Monte Misma Maria ausiliatrice
  Che   valore   diamo   alla   santa   messa?   E’   fuori   discussione   che   abbia   valore   assoluto,   è   la   meraviglia    delle    meraviglie,    ma   troppi   cristiani   pensano   di   aver   ottenuto   tutto   partecipando   ad   essa.   Poche   volte   ci   rendiamo   conto   che   possiamo   vivere la    messa    nella    messa .    Siamo    conformi    a    come    ci    è    richiesto    dalla    Chiesa    oppure    pensiamo    che    l'importante    è partecipare?   In   realtà   non   conosciamo   il   valore   della   santa   messa,   diciamo   che   è   indispensabile,   che   è   peccato   non santificare   le   feste,   ma   se   le   santifichiamo   male?   Prima   di   presentarci   davanti   al   banchetto   delle   nozze   dell'Agnello, siamo   in   pace   con   la   nostra   anima   e   con   i   nostri   fratelli?   Questo   non   significa   essersi   confessati   perché   riguarda   i   nostri peccati,   possiamo   uscire   dal   confessionale   ancora   con   quella   rabbia   verso   il   prossimo.   Dobbiamo   dare   valore   alla   santa messa,   non   andarci   con   lo   spirito   di   de   Coubertin    dove   l'importante   è   partecipare .   Quanti   di   noi   hanno   partecipato alla   messa   e   quanti   l'hanno   vissuta?    Essa   ha   valore   per   la   croce   di   Cristo,   non   per   la   nostra   presenza.   Ha   un   valore totale   se   noi   la   valorizziamo   mettendo   su   quell'altare   la   nostra   superbia,   la   nostra   avidità,   il   nostro   orgoglio,   la   nostra permalosità,   l'invidia,   la   nostra   incapacità   di   amare.   Il   Signore   ha   messo   il   suo   sacrificio,   perché   non   ci   mettiamo   il nostro?   Cos'è   quell'altare   per   noi?   È   peccato   anche   assistere   male   alla   santa   messa,   quando   ci   andiamo   delusi,   rabbiosi, col   cuore   duro   come   se   fossimo   vittime   di   sortilegi.   Non   si   va   ad   attingere   a   quel   banchetto   come   quando   si   va   a   far   la spesa.   Chi   ci   ha   detto   che   è   tutto   dovuto?   Gesù   ha   accettato   una   sorte   tremenda   da   essere   sfigurato   anche   nel   volto   per salvarci,   ha   accettato   la   croce   che   è   il   nostro   disonore   e   la   nostra   infamia,   e   noi   non   riusciamo   a   perdonare   una   piccola umiliazione.   Dio   è   giusto   nella   sua   richiesta,   non   concede   alcun   tipo   di   replica.   Quando   ci   siamo   impegnati   per   piacere   al Signore?   Bisogna   che   impariamo   a   ragionare   da   cristiani   adulti,   altrimenti   entriamo   nel   qualunquismo.   Davanti   all'amico che   si   è   immolato   per   noi   siamo   ancora   lì   a   chiedere   che   cambi   le   persone   che   ci   fanno   soffrire,   che   intervenga   sulle nostre   miserie.   Diciamo   piuttosto:   " Faccio   fatica   a   perdonarlo,   lo   manderei   a   quel   paese,   ma   vedendo   Te   lo   perdono ". Perché   tanti   dicono   di   non   star   bene   se   non   partecipano   alla   santa   messa?   Non   possiamo   star   bene   quando   il   nostro migliore   amico   è   sfigurato   dalla   cattiveria   dell'uomo,   si   sta   bene   nell'anima   quando   si   penalizza   il   corpo   e   la   nostra lingua.   Al   banchetto   delle   nozze   dell'Agnello   manchiamo   di   rispetto   anche   nell'abbigliamento:   quando   siamo   invitati   a una   festa   nuziale   non   ci   vestiamo   al   meglio   e   portiamo   un   regalo?   Il   Signore   vuole   il   nostro   cuore   perché   conosce   i miracoli   può   fare   quel   generatore   d'amore   che   è   dentro   di   noi.   E’   meglio   la   presenza   di   un   pubblicano   che   di   tanti farisei:    portando   solo   le   nostre   lamentele   e   pregando   da   arrabbiati,   facciamo   l'esatto   contrario   di   quello   che   ha insegnato   il   Messia.   Dovremmo   per   solidarietà   accettare   le   nostre   ingiustizie,   anche   le   più   grandi.   Se   non   mettiamo   in pratica   i   comandamenti,   come   pensiamo   che   abbiano   valore   le   nostre   messe?   Non   è   vero   che   mancano   le   preghiere,   il mondo   va   male   perché   non   diamo   valore   ad   esse,   ai   nostri   sacramenti.   L’importante   non   è   partecipare   ma   vincere   la nostra battaglia, quella di rimanere giusti davanti al Signore. PRIMA DELLA GIOIA BISOGNA ACCETTARE LA SCONFITTA Troppe   volte   l'uomo   giusto   viene   trattato   da   ingiusto   e   colpito   duramente   appena   fa   un   piccolo   errore.   Invece   andrebbe incoraggiato,   consolato.   Il   buono   non   sa   nemmeno   difendersi,   è   fraterno,   si   dispiace   quando   riceve   del   male   perché   sa che   non   gioverà   all’anima   del   suo   persecutore,   non   si   sente   nemmeno   degno   di   ricevere   l'eucarestia.   Ma   il   furbastro   che vuole   cambiare   le   carte   in   tavola   sa   bene   come   fare.   Avvicinarsi   alla   vera   fede   sembra   impossibile   perché   vogliamo rimanere   attaccati   al   nostro   modo   di   vivere   e   alle   nostre   idee.   Eppure   con   la   fede   potremmo   star   bene   pur   non   avendo alcun   motivo   per   star   bene.   Il   Signore   non   ci   ha   insegnato   a   difenderci   con   le   nostre   mani,   a   lamentarci   e   a   criticare tutti,   non   ha   fatto   così   quando   lo   hanno   messo   in   croce.   Il   passaggio   che   ci   fa   ottenere   più   grazie   non   sono   le   nostre preghiere   o   le   nostre   messe,   ma   quando   accettiamo   il   nemico,   quello   che   ci   fa   soffrire   di   più.   E’   lui   che   ci   fa   mettere   al primo   posto   Dio,   non   i   nostri   affetti   migliori.   Le   soddisfazioni   del   nostro   corpo   penalizzano   l'anima,   mentre   la   giusta misura   del   buon   cristiano   è   quella   che   ci   fa   ringraziare   il   nostro   miglior   nemico .   Non   è   un   paradosso,   ci   fa ottenere   vantaggi   in   cielo.   Non   dovremmo   nemmeno   sentirci   degni   di   perdonare   il   nostro   nemico,   potrebbe   essere   un atto   di   superbia   pensare   che   abbiamo   ragione   noi.   Quante   volte   abbiamo   sentito   cristiani   delusi   dire:   " dopo   tutte   le preghiere   che   ho   detto   sembra   quasi   che   vanno   meglio   gli   altri   e   io   ho   soltanto   sofferenze   e   prove   da   accettare "…   La fede   è   superiore   a   tutte   le   ingiustizie,   non   bisogna   essere   masochisti   per   accettarle,   il   Signore   non   lo   era.   Sarà determinante per conquistare l'eternità riuscire a rinunciare a vantaggio degli altri.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’importante non è partecipare
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi dell Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
Un deserto  sul Misma
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Che    valore    diamo    alla    santa    messa?    E’    fuori discussione    che    abbia    valore    assoluto,    è    la meraviglia   delle    meraviglie,    ma    troppi   cristiani pensano   di   aver   ottenuto   tutto   partecipando   ad essa.     Poche     volte     ci     rendiamo     conto     che possiamo   vivere   la   messa   nella   messa .   Siamo conformi    a    come    ci    è    richiesto    dalla    Chiesa oppure   pensiamo   che   l'importante   è   partecipare? In   realtà   non   conosciamo   il   valore   della   santa messa,    diciamo    che    è    indispensabile,    che    è peccato    non    santificare    le    feste,    ma    se    le santifichiamo   male?   Prima   di   presentarci   davanti al   banchetto   delle   nozze   dell'Agnello,   siamo   in pace   con   la   nostra   anima   e   con   i   nostri   fratelli? Questo    non    significa    essersi    confessati    perché riguarda    i    nostri    peccati,    possiamo    uscire    dal confessionale   ancora   con   quella   rabbia   verso   il prossimo.    Dobbiamo    dare    valore    alla    santa messa,   non   andarci   con   lo   spirito   di   de   Coubertin   dove   l'importante   è   partecipare .   Quanti   di   noi hanno     partecipato     alla     messa     e     quanti l'hanno   vissuta?    Essa   ha   valore   per   la   croce   di Cristo,   non   per   la   nostra   presenza.   Ha   un   valore totale     se     noi     la     valorizziamo     mettendo     su quell'altare   la   nostra   superbia,   la   nostra   avidità, il   nostro   orgoglio,   la   nostra   permalosità,   l'invidia, la    nostra    incapacità    di    amare.    Il    Signore    ha messo   il   suo   sacrificio,   perché   non   ci   mettiamo   il nostro?    Cos'è    quell'altare    per    noi?    È    peccato anche   assistere   male   alla   santa   messa,   quando   ci andiamo   delusi,   rabbiosi,   col   cuore   duro   come   se fossimo    vittime    di    sortilegi.    Non    si    va    ad attingere   a   quel   banchetto   come   quando   si   va   a far   la   spesa.   Chi   ci   ha   detto   che   è   tutto   dovuto? Gesù   ha   accettato   una   sorte   tremenda   da   essere sfigurato     anche     nel     volto     per     salvarci,     ha accettato   la   croce   che   è   il   nostro   disonore   e   la nostra   infamia,   e   noi   non   riusciamo   a   perdonare una   piccola   umiliazione.   Dio   è   giusto   nella   sua richiesta,    non    concede    alcun    tipo    di    replica. Quando    ci    siamo    impegnati    per    piacere    al Signore?   Bisogna   che   impariamo   a   ragionare   da cristiani       adulti,       altrimenti       entriamo       nel qualunquismo.     Davanti     all'amico     che     si     è immolato   per   noi   siamo   ancora   lì   a   chiedere   che cambi    le    persone    che    ci    fanno    soffrire,    che intervenga      sulle      nostre      miserie.      Diciamo piuttosto:     " Faccio     fatica     a     perdonarlo,     lo manderei    a    quel    paese,    ma    vedendo    Te    lo perdono ".   Perché   tanti   dicono   di   non   star   bene   se non   partecipano   alla   santa   messa?   Non   possiamo star    bene    quando    il    nostro    migliore    amico    è sfigurato   dalla   cattiveria   dell'uomo,   si   sta   bene nell'anima    quando    si    penalizza    il    corpo    e    la nostra      lingua.      Al      banchetto      delle      nozze dell'Agnello      manchiamo      di      rispetto      anche nell'abbigliamento:   quando   siamo   invitati   a   una festa    nuziale    non    ci    vestiamo    al    meglio    e portiamo   un   regalo?   Il   Signore   vuole   il   nostro cuore   perché   conosce   i   miracoli   può   fare   quel generatore    d'amore    che    è    dentro    di    noi.    E’ meglio   la   presenza   di   un   pubblicano   che   di tanti   farisei:    portando   solo   le   nostre   lamentele e    pregando    da    arrabbiati,    facciamo    l'esatto contrario   di   quello   che   ha   insegnato   il   Messia. Dovremmo    per    solidarietà    accettare    le    nostre ingiustizie,   anche   le   più   grandi.   Se   non   mettiamo in   pratica   i   comandamenti,   come   pensiamo   che abbiano   valore   le   nostre   messe?   Non   è   vero   che mancano   le   preghiere,   il   mondo   va   male   perché non   diamo   valore   ad   esse,   ai   nostri   sacramenti. L’importante    non    è    partecipare    ma    vincere    la nostra   battaglia,   quella   di   rimanere   giusti   davanti al Signore. PRIMA DELLA GIOIA BISOGNA ACCETTARE LA SCONFITTA Troppe    volte    l'uomo    giusto    viene    trattato    da ingiusto    e    colpito    duramente    appena    fa    un piccolo    errore.    Invece    andrebbe    incoraggiato, consolato.   Il   buono   non   sa   nemmeno   difendersi, è   fraterno,   si   dispiace   quando   riceve   del   male perché    sa    che    non    gioverà    all’anima    del    suo persecutore,    non    si    sente    nemmeno    degno    di ricevere   l'eucarestia.   Ma   il   furbastro   che   vuole cambiare   le   carte   in   tavola   sa   bene   come   fare. Avvicinarsi    alla    vera    fede    sembra    impossibile perché    vogliamo    rimanere    attaccati    al    nostro modo   di   vivere   e   alle   nostre   idee.   Eppure   con   la fede   potremmo   star   bene   pur   non   avendo   alcun motivo    per    star    bene.    Il    Signore    non    ci    ha insegnato    a    difenderci    con    le    nostre    mani,    a lamentarci   e   a   criticare   tutti,   non   ha   fatto   così quando   lo   hanno   messo   in   croce.   Il   passaggio che   ci   fa   ottenere   più   grazie   non   sono   le   nostre preghiere     o     le     nostre     messe,     ma     quando accettiamo   il   nemico,   quello   che   ci   fa   soffrire   di più.   E’   lui   che   ci   fa   mettere   al   primo   posto   Dio, non   i   nostri   affetti   migliori.   Le   soddisfazioni   del nostro    corpo    penalizzano    l'anima,    mentre    la giusta    misura    del    buon    cristiano    è    quella che     ci     fa     ringraziare     il     nostro     miglior nemico .    Non    è    un    paradosso,    ci    fa    ottenere vantaggi    in    cielo.    Non    dovremmo    nemmeno sentirci    degni    di    perdonare    il    nostro    nemico, potrebbe   essere   un   atto   di   superbia   pensare   che abbiamo    ragione    noi.    Quante    volte    abbiamo sentito    cristiani    delusi    dire:    " dopo    tutte    le preghiere   che   ho   detto   sembra   quasi   che   vanno meglio    gli    altri    e    io    ho    soltanto    sofferenze    e prove   da   accettare "…   La   fede   è   superiore   a   tutte le   ingiustizie,   non   bisogna   essere   masochisti   per accettarle,     il     Signore     non     lo     era.     Sarà determinante   per   conquistare   l'eternità   riuscire   a rinunciare a vantaggio degli altri.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile