Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Ci   comportiamo   ancora   da   apprendisti   o   siamo   su   un   cammino   di   specializzazione?   Agli   apprendisti   il   datore   di   lavoro   da solo   incarichi   di   manovalanza   e   di   assistenza,   mentre   agli   operai   specializzati   da   un   compito   molto   più   complesso.   Noi possiamo   diventare   servi   specializzati   alla   corte   del   Signore,   il   quale   non   desidera   altro   che   perfezionare   il   nostro cammino   spirituale;   però   dobbiamo   fermare   obbligatoriamente   la   nostra   mente,   perché   Dio   va   oltre   le   nostre   fantasie, non   è   contenuto   nelle   nostre   immaginazioni   che,   pur   colorite   o   fantasmagoriche   che   siano,   sono   un   nulla   rispetto   alla sua   realtà.   Non   illudiamoci   perché,   con   la   mente   immaginiamo   tante   cose,   che   in   realtà   poi   non   vengono   confermate   da un   comportamento   coerente.   Dobbiamo   pensare   a   questo,   altrimenti   saremo   sempre   fermi   all'apprendistato.   Anzi, sappiamo   che   tante   volte   l'apprendista   all'inizio   della   sua   carriera,   con   il   desiderio   di   imparare,   è   molto   più   motivato   di un   apprendista   che   dopo   tanti   anni   è   ancora   a   quel   livello,   perché   non   riesce   a   recepire   quello   che   il   suo   datore   di   lavoro vuol   fargli   assimilare.   Ecco   perché   noi   siamo   ancora   lì,   statici;   prova   ne   è   che   i   cristiani   invece   di   aumentare   e promuovere   la   propria   fede,   di   generazione   in   generazione   l’hanno   indebolita,   mentre   sono   aumentate   tutte   le   altre dottrine,   religioni   e   teorie.   Il   Signore   lo   aveva   annunciato:   Quando   scenderò   di   nuovo   dal   cielo   troverò   ancora   la   fede nell'uomo?”    Siamo   noi   che   non   vogliamo   capirlo,   nella   misura   in   cui   seguiamo   le   abitudini   del   mondo,   perché   quelle   ci svuotano   di   verità.   Vediamo   solo   che   tra   noi   e   i   nostri   padri   c’è   un'enorme   differenza   di   osservanza   dei   veri   valori. Nonostante    milioni    di    persone    ai    pellegrinaggi    dal    Papa    e    nei    luoghi    benedetti    (Lourdes,    Fatima,    da    Padre    Pio, Medjugorje,   Compostela…),   la   grazia   del   Signore   è   stata   dispersa,   non   tramandata.   Perché?   Con   quale   Spirito   siamo andati   in   quei   luoghi,   per   l'emozione?   Per   dare   libero   sfogo   alla   nostra   immaginazione?   Che   peccato!   Che tristezza!   Ci   deve   interessare   la   situazione   intorno   a   noi,   perché   se   abbiamo   ricevuto   una   grazia   dal   Signore,   in   termini   di conoscenza,   la   dobbiamo   mettere   al   servizio   degli   altri,   non   chiuderci   “a   riccio”    su   noi   stessi   e   indurirci   di   cuore. Mancheremmo    di    solidarietà.    Il    cammino    che    dobbiamo    conoscere    è    profondo    in    una    misura    che    non conosciamo,    non   possiamo   decidere   quando   è   sufficiente.   Constatiamo   solo   che   prima   di   "rientrare   nell'ovile" ,   dalla nostra   vita   di   gioventù,   abbiamo   considerato   di   più   la   parola   del   Signore   con   la   nostra   vita.   Ma   siamo   ancora   fermi   lì,   non siamo   cresciuti,   non   siamo   lievitati   e   non   abbiamo   aumentato   il   nostro   raggio   d'azione   nella   misura   in   cui   dovremmo fare,   nonostante   tutte   le   omelie   e   le   conferenze   che   abbiamo   sentito   e   pur   avendo   aumentato   le   nostre   preghiere. Perché   nei   fatti   dimostriamo   di   essere   degli   ascoltatori   smemorati,   che   dimenticano   quello   che   leggono,   che   pregano   solo con   le   parole.   Non   è   scritto   da   nessuna   parte   e   tantomeno   sulla   Bibbia   che   l’accumulare   dei   rosari   e   il   ricevere   la   Santa eucaristia,   ci   garantisce   di   pari   passo   lo   sviluppo   spirituale.   Dovrebbe   accadere   questo   in   realtà,   ma   perché   non   accade? Ricevendo   l'eucaristia   dovremmo   aumentare   come   forza,   maestria,   specializzazione,   invece   in   troppi   campi   addirittura   si diminuisce,   perché   non   entra   in   noi   quella   grazia   e   quella   sapienza   che   poi   è   lo   sviluppo   di   tutto.   Dobbiamo   capire   di   fare la   parte   che   ci   garantisce   più   sviluppo,   ed   evitare   i   cammini   statici   che   ci   fanno   rimanere   sempre   allo   stesso   livello   o   se non addirittura regredire.  IL FALSO BENE Dunque   non   si   cresce   con   la   mente,   perché   il   Signore   è   al   di   là   di   ogni   immaginazione   più   fervida   che   ci   sia.   Fermiamo   la nostra   fantasia   che   ha   fatto   grandi   danni   (ha   svuotate   di   sostanza   le   parole   dei   profeti..),   e   mettiamoci   all'ascolto   della parola   del   Signore   attraverso   lo   Spirito   Santo,   che   opera   in   modo   misterioso,   non   come   pensiamo   noi,   poiché   nemmeno gli   apostoli   hanno   deciso   il   giorno   e   l'ora   in   cui   sarebbe   disceso.   Lo   Spirito   Santo   non   può   agire   se   non   in   una   condizione umana   che   predilige   e   che   Maria   Santissima   ci   vuole   insegnare   perché,   in   primis,   lei   lo   ha   ricevuto.   La   Madonna   non   si è   comportata   come   noi:   per   perfezionare   la   sua   vita   spirituale,   non   è   andata   a   destra   e   a   sinistra,   non   si   è agitata,   non   ha   rumoreggiato,   non   ha   richiamato   su   di   sé   l'attenzione,   non   si   è   immaginata   chissà   che   cosa. Nessuno   si   è   accorto   che   era   piena   di   Spirito   Santo,   se   non   il   Padre,   perché   l'anima   sua   magnificava   il Signore.   E   noi   vogliamo   fare   l'esatto   contrario?   La   Madonna   vuol   trasmetterci   la   sua   gioia,   e   noi   la   possiamo   fare gongolare,   anche   nella   nostra   imperfezione.   Lei   sa   che   mai   come   in   questo   periodo   il   male   si   è   accanito   contro   di   noi,   e vuole   ostacolarci   qualsiasi   sviluppo,   richiamando   la   nostra   attenzione   in   tanti   modi,   uno   più   logico   dell'altro.    Non   è   che ci   chiama   all'attenzione   del   male,   ma   a   un   falso   bene,   con   degli   ideali   giusti   a   livello   mentale   e   materiale;   però   è   un   cammino   ingannevole   perché   ci   porta   via   dal   vero   maestro   e   dal   vero   regista   che   è   Dio,   che   è   lo   Spirito   Santo. Non   dobbiamo   commentare   queste   confidenze   di   Maria   Santissima,   anche   se   sono   spirito   di   contraddizione   rispetto   alle nostre   abitudini,   perché   il   male   sa   che   noi   abbiamo   dei   limiti   mentali;   sa   che   la   nostra   testa   non   può   recepire   tutte   le verità   del   mondo,   ma   ne   può   contenere   due   o   tre,   e   tutto   il   resto   sfugge.   A   nostra   insaputa,   l'infido,   ci   fa   impegnare la   mente   su   falsi   obiettivi   basati   sulla   parola   del   Signore.    Non   meravigliamoci   di   questo   e   non   riteniamoci   al   di sopra   di   ogni   sospetto   o   esclusi   da   ogni   attacco   del   male   solo   perché   preghiamo   e   abbiamo   la   Bibbia,   perché   come   ha detto   Paolo   VI   “il   fumo   di   Satana   è   entrato   in      Vaticano”,   la   casa   maestra   di   Dio.   E   nemmeno   Padre   Pio   era   al   sicuro   nel suo convento…   SI CRESCE COL CUORE, NON CON LA MENTE Osserviamo   il   nostro   comportamento:   niente   ci   garantisce   che   abbiamo   la   grazia   del   Signore,   tanto   meno   la   nostra     esteriorità   (ad   esempio   chiudere   gli   occhi   o   assumere   un   aspetto   mistico   durante   la   preghiera...),   ma   la   nostra interiorità,      l'anima,   il   cuore.   Non   riusciamo   neanche   a   capire   che   cosa   è   racchiuso   come   sostanza   nella   parola   del Signore,   perché      siamo   illusionisti,   immaginari,   individualisti,   benevoli   con   i   pensieri,   quando   invece   il   comportamento   è tutt’altro.   La   nostra      immaginazione   nemmeno   comprende   il   vero   significato   di   misericordia,   bontà,   mansuetudine, pazienza   …   Noi   che   siamo   dei      pulviscoli   nell'universo   creato,   senza   la   grazia   del   Signore,   come   possiamo   concepire   con la   fantasia   la   realtà   di   Dio?      Meditiamo   la   lettera   di   san   Paolo   ai   Colossesi:   “Fratelli,   rivestitevi,   come   eletti   di   Dio,   santi   e amati,   di   sentimenti   di      misericordia,   di   bontà,   di   umiltà,   di   mansuetudine,   di   pazienza;   sopportandovi   a   vicenda   e perdonandovi      scambievolmente,   se   qualcuno   abbia   di   che   lamentarsi   nei   riguardi   degli   altri.   Come   il   Signore   vi   ha perdonato,   così   fate      anche   voi.”   Chi   di   noi   è   avvolto   di   questa   veste   candida?   In   realtà   siamo   ancora   apprendisti,   è solo   la   nostra      immaginazione   che   pensa   di   aver   raggiunto   il   livello   della   specializzazione.   Che   errore grossolano!   La   nostra   fede   si      affievolisce   sempre   più,   perché   noi   trasmettiamo   quello   che   abbiamo   nella   mente.   Chi   di noi   è   rivestito   di   questi   sentimenti      se   ci   basta   un   niente,   uno   sgarbo,   per    “puntare   subito   il   dito?”.    Se   fossimo   uniti   in   un unico   credo   in   questi   sentimenti      nobili,   le   nostre   preghiere   potrebbero   essere   più   micidiali   di   tutte   le   bombe   del   mondo   e potremmo   davvero   fa   gioire   la      Madonna,   anche   con   i   nostri   difetti,   perché   vuol   dire   che   siamo   genuini,   spontanei,   veri. Chi   di   noi   si   illude   di   avere      queste   qualità   e   non   le   ha,   allora   è   un   fanatico,   è   il   demonio   più   pericoloso   che possa   esistere   in   un   gruppo   di      preghiera,   è   quello   che   fa   più   danno   di   qualsiasi   altra   cosa,   persino   di   peccati più   clamorosi,   perché   non   c'è   cosa      peggiore   di   annullare   la   verità   di   Dio   pensando   di   sostenerla.   È   la   nostra mente   che   ci   impedisce   tutto,   perché      abbiamo   delle   risposte   e   degli   agganci   che   non   sono   autentici,   ma   che   ci   servono per   continuare   e   per   dare   una      giustificazione   a   tutti   i   periodi   della   nostra   vita   più   o   meno   positivi.   Abbiamo   tanta immaginazione   dovuta   agli   incontri   che      abbiamo   fatto   con   tanti   maestri   della   parola;   ma   questi   servono   a   coloro   che devono   cambiare   vita,   agli   apprendisti.   Questo      non   vuol   dire   non   più   pregare   e   non   più   andare   a   messa,   perché   almeno questo   rimane   un   sostegno   sicuro,   una   protezione      che   viene   dalla   misericordia   di   Dio   senza   la   quale   saremmo sicuramente   scesi   ancora   più   in   basso,   e   chissà   dove   saremmo      scivolati!   Mettiamoci   davanti   alla   legge   di   Dio,   come fossimo    davanti    a    uno    specchio    che    riflette    la    nostra    bontà    d'animo,    la        nostra    mansuetudine,    il    nostro    modo comportamentale,   perché   è   più   comodo   illuderci   che   va   tutto   bene   in   virtù   di   buone      azioni   esteriori   che   facciamo.   Ma   la parola   di   Dio   parla   tutto   d'interiorità.   Se   noi   abbiamo   una   interiorità   autentica,      tutte   le   nostre   azioni   saranno accompagnate   da   autenticità;   se   invece   non   siamo   autentici   dentro   e   abbiamo   la   doppiezza   di   cuore,   di   generazione   in generazione   la   nostra   fede   si   disperde,   si   affievolisce,   si   indebolisce.   È   l'obiettivo   che   ci   deve   unire,      non   il   rispetto umano   che   viene   dall'educazione   che   abbiamo   recepito,   perché   quello   non   corrisponde   a   ciò   che   abbiamo   nel      cuore,   ma ad una convenienza nel parlare in un certo modo.    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Le fantasie illudono l'apprendista
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Ci   comportiamo   ancora   da   apprendisti   o   siamo   su un   cammino   di   specializzazione?   Agli   apprendisti il     datore     di     lavoro     da     solo     incarichi     di manovalanza   e   di   assistenza,   mentre   agli   operai specializzati   da   un   compito   molto   più   complesso. Noi    possiamo    diventare    servi    specializzati    alla corte   del   Signore,   il   quale   non   desidera   altro   che perfezionare   il   nostro   cammino   spirituale;   però dobbiamo    fermare    obbligatoriamente    la    nostra mente,   perché   Dio   va   oltre   le   nostre   fantasie, non   è   contenuto   nelle   nostre   immaginazioni   che, pur   colorite   o   fantasmagoriche   che   siano,   sono un   nulla   rispetto   alla   sua   realtà.   Non   illudiamoci perché,   con   la   mente   immaginiamo   tante   cose, che   in   realtà   poi   non   vengono   confermate   da   un comportamento   coerente.   Dobbiamo   pensare   a questo,      altrimenti      saremo      sempre      fermi all'apprendistato.   Anzi,   sappiamo   che   tante   volte l'apprendista   all'inizio   della   sua   carriera,   con   il desiderio   di   imparare,   è   molto   più   motivato   di   un apprendista   che   dopo   tanti   anni   è   ancora   a   quel livello,   perché   non   riesce   a   recepire   quello   che   il suo   datore   di   lavoro   vuol   fargli   assimilare.   Ecco perché   noi   siamo   ancora   lì,   statici;   prova   ne   è che   i   cristiani   invece   di   aumentare   e   promuovere la   propria   fede,   di   generazione   in   generazione l’hanno   indebolita,   mentre   sono   aumentate   tutte le   altre   dottrine,   religioni   e   teorie.   Il   Signore   lo aveva   annunciato:   Quando   scenderò   di   nuovo dal    cielo    troverò    ancora    la    fede    nell'uomo?”   Siamo   noi   che   non   vogliamo   capirlo,   nella   misura in   cui   seguiamo   le   abitudini   del   mondo,   perché quelle   ci   svuotano   di   verità.   Vediamo   solo   che   tra noi   e   i   nostri   padri   c’è   un'enorme   differenza   di osservanza   dei   veri   valori.   Nonostante   milioni   di persone   ai   pellegrinaggi   dal   Papa   e   nei   luoghi benedetti     (Lourdes,     Fatima,     da     Padre     Pio, Medjugorje,   Compostela…),   la   grazia   del   Signore è   stata   dispersa,   non   tramandata.   Perché?   Con quale   Spirito   siamo   andati   in   quei   luoghi, per   l'emozione?   Per   dare   libero   sfogo   alla nostra    immaginazione?    Che    peccato!    Che tristezza!     Ci     deve     interessare     la     situazione intorno   a   noi,   perché   se   abbiamo   ricevuto   una grazia   dal   Signore,   in   termini   di   conoscenza,   la dobbiamo    mettere    al    servizio    degli    altri,    non chiuderci   “a   riccio”    su   noi   stessi   e   indurirci   di cuore.   Mancheremmo   di   solidarietà.   Il   cammino che   dobbiamo   conoscere   è   profondo   in   una misura    che    non    conosciamo,    non   possiamo decidere   quando   è   sufficiente.   Constatiamo   solo che   prima   di   "rientrare   nell'ovile" ,   dalla   nostra vita   di   gioventù,   abbiamo   considerato   di   più   la parola   del   Signore   con   la   nostra   vita.   Ma   siamo ancora   fermi   lì,   non   siamo   cresciuti,   non   siamo lievitati    e    non    abbiamo    aumentato    il    nostro raggio   d'azione   nella   misura   in   cui   dovremmo fare,   nonostante   tutte   le   omelie   e   le   conferenze che   abbiamo   sentito   e   pur   avendo   aumentato   le nostre   preghiere.   Perché   nei   fatti   dimostriamo   di essere      degli      ascoltatori      smemorati,      che dimenticano    quello    che    leggono,    che    pregano solo    con    le    parole.    Non    è    scritto    da    nessuna parte   e   tantomeno   sulla   Bibbia   che   l’accumulare dei    rosari    e    il    ricevere    la    Santa    eucaristia,    ci garantisce   di   pari   passo   lo   sviluppo   spirituale. Dovrebbe   accadere   questo   in   realtà,   ma   perché non    accade?    Ricevendo    l'eucaristia    dovremmo aumentare          come          forza,          maestria, specializzazione,      invece      in      troppi      campi addirittura   si   diminuisce,   perché   non   entra   in   noi quella    grazia    e    quella    sapienza    che    poi    è    lo sviluppo    di    tutto.    Dobbiamo    capire    di    fare    la parte   che   ci   garantisce   più   sviluppo,   ed   evitare   i cammini   statici   che   ci   fanno   rimanere   sempre allo stesso livello o se non addirittura regredire.  IL FALSO BENE Dunque   non   si   cresce   con   la   mente,   perché   il Signore    è    al    di    là    di    ogni    immaginazione    più fervida   che   ci   sia.   Fermiamo   la   nostra   fantasia che    ha    fatto    grandi    danni    (ha    svuotate    di sostanza   le   parole   dei   profeti..),   e   mettiamoci all'ascolto   della   parola   del   Signore   attraverso   lo Spirito   Santo,   che   opera   in   modo   misterioso,   non come   pensiamo   noi,   poiché   nemmeno   gli   apostoli hanno    deciso    il    giorno    e    l'ora    in    cui    sarebbe disceso.   Lo   Spirito   Santo   non   può   agire   se   non   in una   condizione   umana   che   predilige   e   che   Maria Santissima   ci   vuole   insegnare   perché,   in   primis, lei    lo    ha    ricevuto.    La    Madonna    non    si    è comportata   come   noi:   per   perfezionare   la sua   vita   spirituale,   non   è   andata   a   destra   e a     sinistra,     non     si     è     agitata,     non     ha rumoreggiato,   non   ha   richiamato   su   di   l'attenzione,   non   si   è   immaginata   chissà   che cosa.   Nessuno   si   è   accorto   che   era   piena   di Spirito     Santo,     se     non     il     Padre,     perché l'anima    sua    magnificava    il    Signore.    E    noi vogliamo    fare    l'esatto    contrario?    La    Madonna vuol   trasmetterci   la   sua   gioia,   e   noi   la   possiamo fare   gongolare,   anche   nella   nostra   imperfezione. Lei   sa   che   mai   come   in   questo   periodo   il   male   si è    accanito    contro    di    noi,    e    vuole    ostacolarci qualsiasi      sviluppo,      richiamando      la      nostra attenzione   in   tanti   modi,   uno   più   logico   dell'altro.   Non   è   che   ci   chiama   all'attenzione   del   male, ma   a   un   falso   bene,   con   degli   ideali   giusti   a livello     mentale     e     materiale;      però     è     un cammino    ingannevole    perché    ci    porta    via    dal vero   maestro   e   dal   vero   regista   che   è   Dio,   che   è lo    Spirito    Santo.    Non    dobbiamo    commentare queste   confidenze   di   Maria   Santissima,   anche   se sono   spirito   di   contraddizione   rispetto   alle   nostre abitudini,   perché   il   male   sa   che   noi   abbiamo   dei limiti   mentali;   sa   che   la   nostra   testa   non   può recepire   tutte   le   verità   del   mondo,   ma   ne   può contenere   due   o   tre,   e   tutto   il   resto   sfugge.   A nostra   insaputa,   l'infido,   ci   fa   impegnare   la mente   su   falsi   obiettivi   basati   sulla   parola del    Signore.    Non   meravigliamoci   di   questo   e non   riteniamoci   al   di   sopra   di   ogni   sospetto   o esclusi    da    ogni    attacco    del    male    solo    perché preghiamo   e   abbiamo   la   Bibbia,   perché   come   ha detto   Paolo   VI   “il   fumo   di   Satana   è   entrato   in     Vaticano”,   la   casa   maestra   di   Dio.   E   nemmeno Padre Pio era al sicuro nel suo convento…   SI CRESCE COL CUORE, NON CON LA MENTE Osserviamo   il   nostro   comportamento:   niente   ci garantisce   che   abbiamo   la   grazia   del   Signore, tanto   meno   la   nostra      esteriorità   (ad   esempio chiudere   gli   occhi   o   assumere   un   aspetto   mistico durante      la      preghiera...),      ma      la      nostra interiorità,      l'anima,   il   cuore.   Non   riusciamo neanche    a    capire    che    cosa    è    racchiuso    come sostanza   nella   parola   del   Signore,   perché      siamo illusionisti,    immaginari,    individualisti,    benevoli con   i   pensieri,   quando   invece   il   comportamento   è tutt’altro.   La   nostra      immaginazione   nemmeno comprende    il    vero    significato    di    misericordia, bontà,   mansuetudine,   pazienza   …   Noi   che   siamo dei        pulviscoli    nell'universo    creato,    senza    la grazia   del   Signore,   come   possiamo   concepire   con la   fantasia   la   realtà   di   Dio?      Meditiamo   la   lettera di   san   Paolo   ai   Colossesi:   “Fratelli,   rivestitevi, come   eletti   di   Dio,   santi   e   amati,   di   sentimenti   di     misericordia,       di       bontà,       di       umiltà,       di mansuetudine,    di    pazienza;    sopportandovi    a vicenda   e   perdonandovi      scambievolmente,   se qualcuno    abbia    di    che    lamentarsi    nei    riguardi degli   altri.   Come   il   Signore   vi   ha   perdonato,   così fate      anche   voi.”   Chi   di   noi   è   avvolto   di   questa veste     candida?     In     realtà     siamo     ancora apprendisti,   è   solo   la   nostra      immaginazione che   pensa   di   aver   raggiunto   il   livello   della specializzazione.    Che    errore    grossolano!    La nostra   fede   si      affievolisce   sempre   più,   perché noi     trasmettiamo     quello     che     abbiamo     nella mente.   Chi   di   noi   è   rivestito   di   questi   sentimenti     se   ci   basta   un   niente,   uno   sgarbo,   per    “puntare subito il dito?”.  Se fossimo uniti in un unico credo in   questi   sentimenti      nobili,   le   nostre   preghiere potrebbero   essere   più   micidiali   di   tutte   le   bombe del    mondo    e    potremmo    davvero    fa    gioire    la      Madonna,   anche   con   i   nostri   difetti,   perché   vuol dire   che   siamo   genuini,   spontanei,   veri.   Chi   di noi   si   illude   di   avere      queste   qualità   e   non   le ha,   allora   è   un   fanatico,   è   il   demonio   più pericoloso   che   possa   esistere   in   un   gruppo di      preghiera,   è   quello   che   fa   più   danno   di qualsiasi   altra   cosa,   persino   di   peccati   più clamorosi,   perché   non   c'è   cosa      peggiore   di annullare    la    verità    di    Dio    pensando    di sostenerla.   È   la   nostra   mente   che   ci   impedisce tutto,    perché        abbiamo    delle    risposte    e    degli agganci    che    non    sono    autentici,    ma    che    ci servono     per     continuare     e     per     dare     una       giustificazione   a   tutti   i   periodi   della   nostra   vita più       o       meno       positivi.       Abbiamo       tanta immaginazione   dovuta   agli   incontri   che      abbiamo fatto   con   tanti   maestri   della   parola;   ma   questi servono   a   coloro   che   devono   cambiare   vita,   agli apprendisti.    Questo        non    vuol    dire    non    più pregare    e    non    più    andare    a    messa,    perché almeno   questo   rimane   un   sostegno   sicuro,   una protezione      che   viene   dalla   misericordia   di   Dio senza    la    quale    saremmo    sicuramente    scesi ancora    più    in    basso,    e    chissà    dove    saremmo      scivolati!   Mettiamoci   davanti   alla   legge   di   Dio, come   fossimo   davanti   a   uno   specchio   che   riflette la      nostra      bontà      d'animo,      la            nostra mansuetudine,   il   nostro   modo   comportamentale, perché   è   più   comodo   illuderci   che   va   tutto   bene in   virtù   di   buone      azioni   esteriori   che   facciamo. Ma   la   parola   di   Dio   parla   tutto   d'interiorità. Se   noi   abbiamo   una   interiorità   autentica,      tutte   le nostre      azioni      saranno      accompagnate      da autenticità;   se   invece   non   siamo   autentici   dentro e   abbiamo   la   doppiezza   di   cuore,   di   generazione in    generazione    la    nostra    fede    si    disperde,    si affievolisce,    si    indebolisce.    È    l'obiettivo    che    ci deve   unire,      non   il   rispetto   umano   che   viene dall'educazione    che    abbiamo    recepito,    perché quello   non   corrisponde   a   ciò   che   abbiamo   nel     cuore,   ma   ad   una   convenienza   nel   parlare   in   un certo modo.   

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile