Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Ci   spaventiamo   dei   pericoli   che   riguardano   la   nostra   incolumità   fisica,   eppure   siamo   più   a   rischio   nell'anima,   perché   il male   che   c'è   nel   cuore   dell'uomo   è   peggio   dei   fatti   terrificanti   che   vengono   molto   pubblicizzati.   Essi   ci   stanno   facendo aprire   gli   occhi   e   le   orecchie,   ma   è   scritto   sulla   Bibbia   che   chi   sarà   obbediente   a   Dio   non   dovrà   temere   niente.   Questo momento   cruciale   della   storia   ha   bisogno   di   cristiani   autentici,   di   uomini   veri,   ciò   che   Maria   Santissima   ha   sempre desiderato   al   di   sopra   di   tutto,   anche   delle   preghiere.   Abbiamo   mai   sentito   una   battaglia   così   cruenta   contro   l'uomo   e   il cristiano?   Una   volta   la   Madonna   era   chiamata   a   fermare   le   orde   barbariche,   i   turchi,   oggi   è   chiamata   ad   arrestare   le invasioni   che   vengono   da   Oriente,   da   Occidente,   da   Settentrione   e   da   Meridione.   L'Aiuto   dei   cristiani   ha   la   grazia   di   Dio, non   ha   bisogno   dei   nostri   suggerimenti,   ma   che   ci   sia   qualcuno   che   rispetti   i   comandamenti,   che   la   smetta   di   parlare bene   e   razzolare   male.   E’   un   compito   elementare,   un   privilegio   che   ha   dato   a   pochissimi   e   che   possiamo   realizzare   se siamo   umili.   Come   interpretiamo   diffondere   la   verità   nel   mondo?   Non   certo   trasmettere   la   pace   a   5000   km   di   distanza   e trascinare   in   tribunale   i   nostri   vicini.   Portare   la   parola   del   Signore   nel   mondo   significa   innanzitutto   portarla   dove   viviamo, nella   nostra   casa,   nel   mondo   del   lavoro.   Quando   ci   decidiamo   a   dare   qualcosa   per   il   Signore   dopo   aver   ricevuto   tutto   da Lui,   compresa   la   sua   misericordia   per   i   nostri   errori?   Oggi   si   vuol   cambiare   la   legge   di   Dio   per   affrontare   il   grande problema   delle   separazioni   e   delle   convivenze.   Se   un   cuore   è   fallace,   è   differente   dalla   nostra   natura,   ci   rende   più “diversi”   delle   diversità   conclamate.   Tutti   quelli   che   hanno   una   dipendenza   verso   un   qualsiasi   vizio   possono   fare   un cammino   di   resistenza   e   diventare   persone   normalissime,   compresi   coloro   che   “apprezzano”   persone   dello   stesso   sesso. Sono   tutti   figli   di   Dio,   non   mostri.   E   se   fosse   quella   la   prova   della   nostra   vita?   Davanti   a   una   radiografia   di   tutte   le dipendenze   che   abbiamo   nel   cuore,   ci   vergogneremmo   gli   uni   degli   altri,   non   avremmo   più   bocca   di   dissenso   verso nessuno.   Però   sembra   che   siamo   esenti   da   ogni   vizio   e   furbescamente   prendiamo   sempre   gli   esempi   peggiori.   Il   Signore vuole   che   diventiamo   coerenti,   che   ci   vergogniamo   delle   nostre   miserie,   non   che   giudichiamo   e   critichiamo.   L'uomo   se vuole   è   in   grado   di   realizzarlo,   deve   andare   contro   sé   stesso   e   annullare   il   male   con   il   bene,   capire   l'amore   infinito   che noi   esseri   umani   possiamo   sperimentare.   Rappresentiamo   le   canne   sbattute   dal   vento   o   siamo   puri   cristiani?   Nel   mondo c'è   la   malavita,   la   malasanità,   la   malavoglia,   le   sentenze   ingiuste,   ma   dalle   ultime   confidenze   ricevute   da   Roberto scopriamo   che   c'è   anche   la   mala-preghiera.   Non   scandalizziamoci,   la   creatura   più   dolce,   amorevole   e   pura,   che   conosce la   verità   come   nessun   altro,   ci   dice:   "Quante   volte   figli   miei   le   vostre   preghiere   feriscono   il   cuore   di   mio   Figlio!".   Questa Madre   confida   a   noi   il   segreto   più   doloroso   che   ha   nel   cuore,   perché   la   misura   è   colma.   Ferita   dalle   preghiere   e   non   solo dai   nostri   peccati,   ha   pensato   al   suo   divin   Figlio,   che   potrebbe   sicuramente   ribattere:   "Quante   volte   amici   miei   le   vostre preghiere   feriscono   il   cuore   di   mia   Madre!".   Sono   tutti   in   grazia   di   Dio   quelli   che   pregano?   Rispettano   la   sua   legge,   i   suoi comandamenti,   le   verità   principali   della   nostra   fede?   Come   può   Roberto   inventarsi   una   cosa   del   genere?   Se   siamo obbiettivi   e   severi   con   noi   stessi   non   ci   vuole   molto   a   trovare   una   risposta.   Quando   riceviamo   una   ingiustizia   il   nostro comportamento   è   quello   di   dire   scusa,   di   metterci   in   discussione   o   ci   sentiamo   umiliati   e   offesi?   In   cosa   assomigliamo   a Gesù   se   siamo   tutti   pieni   del   nostro   "io"?   Fortifichiamo   il   nostro   cuore   amando,   amando,   amando.   Una   famiglia   oggi   è   in pericolo   non   solo   perché   manca   il   lavoro,   ma   sotto   tutti   gli   elementi   della   disunione,   del   contrasto,   dal   malessere, dell'amore   e   della   carità.   Ha   un   pericolo   a   360°.   In   tutti   lati   della   terra   si   alzano   il   dolore,   gli   intrighi,   la   falsità,   le violenze   sui   minori,   a   causa   di   uomini   dotati   di   intelligenza   che   Dio   ha   creato   per   l'amore.   Perché   fuoriesce   tanto   odio   e desiderio   di   sopraffare   gli   altri?   Tutti   ne   siamo   contagiati,   basta   vedere   se   il   comportamento   nelle   nostre   case   è   più vicino   al   diavolo   o   all'acqua   santa   o   se   le   nostre   telefonate   hanno   evitato   o   favorito   la   divisione   fra   la   gente.   E’   così difficile   amarsi   quando   poi   ne   traiamo   beneficio?   E’   ora   che   il   cristiano   tolga   questa   falsità   in   nome   di   Maria   Santissima. Quale   battaglia   vogliamo   che   vinca   a   nome   nostro?   Ce   lo   suggerisce   san   Giuseppe   dal   monte   Misma:   “La   battaglia dell'uomo   la   si   vince   senza   lottare   ma   abbandonandosi   totalmente   alla   volontà   di   Dio”.   La   Madonna   si   rispecchia   di   più   in queste   parole   rispetto   alle   altre   cose   che   il   mondo   sembra   mettere   davanti   in   nome   suo.   Quelli   che   dovrebbero sostenere,   feriscono:   dispiacciamoci   per   chi   ha   causato   questa   sofferenza   al   divin   Figlio   e   a   sua   Madre,   pensiamo   a   loro quando   ci   mancano   di   rispetto,   riserviamogli   un   angolino   del   nostro   cuore.   Colmeranno   di   grazie   le   nostre   famiglie   e   il male sparirà.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La malapreghiera
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Ci    spaventiamo    dei    pericoli    che    riguardano    la nostra    incolumità    fisica,    eppure    siamo    più    a rischio    nell'anima,    perché    il    male    che    c'è    nel cuore   dell'uomo   è   peggio   dei   fatti   terrificanti   che vengono    molto    pubblicizzati.    Essi    ci    stanno facendo    aprire    gli    occhi    e    le    orecchie,    ma    è scritto   sulla   Bibbia   che   chi   sarà   obbediente   a   Dio non    dovrà    temere    niente.    Questo    momento cruciale    della    storia    ha    bisogno    di    cristiani autentici,     di     uomini     veri,     ciò     che     Maria Santissima   ha   sempre   desiderato   al   di   sopra   di tutto,     anche     delle     preghiere.     Abbiamo     mai sentito   una   battaglia   così   cruenta   contro   l'uomo e   il   cristiano?   Una   volta   la   Madonna   era   chiamata a   fermare   le   orde   barbariche,   i   turchi,   oggi   è chiamata   ad   arrestare   le   invasioni   che   vengono da   Oriente,   da   Occidente,   da   Settentrione   e   da Meridione.   L'Aiuto   dei   cristiani   ha   la   grazia   di   Dio, non   ha   bisogno   dei   nostri   suggerimenti,   ma   che ci   sia   qualcuno   che   rispetti   i   comandamenti,   che la   smetta   di   parlare   bene   e   razzolare   male.   E’   un compito   elementare,   un   privilegio   che   ha   dato   a pochissimi   e   che   possiamo   realizzare   se   siamo umili.   Come   interpretiamo   diffondere   la   verità   nel mondo?   Non   certo   trasmettere   la   pace   a   5000 km   di   distanza   e   trascinare   in   tribunale   i   nostri vicini.   Portare   la   parola   del   Signore   nel   mondo significa   innanzitutto   portarla   dove   viviamo,   nella nostra   casa,   nel   mondo   del   lavoro.   Quando   ci decidiamo   a   dare   qualcosa   per   il   Signore   dopo aver    ricevuto    tutto    da    Lui,    compresa    la    sua misericordia    per    i    nostri    errori?    Oggi    si    vuol cambiare   la   legge   di   Dio   per   affrontare   il   grande problema   delle   separazioni   e   delle   convivenze. Se   un   cuore   è   fallace,   è   differente   dalla   nostra natura,    ci    rende    più    “diversi”    delle    diversità conclamate.      Tutti      quelli      che      hanno      una dipendenza   verso   un   qualsiasi   vizio   possono   fare un   cammino   di   resistenza   e   diventare   persone normalissime,   compresi   coloro   che   “apprezzano” persone   dello   stesso   sesso.   Sono   tutti   figli   di   Dio, non    mostri.    E    se    fosse    quella    la    prova    della nostra   vita?   Davanti   a   una   radiografia   di   tutte   le dipendenze      che      abbiamo      nel      cuore,      ci vergogneremmo   gli   uni   degli   altri,   non   avremmo più    bocca    di    dissenso    verso    nessuno.    Però sembra    che    siamo    esenti    da    ogni    vizio    e furbescamente    prendiamo    sempre    gli    esempi peggiori.     Il     Signore     vuole     che     diventiamo coerenti,     che     ci     vergogniamo     delle     nostre miserie,    non    che    giudichiamo    e    critichiamo. L'uomo   se   vuole   è   in   grado   di   realizzarlo,   deve andare   contro   sé   stesso   e   annullare   il   male   con   il bene,   capire   l'amore   infinito   che   noi   esseri   umani possiamo      sperimentare.      Rappresentiamo      le canne   sbattute   dal   vento   o   siamo   puri   cristiani? Nel    mondo    c'è    la    malavita,    la    malasanità,    la malavoglia,   le   sentenze   ingiuste,   ma   dalle   ultime confidenze   ricevute   da   Roberto   scopriamo   che   c'è anche   la   mala-preghiera.   Non   scandalizziamoci, la    creatura    più    dolce,    amorevole    e    pura,    che conosce    la    verità    come    nessun    altro,    ci    dice: "Quante    volte    figli    miei    le    vostre    preghiere feriscono   il   cuore   di   mio   Figlio!".   Questa   Madre confida   a   noi   il   segreto   più   doloroso   che   ha   nel cuore,    perché    la    misura    è    colma.    Ferita    dalle preghiere    e    non    solo    dai    nostri    peccati,    ha pensato     al     suo     divin     Figlio,     che     potrebbe sicuramente   ribattere:   "Quante   volte   amici   miei le    vostre    preghiere    feriscono    il    cuore    di    mia Madre!".   Sono   tutti   in   grazia   di   Dio   quelli   che pregano?     Rispettano     la     sua     legge,     i     suoi comandamenti,   le   verità   principali   della   nostra fede?   Come   può   Roberto   inventarsi   una   cosa   del genere?    Se    siamo    obbiettivi    e    severi    con    noi stessi   non   ci   vuole   molto   a   trovare   una   risposta. Quando     riceviamo     una     ingiustizia     il     nostro comportamento     è     quello     di     dire     scusa,     di metterci   in   discussione   o   ci   sentiamo   umiliati   e offesi?   In   cosa   assomigliamo   a   Gesù   se   siamo tutti   pieni   del   nostro   "io"?   Fortifichiamo   il   nostro cuore   amando,   amando,   amando.   Una   famiglia oggi    è    in    pericolo    non    solo    perché    manca    il lavoro,     ma     sotto     tutti     gli     elementi     della disunione,      del      contrasto,      dal      malessere, dell'amore   e   della   carità.   Ha   un   pericolo   a   360°. In   tutti   lati   della   terra   si   alzano   il   dolore,   gli intrighi,   la   falsità,   le   violenze   sui   minori,   a   causa di   uomini   dotati   di   intelligenza   che   Dio   ha   creato per    l'amore.    Perché    fuoriesce    tanto    odio    e desiderio   di   sopraffare   gli   altri?   Tutti   ne   siamo contagiati,    basta    vedere    se    il    comportamento nelle    nostre    case    è    più    vicino    al    diavolo    o all'acqua   santa   o   se   le   nostre   telefonate   hanno evitato   o   favorito   la   divisione   fra   la   gente.   E’   così difficile   amarsi   quando   poi   ne   traiamo   beneficio? E’   ora   che   il   cristiano   tolga   questa   falsità   in   nome di    Maria    Santissima.    Quale    battaglia    vogliamo che   vinca   a   nome   nostro?   Ce   lo   suggerisce   san Giuseppe     dal     monte     Misma:     “La     battaglia dell'uomo     la     si     vince     senza     lottare     ma abbandonandosi   totalmente   alla   volontà   di   Dio”. La   Madonna   si   rispecchia   di   più   in   queste   parole rispetto    alle    altre    cose    che    il    mondo    sembra mettere     davanti     in     nome     suo.     Quelli     che dovrebbero   sostenere,   feriscono:   dispiacciamoci per    chi    ha    causato    questa    sofferenza    al    divin Figlio   e   a   sua   Madre,   pensiamo   a   loro   quando   ci mancano   di   rispetto,   riserviamogli   un   angolino del   nostro   cuore.   Colmeranno   di   grazie   le   nostre famiglie e il male sparirà.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile