Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Il   male   comune   che   dobbiamo   vincere   oggi   nel   mondo   è   la   malizia.   Una   persona   che   non   conosce   la   malizia,   un   bambino     innocente,   mai   malignerà   sul   comportamento   di   un   altro,   mentre   chi   conosce   la   malizia   è   malevolo   con   gli   altri,   perché ha      avuto   il   contatto   con   il   peccato,   magari   tanto   tempo   fa.   Siamo   maliziosi   perchè   abbiamo   “toccato   la   mela”    come   Eva,     purtroppo,   e   si   ripercuote   sul   nostro   cammino.   Il   peccato   ci   rende   disonesti,   ci   fa   malignare   su   tutte   le   opere   del   nostro     prossimo,   ci   fa   sparlare   gli   uni   verso   gli   altri.   Non   ci   perdoniamo   scambievolmente   perché   siamo   contagiati   da   quella     malizia   che   è   sorella   intima   e   gemella   della   malignità   del   demonio!   Se   fossimo   puri,   non   vedremmo   solo   i   punti   oscuri degli      altri,   ma   avremmo   fiducia   gli   uni   degli   altri.   Certo   qualche   buon   consiglio   ci   sta,   per   metterci   in   guardia   dai pericoli,   ma   è      mai   possibile   che   nel   mondo   tutti   ci   "fregano"    e   non   possiamo   fidarci   di   nessuno?   Ecco   svelato   l'inghippo, la   trama   malefica      che   impedisce   di   crescere,   di   diventare   servi   specializzati   del   Signore:   i   cristiani   si   annullano   a vicenda   perché   non      sono   benevoli   gli   uni   verso   gli   altri,   vedono   il   male   nel   prossimo   anche   quando   nessuno   vuole ingannarli.   C'è   ancora      spazio   per   migliorare,   per   apprendere,   per   interiorizzare.   Non   sentiamoci   al   sicuro   solo   perché preghiamo   e   andiamo   a      messa,   perché   abbiamo   tutti   dei   rami   con   la   malizia,   che   origina   in   modo   malevolo   e   maligno tutti   i   nostri   discorsi.   Pieni   di      questi   difetti,   come   possiamo   pretendere   la   grazia   che   il   Signore   vuole   concederci?   Se   non riusciamo   ad   essere   lo   Spirito      buono,   lavoriamo   per   lo   Spirito   cattivo,   non   c'è   un   compromesso   tra   di   loro!   Non   vengono da   Dio   malizia,   dubbio   e      malignità.   Anche   se   ci   dispiace,   questa   è   la   verità.   Scuotiamoci!   Diventiamo   irreprensibili   e benevoli   gli   uni   verso   gli   altri.      Combattiamo   la   nostra   vera   battaglia   che   è   quella   contro   noi   stessi,   le   nostre   abitudini,   le nostre   convinzioni;   il   mondo      lasciamolo   andare   come   va   che   non   lo   cambiamo   più.   Non   commentiamo   e   non   dubitiamo di   queste   confidenze,   che   sono      opera   di   Dio,   altrimenti   cominciamo   a   metterci   malizia,   poiché   nessuno   può   garantirci che non lo siano.    NON DIRE: RISPETTO A PRIMA SONO CRESCIUTO  Sentiamoci   coinvolti   in   queste   raccomandazioni,   perché   non   possiamo   quantificare   quanto   siamo   cresciuti:   devono essere      gli   altri   che   vedono   la   differenza   in   noi.   Quando   noi   diciamo:   “rispetto   a   prima   sono   cresciuto” ,   pecchiamo   di superbia,   non      sappiamo   se   invece   di   andare   avanti   siamo   tornati   indietro.   Mentalmente   saremo   andati   avanti,   ma davanti   agli   occhi   del      Signore   può   anche   non   essere   così.   Bisogna   vedere   il   nostro   cuore,   in   che   misura   è   aumentato   il desiderio   di   amare,   di      aprirsi,   di   essere   disponibile.   Mai   uno   deve   dire:   "Adesso   che   vado   in   chiesa,   sono   migliorato rispetto   a   prima   che   non      pregavo” :   è   una   dimostrazione   di   presunzione,   di   arroganza   e   di   superbia,   sentimenti   che   non vengono   da   Dio.   Siamo      autentici   quando   non   pensiamo   di   esserlo,   ecco   perché   i   santi   quando   dialogavano   con   qualcuno che   gli   diceva   che   avevano      fatto   un   salto   di   qualità,   rispondevano:   "Come,   io   che   sono   il   peccatore   più   incallito   che   c'è ?”.    I   santi,   che   erano   santi      veramente,   quando   venivano   riveriti   si   sentivano   i   più   grandi   peccatori,   e   noi   ci   sentiamo   i più   santi   quando   siamo   i   primi      peccatori?   Stiamo   molto   attenti,   perché   se   non   ci   servono   questi   passaggi   da   esempio, bisogna   veramente   ritornare   alle      origini   per   dare   valore   alle   nostre   preghiere.   Non   è   per   penalizzarci,   ma   non   dobbiamo avere   paura   della   verità.   Anche   San      Francesco   aveva   detto   a   Fra   Leone   di   dirgli   che   era   il   più   grande   peccatore   sulla terra.....   Uno   che   pensa   di   essere   santo      è   un   peccatore.   Chi   si   avvicina   alla   santità   si   sente   così   indegno   che non   ha   neanche   il   coraggio   di   dirlo.   Non      dobbiamo   recitare   una   parte   che   non   è   nostra,   ma   capire   se   siamo   rivestiti in    un    modo    giusto,    di    umiltà,    carità,        mansuetudine,    pazienza,    bontà,    mitezza,    se    sappiamo    perdonandoci scambievolmente...     NON DIFFONDIAMO LA NOSTRA IMMAGINAZIONE Ma   stiamo   attenti:   non   cambiamo   mai   la   nostra   rettitudine   per   le   rivelazioni   private,   soffermiamoci   solo   sul     Vangelo.   Alleniamoci   alla   parola   del   Signore,   riprendiamo   a   leggere   il   libro   del   Siracide   e   le   Regole   dei   figli   del   Silenzio. Il      Signore   ci   concederà   la   sapienza   se   dimostreremo   di   amarlo.   Ma   prima   dobbiamo   capire   se   siamo   sobri,   equilibrati   e se      stiamo   dicendo   le   cose   che   servono   al   Signore,   perché   di   ogni   parola   infondata,   renderemo   conto   nel   giorno   del giudizio.   Se      non   sapremo   gestire   con   oculatezza,   attenzione   e   rispetto   la   parola   del   Signore,   non   avremo   la   sua sapienza,   ma   saremo      soli   illusi   di   averla   e   continueremo   a   commettere   errori   su   errori,   perché   andremo   a   diffondere   il nostro istinto e la nostra  immaginazione.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La malizia
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il   male   comune   che   dobbiamo   vincere   oggi   nel mondo    è    la    malizia.    Una    persona    che    non conosce   la   malizia,   un   bambino      innocente,   mai malignerà   sul   comportamento   di   un   altro,   mentre chi   conosce   la   malizia   è   malevolo   con   gli   altri, perché    ha        avuto    il    contatto    con    il    peccato, magari   tanto   tempo   fa.   Siamo   maliziosi   perchè abbiamo   “toccato   la   mela”    come   Eva,      purtroppo, e   si   ripercuote   sul   nostro   cammino.   Il   peccato   ci rende   disonesti,   ci   fa   malignare   su   tutte   le   opere del   nostro      prossimo,   ci   fa   sparlare   gli   uni   verso gli    altri.    Non    ci    perdoniamo    scambievolmente perché   siamo   contagiati   da   quella      malizia   che   è sorella    intima    e    gemella    della    malignità    del demonio!   Se   fossimo   puri,   non   vedremmo   solo   i punti   oscuri   degli      altri,   ma   avremmo   fiducia   gli uni   degli   altri.   Certo   qualche   buon   consiglio   ci sta,   per   metterci   in   guardia   dai   pericoli,   ma   è     mai   possibile   che   nel   mondo   tutti   ci   "fregano"    e non   possiamo   fidarci   di   nessuno?   Ecco   svelato l'inghippo,   la   trama   malefica      che   impedisce   di crescere,    di    diventare    servi    specializzati    del Signore:    i    cristiani    si    annullano    a    vicenda perché   non      sono   benevoli   gli   uni   verso   gli altri,   vedono   il   male   nel   prossimo   anche   quando nessuno   vuole   ingannarli.   C'è   ancora      spazio   per migliorare,    per    apprendere,    per    interiorizzare. Non   sentiamoci   al   sicuro   solo   perché   preghiamo e   andiamo   a      messa,   perché   abbiamo   tutti   dei rami    con    la    malizia,    che    origina    in    modo malevolo   e   maligno   tutti   i   nostri   discorsi.   Pieni   di     questi    difetti,    come    possiamo    pretendere    la grazia   che   il   Signore   vuole   concederci?   Se   non riusciamo   ad   essere   lo   Spirito      buono,   lavoriamo per   lo   Spirito   cattivo,   non   c'è   un   compromesso tra   di   loro!   Non   vengono   da   Dio   malizia,   dubbio   e     malignità.    Anche    se    ci    dispiace,    questa    è    la verità.   Scuotiamoci!   Diventiamo   irreprensibili   e benevoli   gli   uni   verso   gli   altri.      Combattiamo   la nostra    vera    battaglia    che    è    quella    contro    noi stessi,   le   nostre   abitudini,   le   nostre   convinzioni; il   mondo      lasciamolo   andare   come   va   che   non   lo cambiamo     più.     Non     commentiamo     e     non dubitiamo   di   queste   confidenze,   che   sono      opera di   Dio,   altrimenti   cominciamo   a   metterci   malizia, poiché nessuno può garantirci che non lo siano.    NON DIRE: RISPETTO A PRIMA SONO CRESCIUTO  Sentiamoci   coinvolti   in   queste   raccomandazioni, perché   non   possiamo   quantificare   quanto   siamo cresciuti:   devono   essere      gli   altri   che   vedono   la differenza   in   noi.   Quando   noi   diciamo:   “rispetto   a prima   sono   cresciuto” ,   pecchiamo   di   superbia, non      sappiamo   se   invece   di   andare   avanti   siamo tornati    indietro.    Mentalmente    saremo    andati avanti,   ma   davanti   agli   occhi   del      Signore   può anche   non   essere   così.   Bisogna   vedere   il   nostro cuore,   in   che   misura   è   aumentato   il   desiderio   di amare,   di      aprirsi,   di   essere   disponibile.   Mai   uno deve    dire:    "Adesso    che    vado    in    chiesa,    sono migliorato   rispetto   a   prima   che   non      pregavo” :   è una   dimostrazione   di   presunzione,   di   arroganza   e di   superbia,   sentimenti   che   non   vengono   da   Dio. Siamo        autentici    quando    non    pensiamo    di esserlo,   ecco   perché   i   santi   quando   dialogavano con   qualcuno   che   gli   diceva   che   avevano      fatto un   salto   di   qualità,   rispondevano:   "Come,   io   che sono   il   peccatore   più   incallito   che   c'è   ?”.    I   santi, che   erano   santi      veramente,   quando   venivano riveriti   si   sentivano   i   più   grandi   peccatori,   e   noi   ci sentiamo    i    più    santi    quando    siamo    i    primi      peccatori?   Stiamo   molto   attenti,   perché   se   non   ci servono    questi    passaggi    da    esempio,    bisogna veramente   ritornare   alle      origini   per   dare   valore alle   nostre   preghiere.   Non   è   per   penalizzarci,   ma non   dobbiamo   avere   paura   della   verità.   Anche San      Francesco   aveva   detto   a   Fra   Leone   di   dirgli che   era   il   più   grande   peccatore   sulla   terra..... Uno    che    pensa    di    essere    santo        è    un peccatore.    Chi    si    avvicina    alla    santità    si sente   così   indegno   che   non   ha   neanche   il coraggio   di   dirlo.   Non      dobbiamo   recitare   una parte    che    non    è    nostra,    ma    capire    se    siamo rivestiti    in    un    modo    giusto,    di    umiltà,    carità,      mansuetudine,    pazienza,    bontà,    mitezza,    se sappiamo perdonandoci scambievolmente...     NON DIFFONDIAMO LA NOSTRA IMMAGINAZIONE Ma    stiamo    attenti:    non    cambiamo    mai    la nostra   rettitudine   per   le   rivelazioni   private, soffermiamoci   solo   sul      Vangelo.   Alleniamoci alla   parola   del   Signore,   riprendiamo   a   leggere   il libro   del   Siracide   e   le   Regole   dei   figli   del   Silenzio. Il          Signore     ci     concederà     la     sapienza     se dimostreremo    di    amarlo.    Ma    prima    dobbiamo capire   se   siamo   sobri,   equilibrati   e   se      stiamo dicendo   le   cose   che   servono   al   Signore,   perché   di ogni    parola    infondata,    renderemo    conto    nel giorno   del   giudizio.   Se      non   sapremo   gestire   con oculatezza,   attenzione   e   rispetto   la   parola   del Signore,    non    avremo    la    sua    sapienza,    ma saremo      soli   illusi   di   averla   e   continueremo   a commettere   errori   su   errori,   perché   andremo   a diffondere      il      nostro      istinto      e      la      nostra        immaginazione.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile