Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Guardando   alla   realtà   che   abbiamo   sotto   gli   occhi,   non   dobbiamo   soffermarci   a   cercare   di   capire   il   motivo   di   tanti   disastri e   di   tanta   confusione,   non   ne   troveremo   una   risposta.   Il   perché   è   uno   solo:   il   comportamento   dell'uomo.   Tutto   quello che   critichiamo   ha   una   natura   umana.    Ma   noi   che   ci   professiamo   cristiani,   in   che   misura   crediamo   in   Dio?   Il   Signore ha   dato   nelle   nostre   mani   una   ricchezza   inestimabile   che   dimostriamo   perlopiù   di   non   saper   gestire,   non   ci   ha penalizzato   come   tanti   pensano,   creandoci.   Quante   ricchezze   ci   sono   nel   sottosuolo?   Basterebbe   un   grande   rubino per   sfamare   una   nazione   intera.   Invece   di   ringraziare   il   Signore   per   avercele   date   gratuitamente,   le   abbiamo utilizzate   per   creare   armi,   per   seminare   terrore   e   morte,   per   arricchire   potenti   e   dittatori.   Se   le   avessimo   divise   tra   tutti gli   uomini,   il   nostro   pianeta   sarebbe   un   paradiso   terrestre.   Nel   mondo   c'è   di   tutto   tranne   l'amore:   i   tradimenti,   le distruzioni,   i   massacri.   C’è   un   amore   convenzionale   che   ci   giustifica,   ma   non   quello   di   desiderare   veramente   il   bene dell'altro.   Nessuna   parola   scritta   sulla   Bibbia   è   esente   dal   passaggio   della   nostra   vita:   in   tutte   le   città   del   mondo   non   c’è una   Sodoma   e   Gomorra   che   si   ripete?   Non   c'è   forse   uno   stesso   stile   di   vita,   la   stessa   profanazione,   gli   stessi   peccati? Perché   pensiamo   di   non   essere   a   contatto   con   questa   realtà?   Come   allora,   poche   persone   giuste   e   coerenti   con   la   parola del   Signore,   potrebbero   cambiare   la   sorte   di   queste   città   ed   annullare   tanto   male   sulla   terra.   Essere   cristiani   vuol   dire avere   in   mano   la   vittoria   certa,   perché   colui   che   ci   ha   scelti   e   salvati,   ha   fatto   segni   e   prodigi   come   nessun'altra   nazione ha   visto.   Il   potenziale   che   contiene   la   nostra   fede   potrebbe   fornirci   l’antidoto   per   ogni   problema   della   nostra   vita, potremmo   essere   inondati   di   tanta   grazia   spirituale   per   fare   piazza   pulita   del   male   in   ogni   posto   dove   andremo.   Invece non   c'è   traccia   di   questo   bene,   non   siamo   all'altezza   del   nostro   compito   anche   se   preghiamo;   vogliamo   usare   la   nostra logica   e   diffondere   ciò   che   Gesù   non   ha   rivelato.   Con   le   critiche   e   i   giudizi   non   si   difende   il   bene,   non   lo   si   fa trionfare,   ma   si   dà   energia   al   male,   alla   parte   predominante   di   sé   stessi.   Siamo   veramente   coerenti   alla   realtà   e alla   responsabilità   che   Dio   ci   ha   affidato?   Siamo   i   beneficiari   di   una   ricchezza   stratosferica   che   non   ci   rendiamo   conto   di avere,   eppure   noi   cristiani,   a   forza   di   ragionare,   abbiamo   decristianizzato   perfino   la   legge   di   Cristo.   Come   si   può   dire   che crediamo   veramente   in   Dio   se   manchiamo   di   carità   al   primo   che   ci   fa   uno   sgarbo?   La   carità   non   serve   quando   tutto   va bene,   ma   quando   siamo   davanti   alla   prova,   alle   persone   che   ci   urtano   lo   stomaco   e   non   riusciamo   ad   accettare.   Di   quale dio   parliamo   in   pubblico,   se   il   nostro   Dio   ci   raccomanda   principalmente   la   carità,   l'umiltà   e   l'amore?   Non   ha   bisogno   di essere   difeso   a   denti   stretti,   con   veemenza,   come   tanti   di   noi   fanno,   quasi   fossero   offesi   dagli   errori   degli   altri.   I   peccati offendono   solamente   l'animo   della   persona   interessata,   invece   noi   ci   scandalizziamo,   manchiamo   di   carità   e di   amore.   Il   diavolo   ci   mette   davanti   queste   persone,   così   ci   ribelliamo   nell’intimo   e   cadiamo   nel   suo   tranello.   Perché facciamo   l'esatto   contrario   di   quello   che   dobbiamo   fare?   Davanti   alle   persone   fragili   dovremmo   dimostrare   tanto   amore, tanta   compassione,   tanta   carità.   Quando   invece   le   persone   che   vanno   in   chiesa   trasmettono   durezza,   fanno   la   cosa peggiore   che   potrebbero   fare;   sarebbe   meglio   per   loro   che   non   entrassero   nella   casa   del   Signore,   quantomeno   non recherebbero   danno   alla   sua   immagine.   A   cosa   serve   leggere   la   parola   del   Signore   se   non   siamo   equilibrati?   L’abbiamo decristianizzata.   Se   così   non   fosse   non   vivremmo   questa   desolazione,   non   vedremmo   gli   orrori   che   l'uomo   commette; anzi   gli   orrori   più   grandi   sono   quelli   che   non   si   vedono   e   non   si   dicono,   la   mancanza   di   amore,   i   pregiudizi,   le   gelosie,   le invidie,   la   cattiveria.   Quello   che   ha   nel   cuore   l'uomo   è   ancora   peggio   di   quello   che   fuoriesce,   ma   non   lo   realizza completamente   perché   intervengono   la   Madonna   e   gli   angeli   in   nostro   favore.   Non   dobbiamo   essere   caritatevoli   solo   se ci   conviene,   perché   questa   è   avarizia.    Abbiamo   mai   confessato   che   pecchiamo   di   avarizia      nell’amore?   E’ disubbidire   al   comandamento   di   Gesù.   Dobbiamo   essere   severi   con   noi   stessi   e   chiederci:    "Quella   volta   che   ho   avuto   uno scontro   con   quella   persona,   Dio   che   cosa   avrà   detto   di   me?" .   Sappiamo   solo   criticare   il   nostro   fratello   e   il   mondo   intero; basta   che   uno   non   si   comporti   bene   e   subito   rimane   in   noi   una   rabbia   che   ci   impedisce   di   vedere   con   obiettività   le meraviglie   che   ci   stanno   davanti.   Così   profaniamo   il   Creatore.   Chi   di   noi   riesce   ad   accettare   la   propria   condizione   di   servo di   Dio,   amando   e   accettando   ogni   ingiustizia?   L'azione   dell'infido   è   talmente   sottile   che   ci   fa   vedere   le   persone   con   un certo   sospetto.   Se   facciamo   ragionamenti   santi   il   diavolo   scappa,   si   altera,   va   in   crisi,   mentre   quando   spettegoliamo   gli apriamo   la   porta.   Aprire   la   porta   a   Dio   vuol   dire   parlare   solamente   bene,   non   accusare,   non   denunciare   e   se   a   volte agganciammo   quel   tipo   di   discorso   è   un   errore:   prima   di   tutto   perché   non   cambiamo   la   situazione,   poi   peggioriamo   la nostra   perché   il   nemico   fa   di   noi   quello   che   vuole.   Invece   di   difendere   la   parola   di   Dio,   la   diffamiamo.   Maria   Santissima non   ci   ha   insegnato   il   silenzio   e   la   preghiera?   Cerchiamo   di   non   inventarci   un   Dio   di   comodità,   che   deve   intervenire   per cambiare   chi   ci   ha   offeso;   è   un   modo   indiretto   di   chiedere   vendetta   a   nome   nostro.   Magari   è   più   autentico   un   burbero, uno   che   ci   spiattella   le   cose   in   faccia   e   ci   diventa   antipatico.   E’   quello   che   hanno   fatto   i   profeti   come   Giovanni   Battista. Non dobbiamo avere paura a cambiare vita. Potremmo pentirci di non averlo scoperto prima.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La perfetta letizia
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Guardando    alla    realtà    che    abbiamo    sotto    gli occhi,    non    dobbiamo    soffermarci    a    cercare    di capire    il    motivo    di    tanti    disastri    e    di    tanta confusione,   non   ne   troveremo   una   risposta.   Il perché   è   uno   solo:   il   comportamento   dell'uomo. Tutto   quello   che   critichiamo   ha   una   natura umana.    Ma   noi   che   ci   professiamo   cristiani,   in che   misura   crediamo   in   Dio?   Il   Signore   ha   dato nelle   nostre   mani   una   ricchezza   inestimabile   che dimostriamo   perlopiù   di   non   saper   gestire,   non   ci ha   penalizzato   come   tanti   pensano,   creandoci. Quante     ricchezze     ci     sono     nel     sottosuolo? Basterebbe   un   grande   rubino   per   sfamare una    nazione    intera.    Invece    di    ringraziare    il Signore    per    avercele    date    gratuitamente,    le abbiamo   utilizzate   per   creare   armi,   per   seminare terrore   e   morte,   per   arricchire   potenti   e   dittatori. Se    le    avessimo    divise    tra    tutti    gli    uomini,    il nostro   pianeta   sarebbe   un   paradiso   terrestre.   Nel mondo   c'è   di   tutto   tranne   l'amore:   i   tradimenti, le     distruzioni,     i     massacri.     C’è     un     amore convenzionale   che   ci   giustifica,   ma   non   quello   di desiderare   veramente   il   bene   dell'altro.   Nessuna parola   scritta   sulla   Bibbia   è   esente   dal   passaggio della   nostra   vita:   in   tutte   le   città   del   mondo   non c’è   una   Sodoma   e   Gomorra   che   si   ripete?   Non   c'è forse     uno     stesso     stile     di     vita,     la     stessa profanazione,   gli   stessi   peccati?   Perché   pensiamo di    non    essere    a    contatto    con    questa    realtà? Come   allora,   poche   persone   giuste   e   coerenti   con la    parola    del    Signore,    potrebbero    cambiare    la sorte    di    queste    città    ed    annullare    tanto    male sulla    terra.    Essere    cristiani    vuol    dire    avere    in mano   la   vittoria   certa,   perché   colui   che   ci   ha scelti   e   salvati,   ha   fatto   segni   e   prodigi   come nessun'altra   nazione   ha   visto.   Il   potenziale   che contiene     la     nostra     fede     potrebbe     fornirci l’antidoto   per   ogni   problema   della   nostra   vita, potremmo     essere     inondati     di     tanta     grazia spirituale   per   fare   piazza   pulita   del   male   in   ogni posto   dove   andremo.   Invece   non   c'è   traccia   di questo    bene,    non    siamo    all'altezza    del    nostro compito   anche   se   preghiamo;   vogliamo   usare   la nostra   logica   e   diffondere   ciò   che   Gesù   non   ha rivelato.    Con    le    critiche    e    i    giudizi    non    si difende   il   bene,   non   lo   si   fa   trionfare,   ma   si dà   energia   al   male,   alla   parte   predominante di    sé    stessi.    Siamo    veramente    coerenti    alla realtà   e   alla   responsabilità   che   Dio   ci   ha   affidato? Siamo   i   beneficiari   di   una   ricchezza   stratosferica che   non   ci   rendiamo   conto   di   avere,   eppure   noi cristiani,      a      forza      di      ragionare,      abbiamo decristianizzato   perfino   la   legge   di   Cristo.   Come si   può   dire   che   crediamo   veramente   in   Dio   se manchiamo    di    carità    al    primo    che    ci    fa    uno sgarbo?    La    carità    non    serve    quando    tutto    va bene,   ma   quando   siamo   davanti   alla   prova,   alle persone     che     ci     urtano     lo     stomaco     e     non riusciamo   ad   accettare.   Di   quale   dio   parliamo   in pubblico,     se     il     nostro     Dio     ci     raccomanda principalmente   la   carità,   l'umiltà   e   l'amore?   Non ha   bisogno   di   essere   difeso   a   denti   stretti,   con veemenza,   come   tanti   di   noi   fanno,   quasi   fossero offesi     dagli     errori     degli     altri.     I     peccati offendono   solamente   l'animo   della   persona interessata,    invece    noi    ci    scandalizziamo, manchiamo   di   carità   e   di   amore.   Il   diavolo   ci mette   davanti   queste   persone,   così   ci   ribelliamo nell’intimo    e    cadiamo    nel    suo    tranello.    Perché facciamo     l'esatto     contrario     di     quello     che dobbiamo    fare?    Davanti    alle    persone    fragili dovremmo     dimostrare     tanto     amore,     tanta compassione,    tanta    carità.    Quando    invece    le persone     che     vanno     in     chiesa     trasmettono durezza,   fanno   la   cosa   peggiore   che   potrebbero fare;   sarebbe   meglio   per   loro   che   non   entrassero nella     casa     del     Signore,     quantomeno     non recherebbero   danno   alla   sua   immagine.   A   cosa serve   leggere   la   parola   del   Signore   se   non   siamo equilibrati?    L’abbiamo    decristianizzata.    Se    così non   fosse   non   vivremmo   questa   desolazione,   non vedremmo   gli   orrori   che   l'uomo   commette;   anzi gli   orrori   più   grandi   sono   quelli   che   non   si   vedono e    non    si    dicono,    la    mancanza    di    amore,    i pregiudizi,    le    gelosie,    le    invidie,    la    cattiveria. Quello   che   ha   nel   cuore   l'uomo   è   ancora   peggio di    quello    che    fuoriesce,    ma    non    lo    realizza completamente   perché   intervengono   la   Madonna e    gli    angeli    in    nostro    favore.    Non    dobbiamo essere   caritatevoli   solo   se   ci   conviene,   perché questa    è    avarizia.     Abbiamo    mai    confessato che   pecchiamo   di   avarizia      nell’amore?   E’ disubbidire   al   comandamento   di   Gesù.   Dobbiamo essere   severi   con   noi   stessi   e   chiederci:    "Quella volta    che    ho    avuto    uno    scontro    con    quella persona,    Dio    che    cosa    avrà    detto    di    me?" . Sappiamo    solo    criticare    il    nostro    fratello    e    il mondo   intero;   basta   che   uno   non   si   comporti bene   e   subito   rimane   in   noi   una   rabbia   che   ci impedisce   di   vedere   con   obiettività   le   meraviglie che     ci     stanno     davanti.     Così     profaniamo     il Creatore.   Chi   di   noi   riesce   ad   accettare   la   propria condizione   di   servo   di   Dio,   amando   e   accettando ogni   ingiustizia?   L'azione   dell'infido   è   talmente sottile   che   ci   fa   vedere   le   persone   con   un   certo sospetto.    Se    facciamo    ragionamenti    santi    il diavolo    scappa,    si    altera,    va    in    crisi,    mentre quando    spettegoliamo    gli    apriamo    la    porta. Aprire   la   porta   a   Dio   vuol   dire   parlare   solamente bene,   non   accusare,   non   denunciare   e   se   a   volte agganciammo   quel   tipo   di   discorso   è   un   errore: prima     di     tutto     perché     non     cambiamo     la situazione,   poi   peggioriamo   la   nostra   perché   il nemico    fa    di    noi    quello    che    vuole.    Invece    di difendere   la   parola   di   Dio,   la   diffamiamo.   Maria Santissima   non   ci   ha   insegnato   il   silenzio   e   la preghiera?   Cerchiamo   di   non   inventarci   un   Dio   di comodità,   che   deve   intervenire   per   cambiare   chi ci   ha   offeso;   è   un   modo   indiretto   di   chiedere vendetta   a   nome   nostro.   Magari   è   più   autentico un   burbero,   uno   che   ci   spiattella   le   cose   in   faccia e   ci   diventa   antipatico.   E’   quello   che   hanno   fatto   i profeti   come   Giovanni   Battista.   Non   dobbiamo avere   paura   a   cambiare   vita.   Potremmo   pentirci di non averlo scoperto prima.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                              La perfetta letizia
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile