Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Dobbiamo   dispiacerci   di   essere   in   quell'epoca   e   in   quella   generazione   che   sta   disperdendo   il   privilegio   spirituale   che   ha     avuto   l'Italia,   la   nazione   scelta   dal   Signore.   I   nostri   padri   e   i   nostri   nonni   che   non   avevano   la   possibilità   di   avere   un contatto      immediato   con   altri   popoli   e   altre   culture,   non   si   rendevano   conto   di   quale   beneficio   avevano,   perché   mai avevano   provato      l'esperienza   che   altre   Nazioni   provavano   nel   disordine   e   nella   sofferenza.   Anche   in   epoca   di   crisi esistenziale,   in   Italia   non      sono   mai   mancati   quei   valori   che   portavano   onestà,   condivisione,   serenità   e   pace,   perché   sul nostro   Paese   c’era   la      benedizione   di   Dio.   Le   vocazioni   lo   testimoniano.   Non   erano   frutto   di   un   plagio   o   di   una   necessità corporea   come   tanti      dicono   (perché   avevano   fame...),   ma   di   una   benedizione,   di   un   privilegio   e   di   un   prestigio   che nessun'altra   nazione   aveva.      Un   Paese   così   piccolo   poteva   garantire   sacerdoti   in   tutto   il   mondo!   E   sacerdoti   si   diventa   per volontà   di   Dio,   per   una   sua      vera   chiamata:   diversamente   si   sopporterebbero   tanti   anni   di   sacrifici   e   rinunce... Cerchiamo   di   conoscere   fino   in   fondo   la      verità   e   poi   liberamente   comportiamoci   secondo   coscienza.   Noi   abbiamo   perso quella   protezione   del   Signore,   perché      abbiamo   profanato   una   nazione   e   un   luogo   benedetto   con   le   nostre   leggi,   le nostre   abitudini   e   i   nostri   peccati.      Riconosciamo   di   aver   sbagliato,   anche   inconsapevolmente,   ma   da   oggi   in   poi chiediamo   al   Signore   che   ci   permetta   di      difendere   le   garanzie   di   protezione   che   ha   voluto   dare   a   questa   nazione,   perché l'Italia   è   anche   nostra!   E   come   un   tempo   il      Signore   si   era   scelto   Israele   e   Gerusalemme,   così   poi   ha   scelto   l'Italia   e Roma   per   porre   la   sua   dimora   terrena,   la   sua      benedizione   e   la   sua   grazia.   È   un   luogo   talmente   prediletto   da   Dio,   che dovremmo   entrare   in   Italia   in   “punta   di   piedi”…      Siamo   un   popolo   scelto,   prescelto,   privilegiato,   “straprivilegiato”…   dove   i nostri   padri   hanno   conosciuto   la   bontà   del   vivere      in   santa   armonia,   anche   senza   il   benessere   di   questi   ultimi   tempi.   In Italia   si   vivevano   i   veri   valori   della   vita,   del   lavoro,   del      sudore   della   terra;   si   gustavano   le   meraviglie   del   raccolto   del proprio   lavoro   e   quando   si   ritrovavano   in   casa   erano   le      persone   più   ricche,   perché   avevano   la   gioia   e   la   benedizione   nel cuore,   cose   che   noi   ci   siamo   tolti.   Gli   elettrodomestici      hanno   sostituito   questi   valori   (adesso   parliamo   del   computer   e   di tutto   quello   che   ne   consegue);   negli   anni   60   -   70   abbiamo      dimostrato   che   era   più   importante   il   frigo   e   la   televisione   che difendere   i   veri   valori   della   vita,   e   per   ottenerli   non   tutti   si      sono   comportati   bene.   Hanno   profanato   la   verità   di   Dio, falsificando   i   veri   ideali,   tradendosi   l'uno   con   l'altro,   ma   ottenendo      ciò   che   volevano.   Non   che   le   colpe   fossero   degli elettrodomestici,   perché   fanno   il   loro   servizio.   Ma   negli   anni   60-70-80      dov'era   finito   il   Vangelo?    E’   stato   messo   in disparte   e   forse   non   trovava   collocazione   neanche   in   cantina,    perché   al      primo   posto   c’era   l'elettrodomestico,   la televisione,    il    telefono.    Ci    siamo    lasciati    attrarre    da    queste    cose    come    se    fossero    la        lieta    novella    che    doveva raggiungerci.   Ciò   che   era   al   servizio   dell'uomo   non   doveva   sostituire   i   veri   valori   della   vita,      specialmente   in   una   nazione dove   il   Signore   aveva   scelto   di   mettere   il   suo   vicario.   E   noi   come   italiani,   per   ringraziare,      abbiamo   contornato   tutto questo con il divorzio e l'aborto. Siamo stati bravi, possiamo farcene un vanto…    L’ITALIA HA PIU’ COLPA D’ISRAELE Dissociamoci   da   tutte   queste   cose,   chiediamo   al   Signore   di   non   scegliere   un   altro   Paese.   Come   ha   fatto   con   gli   ebrei,   i quali      per   non   aver   riconosciuto   il   figlio   di   Dio,   hanno   vissuto   gli   ultimi   2.000   anni   in   condizioni   drammatiche.   Ma   ci rendiamo      conto   che   il   Signore   ha   scelto   l'Italia   come   suo   Tempio   Santo?   Non   sarebbe   stato   più   logico   se   avesse   scelto   la sua   dimora      nel   luogo   dove   si   è   presentato   scendendo   dal   cielo?   Eppure   nonostante   questo   beneficio,   il   sangue   versato da   Pietro   e   Paolo      per   il   nostro   Paese   sta   gridando   vendetta   contro   l’arroganza   dimostrata   dall'italiano   al   Signore. Dimostriamoci   interessati   a      salvaguardare   questo   bene,   perché   se   il   Signore   vedrà   che   c'è   qualche   giusto   in   questo Paese,   lo   preserverà   da   futuri      castighi.   Perchè   al   contrario   di   Israele   che   non   era   a   conoscenza   della   resurrezione   di Gesù   nel   momento   che   non   l'ha      accolto,   noi   siamo   a   conoscenza   che   ha   vinto   la   morte.      Dunque   avremo   una   colpa ancora   peggiore,   un   castigo   ancora      peggiore   se   continuiamo   su   questa   linea.   Fermiamoci   finché   siamo   in   tempo. Fermiamoci!   Uniamoci   nel   dissenso   alle   leggi      che   ci   hanno   portato   a   profanare   questo   luogo   benedetto   e   ad   eliminare   le leggi   di   Dio,   che   hanno   guidato   spiritualmente   i      nostri   antecedenti.      Se   vogliamo   andare   alla   deriva,   andiamoci,   ma almeno   salviamo   i   nostri   figli   e   i   nostri   nipoti   da   un      castigo   che   non   si   meritano.   In   virtù   della   misericordia   di   Dio possiamo   fermare   il   tempo,   consacrarci   al   Signore   e   dissentire      dallo   stile   di   vita   profanatore,   che   viene   consumato ormai   con   troppa   libertà   e   superficialità.   Il   Signore   ci   ha   creato   per      riconoscere   e   diffondere   la   sua   legge,   non   per divulgarla   in   un   modo   blasfemo   ed   eretico,   non   di   profanarla   come   stiamo      facendo.   Non   possiamo   rimanere   indifferenti per   la   dissacrazione   di   questo   luogo   benedetto   dove   il   Signore   ha   messo   il      sigillo   della   sua   presenza.   Difendiamo   il   giglio purissimo   che   il   Signore   ha   inteso   mettere   sull’Italia   evitando   di   peccare,      perché   abbiamo   una   responsabilità   maggiore rispetto ad altri Paesi. Diversamente sarebbe meglio cambiare nazione, ne  pagheremmo meno le conseguenze.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Le scelte che hanno profanato l’Italia
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Dobbiamo   dispiacerci   di   essere   in   quell'epoca   e   in quella     generazione     che     sta     disperdendo     il privilegio    spirituale    che    ha        avuto    l'Italia,    la nazione    scelta    dal    Signore.    I    nostri    padri    e    i nostri   nonni   che   non   avevano   la   possibilità   di avere   un   contatto      immediato   con   altri   popoli   e altre   culture,   non   si   rendevano   conto   di   quale beneficio   avevano,   perché   mai   avevano   provato     l'esperienza    che    altre    Nazioni    provavano    nel disordine   e   nella   sofferenza.   Anche   in   epoca   di crisi   esistenziale,   in   Italia   non      sono   mai   mancati quei   valori   che   portavano   onestà,   condivisione, serenità   e   pace,   perché   sul   nostro   Paese   c’era   la     benedizione   di   Dio.   Le   vocazioni   lo   testimoniano. Non   erano   frutto   di   un   plagio   o   di   una   necessità corporea    come    tanti        dicono    (perché    avevano fame...),   ma   di   una   benedizione,   di   un   privilegio e   di   un   prestigio   che   nessun'altra   nazione   aveva.     Un   Paese   così   piccolo   poteva   garantire   sacerdoti in    tutto    il    mondo!    E    sacerdoti    si    diventa    per volontà    di    Dio,    per    una    sua        vera    chiamata: diversamente    si    sopporterebbero    tanti    anni    di sacrifici   e   rinunce...   Cerchiamo   di   conoscere   fino in     fondo     la          verità     e     poi     liberamente comportiamoci   secondo   coscienza.   Noi   abbiamo perso    quella    protezione    del    Signore,    perché      abbiamo    profanato    una    nazione    e    un    luogo benedetto   con   le   nostre   leggi,   le   nostre   abitudini e     i     nostri     peccati.          Riconosciamo     di     aver sbagliato,   anche   inconsapevolmente,   ma   da   oggi in   poi   chiediamo   al   Signore   che   ci   permetta   di     difendere   le   garanzie   di   protezione   che   ha   voluto dare   a   questa   nazione,   perché   l'Italia   è   anche nostra!   E   come   un   tempo   il      Signore   si   era   scelto Israele   e   Gerusalemme,   così   poi   ha   scelto   l'Italia e   Roma   per   porre   la   sua   dimora   terrena,   la   sua     benedizione   e   la   sua   grazia.   È   un   luogo   talmente prediletto   da   Dio,   che   dovremmo   entrare   in   Italia in   “punta   di   piedi”…      Siamo   un   popolo   scelto, prescelto,   privilegiato,   “straprivilegiato”…   dove   i nostri   padri   hanno   conosciuto   la   bontà   del   vivere     in   santa   armonia,   anche   senza   il   benessere   di questi   ultimi   tempi.   In   Italia   si   vivevano   i   veri valori   della   vita,   del   lavoro,   del      sudore   della terra;   si   gustavano   le   meraviglie   del   raccolto   del proprio   lavoro   e   quando   si   ritrovavano   in   casa erano   le      persone   più   ricche,   perché   avevano   la gioia   e   la   benedizione   nel   cuore,   cose   che   noi   ci siamo   tolti.   Gli   elettrodomestici      hanno   sostituito questi   valori   (adesso   parliamo   del   computer   e   di tutto   quello   che   ne   consegue);   negli   anni   60   -   70 abbiamo      dimostrato   che   era   più   importante   il frigo   e   la   televisione   che   difendere   i   veri   valori della    vita,    e    per    ottenerli    non    tutti    si        sono comportati   bene.   Hanno   profanato   la   verità   di Dio,   falsificando   i   veri   ideali,   tradendosi   l'uno   con l'altro,   ma   ottenendo      ciò   che   volevano.   Non   che le    colpe    fossero    degli    elettrodomestici,    perché fanno   il   loro   servizio.   Ma   negli   anni   60-70-80     dov'era   finito   il   Vangelo?    E’   stato   messo   in disparte    e    forse    non    trovava    collocazione neanche   in   cantina,    perché   al      primo   posto c’era      l'elettrodomestico,      la      televisione,      il telefono.   Ci   siamo   lasciati   attrarre   da   queste   cose come    se    fossero    la        lieta    novella    che    doveva raggiungerci.   Ciò   che   era   al   servizio   dell'uomo non    doveva    sostituire    i    veri    valori    della    vita,      specialmente    in    una    nazione    dove    il    Signore aveva   scelto   di   mettere   il   suo   vicario.   E   noi   come italiani,    per    ringraziare,        abbiamo    contornato tutto   questo   con   il   divorzio   e   l'aborto.   Siamo   stati bravi, possiamo farcene un vanto…    L’ITALIA HA PIU’ COLPA D’ISRAELE Dissociamoci   da   tutte   queste   cose,   chiediamo   al Signore   di   non   scegliere   un   altro   Paese.   Come   ha fatto    con    gli    ebrei,    i    quali        per    non    aver riconosciuto    il    figlio    di    Dio,    hanno    vissuto    gli ultimi   2.000   anni   in   condizioni   drammatiche.   Ma ci   rendiamo      conto   che   il   Signore   ha   scelto   l'Italia come   suo   Tempio   Santo?   Non   sarebbe   stato   più logico   se   avesse   scelto   la   sua   dimora      nel   luogo dove   si   è   presentato   scendendo   dal   cielo?   Eppure nonostante   questo   beneficio,   il   sangue   versato da    Pietro    e    Paolo        per    il    nostro    Paese    sta gridando   vendetta   contro   l’arroganza   dimostrata dall'italiano   al   Signore.   Dimostriamoci   interessati a        salvaguardare    questo    bene,    perché    se    il Signore   vedrà   che   c'è   qualche   giusto   in   questo Paese,   lo   preserverà   da   futuri      castighi.   Perchè   al contrario   di   Israele   che   non   era   a   conoscenza della   resurrezione   di   Gesù   nel   momento   che   non l'ha      accolto,   noi   siamo   a   conoscenza   che   ha vinto    la    morte.        Dunque    avremo    una    colpa ancora   peggiore,   un   castigo   ancora      peggiore   se continuiamo   su   questa   linea.   Fermiamoci   finché siamo    in    tempo.    Fermiamoci!    Uniamoci    nel dissenso    alle    leggi        che    ci    hanno    portato    a profanare   questo   luogo   benedetto   e   ad   eliminare le   leggi   di   Dio,   che   hanno   guidato   spiritualmente i      nostri   antecedenti.      Se   vogliamo   andare   alla deriva,   andiamoci,   ma   almeno   salviamo   i   nostri figli   e   i   nostri   nipoti   da   un      castigo   che   non   si meritano.    In    virtù    della    misericordia    di    Dio possiamo     fermare     il     tempo,     consacrarci     al Signore     e     dissentire          dallo     stile     di     vita profanatore,    che    viene    consumato    ormai    con troppa   libertà   e   superficialità.   Il   Signore   ci   ha creato   per      riconoscere   e   diffondere   la   sua   legge, non    per    divulgarla    in    un    modo    blasfemo    ed eretico,   non   di   profanarla   come   stiamo      facendo. Non     possiamo     rimanere     indifferenti     per     la dissacrazione   di   questo   luogo   benedetto   dove   il Signore   ha   messo   il      sigillo   della   sua   presenza. Difendiamo   il   giglio   purissimo   che   il   Signore   ha inteso    mettere    sull’Italia    evitando    di    peccare,      perché    abbiamo    una    responsabilità    maggiore rispetto    ad    altri    Paesi.    Diversamente    sarebbe meglio    cambiare    nazione,    ne        pagheremmo meno le conseguenze.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

            Le scelte che hanno profanato l’Italia                 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile