Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Sarebbe   bello   per   noi   imparare   a   comportarci   come   per   voler   sorprendere   Maria   Santissima,   in   silenzio,   per   consolarla   di tutte   le   ingiustizie   che   ancor   oggi   riceve,   per   l’orgoglio,   per   la   permalosità,   per   il   carattere,   specialmente   da   chi   crede   di fare   le   cose   giuste.   Questo   non   avviene   perché   noi   non   ci   siamo   resi   conto   di   una   cosa   molto   profonda:   che   dimostriamo al   Signore   la   nostra   ingratitudine   ricevendolo.   Noi   pensiamo   che   ricevere   il   Signore   sia      la   dimostrazione   che   gli   vogliamo bene,   ma   ciò   non   è   assolutamente   vero,   perché      quella   presenza   in   noi   è   insignificante,   non   ci   emoziona,   non   ci   rende responsabili.   Invece   ci   emozionerebbe   di   più   ricevere   a   casa   nostra   il   Papa,   il   presidente   dell'America   o   George   Clooney (per   chi   ama   la   mondanità).   Prepareremmo   la   casa   nel   migliore   dei   modi,   la   imbiancheremmo,   laveremmo   le   tende,      e riferiremmo   a   tutto   il   vicinato   della   visita   di   quel   protagonista   pubblico.      Saremmo   così   orgogliosi   e   ci   sentiremmo   così gratificati      da   provare   una   gioia   ed   un'emozione   incredibile,   da   farci   perdere   la   testa,   al   punto   che   se   ricevessimo   un torto   in   quel   momento,   non   ce   ne   renderemmo   neanche   conto.   Eppure   questa   felicità   non   la   dimostriamo   nel   ricevere   il Signore.   E   allora   a   cosa   vale   tutto   il   nostro   correre   a   destra   e   a   sinistra,      se   in   realtà   ci   interessano   di   più   le   cose   nulle, anche   se   sono   le   più   grandi   a   livello   terreno,   di   un   Dio   che   è   risorto   per   noi?   Vale   così   poco   il   Signore   per   noi,   che   ci sentiremmo   più   emozionati   a   vincere   €   1.000   al   super   enalotto,   che   a   ricevere   il   Re   dei   re.   Che   importanza   ha   il   Signore per   noi,   se   in   realtà   lo   riceviamo   in   un   modo   insignificante,   senza   nessuna   gioia   particolare,   se   non   quella   mentale,   che   è una   gioia   diversa   da   quella   del   cuore.   Non   dobbiamo   emozionarci   come   dei   fanatici,   psicologicamente,   perché quello   non   è   vero   amore,   ma   deve   essere   un'emozione   che   nasce   dentro   senza   che   ce   ne   accorgiamo,    man mano   che   ci   avviciniamo   alla   Chiesa   e   a   ricevere   l'eucaristia,   il   Re   dei   re,   il   nostro   Creatore.   Ricevere   il   Signore   è   come ingoiare   una   lampadina   accesa,   che   si   accende   dentro   facendoci   vedere   tutte   le   nostre   ossa:   diventiamo   trasparenti, come   se   avessimo   fatto   una   radiografia,   tanto   è   la   luce   che   entra   dentro   di   noi.   È   l'energia   quotidiana   per   noi.   Invece   noi che   siamo   strumenti   scelti   da   Dio      per   rappresentarlo,   quando   riceviamo   l’eucaristia   non   proviamo   alcuna   emozione, siamo      abulici,      come   se   il   Signore   quasi   quasi   dovesse   inchinarsi   davanti   a   noi.   E’   come      se   ricevessimo   una   cosa   inutile, fine   a   se   stessa,   pensando   di   aver   fatto   il   nostro   dovere,      mentre   è   il   sangue   e   il   corpo   di   nostro   Signore   Gesù,   che dovrebbe   portare   il   nostro   cuore   a   scoppiare   di   gioia.   Se   diciamo   il   contrario   è   solo   perché   vogliamo   recitare,   essere   dei mistici,   perché   se   fosse   vero   che   l'eucaristia   ci   riempie   il   cuore   di   gioia,   appena   fuori   di   Chiesa   non   disperderemmo   tanta grazia   al   primo   problema   che   incontriamo.   Sapremmo   perdonare,   accettare   ingiustizie,   dimostrare   amore   verso   il prossimo.   E   invece   al   primo   ostacolo   ci   siamo   già   dimenticati   della   gioia   che   il   Signore   ci      potrebbe   dare   e   ci   lasciamo trasportare   dalla   reazione   del   problema   che   ci   troviamo   davanti…   Subito   c'è   una   reazione   diversa.   Pensate   che   bello mantenere   la   gioia   dopo   aver   ricevuto   il   Re   dei   re   anche   davanti   alla   più   pessima   azione   dell'uomo!   La   nostra   vita   non sarebbe   influenzata   dagli   altri,   ma   saremmo   in   grado   di   trasmettere   la   gioia   e   la   serenità,   come   faceva   Gesù,   senza proferir   parola   e      nonostante   gli   scogli   che   ci   si   mettono   davanti.      Se   noi   fossimo   consapevoli   di   questo   mistero,   ci sentiremmo   dentro   una   forza   per   accettare   tutte   le   ingiustizie   ed   amare   di   più.      E   invece,   quando   vediamo   qualcuno   che ha      un   problema,   abbiamo   un'espressione   di   compatimento,   che   è   la   cosa   peggiore   si   possa   fare.   Compatiamo….   Noi   non amiamo   perchè   sentiamo   Gesù   come   una   presenza   insignificante,   e   per   questo   motivo   impediamo   al   Signore   di   donarci quelle   grazie   che   potrebbe   dare   ad   ognuno   di   noi.Cerchiamo   di   capire   perché   non   sentiamo   quel   privilegio   di   chi   andiamo a   ricevere,   quell'emozione   che   i   santi   percepivano,   ma   che   nascondevano   perché   non   si   sentivano   degni   di   ricevere   tanta grazia:   chi   più   capisce   questa   situazione,   più   si   annulla.   Se   non   impariamo   a   dare   le   giuste   posizioni   e   il   giusto   rispetto   a chi   dobbiamo,   diventiamo   noi   quelli   che   non   sanno   testimoniare   la   verità,   a   scapito   della   vita   degli   altri.   Meglio   essere sinceri   davanti   al   Signore   e   dire:   “vorrei,   ma   non   riesco   ad   emozionarmi   nel   riceverti,   non   mi   batte   forte   il   cuore....”.   Sentiamoci   miserabili   e   indegni,   non   che   dobbiamo   pensare   di   essere   riveriti   dagli   altri   solo   perché   andiamo   a   messa tutti   i   giorni.....   Dimostriamo   le   cose   più   importanti,   quelle   basilari,   mentre   le   nostre   emozioni   e   le   nostre   esperienze extra   sensoriali   teniamocele   per   noi,   come   ci   ha   insegnato   Maria   Santissima,   che   pur   essendo   piena   di   grazia   non   è andata   in   giro   a   raccontarlo   a   tutti,   si   è   racchiusa   nel   silenzio....   Bastano   due   parole   per   spiegare   le   cose   di   Dio,   non   ore e   ore   di   discorsi   che   sono   dispersivi   e   non   servono   a   niente.Dimostriamo   come   cristiani   che   al   di   sopra   di   tutto   c'è   Dio, che   è   secondario   appartenere   a   un   gruppo   di   preghiera   piuttosto   che   a   un   altro,   e   che      la   nostra   gioia   non   dipende   dal nostro umore, da come ci alziamo al mattino, altrimenti portiamo ovunque i nostri difetti.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
E' irriverente ricevere il Signore in modo insignificante
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Sarebbe    bello    per    noi    imparare    a    comportarci come   per   voler   sorprendere   Maria   Santissima,   in silenzio,   per   consolarla   di   tutte   le   ingiustizie   che ancor     oggi     riceve,     per     l’orgoglio,     per     la permalosità,   per   il   carattere,   specialmente   da   chi crede   di   fare   le   cose   giuste.   Questo   non   avviene perché   noi   non   ci   siamo   resi   conto   di   una   cosa molto   profonda:   che   dimostriamo   al   Signore   la nostra    ingratitudine    ricevendolo.    Noi    pensiamo che   ricevere   il   Signore   sia      la   dimostrazione   che gli   vogliamo   bene,   ma   ciò   non   è   assolutamente vero,     perché          quella     presenza     in     noi     è insignificante,    non    ci    emoziona,    non    ci    rende responsabili.    Invece    ci    emozionerebbe    di    più ricevere    a    casa    nostra    il    Papa,    il    presidente dell'America   o   George   Clooney   (per   chi   ama   la mondanità).   Prepareremmo   la   casa   nel   migliore dei    modi,    la    imbiancheremmo,    laveremmo    le tende,      e   riferiremmo   a   tutto   il   vicinato   della visita   di   quel   protagonista   pubblico.      Saremmo così   orgogliosi   e   ci   sentiremmo   così   gratificati      da provare   una   gioia   ed   un'emozione   incredibile,   da farci     perdere     la     testa,     al     punto     che     se ricevessimo   un   torto   in   quel   momento,   non   ce   ne renderemmo     neanche     conto.     Eppure     questa felicità     non     la     dimostriamo     nel     ricevere     il Signore.    E    allora    a    cosa    vale    tutto    il    nostro correre   a   destra   e   a   sinistra,      se   in   realtà   ci interessano   di   più   le   cose   nulle,   anche   se   sono   le più    grandi    a    livello    terreno,    di    un    Dio    che    è risorto   per   noi?   Vale   così   poco   il   Signore   per   noi, che   ci   sentiremmo   più   emozionati   a   vincere   1.000   al   super   enalotto,   che   a   ricevere   il   Re   dei re.   Che   importanza   ha   il   Signore   per   noi,   se   in realtà    lo    riceviamo    in    un    modo    insignificante, senza   nessuna   gioia   particolare,   se   non   quella mentale,   che   è   una   gioia   diversa   da   quella   del cuore.   Non   dobbiamo   emozionarci   come   dei fanatici,    psicologicamente,    perché    quello non     è     vero     amore,     ma     deve     essere un'emozione   che   nasce   dentro   senza   che   ce ne   accorgiamo,    man   mano   che   ci   avviciniamo alla   Chiesa   e   a   ricevere   l'eucaristia,   il   Re   dei   re,   il nostro    Creatore.    Ricevere    il    Signore    è    come ingoiare   una   lampadina   accesa,   che   si   accende dentro    facendoci    vedere    tutte    le    nostre    ossa: diventiamo   trasparenti,   come   se   avessimo   fatto una   radiografia,   tanto   è   la   luce   che   entra   dentro di   noi.   È   l'energia   quotidiana   per   noi.   Invece   noi che     siamo     strumenti     scelti     da     Dio          per rappresentarlo,   quando   riceviamo   l’eucaristia   non proviamo   alcuna   emozione,   siamo      abulici,      come se    il    Signore    quasi    quasi    dovesse    inchinarsi davanti   a   noi.   E’   come      se   ricevessimo   una   cosa inutile,   fine   a   se   stessa,   pensando   di   aver   fatto   il nostro   dovere,      mentre   è   il   sangue   e   il   corpo   di nostro    Signore    Gesù,    che    dovrebbe    portare    il nostro   cuore   a   scoppiare   di   gioia.   Se   diciamo   il contrario   è   solo   perché   vogliamo   recitare,   essere dei   mistici,   perché   se   fosse   vero   che   l'eucaristia ci   riempie   il   cuore   di   gioia,   appena   fuori   di   Chiesa non     disperderemmo     tanta     grazia     al     primo problema        che        incontriamo.        Sapremmo perdonare,     accettare     ingiustizie,     dimostrare amore    verso    il    prossimo.    E    invece    al    primo ostacolo   ci   siamo   già   dimenticati   della   gioia   che   il Signore     ci          potrebbe     dare     e     ci     lasciamo trasportare   dalla   reazione   del   problema   che   ci troviamo     davanti…     Subito     c'è     una     reazione diversa.    Pensate    che    bello    mantenere    la    gioia dopo   aver   ricevuto   il   Re   dei   re   anche   davanti   alla più   pessima   azione   dell'uomo!   La   nostra   vita   non sarebbe   influenzata   dagli   altri,   ma   saremmo   in grado   di   trasmettere   la   gioia   e   la   serenità,   come faceva   Gesù,   senza   proferir   parola   e      nonostante gli    scogli    che    ci    si    mettono    davanti.        Se    noi fossimo     consapevoli     di     questo     mistero,     ci sentiremmo   dentro   una   forza   per   accettare   tutte le   ingiustizie   ed   amare   di   più.      E   invece,   quando vediamo   qualcuno   che   ha      un   problema,   abbiamo un'espressione   di   compatimento,   che   è   la   cosa peggiore   si   possa   fare.   Compatiamo….   Noi   non amiamo     perchè     sentiamo     Gesù     come     una presenza    insignificante,    e    per    questo    motivo impediamo   al   Signore   di   donarci   quelle   grazie che   potrebbe   dare   ad   ognuno   di   noi.Cerchiamo   di capire   perché   non   sentiamo   quel   privilegio   di   chi andiamo   a   ricevere,   quell'emozione   che   i   santi percepivano,   ma   che   nascondevano   perché   non si   sentivano   degni   di   ricevere   tanta   grazia:   chi più   capisce   questa   situazione,   più   si   annulla.   Se non   impariamo   a   dare   le   giuste   posizioni   e   il giusto   rispetto   a   chi   dobbiamo,   diventiamo   noi quelli   che   non   sanno   testimoniare   la   verità,   a scapito   della   vita   degli   altri.   Meglio   essere   sinceri davanti   al   Signore   e   dire:   “vorrei,   ma   non   riesco ad   emozionarmi   nel   riceverti,   non   mi   batte   forte il   cuore....”.    Sentiamoci   miserabili   e   indegni,   non che   dobbiamo   pensare   di   essere   riveriti   dagli   altri solo   perché   andiamo   a   messa   tutti   i   giorni..... Dimostriamo     le     cose     più     importanti,     quelle basilari,   mentre   le   nostre   emozioni   e   le   nostre esperienze   extra   sensoriali   teniamocele   per   noi, come   ci   ha   insegnato   Maria   Santissima,   che   pur essendo   piena   di   grazia   non   è   andata   in   giro   a raccontarlo   a   tutti,   si   è   racchiusa   nel   silenzio.... Bastano   due   parole   per   spiegare   le   cose   di   Dio, non   ore   e   ore   di   discorsi   che   sono   dispersivi   e non   servono   a   niente.Dimostriamo   come   cristiani che   al   di   sopra   di   tutto   c'è   Dio,   che   è   secondario appartenere   a   un   gruppo   di   preghiera   piuttosto che   a   un   altro,   e   che      la   nostra   gioia   non   dipende dal   nostro   umore,   da   come   ci   alziamo   al   mattino, altrimenti portiamo ovunque i nostri difetti. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                  E’ irriverente ricevere il Signore                   in modo insignificante
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile