Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  L'esperienza   che   viviamo   noi   non   è   uguale   a   quella   degli   altri.   Quando   diciamo   che   se   tornassimo   indietro    non    rifaremmo   certi   errori,   significa   che   non   abbiamo   percorso   la   via   giusta.   Ammettiamo   i   nostri   errori?   Tutto   ci   sta   sfuggendo   di   mano perché   un'alta   percentuale   di   noi   si   basa   sui   propri   ragionamenti   e   non   sulla   verità   di   Dio.   Per   aprire   la   porta   al   bene bisogna   penalizzare   il   corpo,   per   aprire   quella   del   male   bisogna   penalizzare   l'anima.   Dio   ha   sconfinato   Satana   negli   inferi, siamo   noi   che   facciamo   risalire   i   suoi   satelliti      con   le   nostre   azioni,   ma   con   l'amore   e   la   bontà   potremmo   farli ridiscendere.   Essi   ci   illudono   a   un   comportamento   di   vita   non   corretto   basato   principalmente   sull’orgoglio,   il   vero   nostro nemico   che   ci   invita   a   seguire   la   legge   dell’uomo.   Chi   di   noi   si   lascia   dominare   dal   proprio   istinto?   Chi   di   noi   nutre   gelosia e   invidia,   critica   e   giudica?   Tutte   le   volte   che   lo   facciamo   apriamo   le   porte   al   male:   se   liberiamo   dieci   nemici   e   invitiamo un   amico,   la   lotta   diventa   impari.   Quanti   demoni   abbiamo   liberato   in   duemila   anni   di   storia   e   quanti   angeli   dal   cielo abbiamo   invitato?   Essi   bussano   alla   nostra   porta   e   noi   seguiamo   la   linea   dello   spirito   che   abbiamo   fatto   entrare.   Dio   sa che   se   non   saremo   prudenti   il   male   ci   distruggerà,   per   questo   ci   ha   lasciato   le   parabole.   Quante   cause   sono   giacenti   in tribunale   da   gente   che   va   a   messa?   Tante   persone   che   hanno   pregato   molto   sono   all'inferno   e   tante   che   hanno   pregato poco   sono   in   paradiso.   Invece   i   tribunali   sono   vuoti   dove   si   combatte   per   la   fame,   questi   popoli   ci   insegnano   a   vivere perché   hanno   un   cuore   diverso   dal   nostro.   La   legge   naturale   è   carità   e   amore,   non   rituali   e   frequentazioni.   Con   questi ultimi   dimostriamo   di   accettare   la   parola   di   Dio,   ma   se   non   viviamo   in   modo   conforme   ad   essa   diventano   vani. Dubitiamo   di   chi   ci   dice   il   contrario.    Aprire   la   maniglia   del   bene   ci   costa   rinuncia   e   fatica,   umiliazione   e   sofferenza, ma   se   amiamo   il   Signore   tutto   diventa   facile.   Chi   invece   non   si   comporta   bene   coinvolge   un'infinità   di   persone.   Quante ingiustizie   e   tribolazioni   hanno   dovuto   accettare   i   santi?   I   nostri   cari   non   conoscono   tutte   le   nostre   delusioni   perché   non abbiamo   avuto   il   coraggio   di   farle   pesare.   Ci   farebbe   piacere   se   uno   le   capisse,   non   chiudiamoci   in   noi   stessi   con   pesi disumani,   chiamiamo   l'amico   vero   senza   dire   più   di   tanto.   Egli   capisce   la   sofferenza,   è   l'angelo   custode   che   il   Signore   ci manda   in   quel   momento.   Dirà   che   anche   lui   ha   passato   la   stessa   afflizione,   che   possiamo   farcela.   Quando   siamo   dilaniati dentro,   affidiamoci   al   Signore   e   troveremo   la   pace.   Non   lasciamoci   trasportare   dalla   rassegnazione,   dalla   sofferenza   e dalla   cattiveria,   così   non   dovremo   ricorrere   ai   medicinali   e   alle   loro   controindicazioni.   È   un   percorso   di   accettazione   e   di abbandono   a   Dio,   dimostriamoci   coraggiosi   perché   con   la   rabbia   si   fanno   le   cose   peggiori.   Anche   se   non   siamo   giusti, cerchiamo   di   correggere   il   fratello   quando   siamo   davanti   a   discorsi   contrari   della   nostra   fede,   così   non   pecchiamo   di omissione   e   sarà   un   monito   anche   per   noi.   Ci   dispiacciamo   quando   uno   non   si   comporta   bene?   Stiamo   attenti   perché ricevere   il   Signore   non   è   un   rito,   è   una   cosa   seria.   Cristo   è   l'unico   Dio   che   si   è   sacrificato   per   noi,   non   ha   voluto immolazione    di    vittime    come    avviene    in    altre    dottrine.    Ringraziamolo    amando.    Saremo    buoni    cristiani    quando abbracceremo   il   nostro   nemico:   è   la   porta   stretta    che   ci   fa   meritare   il   paradiso.   Il   Signore   ha   fatto   i   falegnami   non   le croci,   quelle   ce   le   siamo   costruite   con   i   nostri   errori.   Dimentichiamoci   solo   il   bene   che   abbiamo   fatto,   ricordiamoci invece   il   male   che   abbiamo   commesso ,   così   criticheremo   meno   e   accetteremo   ben   volentieri   qualche   ingiustizia   in sconto   dei   nostri   peccati.   La   croce   è   l'unica   carta   vincente   che   abbiamo   a   disposizione,   dobbiamo   accettare   la   vita   così com’è,   non   pensare   di   vivere   altre   esperienze.   Diamo   il   meglio   di   noi   dove   ci   ha   posti   il   Signore,   se   siamo   dei   fuoriclasse verremo   allo   scoperto,   anche   i   grandi   santi   fuoriescono   dalla   loro   quotidianità.   Siamo   solidali   con   la   nostra   Madre   per   le sofferenze   che   ha   vissuto,   facciamo   nel   nostro   piccolo   qualcosa,   amiamo   senza   criticare .   Davanti   all'ingiustizia pensiamo   a   Mater   dolorosa ,   perché   è   quello   che   l'ha   resa   gloriosa.   La   nostra   non   è   una   società   marcia,   chi   ha   dato   da giovane   se   lo   ritrova   da   vecchio,   chi   si   comporta   bene   nel   cammino   di   cristiano   se   lo   ritroverà   un   giorno.   Preghiamo come   si   conviene   o   viviamo   da   dissoluti   con   la   pretesa   di   avere   un   risultato   come   se   fossimo   molto   concreti   nella   vita?   I popoli   che   non   sono   stati   obbedienti   sono   stati   provati   duramente,   questo   ci   deve   far   capire   che   il   Signore   è   anche giusto,   esigente   e   geloso,   perché   sa   che   ci   ha   dato   di   tutto   in   abbondanza   per   santificarci.      È   meglio   pregare   bene   che pregare   in   abbondanza,   con   il   sentimento   giusto   davanti   al   fratello   e   senza   malizia   nel   cuore.   Quando   andiamo   a   parlare di misericordia e di amore, cosa pensano di noi le persone che ci conoscono?     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Chi fa risalire il male dagli inferi?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
L'esperienza    che    viviamo    noi    non    è    uguale    a quella     degli     altri.     Quando     diciamo     che     se tornassimo   indietro    non    rifaremmo    certi   errori, significa   che   non   abbiamo   percorso   la   via   giusta. Ammettiamo     i     nostri     errori?     Tutto     ci     sta sfuggendo   di   mano   perché   un'alta   percentuale   di noi   si   basa   sui   propri   ragionamenti   e   non   sulla verità   di   Dio.   Per   aprire   la   porta   al   bene   bisogna penalizzare   il   corpo,   per   aprire   quella   del   male bisogna   penalizzare   l'anima.   Dio   ha   sconfinato Satana   negli   inferi,   siamo   noi   che   facciamo risalire   i   suoi   satelliti      con   le   nostre   azioni,   ma con     l'amore     e     la     bontà     potremmo     farli ridiscendere.       Essi       ci       illudono       a       un comportamento    di    vita    non    corretto    basato principalmente     sull’orgoglio,     il     vero     nostro nemico   che   ci   invita   a   seguire   la   legge   dell’uomo. Chi   di   noi   si   lascia   dominare   dal   proprio   istinto? Chi    di    noi    nutre    gelosia    e    invidia,    critica    e giudica?   Tutte   le   volte   che   lo   facciamo   apriamo   le porte    al    male:    se    liberiamo    dieci    nemici    e invitiamo    un    amico,    la    lotta    diventa    impari. Quanti   demoni   abbiamo   liberato   in   duemila   anni di    storia    e    quanti    angeli    dal    cielo    abbiamo invitato?   Essi   bussano   alla   nostra   porta   e   noi seguiamo   la   linea   dello   spirito   che   abbiamo   fatto entrare.   Dio   sa   che   se   non   saremo   prudenti   il male   ci   distruggerà,   per   questo   ci   ha   lasciato   le parabole.   Quante   cause   sono   giacenti   in   tribunale da   gente   che   va   a   messa?   Tante   persone   che hanno   pregato   molto   sono   all'inferno   e   tante   che hanno   pregato   poco   sono   in   paradiso.   Invece   i tribunali    sono    vuoti    dove    si    combatte    per    la fame,   questi   popoli   ci   insegnano   a   vivere   perché hanno    un    cuore    diverso    dal    nostro.    La    legge naturale     è     carità     e     amore,     non     rituali     e frequentazioni.   Con   questi   ultimi   dimostriamo   di accettare   la   parola   di   Dio,   ma   se   non   viviamo   in modo     conforme     ad     essa     diventano     vani. Dubitiamo   di   chi   ci   dice   il   contrario.    Aprire   la maniglia    del    bene    ci    costa    rinuncia    e    fatica, umiliazione    e    sofferenza,    ma    se    amiamo    il Signore   tutto   diventa   facile.   Chi   invece   non   si comporta   bene   coinvolge   un'infinità   di   persone. Quante    ingiustizie    e    tribolazioni    hanno    dovuto accettare   i   santi?   I   nostri   cari   non   conoscono tutte    le    nostre    delusioni    perché    non    abbiamo avuto    il    coraggio    di    farle    pesare.    Ci    farebbe piacere   se   uno   le   capisse,   non   chiudiamoci   in   noi stessi   con   pesi   disumani,   chiamiamo   l'amico   vero senza   dire   più   di   tanto.   Egli   capisce   la   sofferenza, è   l'angelo   custode   che   il   Signore   ci   manda   in   quel momento.    Dirà    che    anche    lui    ha    passato    la stessa   afflizione,   che   possiamo   farcela.   Quando siamo   dilaniati   dentro,   affidiamoci   al   Signore   e troveremo   la   pace.   Non   lasciamoci   trasportare dalla    rassegnazione,    dalla    sofferenza    e    dalla cattiveria,     così     non     dovremo     ricorrere     ai medicinali    e    alle    loro    controindicazioni.    È    un percorso   di   accettazione   e   di   abbandono   a   Dio, dimostriamoci   coraggiosi   perché   con   la   rabbia   si fanno    le    cose    peggiori.    Anche    se    non    siamo giusti,   cerchiamo   di   correggere   il   fratello   quando siamo    davanti    a    discorsi    contrari    della    nostra fede,   così   non   pecchiamo   di   omissione   e   sarà   un monito   anche   per   noi.   Ci   dispiacciamo   quando uno   non   si   comporta   bene?   Stiamo   attenti   perché ricevere   il   Signore   non   è   un   rito,   è   una   cosa seria.   Cristo   è   l'unico   Dio   che   si   è   sacrificato   per noi,   non   ha   voluto   immolazione   di   vittime   come avviene   in   altre   dottrine.   Ringraziamolo   amando. Saremo   buoni   cristiani   quando   abbracceremo   il nostro    nemico:    è    la    porta    stretta     che    ci    fa meritare    il    paradiso.    Il    Signore    ha    fatto    i falegnami    non    le    croci,    quelle    ce    le    siamo costruite   con   i   nostri   errori.   Dimentichiamoci solo   il   bene   che   abbiamo   fatto,   ricordiamoci invece   il   male   che   abbiamo   commesso ,   così criticheremo   meno   e   accetteremo   ben   volentieri qualche   ingiustizia   in   sconto   dei   nostri   peccati.   La croce    è    l'unica    carta    vincente    che    abbiamo    a disposizione,    dobbiamo    accettare    la    vita    così com’è,   non   pensare   di   vivere   altre   esperienze. Diamo   il   meglio   di   noi   dove   ci   ha   posti   il   Signore, se   siamo   dei   fuoriclasse   verremo   allo   scoperto, anche    i    grandi    santi    fuoriescono    dalla    loro quotidianità.   Siamo   solidali   con   la   nostra   Madre per   le   sofferenze   che   ha   vissuto,   facciamo   nel nostro      piccolo      qualcosa,      amiamo      senza criticare .     Davanti     all'ingiustizia     pensiamo     a Mater   dolorosa ,   perché   è   quello   che   l'ha   resa gloriosa.   La   nostra   non   è   una   società   marcia,   chi ha   dato   da   giovane   se   lo   ritrova   da   vecchio,   chi   si comporta   bene   nel   cammino   di   cristiano   se   lo ritroverà   un   giorno.   Preghiamo   come   si   conviene o   viviamo   da   dissoluti   con   la   pretesa   di   avere   un risultato   come   se   fossimo   molto   concreti   nella vita?   I   popoli   che   non   sono   stati   obbedienti   sono stati   provati   duramente,   questo   ci   deve   far   capire che   il   Signore   è   anche   giusto,   esigente   e   geloso, perché   sa   che   ci   ha   dato   di   tutto   in   abbondanza per    santificarci.        È    meglio    pregare    bene    che pregare   in   abbondanza,   con   il   sentimento   giusto davanti    al    fratello    e    senza    malizia    nel    cuore. Quando   andiamo   a   parlare   di   misericordia   e   di amore,   cosa   pensano   di   noi   le   persone   che   ci conoscono?    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile