicamente   commettiamo   e   che   a   nessun   popolo   è stato   perdonato   è   la   disobbedienza.   San   Giuseppe   è   stato   un   uomo   umile   e   obbediente.    Quanti   di   noi,   al   suo   posto, dopo   aver   sentito   da   un   angelo   che   bisognava   fuggire   in   Egitto,      avremmo   commentato:   "Il   Figlio   di   Dio   deve   fuggire?   Io non   devo   aver   paura,   perché   nessuno   può   permettersi   di   offendere,   aggredire   o   uccidere   il   Figlio   di   Dio.   Se   è   vero   Figlio di   Dio   si   deve   salvare   e   difendere   da   sé".   Nella   nostra   povera   mentalità   non   ci   renderemmo   conto   di   aver   commesso   un grave   errore.   Tutto   ciò   che   Dio   chiede   all'uomo   può   essere   criticabile   secondo   la   logica   umana,   ma   è   appunto   per   questo che   ci   mette   alla   prova,   per   vedere   se   noi   obbediamo   anche   su   un   punto   che   può   essere   contestabile.   Se   conoscessimo cosa   vuol   dire   ottenere   la   grazia   del   Signore,   potremmo   innanzitutto   capire   quante   malattie   svanirebbero,   che   si   può guarire   anche   a   livello   fisico   oltre   che   a   quello   spirituale.   Perché   Dio   non   ha   creato   l'uomo   per   fargli   sopportare   situazioni disumane,   ma   è   una   condizione   che   ci   siamo   procurati   noi,   il   genere   umano.   Dio   sa   che   potremmo   vivere   mille   volte meglio   di   come   si   vive   oggi   sulla   Terra,   se   solo   riuscissimo   ad   obbedire   alla   Sua   volontà.   Noi   pensiamo   di   fare già   il   nostro   dovere   affrontando   le   difficoltà   di   ogni   giorno,   ma   chi   ha   creato   la   nostra   realtà?   Ce   la   siamo   scelta   noi prendendo   delle   decisioni,   scegliendo   quel   marito   o   quella   moglie,   decidendo   di   fare   un   certo   cammino.   Ogni   decisione ha   due   prospettive:   se   la   scelta   è   indovinata   abbiamo   dei   benefici,   altrimenti   abbiamo   dei   problemi.   Dunque   cosa   dirà Colui   che   ci   ha   creati   per   vivere   mille   volte   meglio,   della   nostra   ingenuità,   di   noi   che,   senza   rendercene   conto,   ci   siamo complicati   la   vita   in   un   modo   così   inutile?   Per   raggiungere   i   traguardi   che   ci   siamo   prefissati,   calpestiamo   tutto   e   tutti, non   c'è   in   noi   quell'attenzione,   quel   rispetto   e   quell'umiltà   che   ci   deve   essere   in   ogni   prova   che   la   vita   ci   riserva.   Come potrà   il   Signore   premiarci   se   non   assolviamo   nelle   giusta   misura   al   compito   che   ci   è   stato   assegnato?   Non   ci   ha   detto che   ci   premierà   a   prescindere...   E   quando   il   Signore   premia,   premia   davvero,   ci   dà   una   gioia   così   grande   da   non riuscire   neanche   gestirla.   Quante   malattie   l'uomo   ha   creato   con   il   suo   modo   distratto   di   vivere!   Non   le   ha   create Dio,   eppure   lo   critichiamo   dicendo   che   quasi   quasi   è   colpa   sua.   Sbagliamo   noi   e   diamo   colpa   a   Dio.   È   assurdo!   Il   95% delle   persone   che   conosce   la   Bibbia   sa   cos’è   il   bene   e   il   male?   Perché   siamo   tutti   più   propensi   a   conoscere   in   profondità   il male   del   pettegolezzo,   della   critica,   del   pregiudizio,   della   gelosia,   dell'invidia,   della   cattiveria?   Se   siamo   onesti   con   noi stessi   dobbiamo   ammetterlo,   perché   tutti   abbiamo   una   radice   verso   questi   comportamenti.   Il   Signore   non   ci   chiede   il rispetto   umano,   ma   di   amare.   O   si   ama   o   si   odia.   Dentro   di   noi,   nel   nostro   cuore,   c'è   posto   per   due   sentimenti,   non   c'è una   via   di   mezzo.   Siamo   coerenti   o   no   verso   la   parola   di   Dio?   Se   oseremo   metterci   in   dubbio   il   Signore   ci   guarirà   già   da tanti   mali,   perché   ha   un’avvocata   come   la   Madonna,   che   porta   le   nostre   cause   e   le   rende   tutte   positive.   Nessun   altra religione   può   dire   di   avere   un'intermediaria   così   in   cielo,   solamente   noi   cristiani.   Perché   non   dimostriamo   di   vivere   come Dio   ci   ha   creati,   con   quel   sentimento,   con   quello   spirito   di   gioia?   Perché   il   Signore   ha   sempre   avuto   davanti   a   sé   un popolo   ostinato?   Quanti   castighi   si   è   meritato   per   colpa   della   disobbedienza!   Beati   coloro   che   meditano   e   custodiscono   la legge   di   Dio,   già   possono   pregustare   la   gioia   e   la   beatitudine   sulla   Terra.   Il   cielo   è   stracarico   di   grazie   perché   ci   sono poche   persone   che   possono   riceverle   e   il   Signore   vuole   donarle   al   popolo   che   si   è   scelto.   Questo   popolo   però   si   sta distruggendo;   quello   che   sta   accadendo   adesso   è   perché   l'uomo   si   è   allontanato   da   Dio,   altrimenti   non   potrebbe commettere   azioni   così   abominevoli,   fuori   da   ogni   misura.   Lo   stile   che   sta   sostenendo   distrugge   tutto   come   un   fiume   in piena   ed   è   difficile   andare   controcorrente.   Ma   ci   rendiamo   conto   cosa   vuol   dire   chiudere   la   porta   a   Dio   e   sostituire   la   sua legge    con    quella    dell’uomo?    E’    scritto    sulla    Bibbia    che    quelle    generazioni    rifiuteranno    Dio    commetteranno    cose abominevoli   (la   madre   ucciderà   il   figlio,   il   figlio   ucciderà   la   madre…).   Non   dobbiamo   rimanere   indifferenti,   ma   nemmeno promuovere   azioni   in   piazza.   Dio   è   stufo   anche   di   un   popolo   che   si   lamenta   dei   propri   errori.   Non   possiamo   dire   al Signore   di   eliminare   il   genere   umano   per   togliere   il   male!   Cerchiamo   di   essere   responsabili   e   consapevoli   della   nostra missione,   perché   per   un   poche   persone   giuste   il   Signore   può   salvare   il   mondo   intero.   Non   sono   forse   bastati   12   apostoli con la forza dello Spirito Santo per evangelizzare cinque continenti?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’obbedienza antidoto a tante malattie
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Di    generazione    in    generazione    il    baricentro dell'uomo   si   è   allontanato   sempre   più   da   Dio   e dalla   sua   parola,      che   è   scritta   sul   Libro   per eccellenza,   non   in   un   libro   qualsiasi.   L'errore   che sistematicamente   commettiamo   e   che   a   nessun popolo    è    stato    perdonato    è    la    disobbedienza. San    Giuseppe    è    stato    un    uomo    umile    e obbediente.    Quanti   di   noi,   al   suo   posto,   dopo aver   sentito   da   un   angelo   che   bisognava   fuggire in   Egitto,      avremmo   commentato:   "Il   Figlio   di   Dio deve   fuggire?   Io   non   devo   aver   paura,   perché nessuno   può   permettersi   di   offendere,   aggredire o   uccidere   il   Figlio   di   Dio.   Se   è   vero   Figlio   di   Dio si   deve   salvare   e   difendere   da   sé".   Nella   nostra povera   mentalità   non   ci   renderemmo   conto   di aver   commesso   un   grave   errore.   Tutto   ciò   che Dio     chiede     all'uomo     può     essere     criticabile secondo    la    logica    umana,    ma    è    appunto    per questo   che   ci   mette   alla   prova,   per   vedere   se   noi obbediamo   anche   su   un   punto   che   può   essere contestabile.    Se    conoscessimo    cosa    vuol    dire ottenere     la     grazia     del     Signore,     potremmo innanzitutto   capire   quante   malattie   svanirebbero, che   si   può   guarire   anche   a   livello   fisico   oltre   che a    quello    spirituale.    Perché    Dio    non    ha    creato l'uomo   per   fargli   sopportare   situazioni   disumane, ma   è   una   condizione   che   ci   siamo   procurati   noi,   il genere   umano.   Dio   sa   che   potremmo   vivere mille   volte   meglio   di   come   si   vive   oggi   sulla Terra,   se   solo   riuscissimo   ad   obbedire   alla Sua   volontà.   Noi   pensiamo   di   fare   già   il   nostro dovere   affrontando   le   difficoltà   di   ogni   giorno,   ma chi   ha   creato   la   nostra   realtà?   Ce   la   siamo   scelta noi    prendendo    delle    decisioni,    scegliendo    quel marito    o    quella    moglie,    decidendo    di    fare    un certo      cammino.      Ogni      decisione      ha      due prospettive:   se   la   scelta   è   indovinata   abbiamo dei    benefici,    altrimenti    abbiamo    dei    problemi. Dunque    cosa    dirà    Colui    che    ci    ha    creati    per vivere   mille   volte   meglio,   della   nostra   ingenuità, di    noi    che,    senza    rendercene    conto,    ci    siamo complicati   la   vita   in   un   modo   così   inutile?   Per raggiungere   i   traguardi   che   ci   siamo   prefissati, calpestiamo     tutto     e     tutti,     non     c'è     in     noi quell'attenzione,   quel   rispetto   e   quell'umiltà   che ci   deve   essere   in   ogni   prova   che   la   vita   ci   riserva. Come     potrà     il     Signore     premiarci     se     non assolviamo   nelle   giusta   misura   al   compito   che   ci è    stato    assegnato?    Non    ci    ha    detto    che    ci premierà   a   prescindere...   E   quando   il   Signore premia,    premia    davvero,    ci    dà    una    gioia    così grande   da   non   riuscire   neanche   gestirla.   Quante malattie   l'uomo   ha   creato   con   il   suo   modo distratto    di    vivere!    Non    le    ha    create    Dio, eppure   lo   critichiamo   dicendo   che   quasi   quasi   è colpa   sua.   Sbagliamo   noi   e   diamo   colpa   a   Dio.   È assurdo!   Il   95%   delle   persone   che   conosce   la Bibbia   sa   cos’è   il   bene   e   il   male?   Perché   siamo tutti   più   propensi   a   conoscere   in   profondità   il male      del      pettegolezzo,      della      critica,      del pregiudizio,     della     gelosia,     dell'invidia,     della cattiveria?     Se     siamo     onesti     con     noi     stessi dobbiamo   ammetterlo,   perché   tutti   abbiamo   una radice    verso    questi    comportamenti.    Il    Signore non   ci   chiede   il   rispetto   umano,   ma   di   amare.   O si   ama   o   si   odia.   Dentro   di   noi,   nel   nostro   cuore, c'è   posto   per   due   sentimenti,   non   c'è   una   via   di mezzo.   Siamo   coerenti   o   no   verso   la   parola   di Dio?   Se   oseremo   metterci   in   dubbio   il   Signore   ci guarirà   già   da   tanti   mali,   perché   ha   un’avvocata come   la   Madonna,   che   porta   le   nostre   cause   e   le rende   tutte   positive.   Nessun   altra   religione   può dire    di    avere    un'intermediaria    così    in    cielo, solamente   noi   cristiani.   Perché   non   dimostriamo di    vivere    come    Dio    ci    ha    creati,    con    quel sentimento,   con   quello   spirito   di   gioia?   Perché   il Signore   ha   sempre   avuto   davanti   a   sé   un   popolo ostinato?   Quanti   castighi   si   è   meritato   per   colpa della   disobbedienza!   Beati   coloro   che   meditano   e custodiscono     la     legge     di     Dio,     già     possono pregustare   la   gioia   e   la   beatitudine   sulla   Terra.   Il cielo   è   stracarico   di   grazie   perché   ci   sono   poche persone   che   possono   riceverle   e   il   Signore   vuole donarle   al   popolo   che   si   è   scelto.   Questo   popolo però     si     sta     distruggendo;     quello     che     sta accadendo     adesso     è     perché     l'uomo     si     è allontanato    da    Dio,    altrimenti    non    potrebbe commettere    azioni    così    abominevoli,    fuori    da ogni     misura.     Lo     stile     che     sta     sostenendo distrugge   tutto   come   un   fiume   in   piena   ed   è difficile   andare   controcorrente.   Ma   ci   rendiamo conto   cosa   vuol   dire   chiudere   la   porta   a   Dio   e sostituire   la   sua   legge   con   quella   dell’uomo?   E’ scritto     sulla     Bibbia     che     quelle     generazioni rifiuteranno        Dio        commetteranno        cose abominevoli   (la   madre   ucciderà   il   figlio,   il   figlio ucciderà    la    madre…).    Non    dobbiamo    rimanere indifferenti,   ma   nemmeno   promuovere   azioni   in piazza.   Dio   è   stufo   anche   di   un   popolo   che   si lamenta   dei   propri   errori.   Non   possiamo   dire   al Signore   di   eliminare   il   genere   umano   per   togliere il    male!    Cerchiamo    di    essere    responsabili    e consapevoli   della   nostra   missione,   perché   per   un poche   persone   giuste   il   Signore   può   salvare   il mondo   intero.   Non   sono   forse   bastati   12   apostoli con   la   forza   dello   Spirito   Santo   per   evangelizzare cinque continenti?

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile