Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Se   noi   cristiani   non   ci   confrontiamo   con   la   parola   di   Dio   perdiamo   la   nostra   caratteristica   principale   basata      sull'umiltà.   La conosciamo?   Come   si   può   essere   umili   criticando   il   mondo   intero?   Nessun   strumento   del   Signore   ha   portato   scompensi   o polemiche   al   Papa.   Addirittura   un'oasi   di   pace   come   può   essere   un   luogo   di   presunte   apparizioni   è   diventato   un   problema di   disordine   e   di   confusione.   È   corretto   questo?   Non   sappiamo   gestire   la   nostra   vita   e   vogliamo   consigliare   il   Papa   e   i vescovi   come   se   fossero   lì   per   far   andare   male   la   Chiesa.   Questo   disordine   proviene   da   persone   che   pregano   molto… Meglio   un   ateo   che   un   cristiano   ipocrita!      La   Madonna   non   può   essere   contenta   di   questa   situazione,   non   ha   bisogno   di noi   per   essere   approvata.   Amiamo   la   mia   Chiesa   fino   al   punto   di   difenderla   e   non   di   criticarla?   I   suoi   difetti   sono   umani, ma   essa   è   santa   e   pura   da   sempre,   non   ha   sbagliato   Dio.   Sapendo   i   problemi   che   ci   sono   nel   mondo,   incominciamo   a usare   la   nostra   autorità   per   rendere   più   serena   la   nostra   famiglia.   Scrive   san   Paolo   (Gal.   5,13-14):   "Voi   infatti,   fratelli, siete   stati   chiamati   a   libertà.   Purché   questa   libertà   non   divenga   un   pretesto   per   vivere   secondo   la   carne,   ma   mediante   la carità   siate   a   servizio   gli   uni   degli   altri.   Tutta   la   legge,   infatti,   trova   la   sua   pienezza   in   un   solo   precetto:   amerai   il prossimo   tuo   come   te   stesso".    Noi   viviamo   solamente   per   i   nostri   interessi,   per   la   carne   che   è   la   ragione dell'uomo,   se   vivessimo   per   lo   spirito   non   saremmo   così   arrabbiati,   ricevere   un'ingiustizia   sarebbe   il   regalo più   bello.   Avremmo   meno   contrasti   in   famiglia,   con   il   confinante,   con   l’ambiente   di   lavoro,   con   la   Chiesa.   Siamo portatori   di   amore,   gioia,   pace,   pazienza,   benevolenza,   bontà,   fedeltà,   mitezza   e   dominio   di   sé?   Senza   queste   qualità non   proponiamoci,   altrimenti   lo   faremmo   nel   peggiore   dei   modi.   C'è   chi   accetta   serenamente   le   avversità   senza lamentarsi   o   covare   vendetta   e   c'è   chi   invece   è   l'esatto   contrario.   Quanti   si   presentano   davanti   all'eucarestia   in   pace   con se   stessi   e   con   i   fratelli?   È   un   peccato   affermare   che   è   impossibile   essere   veri   cristiani,    il   Signore   non   ci   ha   dato una   legge   difettosa.   Se   diciamo   questo   allora   dobbiamo   avere   il   coraggio   di   non   entrare   in   chiesa   e   di   non   nutrirci   dei benefici   che   Dio   ci   dà.   Tutti   possiamo   amare   e   mettere   in   pratica   il   comandamento   di   Dio,   sono   le   cose   più   semplici   da realizzare.   Il   primo   prossimo   che   dobbiamo   amare   sono   le   persone   più   vicine,   a   partire   dal   nostro   coniuge.   Abbiamo   reso la   nostra   famiglia   un'oasi   di   pace   pur   essendo   perseguitati?   In   casa   dobbiamo   essere   credibili   come   cristiani.   Attiriamoci tutte   le   negatività:   le   ingiustizie   di   una   famiglia   si   devono   disintegrare   al   contatto   con   un   vero   cristiano,   devono   sparire. Oppure   affrontiamo   tutto   con   rabbia,   permalosità   e   pregiudizio?   Gli   apostoli   della   lieta   novella   parlano   solo   d'amore anche   con   il   cuore   ferito.    Non   dobbiamo   dispiacerci   se   non   siamo   capiti   e   non   ci   considerano,   il   nostro   amore vale   di   più   perché   messo   alla   prova.   Sfruttiamo   appieno   le   dure   prove   della   nostra   vita,   accettiamo   quei   momenti anche   se   non   ci   fanno   fare   salti   di   gioia.   Sulle   nostre   croci   c'è   il   nostro   orgoglio,   quando   siamo   pungolati   diventiamo anche   cattivi.   Il   nostro   malumore,   la   nostra   critica   e   la   nostra   sofferenza   derivano   dal   non   aver   saputo   fare   la   nostra parte   nella   fase   evolutiva   della   nostra   esistenza,   abbiamo   sempre   cercato   la   parte   più   conveniente   e   facile.   Poi   la   vita   ci presenta il conto. Uno che non è felice è perché non ha fatto niente di buono, vive solo di rimorsi.   IL BATTESIMO NON E' UN RITO Ci   rendiamo   conto   cosa   vuol   dire   essere   battezzati?   È   come   ricevere   un   diploma   di   altissimo   livello   senza   aver   fatto   una scuola   o   un   salario   prima   di   aver   lavorato.   Se   l'abbiamo   ricevuto   in   un'età   non   consapevole,   non   significa   che   non   ci riguarda.   Dobbiamo   quindi   ritrovare   quel   filo   conduttore   che   ci   porta   a   Dio.   Conosciamo   le   verità   principali   della   nostra fede?   Ci   acculturiamo   di   quello   che   il   Signore   ha   voluto   darci?   In   realtà   stiamo   togliendo   il   sapore   e   il   carisma   a   una benedizione   completa   di   tutte   le   potenze   per   uscire   vincitori   da   ogni   prova   della   vita.   Certo   l'infido   fa   di   tutto   per   toglierci la   grazia   del   battesimo   e   ci   riesce   in   una   percentuale   altissima.   Perché   dopo   aver   ricevuto   la   cresima   non   vediamo   l'ora di   liberarci   di   tutte   le   cose   di   Dio?   La   felicità   dell'uomo   non   aumenta   in   base   alla   ricchezza,   perché   poi   alle   prime difficoltà   si   rivolge   a   persone   che   lo   rendono   dipendente   da   esse.   Dov'è   l'equilibrio,   la   ragione,   la   capacità   che   Dio   ha dato   a   ognuno   di   noi?      Da   dove   viene   questa   insicurezza   e   rassegnazione   che   ci   fa   vedere   solo   i   mali   del   mondo? Abbiamo      tanto   sbagliato   quando   abbiamo   voluto   fare   di   testa   nostra,   diamo   retta   all'ultimo   arrivato   ma   non   a   Dio   che   ci indica   la   via   giusta   scritta   sulla   Bibbia.   Come   possiamo   sostituire   una   rivelazione   privata   con   un   salmo?   Pur   valida   che sia   non   avrà   mai   la   grazia   e   la   sapienza   della   parola   di   Dio.   Dobbiamo   riscoprire   i   benefici   e   le   protezioni   che   solo   il battesimo ci dà, perché tanto potenziale non l'abbiamo saputo usare.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Come vogliamo vivere la libertà?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Se   noi   cristiani   non   ci   confrontiamo   con   la   parola di   Dio   perdiamo   la   nostra   caratteristica   principale basata      sull'umiltà.   La   conosciamo?   Come   si   può essere   umili   criticando   il   mondo   intero?   Nessun strumento   del   Signore   ha   portato   scompensi   o polemiche   al   Papa.   Addirittura   un'oasi   di   pace come     può     essere     un     luogo     di     presunte apparizioni   è   diventato   un   problema   di   disordine e     di     confusione.     È     corretto     questo?     Non sappiamo    gestire    la    nostra    vita    e    vogliamo consigliare   il   Papa   e   i   vescovi   come   se   fossero   per   far   andare   male   la   Chiesa.   Questo   disordine proviene   da   persone   che   pregano   molto…   Meglio un   ateo   che   un   cristiano   ipocrita!      La   Madonna non   può   essere   contenta   di   questa   situazione, non    ha    bisogno    di    noi    per    essere    approvata. Amiamo   la   mia   Chiesa   fino   al   punto   di   difenderla e   non   di   criticarla?   I   suoi   difetti   sono   umani,   ma essa   è   santa   e   pura   da   sempre,   non   ha   sbagliato Dio.   Sapendo   i   problemi   che   ci   sono   nel   mondo, incominciamo    a    usare    la    nostra    autorità    per rendere   più   serena   la   nostra   famiglia.   Scrive   san Paolo   (Gal.   5,13-14):   "Voi   infatti,   fratelli,   siete stati   chiamati   a   libertà.   Purché   questa   libertà   non divenga   un   pretesto   per   vivere   secondo   la   carne, ma   mediante   la   carità   siate   a   servizio   gli   uni degli   altri.   Tutta   la   legge,   infatti,   trova   la   sua pienezza   in   un   solo   precetto:   amerai   il   prossimo tuo   come   te   stesso".    Noi   viviamo   solamente per   i   nostri   interessi,   per   la   carne   che   è   la ragione     dell'uomo,     se     vivessimo     per     lo spirito      non      saremmo      così      arrabbiati, ricevere   un'ingiustizia   sarebbe   il   regalo   più bello.   Avremmo   meno   contrasti   in   famiglia,   con il   confinante,   con   l’ambiente   di   lavoro,   con   la Chiesa.   Siamo   portatori   di   amore,   gioia,   pace, pazienza,   benevolenza,   bontà,   fedeltà,   mitezza   e dominio     di     sé?     Senza     queste     qualità     non proponiamoci,      altrimenti      lo      faremmo      nel peggiore   dei   modi.   C'è   chi   accetta   serenamente le   avversità   senza   lamentarsi   o   covare   vendetta e   c'è   chi   invece   è   l'esatto   contrario.   Quanti   si presentano   davanti   all'eucarestia   in   pace   con   se stessi   e   con   i   fratelli?   È   un   peccato   affermare che    è    impossibile    essere    veri    cristiani,     il Signore   non   ci   ha   dato   una   legge   difettosa.   Se diciamo   questo   allora   dobbiamo   avere   il   coraggio di   non   entrare   in   chiesa   e   di   non   nutrirci   dei benefici   che   Dio   ci   dà.   Tutti   possiamo   amare   e mettere   in   pratica   il   comandamento   di   Dio,   sono le    cose    più    semplici    da    realizzare.    Il    primo prossimo   che   dobbiamo   amare   sono   le   persone più   vicine,   a   partire   dal   nostro   coniuge.   Abbiamo reso    la    nostra    famiglia    un'oasi    di    pace    pur essendo   perseguitati?   In   casa   dobbiamo   essere credibili     come     cristiani.     Attiriamoci     tutte     le negatività:   le   ingiustizie   di   una   famiglia   si   devono disintegrare   al   contatto   con   un   vero   cristiano, devono    sparire.    Oppure    affrontiamo    tutto    con rabbia,    permalosità    e    pregiudizio?    Gli    apostoli della   lieta   novella   parlano   solo   d'amore   anche con   il   cuore   ferito.    Non   dobbiamo   dispiacerci se   non   siamo   capiti   e   non   ci   considerano,   il nostro   amore   vale   di   più   perché   messo   alla prova.   Sfruttiamo   appieno   le   dure   prove   della nostra   vita,   accettiamo   quei   momenti   anche   se non   ci   fanno   fare   salti   di   gioia.   Sulle   nostre   croci c'è   il   nostro   orgoglio,   quando   siamo   pungolati diventiamo   anche   cattivi.   Il   nostro   malumore,   la nostra   critica   e   la   nostra   sofferenza   derivano   dal non   aver   saputo   fare   la   nostra   parte   nella   fase evolutiva   della   nostra   esistenza,   abbiamo   sempre cercato   la   parte   più   conveniente   e   facile.   Poi   la vita   ci   presenta   il   conto.   Uno   che   non   è   felice   è perché   non   ha   fatto   niente   di   buono,   vive   solo   di rimorsi.   IL BATTESIMO NON E' UN RITO Ci     rendiamo     conto     cosa     vuol     dire     essere battezzati?    È    come    ricevere    un    diploma    di altissimo   livello   senza   aver   fatto   una   scuola   o   un salario    prima    di    aver    lavorato.    Se    l'abbiamo ricevuto   in   un'età   non   consapevole,   non   significa che   non   ci   riguarda.   Dobbiamo   quindi   ritrovare quel     filo     conduttore     che     ci     porta     a     Dio. Conosciamo   le   verità   principali   della   nostra   fede? Ci   acculturiamo   di   quello   che   il   Signore   ha   voluto darci?   In   realtà   stiamo   togliendo   il   sapore   e   il carisma   a   una   benedizione   completa   di   tutte   le potenze   per   uscire   vincitori   da   ogni   prova   della vita.    Certo    l'infido    fa    di    tutto    per    toglierci    la grazia     del     battesimo     e     ci     riesce     in     una percentuale   altissima.   Perché   dopo   aver   ricevuto la   cresima   non   vediamo   l'ora   di   liberarci   di   tutte le   cose   di   Dio?   La   felicità   dell'uomo   non   aumenta in    base    alla    ricchezza,    perché    poi    alle    prime difficoltà    si    rivolge    a    persone    che    lo    rendono dipendente   da   esse.   Dov'è   l'equilibrio,   la   ragione, la   capacità   che   Dio   ha   dato   a   ognuno   di   noi?      Da dove   viene   questa   insicurezza   e   rassegnazione che   ci   fa   vedere   solo   i   mali   del   mondo?   Abbiamo     tanto   sbagliato   quando   abbiamo   voluto   fare   di testa   nostra,   diamo   retta   all'ultimo   arrivato   ma non   a   Dio   che   ci   indica   la   via   giusta   scritta   sulla Bibbia.   Come   possiamo   sostituire   una   rivelazione privata   con   un   salmo?   Pur   valida   che   sia   non avrà   mai   la   grazia   e   la   sapienza   della   parola   di Dio.   Dobbiamo   riscoprire   i   benefici   e   le   protezioni che    solo    il    battesimo    ci    dà,    perché    tanto potenziale non l'abbiamo saputo usare.   Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile