Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Sul   monte   Misma,   dove   si   libera   la   mente   e   sembra   che   i   problemi   non   esistano,   la   Madonna   ci   ha   insegnato   che   bisogna     avere   le   caratteristiche   dell'abbandono   e   del   silenzio   per   lasciar   parlare   lo   Spirito   Santo,   anche   se   è   invisibile   e   non   ci     coinvolge.   Invece   noi   ci   lasciamo   affascinare   di   più   dall’uomo   perché   lo   vediamo   e   lo   sentiamo,   ma   non   riesce   a     trasmetterci   quello   che   può   fare   lo   Spirito   Santo.   Gli   stessi   apostoli   hanno   fatto   il   salto   di   qualità   non   nei   tre   anni   vissuti     con   Gesù,   ma   nella   Pentecoste.   Potenzialmente   siamo   tutti   stati   creati   per   la   santità,   ma   ognuno   di   noi   ha   bisogno   di   un     intervento   e   di   un   consiglio   diverso   perché   ha   una   vita   e   una   sensibilità   diversa;   dove   una   persona   è   debole,   l'altra   è forte.      Pur   essendo   simili   come   conformazione   umana,   siamo   uno   diverso   dall'altro.   Perché   vogliamo   limitare   la   libertà che   ci   ha      dato   il   Signore   dicendo   agli   altri:   "Fai   questo,   fai   quello"?    Ci   possono   essere   dei   consigli,   dei   limiti,   ma   anche   il rispetto      della   libertà   umana,   dei   carismi   e   dei   talenti   che   inconsapevolmente   ciascuno   di   noi   porta   in   dote.   L'unica   cosa che   ci   deve      rendere   uniti   è   l'obiettivo   verso   il   Signore   e   la   salvezza,   ma   li   possiamo   raggiungere   in   un   modo   diverso. Perché   ci   vogliamo      condizionare,   recitando   una   parte   che   non   è   nostra?   Perché   non   abbiamo   capito   cosa   significa pregare   insieme,   in      comunità?   Non   vuol   dire   darci   delle   regole   dove   tutti   dobbiamo   sottostare   nella   stessa   misura; magari   uno   quella   regola   già      la   mette   in   pratica   in   una   misura   perfetta,   l'altro   invece   è   molto   lontano   dal   metterla   in pratica.   Non   significa   dare   i      tempi,   dire   quanto   le   persone   devono   pregare   in   un   giorno,   quante   volte   devono andare   a   messa   o   a      confessarsi.    Questa   deve   essere   una   libertà   di   sentire   e   di   vivere   quell'avvenimento,   non   un obbligo   a   partecipare,      altrimenti   non   rimane   niente   perché   uno   ci   va   per   obbligo.   Il   Signore   non   viene   a   dirci   quanto sale   dobbiamo   mettere   nella      minestra,   quello   dipende   da   come   vogliamo   gestire   la   materia,   ma   nelle   cose   spirituali, che   sono   un   mistero   per   tutti,      dobbiamo   fermare   la   ragione   e   con   incoscienza   abbandonarci   totalmente   a Dio.    Dopo   aver   visto   la   colomba   bianca,      per   tre   mesi   e   mezzo   Roberto   contava   le   Avemaria   con   le   dita   perché   si vergognava   di   pregare   con   la   corona   in   mano;   poi      Maria   Santissima   gli   disse:   "E’   ora   che   anche   tu   sgrani   la   corona   del Santo   Rosario”.    Non   gli   ha   dato   una   misura   o   un   peso;      sta   a   noi   capire   che   la   preghiera   non   è   un   fatto   solamente   orale, ma   un   desiderio   interiore.   Quando   il   cuore   ci   esplode      d'amore   recitando   un’Avemaria,   è   come   se   avessimo   detto   100 rosari.   La   cosa   più   bella   è   provare   la   gioia   che   il   Signore      vuole   farci   avere   nel   cuore,   perché   solo   un   cuore   gioioso   può farci   accettare   le   ingiustizie.   Quando   siamo   felici,   sorridiamo      anche   a   chi   ci   offende,   mentre   quando   siamo   arrabbiati, basta   che   uno   ci   sfiori   con   un   dito   che   subito   esplodiamo” .   Avere      la   gioia   nel   cuore   è   un   modo   meraviglioso   di   vivere,   si vuole   donarla   a   tutti,   non   si   vuole   contestare   o   criticare.   Anche   se      uno   sta   commettendo   uno   sbaglio,   glielo   diciamo   con un   amore   così   grande   che   lo   facciamo   sciogliere   e   lo   convinciamo.      Invece   dicendo   con   rabbia   di   rispettare   la   legge   di Dio,   come   se   il   Signore   preparasse   chissà   quale   castigo,   veniamo      completamente   rifiutati   da   chi   ci   ascolta.   C'è   modo   e modo   di   parlare   di   Dio,   ma   solo   con   la   gioia   nel   cuore      trasmettiamo   l'amore   che   è   Dio.    Senza   rendercene   conto potremmo   essere   quella   schiera   preparata   dalla   Madonna   per      far   trionfare   nel   mondo   il   suo   cuore   immacolato,   perché con   una   semplice   dimostrazione,   il   Signore   aumenterà   a   dismisura      i   nostri   meriti   e   colmerà   le   tante   lacune   che   ci   sono nel    mondo,    intervenendo    dove    c'è    solo    disperazione,    tradimenti,    omicidi        e    dolore.    Potremmo    essere    come    una lampadina   che   si   accende   all'improvviso   nel   buio   e   riempie   di   luce   tanto   spazio,      diffondendo   anche   il   calore,   la   gioia,   la tranquillità   e   la   serenità.   Noi   siamo   molto   dubbiosi   e   insicuri   perché   a   livello      spirituale,   camminiamo   nel   buio;   non abbiamo   nessuna   certezza   e   ci   facciamo   delle   illusioni   quando   incontriamo   certe      persone,   poi   ricadiamo   nel   buio. Davanti   a   una   lampadina   accesa   invece   ci   muoviamo   con   sicurezza,   non   abbiamo   più      dubbi.   Dio   è   luce,   la   ragione dell'uomo   è   tenebra   che   ci   porta   sempre   di   più   a   vivere   in   un   buio   totale   e   tremendo.   Se   il      Signore,   come   in   un documentario,   ci   facesse   vedere   che   in   realtà   noi   siamo   6   miliardi   di   lampadine,   quante   ne   sarebbero      accese?   Quanto buio   c'è   nel   mondo   che   bisogna   riempire   di   luce?      La   Madonna   vuole   che   diventiamo   degli   alunni   perfetti      meritevoli   della borsa   di   studio,   piena   di   stelle   brillanti   e   di   grazie   una   più   bella   dell'altra,   che   possiamo   vivere   a   vantaggio      del   nostro fratello.   Molti   sono   chiamati   ma   pochi   gli   eletti,   perché   tanti   ragionano   troppo   con   la   propria   mente   e   non   hanno     dimostrato   di   sapersi   abbandonare   e   credere   in   Dio.    Chi   si   affida   alla   carne   avrà   la   risposta   della   carne   che   lo porta  alla disperazione, mentre chi si affida allo spirito avrà la gioia.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Affidarsi a Dio o all'uomo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Sul    monte    Misma,    dove    si    libera    la    mente    e sembra   che   i   problemi   non   esistano,   la   Madonna ci     ha     insegnato     che     bisogna          avere     le caratteristiche   dell'abbandono   e   del   silenzio   per lasciar    parlare    lo    Spirito    Santo,    anche    se    è invisibile    e    non    ci        coinvolge.    Invece    noi    ci lasciamo   affascinare   di   più   dall’uomo   perché   lo vediamo    e    lo    sentiamo,    ma    non    riesce    a      trasmetterci   quello   che   può   fare   lo   Spirito   Santo. Gli   stessi   apostoli   hanno   fatto   il   salto   di   qualità non   nei   tre   anni   vissuti      con   Gesù,   ma   nella Pentecoste.     Potenzialmente     siamo     tutti     stati creati    per    la    santità,    ma    ognuno    di    noi    ha bisogno    di    un        intervento    e    di    un    consiglio diverso    perché    ha    una    vita    e    una    sensibilità diversa;    dove    una    persona    è    debole,    l'altra    è forte.      Pur   essendo   simili   come   conformazione umana,    siamo    uno    diverso    dall'altro.    Perché vogliamo   limitare   la   libertà   che   ci   ha      dato   il Signore    dicendo    agli    altri:    "Fai    questo,    fai quello"?    Ci   possono   essere   dei   consigli,   dei   limiti, ma   anche   il   rispetto      della   libertà   umana,   dei carismi    e    dei    talenti    che    inconsapevolmente ciascuno   di   noi   porta   in   dote.   L'unica   cosa   che   ci deve      rendere   uniti   è   l'obiettivo   verso   il   Signore   e la   salvezza,   ma   li   possiamo   raggiungere   in   un modo   diverso.   Perché   ci   vogliamo      condizionare, recitando   una   parte   che   non   è   nostra?   Perché non     abbiamo     capito     cosa     significa     pregare insieme,   in      comunità?   Non   vuol   dire   darci   delle regole    dove    tutti    dobbiamo    sottostare    nella stessa   misura;   magari   uno   quella   regola   già      la mette   in   pratica   in   una   misura   perfetta,   l'altro invece   è   molto   lontano   dal   metterla   in   pratica. Non   significa   dare   i      tempi,   dire   quanto   le persone     devono     pregare     in     un     giorno, quante   volte   devono   andare   a   messa   o   a     confessarsi.    Questa   deve   essere   una   libertà   di sentire    e    di    vivere    quell'avvenimento,    non    un obbligo    a    partecipare,        altrimenti    non    rimane niente   perché   uno   ci   va   per   obbligo.   Il   Signore non   viene   a   dirci   quanto   sale   dobbiamo   mettere nella          minestra,     quello     dipende     da     come vogliamo    gestire    la    materia,    ma    nelle    cose spirituali,    che    sono    un    mistero    per    tutti,      dobbiamo      fermare      la      ragione      e      con incoscienza   abbandonarci   totalmente   a   Dio.   Dopo   aver   visto   la   colomba   bianca,      per   tre   mesi e   mezzo   Roberto   contava   le   Avemaria   con   le   dita perché   si   vergognava   di   pregare   con   la   corona   in mano;   poi      Maria   Santissima   gli   disse:   "E’   ora che   anche   tu   sgrani   la   corona   del   Santo   Rosario”.   Non   gli   ha   dato   una   misura   o   un   peso;      sta   a   noi capire   che   la   preghiera   non   è   un   fatto   solamente orale,   ma   un   desiderio   interiore.   Quando   il   cuore ci    esplode        d'amore    recitando    un’Avemaria,    è come   se   avessimo   detto   100   rosari.   La   cosa   più bella   è   provare   la   gioia   che   il   Signore      vuole   farci avere   nel   cuore,   perché   solo   un   cuore   gioioso può   farci   accettare   le   ingiustizie.   Quando   siamo felici,   sorridiamo      anche   a   chi   ci   offende,   mentre quando   siamo   arrabbiati,   basta   che   uno   ci   sfiori con   un   dito   che   subito   esplodiamo” .   Avere      la gioia   nel   cuore   è   un   modo   meraviglioso   di   vivere, si   vuole   donarla   a   tutti,   non   si   vuole   contestare   o criticare.   Anche   se      uno   sta   commettendo   uno sbaglio,   glielo   diciamo   con   un   amore   così   grande che    lo    facciamo    sciogliere    e    lo    convinciamo.      Invece   dicendo   con   rabbia   di   rispettare   la   legge di    Dio,    come    se    il    Signore    preparasse    chissà quale   castigo,   veniamo      completamente   rifiutati da   chi   ci   ascolta.   C'è   modo   e   modo   di   parlare di    Dio,    ma    solo    con    la    gioia    nel    cuore      trasmettiamo     l'amore     che     è     Dio.      Senza rendercene     conto     potremmo     essere     quella schiera     preparata     dalla     Madonna     per          far trionfare    nel    mondo    il    suo    cuore    immacolato, perché     con     una     semplice     dimostrazione,     il Signore   aumenterà   a   dismisura      i   nostri   meriti   e colmerà   le   tante   lacune   che   ci   sono   nel   mondo, intervenendo      dove      c'è      solo      disperazione, tradimenti,   omicidi      e   dolore.   Potremmo   essere come      una      lampadina      che      si      accende all'improvviso   nel   buio   e   riempie   di   luce   tanto spazio,      diffondendo   anche   il   calore,   la   gioia,   la tranquillità    e    la    serenità.    Noi    siamo    molto dubbiosi   e   insicuri   perché   a   livello      spirituale, camminiamo    nel    buio;    non    abbiamo    nessuna certezza    e    ci    facciamo    delle    illusioni    quando incontriamo    certe        persone,    poi    ricadiamo    nel buio.   Davanti   a   una   lampadina   accesa   invece   ci muoviamo     con     sicurezza,     non     abbiamo     più       dubbi.    Dio    è    luce,    la    ragione    dell'uomo    è tenebra   che   ci   porta   sempre   di   più   a   vivere   in un   buio   totale   e   tremendo.   Se   il      Signore,   come in    un    documentario,    ci    facesse    vedere    che    in realtà   noi   siamo   6   miliardi   di   lampadine,   quante ne    sarebbero        accese?    Quanto    buio    c'è    nel mondo    che    bisogna    riempire    di    luce?        La Madonna    vuole    che    diventiamo    degli    alunni perfetti      meritevoli   della   borsa   di   studio,   piena   di stelle   brillanti   e   di   grazie   una   più   bella   dell'altra, che    possiamo    vivere    a    vantaggio        del    nostro fratello.   Molti   sono   chiamati   ma   pochi   gli   eletti, perché    tanti    ragionano    troppo    con    la    propria mente    e    non    hanno        dimostrato    di    sapersi abbandonare   e   credere   in   Dio.    Chi   si   affida   alla carne    avrà    la    risposta    della    carne    che    lo porta      alla   disperazione,   mentre   chi   si   affida allo spirito avrà la gioia.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile