Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   siamo   stati   scelti,   creati   e   fatti   cristiani   dal   Signore   per   diffondere   il   vangelo   gli   altri.   Cerchiamo   di   essere   giusti davanti   al   Signore,   perché   a   forza   di   disabituarci   ed   allontanarci   dal   vero   traguardo   della   nostra   vita,   oggi   come   oggi siamo   noi   quelli   che   devono   essere   evangelizzati.   Se   è   stato   detto:   "Chiedete   e   vi   sarà   dato,   bussate   e   vi   sarà   aperto" , non   dobbiamo   dimostrare   di   saper   fare   solo   quello.   E’   un   fatto   scontato   che   il   Signore   ci   apre   e   risponde   alle   nostre richieste,      fa   parte   della   sua   divina   misericordia   e   del   patto   d'amore   che   ha   con   noi.   Non   dobbiamo   neanche   menzionarlo nei   nostri   discorsi,   è   indiscutibile.   In   realtà   dobbiamo   dimostrare   di   fare   anche   l'altra   parte   che   è   ben   più   importante   di fare   delle   richieste.   Noi   che   abbiamo   accettato   di   testimoniare   la   parola   del   Signore,   viviamo   da   anti-cristiani   a   causa   di un   grande   "martellamento".   Davanti   al   Signore   siamo   degli   orchestrali,   siamo   come   una   grande   orchestra   sinfonica,   dove ognuno   esegue   un'armonia   melodiosa:   se   qualcuno   suona   una   nota   stonata,   tutta   l'orchestra   ne   risente   e   sembra   che stoni   tutta.   Tra   di   noi   c'è   una   confusione   e   una   disarmonia   enorme   perché   siamo   "note   stonate",   non   siamo   accordati all'unisono sulla stessa nota: uno intona un "la", l'altro un "re" e un'altro il "mi".   IL COLPEVOLE PRINCIPALE E’ IL MAESTRO D’ORCHESTRA?    Che   confusione   portiamo   al   Signore,   se   basta   una   nota   stonata   per   fare   stonare   un'orchestra   perfetta   e   professionale: facciamo   fare   brutta   figura   al   Maestro   d'orchestra.   Ci   critichiamo   a   vicenda   perché   abbiamo   cominciato   da   lontano   ad essere   note   stonate   davanti   al   Signore,   al   mondo,   ai   miscredenti,   agli   atei   e   a   quelli   che   hanno   aderito   ad   altre   dottrine. Ecco   perché   tante   persone   si   sono   allontanate   dalla   Chiesa,   perché   non   abbiamo   saputo   essere   educatori giusti.   Invece   di   edificare   abbiamo   “disedificato”   e   deformato   in   un   modo   incredibile   l’immagine   della   fede autentica.   Se   fossimo   veramente   “Figli   del   Silenzio”,    magari   non   faremmo   niente   di   buono,   ma   sicuramente   neanche niente   di   cattivo   e   di   brutto,   non   ci   proporremmo   ad   essere   note   stonate.   Educhiamoci   ad   evangelizzare,   perché   ci   deve dispiacere   che   per   colpa   nostra   l'orchestra   non   è   intonata.   All'inizio   del   nuovo   testamento,   agli   albori   del   cristianesimo, su   100   persone   c'era   una   nota   stonata;   oggi   siamo   arrivati   che   su   100   persone   99   sono   note   stonate.   Ecco   perché   “non ci   siamo   più”    e   non   riusciamo   a   trovare   “il   bandolo   della   matassa” ,   perché   noi   nonostante   tutto   stoniamo   ancora.   Altro che    pensare    di    non    peccare    più,    solo    perché    non    facciamo    ciò    che    la    società    condanna    (rubare,    uccidere, bestemmiare…)!   Il   peccato   più   grave   lo   commettiamo   ancora   noi,   quando   non   sappiamo   riconoscere   nel   giusto   valore   il sacrificio   di   Gesù.   Se   quella   dimostrazione   d'amore   non   ci   porta   alla   verità,   ai   piedi   della   croce,   a   umiliarci   e   a   dispiacerci per   tutto   il   male   del   mondo,   quel   sacrificio   non   è   servito   a   niente.   Oppure   pensiamo   che   la   nostra   salvezza   sia   un   fatto dovuto,   che   solo   Gesù   ci   ha   salvato   e   tutto   il   resto   non   conta?   Dobbiamo   diventare   educatori   d'amore,   di   dolcezza,   di accettazione,   non   di   reciproci   rimproveri,   altrimenti   finiamo   col   dividerci   in   nome   di   Dio.   I   continui   rimproveri   creano   la cosa   peggiore:   più   astio,   prevenzione   negativa,   diffidenza,   meno   fiducia.   Quando   non   c'è   il   rispetto   reciproco   e   totale   in una   coppia,      che   ci   si   può   fidare   ad   occhi   chiusi,   manca   tutto;   possiamo   dire   cinque   rosari   al   giorno,   ma   li   recitiamo   con una   freddezza   tale   da   non   dare   valore   alle   nostre   preghiere.   Che   tristezza   vedere   che   nonostante   siamo   stati   creati   dal Signore   come   note   intonatissime,   siamo   diventati   note   stonate   per   la   nostra   latitanza   verso   quella   nostra   responsabilità. Perché   stando   insieme   ai   lupi   si   impara   ad   ululare,   e   quando   si   sta   con   una   persona   che   ha   un'abitudine,   assimiliamo quell'abitudine,    crediamo    che    sia    normale    comportarci    come    un    peccatore,    soprattutto    se    ci    è    simpatico....    Non assolviamo   coloro   che   devono   essere   recuperati   con   delle   osservazioni   precise,   gentili.   Ritorniamo   sulla   nostra vita   passata   per   migliorarci,   non   per   puntualizzare   continuamente   la   vita   degli   altri   (che   conosciamo   solo   dal   punto   di vista   esteriore).      Espiamo   e   recuperiamo   tutte   le   brutte   abitudini   del   mondo,   preghiamo   affinché   il   Signore   venga consolato   dalla   nostra   povera   persona,   dispiacendoci   non   dei   nostri   fatti   personali,   ma   delle   umiliazioni   e   delle   ingiustizie che   in   continuazione   il   Signore   riceve   per   amor   nostro.   Sentiamoci   indegni   perché,   chi   più   chi   meno,   un   giorno   anche   noi abbiamo   fatto   questo,   e   se   non   ci   siamo   resi   conto   allora,   rendiamoci   conto   oggi   di   cosa   abbiamo   fatto   davanti   agli   occhi del   Signore   con   il   nostro   comportamento.   Non   pensiamo   di   essere   a   posto   solo   da   quando   abbiamo   iniziato   a   pregare,   e che   non   ci   siano   colpe   o   pene   da   espiare,   perché   nel   momento   in   cui   cominciamo   a   credere   di   non   commettere   più peccati,   commettiamo   quelli   che   gridano   vendetta   al   cospetto   di   Dio.   E’   l’offesa   più   grave,   quella   contro   lo   Spirito Santo che non viene perdonata dal Signore, di chi sa la verità e non la testimonia.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’orchestra
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Per    noi    l'Immacolata    Concezione,    la    madre    di Gesù, sembra sia un fatto dovuto, ma per capire Noi   siamo   stati   scelti,   creati   e   fatti   cristiani   dal Signore     per     diffondere     il     vangelo     gli     altri. Cerchiamo   di   essere   giusti   davanti   al   Signore, perché   a   forza   di   disabituarci   ed   allontanarci   dal vero   traguardo   della   nostra   vita,   oggi   come   oggi siamo   noi   quelli   che   devono   essere   evangelizzati. Se    è    stato    detto:    "Chiedete    e    vi    sarà    dato, bussate     e     vi     sarà     aperto" ,     non     dobbiamo dimostrare   di   saper   fare   solo   quello.   E’   un   fatto scontato   che   il   Signore   ci   apre   e   risponde   alle nostre    richieste,        fa    parte    della    sua    divina misericordia   e   del   patto   d'amore   che   ha   con   noi. Non   dobbiamo   neanche   menzionarlo   nei   nostri discorsi,    è    indiscutibile.    In    realtà    dobbiamo dimostrare   di   fare   anche   l'altra   parte   che   è   ben più   importante   di   fare   delle   richieste.   Noi   che abbiamo   accettato   di   testimoniare   la   parola   del Signore,   viviamo   da   anti-cristiani   a   causa   di   un grande     "martellamento".     Davanti     al     Signore siamo   degli   orchestrali,   siamo   come   una   grande orchestra      sinfonica,      dove      ognuno      esegue un'armonia   melodiosa:   se   qualcuno   suona   una nota    stonata,    tutta    l'orchestra    ne    risente    e sembra    che    stoni    tutta.    Tra    di    noi    c'è    una confusione    e    una    disarmonia    enorme    perché siamo     "note     stonate",     non     siamo     accordati all'unisono   sulla   stessa   nota:   uno   intona   un   "la", l'altro un "re" e un'altro il "mi".   IL COLPEVOLE PRINCIPALE E’ IL MAESTRO D’ORCHESTRA?    Che   confusione   portiamo   al   Signore,   se   basta una   nota   stonata   per   fare   stonare   un'orchestra perfetta    e    professionale:    facciamo    fare    brutta figura   al   Maestro   d'orchestra.   Ci   critichiamo   a vicenda   perché   abbiamo   cominciato   da   lontano ad   essere   note   stonate   davanti   al   Signore,   al mondo,   ai   miscredenti,   agli   atei   e   a   quelli   che hanno   aderito   ad   altre   dottrine.   Ecco    perché tante    persone    si    sono    allontanate    dalla Chiesa,   perché   non   abbiamo   saputo   essere educatori      giusti.      Invece      di      edificare abbiamo    “disedificato”    e    deformato    in    un modo     incredibile     l’immagine     della     fede autentica.    Se    fossimo    veramente    “Figli    del Silenzio”,    magari   non   faremmo   niente   di   buono, ma   sicuramente   neanche   niente   di   cattivo   e   di brutto,    non    ci    proporremmo    ad    essere    note stonate.   Educhiamoci   ad   evangelizzare,   perché   ci deve   dispiacere   che   per   colpa   nostra   l'orchestra non   è   intonata.   All'inizio   del   nuovo   testamento, agli   albori   del   cristianesimo,   su   100   persone   c'era una   nota   stonata;   oggi   siamo   arrivati   che   su   100 persone   99   sono   note   stonate.   Ecco   perché   “non ci    siamo    più”     e    non    riusciamo    a    trovare    “il bandolo   della   matassa” ,   perché   noi   nonostante tutto   stoniamo   ancora.   Altro   che   pensare   di   non peccare   più,   solo   perché   non   facciamo   ciò   che   la società         condanna         (rubare,         uccidere, bestemmiare…)!     Il     peccato     più     grave     lo commettiamo   ancora   noi,   quando   non   sappiamo riconoscere   nel   giusto   valore   il   sacrificio   di   Gesù. Se   quella   dimostrazione   d'amore   non   ci   porta   alla verità,    ai    piedi    della    croce,    a    umiliarci    e    a dispiacerci    per    tutto    il    male    del    mondo,    quel sacrificio     non     è     servito     a     niente.     Oppure pensiamo    che    la    nostra    salvezza    sia    un    fatto dovuto,   che   solo   Gesù   ci   ha   salvato   e   tutto   il resto   non   conta?   Dobbiamo   diventare   educatori d'amore,    di    dolcezza,    di    accettazione,    non    di reciproci     rimproveri,     altrimenti     finiamo     col dividerci   in   nome   di   Dio.   I   continui   rimproveri creano   la   cosa   peggiore:   più   astio,   prevenzione negativa,   diffidenza,   meno   fiducia.   Quando   non c'è   il   rispetto   reciproco   e   totale   in   una   coppia,     che   ci   si   può   fidare   ad   occhi   chiusi,   manca   tutto; possiamo    dire    cinque    rosari    al    giorno,    ma    li recitiamo   con   una   freddezza   tale   da   non   dare valore   alle   nostre   preghiere.   Che   tristezza   vedere che    nonostante    siamo    stati    creati    dal    Signore come   note   intonatissime,   siamo   diventati   note stonate    per    la    nostra    latitanza    verso    quella nostra   responsabilità.   Perché   stando   insieme   ai lupi   si   impara   ad   ululare,   e   quando   si   sta   con   una persona     che     ha     un'abitudine,     assimiliamo quell'abitudine,     crediamo     che     sia     normale comportarci   come   un   peccatore,   soprattutto   se   ci è    simpatico....    Non    assolviamo    coloro    che devono      essere      recuperati      con      delle osservazioni   precise,   gentili.   Ritorniamo   sulla nostra    vita    passata    per    migliorarci,    non    per puntualizzare    continuamente    la    vita    degli    altri (che     conosciamo     solo     dal     punto     di     vista esteriore).        Espiamo    e    recuperiamo    tutte    le brutte   abitudini   del   mondo,   preghiamo   affinché   il Signore    venga    consolato    dalla    nostra    povera persona,     dispiacendoci     non     dei     nostri     fatti personali,   ma   delle   umiliazioni   e   delle   ingiustizie che   in   continuazione   il   Signore   riceve   per   amor nostro.   Sentiamoci   indegni   perché,   chi   più   chi meno,   un   giorno   anche   noi   abbiamo   fatto   questo, e   se   non   ci   siamo   resi   conto   allora,   rendiamoci conto   oggi   di   cosa   abbiamo   fatto   davanti   agli occhi   del   Signore   con   il   nostro   comportamento. Non   pensiamo   di   essere   a   posto   solo   da   quando abbiamo   iniziato   a   pregare,   e   che   non   ci   siano colpe   o   pene   da   espiare,   perché   nel   momento   in cui   cominciamo   a   credere   di   non   commettere   più peccati,      commettiamo      quelli      che      gridano vendetta    al    cospetto    di    Dio.    E’    l’offesa    più grave,    quella    contro    lo    Spirito    Santo    che non   viene   perdonata   dal   Signore,   di   chi   sa   la verità e non la testimonia.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile