Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Il   progetto   aiuto   dei   cristiani   è   universale,   riguarda   tutti   i   cristiani   non   solo   i   cattolici.   Siamo   più   utili   al   Signore   quando     ascoltiamo   la   sua   parola,   non   quando   parliamo   a   vanvera   tra   di   noi.   Maria   Santissima   ci   vuole   così   come   siamo,   uniti,     desiderosi   di   ascoltare,   perché   non   sappiamo   quale   risultato   meraviglioso   ed   esplosivo   può   fuoriuscire   da   un   gruppo   che     non   si   sottomette   ai   richiami   del   mondo.   Davanti   alle   statue   della   Madonna   o   del   Signore,   confidiamo   le   nostre   situazioni e      facciamo   grandi   proponimenti;   ma   le   statue   sono   mute,   non   assecondano   i   nostri   pensieri.   Se   in   quel   momento   la Madonna      ci   rispondesse,   prima   di   tutto   non   confermerebbe   le   nostre   ragioni,   ma,   come   è   accaduto   a   Roberto,   ci direbbe:   “Tu   ama”.       La   nostra   esperienza   al   monte   Misma   non   va   contro   il   mondo,   ma   contro   la   nostra   logica.   Quando cerchiamo   di   contrastare      le   abitudini   del   mondo,   da   un   credito   ne   fuoriesce   un   debito,   perché   invece   di   creare   giustizia, con   le   nostre   risposte      creiamo   zizzania,   veniamo   risucchiati   nel   marasma   generale.   Il   Signore   non   vuole   che   abbiamo   a sperimentare   questa      esperienza.   Se   fossimo   coerenti   e   solidali   con   Lui,   capiremmo   che   non   è   sceso   sulla   Terra   per emozionarci   o   per      commuoverci   davanti   ai   canti   natalizi.   Senza   la   sua   presenza   non   eravamo   più   recuperabili, avremmo    continuato    a        vivere    purtroppo    come    i    farisei.     Quando    avremo    raggiunto    la    giusta    maturazione, piangeremo   di   gioia   e   ci      meraviglieremo   di   non   aver   capito   prima   come   andava   accolto   Gesù,   che   l'esaltazione   non   fa parte   del   Suo   programma,      non   misura   la   fede.   Nessuno   sa   quanti   segni   e   rivelazioni   ha   avuto   la   Madonna,   eppure abbiamo   visto   la   sua   integrità   e   il      suo   equilibrio;   non   si   è   lasciata   prendere   dall’enfasi,   anzi,   più   entrava   nell'esperienza stupenda   del   progetto   di   cui   faceva      parte   e   più   si   è   umiliata.   Maria   Santissima   non   ci   ha   detto   che   quello   che   facciamo   è sbagliato,   però   c'è   un   margine   di      miglioramento   immenso;   la   fede   non   ha   un   traguardo,   è   l'unica   scuola   che   non   ci   compiti,   non   ci   fa   impegnare      mentalmente,   ma   desidera   un   comportamento   semplice,   di   abbandono.   Nell'Antico   e   nel Nuovo   Testamento   i   progetti   del      Signore   sono   avvenuti   non   per   le   pressioni   dell'uomo,   ma   da   azioni   che   lo   Spirito   Santo ha   fatto   su   alcune   persone,   nel      silenzio,   quando   queste   non   si   rendevano   conto.   Quello   che   viene   trascritto   dei   santi, non   rivela   il   loro   reale      comportamento.   I   santi   non   hanno   lasciato   traccia   di   cosa   facevano   durante   le   singole   ore   del giorno,   quindi   è   stata   dedotta      la   loro   vita,   ma   la   parte   più   dura,   cruenta,   drammatica   e   difficile,   non   la   conosce nessuno.   Non   è   così   romanzata      come   ci   viene   trasmessa   nei   film,   è   più   misera.   Tante   volte   i   santi   si   sono   nascosti   e chiusi   dentro   la   loro   anima,   perché   non      avevano   possibilità   di   sostegno,   capivano   che   dovevano   solamente   abbandonarsi a   Dio,   con   intelligenza   e   scaltrezza.   Per   gli      stessi   motivi   nessuno   può   conoscere   l'esatta   sofferenza   della   Madonna.   E’ venuto   Elia   e   non   l'hanno   riconosciuto,   è   venuto      il   Figlio   di   Dio   e   non   l’hanno   riconosciuto:   questo   accade   anche   oggi quando   non   rispettiamo   la   sua   parola      e   non   sappiamo      accettare   con   amore   le   ingiustizie.   Perché   l'esperienza   di   Roberto è   così   diversa   da   quella   di   altri   veggenti?   Perché   non   ha      onore   e   gloria?   Tutte   le   volte   che   è   intervenuto   il   Signore   non   è stato   riconosciuto,   hanno   avuto   più   risalto   iniziative   che      provenivano   da   personaggi   terreni,   che   da   uomini   scelti   da   Dio. L'arca   di   Noè   ne   è   un   esempio   lampante:   anche   qui   non      viene   riportato   in   che   misura   egli   abbia   accettato   gli   insulti mentre   costruiva   una   nave   su   una   montagna,   ma   sappiamo   che      è   stato   deriso.   Il   Signore   sconvolge   gli   equilibri,   chi avrebbe   detto   che   quell'arca   avrebbe   avuto   un   significato   nel      futuro?   E’   quello   che   stiamo   sperimentando   sul monte   Misma.   Nessuno   come   noi   è   stato   confuso   dalle   abitudini   del   mondo,      nessuna   generazione   come   la   nostra   è   stata provocata,   attaccata   e   plagiata   dalla   negatività.   Abbiamo   messo   al   primo   posto      il   progresso,   scalzando   Dio   e   le   verità rivelate   dai   nostri   Padri;   vorremmo   gestire   un   potere   che   non   ci   compete,   darci   pesi   e      sufficienze.   Oggi   ne   paghiamo   le conseguenze,   perché   è   scritto   che   quella   generazione   che   rifiuterà   Dio,   vedrà      devastazioni   e   tribolazioni   mai   viste   sulla Terra.   Nessun   uomo   può   paragonarsi   all'azione   dello   Spirito   Santo;   anche   se      abbiamo   qualche   conoscenza   in   più   degli altri,   non   abbiamo   il   diritto   di   intervenire,   di   dire   e   di   fare,   altrimenti   rischiamo      solo   di   dimostrare   il   nostro   amor   proprio. Lo   stile   mariano   non   è   rumoroso,   desidera   che   noi,   dietro   le   quinte,   senza      nessuna   gloria   e   riconoscenza,   riempiamo quella   moltitudine   di   cesti   vuoti,   affinché   la   Madonna   possa   soddisfare   le      richieste   di   tante   persone.   Dobbiamo   essere   i servi   della   Serva,   memori   che   neanche   Gesù   è   stato   accolto   dal   suo   popolo.      Come   è   avvenuto   per   i   santi,   per   gioire   in Cielo   dobbiamo   soffrire   sulla   Terra   e   andare   incontro   a   qualcosa   che   non   ci      aspettiamo.   Solo   dopo   il   giogo   diventa leggero.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La vita nascosta dei santi
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il    progetto    aiuto    dei    cristiani    è    universale, riguarda   tutti   i   cristiani   non   solo   i   cattolici.   Siamo più   utili   al   Signore   quando      ascoltiamo   la   sua parola,   non   quando   parliamo   a   vanvera   tra   di noi.   Maria   Santissima   ci   vuole   così   come   siamo, uniti,        desiderosi    di    ascoltare,    perché    non sappiamo      quale      risultato      meraviglioso      ed esplosivo   può   fuoriuscire   da   un   gruppo   che      non si   sottomette   ai   richiami   del   mondo.   Davanti   alle statue   della   Madonna   o   del   Signore,   confidiamo le     nostre     situazioni     e          facciamo     grandi proponimenti;    ma    le    statue    sono    mute,    non assecondano     i     nostri     pensieri.     Se     in     quel momento   la   Madonna      ci   rispondesse,   prima   di tutto   non   confermerebbe   le   nostre   ragioni,   ma, come    è    accaduto    a    Roberto,    ci    direbbe:    “Tu ama”.       La   nostra   esperienza   al   monte   Misma non   va   contro   il   mondo,   ma   contro   la   nostra logica.    Quando    cerchiamo    di    contrastare        le abitudini   del   mondo,   da   un   credito   ne   fuoriesce un   debito,   perché   invece   di   creare   giustizia,   con le    nostre    risposte        creiamo    zizzania,    veniamo risucchiati   nel   marasma   generale.   Il   Signore   non vuole     che     abbiamo     a     sperimentare     questa       esperienza.    Se    fossimo    coerenti    e    solidali    con Lui,   capiremmo   che   non   è   sceso   sulla   Terra   per emozionarci   o   per      commuoverci   davanti   ai   canti natalizi.   Senza   la   sua   presenza   non   eravamo più     recuperabili,     avremmo     continuato     a       vivere    purtroppo    come    i    farisei.     Quando avremo      raggiunto      la      giusta      maturazione, piangeremo   di   gioia   e   ci      meraviglieremo   di   non aver   capito   prima   come   andava   accolto   Gesù, che     l'esaltazione     non     fa     parte     del     Suo programma,      non   misura   la   fede.   Nessuno   sa quanti   segni   e   rivelazioni   ha   avuto   la   Madonna, eppure   abbiamo   visto   la   sua   integrità   e   il      suo equilibrio;   non   si   è   lasciata   prendere   dall’enfasi, anzi,    più    entrava    nell'esperienza    stupenda    del progetto   di   cui   faceva      parte   e   più   si   è   umiliata. Maria   Santissima   non   ci   ha   detto   che   quello   che facciamo    è    sbagliato,    però    c'è    un    margine    di      miglioramento    immenso;    la    fede    non    ha    un traguardo,   è   l'unica   scuola   che   non   ci   dà   compiti, non   ci   fa   impegnare      mentalmente,   ma   desidera un     comportamento     semplice,     di     abbandono. Nell'Antico   e   nel   Nuovo   Testamento   i   progetti   del     Signore    sono    avvenuti    non    per    le    pressioni dell'uomo,   ma   da   azioni   che   lo   Spirito   Santo   ha fatto   su   alcune   persone,   nel      silenzio,   quando queste   non   si   rendevano   conto.   Quello   che   viene trascritto    dei    santi,    non    rivela    il    loro    reale      comportamento.    I    santi    non    hanno    lasciato traccia   di   cosa   facevano   durante   le   singole   ore del   giorno,   quindi   è   stata   dedotta      la   loro   vita, ma   la   parte   più   dura,   cruenta,   drammatica   e difficile,   non   la   conosce   nessuno.   Non   è   così romanzata      come   ci   viene   trasmessa   nei   film,   è più   misera.   Tante   volte   i   santi   si   sono   nascosti   e chiusi   dentro   la   loro   anima,   perché   non      avevano possibilità   di   sostegno,   capivano   che   dovevano solamente   abbandonarsi   a   Dio,   con   intelligenza   e scaltrezza.   Per   gli      stessi   motivi   nessuno   può conoscere   l'esatta   sofferenza   della   Madonna.   E’ venuto   Elia   e   non   l'hanno   riconosciuto,   è   venuto     il   Figlio   di   Dio   e   non   l’hanno   riconosciuto:   questo accade   anche   oggi   quando   non   rispettiamo   la   sua parola      e   non   sappiamo      accettare   con   amore   le ingiustizie.   Perché   l'esperienza   di   Roberto   è   così diversa   da   quella   di   altri   veggenti?   Perché   non   ha     onore   e   gloria?   Tutte   le   volte   che   è   intervenuto   il Signore   non   è   stato   riconosciuto,   hanno   avuto più     risalto     iniziative     che          provenivano     da personaggi   terreni,   che   da   uomini   scelti   da   Dio. L'arca   di   Noè   ne   è   un   esempio   lampante:   anche qui   non      viene   riportato   in   che   misura   egli   abbia accettato   gli   insulti   mentre   costruiva   una   nave   su una   montagna,   ma   sappiamo   che      è   stato   deriso. Il     Signore     sconvolge     gli     equilibri,     chi avrebbe   detto   che   quell'arca   avrebbe   avuto un   significato   nel      futuro?   E’   quello   che   stiamo sperimentando   sul   monte   Misma.   Nessuno   come noi   è   stato   confuso   dalle   abitudini   del   mondo,     nessuna    generazione    come    la    nostra    è    stata provocata,   attaccata   e   plagiata   dalla   negatività. Abbiamo    messo    al    primo    posto        il    progresso, scalzando   Dio   e   le   verità   rivelate   dai   nostri   Padri; vorremmo   gestire   un   potere   che   non   ci   compete, darci   pesi   e      sufficienze.   Oggi   ne   paghiamo   le conseguenze,     perché     è     scritto     che     quella generazione   che   rifiuterà   Dio,   vedrà      devastazioni e   tribolazioni   mai   viste   sulla   Terra.   Nessun   uomo può    paragonarsi    all'azione    dello    Spirito    Santo; anche   se      abbiamo   qualche   conoscenza   in   più degli   altri,   non   abbiamo   il   diritto   di   intervenire,   di dire    e    di    fare,    altrimenti    rischiamo        solo    di dimostrare    il    nostro    amor    proprio.    Lo    stile mariano   non   è   rumoroso,   desidera   che   noi,   dietro le   quinte,   senza      nessuna   gloria   e   riconoscenza, riempiamo    quella    moltitudine    di    cesti    vuoti, affinché   la   Madonna   possa   soddisfare   le      richieste di   tante   persone.   Dobbiamo   essere   i   servi   della Serva,   memori   che   neanche   Gesù   è   stato   accolto dal   suo   popolo.      Come   è   avvenuto   per   i   santi,   per gioire   in   Cielo   dobbiamo   soffrire   sulla   Terra   e andare     incontro     a     qualcosa     che     non     ci       aspettiamo. Solo dopo il giogo diventa leggero.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile