Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  In   questo   momento   di   ingestibilità   politica   ci   si   accusa   a   vicenda;   in   realtà   il   problema   è   causato   dal   nostro   peccato. L'Italia      ha   una   responsabilità   superiore   a   tutte   le   altre   nazioni,   perché   da   duemila   anni   ha   il   vicario   di   Cristo   in   terra.   In che   misura      abbiamo   sostenuto   la   nostra   fede?   Il   peccato   grava   sull’Italia,   perché   mai   come   oggi   la   depravazione   nel nostro   Paese   ha      raggiunto   livelli   inaccettabili,   che   grida   vendetta   al   cospetto   di   Dio.   Errori   che   prima   di   noi   ha commesso   quel   popolo   che   ha      indotto   Cristo   a   mettere   la   sua   base   a   Roma,   nella   tana   del   nemico,   e   adesso   sta   per traslocare   un'altra   volta,   perché      l'italiano   non   è   più   un   popolo   degno   agli   occhi   di   Dio.   Il   Signore   è   esigente   nelle   sue richieste,   dove   mette   il   suo   timbro      esige   anche   di   conseguenza   un   comportamento   adeguato.   Il   rapporto   Dio-grazia viaggia   di   pari   passo.   Nel   luogo   in   cui      decide   di   porre   la   sua   dimora   ci   sono   benefici,   benedizioni   e   grazie   che   non hanno   limite,   perché   ha   sempre   mantenuto   fede      alle   sue   promesse.   Tutti   i   grandi   profeti   del   Vecchio   Testamento non   sono   forse   nati   nel   Medio   Oriente?   Anche      Maria   Santissima   ha   scelto   luoghi   in   cui   c’era   la   fede   per   porre   la   sua presenza,   come   Lourdes   e   Fatima,   dove   persino   i      bambini   recitavano   il   Santo   Rosario   come   mangiare   pane   e   latte.   Se non   ci   faremo   carico   di   un   comportamento   di      espiazione   tacita   e   silenziosa,   è   scritto   sul   Vangelo   che   vivremo   momenti impressionanti   sotto   tutti   i   punti   di   vista.   O   ci      rendiamo   conto   di   questo   passaggio   o   siamo   fuori   misura.   Se   il   cammino di   preghiera   non   ci   rende   più   responsabili,   a   cosa      serve?   Per   tanti   secoli   l’Italia   è   stata   privilegiata   avendo   il   Papa   nella propria   nazione.   È   una   fortissima   benedizione   e   lo      vediamo   con   l'abbondanza   di   vocazioni   sacerdotali,   di   santi,   di scienziati,   di   scultori   e   di   carismi   come   in   nessun   altro      paese.   Siamo   i   figli   prediletti,   gli   israeliti   del   Nuovo   Testamento. Ci   rendiamo   conto   che   peccare   in   Italia   significa      peccare   nella   casa   di   Dio?    In   che   desolazione   abbiamo   ridotto il   Paese   più   prestigioso   del   mondo?   Solo   Dio   sa   la      profanazione   che   si   è   consumata   fuori   e   dentro   la   Chiesa.   Ciò   che   è stato   apprezzato   è   il   sangue   dei   martiri   per      salvaguardare   la   fede,   mentre   noi   baldanzosamente   la   distruggevamo   con uno   stile   di   vita   troppo   libertino.   Niente   sfugge      alla   mano   di   Dio,   però,   come   è   accaduto   in   passato,   quel   popolo   che   ha osato   sfidarlo   ha   sempre   pagato   le   conseguenze   ed      è   quello   che   stiamo   facendo   noi   oggi,   profanando   l’Italia   con   i   nostri peccati   e   alterando   tutto   ciò   che   era   sacro.   Vogliamo      eliminare   la   vecchia   educazione   per   imporne   una   nuova,   ma   non vediamo   la   realtà   davanti   ai   nostri   occhi?   Cosa   vedranno   i      nostri   figli?   Per   ritrovare   l'autenticità   cristiana   dobbiamo capire   prima   di   tutto   il   valore   della   Croce   e   il   danno   di   non   aver      rispettato   la   legge   di   Dio.   Odiamo   anche   quei “peccatucci”   che   davanti   al   Signore   sono   irriverenze,   perché   quelli      potremmo   veramente   evitarli.   Ognuno   di noi   sicuramente   può   immolare   il   lato   debole   a   vantaggio   di   chi   non   riesce   a      fare   altrettanto,   ma   senza   compiacersi. Allora   ritorneranno   a   nascere   geni,   scienziati,   santi   e   politici   giusti,   ritornerà   a      essere   l'Italia   che   il   Signore   aveva sempre privilegiato.    IL MAGGIORDOMO DEL SIGNORE  Anche   se   un'altra   nazione   commette   un   peccato   come   il   nostro,   non   è   così   grave   perché   non   ha   il   vicario   di   Cristo   in terra,      non   sono   stati   prescelti   come   gli   italiani.   Il   maggiordomo   del   Papa,   non   è   un   maggiordomo      comune,   doveva capire   il   senso      della   sua   responsabilità   che   andava   di   pari   passo   al   prestigio   e   l’onore   che   aveva,   unico   al   mondo.   E come   lui   ha   tradito   il      Papa,   così   noi   tradiamo   allo   stesso   modo   e   con   la   stessa   facilità,   perché   gli   italiani   sono   il maggiordomo   del   Signore.         Ricordiamoci   che   la   parola   di   Dio   è   la   ricchezza   più   grande   che   possiamo   gestire   nella nostra   vita.   Queste   riflessioni   non      sono   frutto   di   studi   di   un   fanatico,   ma   di   confidenze   da   parte   della   Madonna   che   ha fatto   sul   monte   Misma,   un   luogo      doppiamente   scelto   da   Dio.   Il   Signore   ci   dà   sempre   un   ancora   di   salvezza,   un   antidoto per   risolvere   tutti   i   problemi,   e   come      avrebbe   salvato   Sodoma   e   Gomorra,   così   salverà   l'Italia   se   troverà   un   gruppo   che avrà capito il senso della misura.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’esatto problema dell’Italia
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
In   questo   momento   di   ingestibilità   politica   ci   si accusa   a   vicenda;   in   realtà   il   problema   è   causato dal   nostro   peccato.   L'Italia      ha   una   responsabilità superiore    a    tutte    le    altre    nazioni,    perché    da duemila   anni   ha   il   vicario   di   Cristo   in   terra.   In che   misura      abbiamo   sostenuto   la   nostra   fede?   Il peccato   grava   sull’Italia,   perché   mai   come   oggi   la depravazione    nel    nostro    Paese    ha        raggiunto livelli   inaccettabili,   che   grida   vendetta   al   cospetto di   Dio.   Errori   che   prima   di   noi   ha   commesso   quel popolo   che   ha      indotto   Cristo   a   mettere   la   sua base   a   Roma,   nella   tana   del   nemico,   e   adesso   sta per   traslocare   un'altra   volta,   perché      l'italiano non   è   più   un   popolo   degno   agli   occhi   di   Dio.   Il Signore    è    esigente    nelle    sue    richieste,    dove mette   il   suo   timbro      esige   anche   di   conseguenza un   comportamento   adeguato.   Il   rapporto   Dio- grazia   viaggia   di   pari   passo.   Nel   luogo   in   cui     decide   di   porre   la   sua   dimora   ci   sono   benefici, benedizioni    e    grazie    che    non    hanno    limite, perché    ha    sempre    mantenuto    fede        alle    sue promesse.   Tutti   i   grandi   profeti   del   Vecchio Testamento   non   sono   forse   nati   nel   Medio Oriente?    Anche        Maria    Santissima    ha    scelto luoghi    in    cui    c’era    la    fede    per    porre    la    sua presenza,   come   Lourdes   e   Fatima,   dove   persino   i     bambini     recitavano     il     Santo     Rosario     come mangiare   pane   e   latte.   Se   non   ci   faremo   carico   di un    comportamento    di        espiazione    tacita    e silenziosa,    è    scritto    sul    Vangelo    che    vivremo momenti    impressionanti    sotto    tutti    i    punti    di vista.   O   ci      rendiamo   conto   di   questo   passaggio   o siamo   fuori   misura.   Se   il   cammino   di   preghiera non   ci   rende   più   responsabili,   a   cosa      serve?   Per tanti   secoli   l’Italia   è   stata   privilegiata   avendo   il Papa    nella    propria    nazione.    È    una    fortissima benedizione   e   lo      vediamo   con   l'abbondanza   di vocazioni   sacerdotali,   di   santi,   di   scienziati,   di scultori   e   di   carismi   come   in   nessun   altro      paese. Siamo    i    figli    prediletti,    gli    israeliti    del    Nuovo Testamento.   Ci   rendiamo   conto   che   peccare in   Italia   significa      peccare   nella   casa   di   Dio?   In   che   desolazione   abbiamo   ridotto   il   Paese   più prestigioso     del     mondo?     Solo     Dio     sa     la       profanazione   che   si   è   consumata   fuori   e   dentro   la Chiesa.   Ciò   che   è   stato   apprezzato   è   il   sangue dei   martiri   per      salvaguardare   la   fede,   mentre   noi baldanzosamente   la   distruggevamo   con   uno   stile di   vita   troppo   libertino.   Niente   sfugge      alla   mano di   Dio,   però,   come   è   accaduto   in   passato,   quel popolo   che   ha   osato   sfidarlo   ha   sempre   pagato   le conseguenze   ed      è   quello   che   stiamo   facendo   noi oggi,   profanando   l’Italia   con   i   nostri   peccati   e alterando    tutto    ciò    che    era    sacro.    Vogliamo      eliminare   la   vecchia   educazione   per   imporne   una nuova,    ma    non    vediamo    la    realtà    davanti    ai nostri   occhi?   Cosa   vedranno   i      nostri   figli?   Per ritrovare   l'autenticità   cristiana   dobbiamo   capire prima   di   tutto   il   valore   della   Croce   e   il   danno   di non   aver      rispettato   la   legge   di   Dio.   Odiamo anche    quei    “peccatucci”    che    davanti    al Signore     sono     irriverenze,     perché     quelli       potremmo   veramente   evitarli.   Ognuno   di   noi sicuramente    può    immolare    il    lato    debole    a vantaggio   di   chi   non   riesce   a      fare   altrettanto, ma    senza    compiacersi.    Allora    ritorneranno    a nascere    geni,    scienziati,    santi    e    politici    giusti, ritornerà   a      essere   l'Italia   che   il   Signore   aveva sempre privilegiato.    IL MAGGIORDOMO DEL SIGNORE  Anche   se   un'altra   nazione   commette   un   peccato come   il   nostro,   non   è   così   grave   perché   non   ha   il vicario   di   Cristo   in   terra,      non   sono   stati   prescelti come   gli   italiani.   Il   maggiordomo   del   Papa,   non   è un    maggiordomo        comune,    doveva    capire    il senso      della   sua   responsabilità   che   andava   di   pari passo   al   prestigio   e   l’onore   che   aveva,   unico   al mondo.   E   come   lui   ha   tradito   il      Papa,   così   noi tradiamo    allo    stesso    modo    e    con    la    stessa facilità,       perché       gli       italiani       sono       il maggiordomo   del   Signore.         Ricordiamoci   che la   parola   di   Dio   è   la   ricchezza   più   grande   che possiamo     gestire     nella     nostra     vita.     Queste riflessioni   non      sono   frutto   di   studi   di   un   fanatico, ma   di   confidenze   da   parte   della   Madonna   che   ha fatto   sul   monte   Misma,   un   luogo      doppiamente scelto   da   Dio.   Il   Signore   ci   dà   sempre   un   ancora di    salvezza,    un    antidoto    per    risolvere    tutti    i problemi,   e   come      avrebbe   salvato   Sodoma   e Gomorra,    così    salverà    l'Italia    se    troverà    un gruppo che avrà capito il senso della misura.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile