Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Il   progetto   che   Dio   ha   su   di   noi   è   infinito,   non   è   uno   schema   come   l'abbiamo   racchiuso   noi,   è   vivo.   Perfino   la   morte   è viva   e   noi      non   ce   ne   rendiamo   conto,   viviamo   solamente   per   le   cose   terrene.   Anche   quello   che   vogliamo   offrire   al Signore   sono   tutti      problemi   terreni   che   in   realtà   non   esistono,   svaniscono   nel   nulla,   come   è   avvenuto   per   miliardi   di persone   che   ci   hanno   preceduto.      Non   avrà   perso   la   pazienza   il   Signore?   Siamo   sinceri:   quando   noi   chiediamo, dimostriamo   di   interessarci   alle   cose   di   Dio   o   alle      cose   umane?   Facciamo   parte   di   un   progetto   infinito,   ma   non   siamo intelligenti   perché   non   l’abbiamo   capito.   Chi   di   noi   accetta   la      croce   per   il   bene   del   mistero?   Dovremmo   tenercela   stretta per   il   domani:   mettiamo   al   sicuro   i   nostri   risparmi   nella   banca   del   cielo,      non   solo   in   quella   della   terra.   È   l'uomo   che   crea i   problemi   e   pensa   di   fare   il   proprio   dovere   solo   perché   frequenta   la   Chiesa.   Che      cosa   abbiamo   portato   a   casa   dopo tante   messe?   Niente,   il   giorno   dopo   nemmeno   ci   ricordiamo   del   Vangelo.   Se   Dio   fa   nascere      tralci   vivi   da   un   legno secco   (dal   tronco   di   Iesse…),   noi   che   siamo   vivi   facciamo   nascere   tralci   secchi.   Così   la   fede   invece   che      aumentare, diminuisce.   Preghiamo   per   un   motivo   esteriore,   ma   interiormente   non   possiamo   dimostrare   qualcosa   di   più   al      Signore? Siamo   disponibili   a   immolarci   nel   suo   nome,   ad   accettare   le   ingiustizie   con   coraggio?   Non   ci   verrà   chiesto   quante   volte     saremo   andati   a   messa,   ma   se   avremo   testimoniato   la   parola   di   Dio.   Dovremmo   scioglierci   e   lievitare   davanti   al   sacrificio di   Cristo      che   si   rinnova   sull’altare,   invece   rimaniamo   impassibili   come   legni   secchi,   non   ci   emozioniamo   più.   Di   fronte all'immagine   di   un      uomo   che   non   ha   più   neanche   un   lembo   di   carne,   pensiamo   solo   a   criticare   e   condannare.   C’è   stato qualcosa   di   impressionante      che   ci   ha   illuso   in   un   modo   molto   pericoloso,   facendoci   richiudere   nel   rituale   e accaparrandosi    la    parte    più    importante,    la        nostra    collaborazione.     Perché    ci    siamo    chiusi    a    riccio    nella disponibilità   fraterna   e   vediamo   solo   le   cose   che   portano   vantaggio   a      noi.   Se   torniamo   a   casa   senza   amare   è   come   non aver   ricevuto   Gesù,   non   dimostriamo   nessun   effetto,   invece   quando   amiamo      otteniamo   il   massimo   dei   risultati,   è   lì   che il   Signore   interviene.   Lui   non   vuole   essere   ricevuto   da   noi   in   continuazione   se   non      abbiamo   un   beneficio,   ce   l'ha   detto   in tanti   modi   ( non   chi   dice   Signore…   Signore…,   i   sepolcri   imbiancati,   la   pagliuzza   e   la   trave,   i      farisei…) .   L a   Santa   messa va   vissuta,    non   serve   a   niente   consumare   i   marmi   delle   chiese   per   poi   portare   in   tribunale   nostro      fratello.   Come cristiani   battezzati   parliamo   in   nome   di   Dio   ogni   attimo   della   nostra   vita   e   se   lo   facciamo   invano   disobbediamo   al     2°comandamento.   Non   conformiamoci   alla   mentalità   dell'uomo,   ma   alla   volontà   di   Dio.   Perché   nei   nostri   discorsi si   antepone      sempre   la   nostra   ragione?   Non   dimostriamo   a   Gesù   l'amicizia   che   Lui   ha   dimostrato   a   noi,   nè   gli   siamo riconoscenti   per   averci      dato   tutto   e   fatti   partecipi   dell'infinito.   Abbiamo   mai   pensato   agli   insulti,   alle   profanazioni   e   alle dimostrazioni   di   disinteresse   che      ha   ricevuto?   Dovremmo   essere   felici   della   nostra   condizione   ed   esprimere   gioia   da   tutti i   pori,   invece   siamo   tutti   arrabbiati,   delusi,      tristi   e   lamentosi.   Se   la   nostra   fede   invece   di   aumentare,   diminuisce,   vuol dire   che   non   siamo   all'altezza   della   situazione   e   che   le      nostre   messe   non   sono   servite   a   niente.   Amiamo   i   nostri   cari come   vanno   amati?   Non   identifichiamo   negli   altri   i   peccatori,      guardiamo   a   noi   stessi.   E’   una   grande   profanazione rimanere   indifferenti   davanti   al   sacrificio   che   si   rinnova,   alla   visione   crudele      del   Giusto   che   viene   flagellato.   Sarebbe meglio   stare   fuori   dalla   chiesa,   perché   vedere   un   pezzo   di   legno   secco   che   cammina   è      ridicolo.   La   vera   verità   ci penalizza,   va   contro   di   noi.   Non   scandalizziamoci   degli   errori   degli   altri,   ma   dispiacciamoci.   Davanti   alle      offese   non dobbiamo   condannare,   perché   così   dimostriamo   di   non   avere   amore:   siamo   vivi   con   un   cuore   che   pulsa,   non   morti   e     secchi,   abbiamo   il   contatto   con   la   realtà.   E   se   la   Madonna,   invece   di   “pregate,   pregate,   pregate”    ci   dicesse:   "ma   che barba   queste      preghiere   vuote   che   non   hanno   nessun   significato"…    Quanti   rosari   sono   stati   detti?   Fossero   tutti utili   il   mondo   sarebbe      diverso.   Cosa   va   in   chiesa   a   fare   la   gente,   se   vi   sono   dimostrazioni   più   coerenti   nelle   persone atee?   È   il   rituale   che   noi   andiamo      a   cercare,   la   sceneggiata   esterna.    La   casa   del   Signore   merita   più   rispetto,   non dobbiamo   usarla   per   nascondere   le   nostre      magagne.   Viviamo   la   messa   con   un   cuore   aperto   e   dispiaciuto,   potremmo provare una grande gioia perché il Signore ci fa  sciogliere e crescere.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il pezzo di legno secco
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Il   progetto   che   Dio   ha   su   di   noi   è   infinito,   non   è uno    schema    come    l'abbiamo    racchiuso    noi,    è vivo.   Perfino   la   morte   è   viva   e   noi      non   ce   ne rendiamo   conto,   viviamo   solamente   per   le   cose terrene.    Anche    quello    che    vogliamo    offrire    al Signore   sono   tutti      problemi   terreni   che   in   realtà non    esistono,    svaniscono    nel    nulla,    come    è avvenuto   per   miliardi   di   persone   che   ci   hanno preceduto.        Non    avrà    perso    la    pazienza    il Signore?   Siamo   sinceri:   quando   noi   chiediamo, dimostriamo   di   interessarci   alle   cose   di   Dio   o   alle     cose    umane?    Facciamo    parte    di    un    progetto infinito,    ma    non    siamo    intelligenti    perché    non l’abbiamo   capito.   Chi   di   noi   accetta   la      croce   per il   bene   del   mistero?   Dovremmo   tenercela   stretta per    il    domani:    mettiamo    al    sicuro    i    nostri risparmi   nella   banca   del   cielo,      non   solo   in   quella della   terra.   È   l'uomo   che   crea   i   problemi   e   pensa di   fare   il   proprio   dovere   solo   perché   frequenta   la Chiesa.   Che      cosa   abbiamo   portato   a   casa dopo    tante    messe?    Niente,    il    giorno    dopo nemmeno   ci   ricordiamo   del   Vangelo.   Se   Dio   fa nascere      tralci   vivi   da   un   legno   secco   (dal   tronco di   Iesse…),   noi   che   siamo   vivi   facciamo   nascere tralci   secchi.   Così   la   fede   invece   che      aumentare, diminuisce.   Preghiamo   per   un   motivo   esteriore, ma     interiormente     non     possiamo     dimostrare qualcosa   di   più   al      Signore?   Siamo   disponibili   a immolarci     nel     suo     nome,     ad     accettare     le ingiustizie    con    coraggio?    Non    ci    verrà    chiesto quante   volte      saremo   andati   a   messa,   ma   se avremo   testimoniato   la   parola   di   Dio.   Dovremmo scioglierci   e   lievitare   davanti   al   sacrificio   di   Cristo     che    si    rinnova    sull’altare,    invece    rimaniamo impassibili      come      legni      secchi,      non      ci emozioniamo   più.   Di   fronte   all'immagine   di   un     uomo   che   non   ha   più   neanche   un   lembo   di   carne, pensiamo    solo    a    criticare    e    condannare.    C’è stato   qualcosa   di   impressionante      che   ci   ha illuso      in      un      modo      molto      pericoloso, facendoci       richiudere       nel       rituale       e accaparrandosi   la   parte   più   importante,   la     nostra   collaborazione.    Perché   ci   siamo   chiusi   a riccio   nella   disponibilità   fraterna   e   vediamo   solo le    cose    che    portano    vantaggio    a        noi.    Se torniamo   a   casa   senza   amare   è   come   non   aver ricevuto   Gesù,   non   dimostriamo   nessun   effetto, invece   quando   amiamo      otteniamo   il   massimo dei   risultati,   è   lì   che   il   Signore   interviene.   Lui   non vuole   essere   ricevuto   da   noi   in   continuazione   se non      abbiamo   un   beneficio,   ce   l'ha   detto   in   tanti modi   ( non   chi   dice   Signore…   Signore…,   i   sepolcri imbiancati,   la   pagliuzza   e   la   trave,   i      farisei…) .   L a Santa   messa   va   vissuta,    non   serve   a   niente consumare   i   marmi   delle   chiese   per   poi   portare in    tribunale    nostro        fratello.    Come    cristiani battezzati   parliamo   in   nome   di   Dio   ogni   attimo della    nostra    vita    e    se    lo    facciamo    invano disobbediamo      al            2°comandamento.      Non conformiamoci   alla   mentalità   dell'uomo,   ma alla   volontà   di   Dio.   Perché   nei   nostri   discorsi   si antepone        sempre    la    nostra    ragione?    Non dimostriamo     a     Gesù     l'amicizia     che     Lui     ha dimostrato   a   noi,   nè   gli   siamo   riconoscenti   per averci      dato   tutto   e   fatti   partecipi   dell'infinito. Abbiamo      mai      pensato      agli      insulti,      alle profanazioni   e   alle   dimostrazioni   di   disinteresse che      ha   ricevuto?   Dovremmo   essere   felici   della nostra   condizione   ed   esprimere   gioia   da   tutti   i pori,   invece   siamo   tutti   arrabbiati,   delusi,      tristi   e lamentosi.     Se     la     nostra     fede     invece     di aumentare,   diminuisce,   vuol   dire   che   non   siamo all'altezza   della   situazione   e   che   le      nostre   messe non   sono   servite   a   niente.   Amiamo   i   nostri   cari come   vanno   amati?   Non   identifichiamo   negli   altri i    peccatori,        guardiamo    a    noi    stessi.    E’    una grande      profanazione      rimanere      indifferenti davanti   al   sacrificio   che   si   rinnova,   alla   visione crudele      del   Giusto   che   viene   flagellato.   Sarebbe meglio   stare   fuori   dalla   chiesa,   perché   vedere   un pezzo   di   legno   secco   che   cammina   è      ridicolo.   La vera   verità   ci   penalizza,   va   contro   di   noi.   Non scandalizziamoci    degli    errori    degli    altri,    ma dispiacciamoci.     Davanti     alle          offese     non dobbiamo   condannare,   perché   così   dimostriamo di   non   avere   amore:   siamo   vivi   con   un   cuore   che pulsa,   non   morti   e      secchi,   abbiamo   il   contatto con    la    realtà.    E    se    la    Madonna,    invece    di “pregate,   pregate,   pregate”    ci   dicesse:   "ma   che barba    queste        preghiere    vuote    che    non hanno    nessun    significato"…     Quanti    rosari sono    stati    detti?    Fossero    tutti    utili    il    mondo sarebbe      diverso.   Cosa   va   in   chiesa   a   fare   la gente,   se   vi   sono   dimostrazioni   più   coerenti   nelle persone   atee?   È   il   rituale   che   noi   andiamo      a cercare,   la   sceneggiata   esterna.    La   casa   del Signore   merita   più   rispetto,   non   dobbiamo   usarla per   nascondere   le   nostre      magagne.   Viviamo   la messa     con     un     cuore     aperto     e     dispiaciuto, potremmo    provare    una    grande    gioia    perché    il Signore ci fa  sciogliere e crescere.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile