Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  P iù   ci   si   allontana   dal   Signore   e   più   vedremo   cose   improponibili.   Anche   nei   fatti   di   cronaca   c'è   molta   incoerenza,   si   molto   risalto   ad   alcune   vicende   disumane   e   non   si   dice   quasi   niente   di   altre   altrettanto   gravi   che   accadono   nel   mondo. Eppure   sono   tutti   figli   di   Dio.   Non   serve   a   nulla   commentare   i   fatti   di   sangue,   essi   ci   fanno   perdere   la   conoscenza   della verità   di   cui   noi   siamo   portatori,   cerchiamo   piuttosto   di   comportarci   bene   con   le   persone   che   ci   vivono   accanto.   Siamo incoerenti   perché   non   abbiamo   Dio   nel   cuore.   Chi   ce   l'ha   non   dice   maldicenze   ma   desidera   il   bene   del   fratello,   nel   suo cuore   dimora   la   sapienza,   il   rispetto,   il   desiderio   di   sacrificarsi   per   non   far   soffrire   gli   altri.   Addirittura   nei   fatti   fisiologici del   corpo   umano   è   più   disciplinato:   non   sputa   per   terra,   controlla   "i   colpi   di   tosse",   è   attento   a   tutti   gli   altri   particolari che   normalmente   si   ritengono   naturali.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   è   dignitoso,   non   si   comporta   in   un   modo   fallace   e   volgare anche   davanti   ai   propri   familiari,   non   gira   nudo   per   la   casa,   ha   equilibrio   e   senso   del   pudore.   Giustifica   l'errore   del fratello   che   ha   visto   con   i   propri   occhi,   non   condanna   per   sentito   dire,   si   dispiace   delle   critiche.   Ha      umiltà   e   carità.   Il Signore   non   darà   mai   una   grazia   e   una   sapienza   a   chi   non   la   sa   gestire.   Egli   non   vuole   dimorare   nel   portafoglio   come   un santino   o   nella   mente,   ma   nel   nostro   cuore.   Allora   potremmo   stare   bene   24   ore   al   giorno,   digiunare   mangiando   e pregare   senza   pregare.   È   meglio   mangiare   e   dire-bene   che   digiunare   e   sparlare.   È   una   stupidità   enorme   livellare   le persone,   cioè   dare   più   validità   a   chi   è   mediocre   e   togliere   punti   a   chi   ha   molte   qualità.   Se   diamo   più   talenti   a   uno   che   ne ha   pochi,   li   sperpera,   li   offende,   li   infanga,   ma   è   altrettanto   perfido   toglierne   a   chi   ne   ha   molti   solo   perchè   ha   un   passo più   lungo   degli   altri.   Nessuno   ci   dice   che   dobbiamo   essere   perfetti,   ma   ammettiamo   quello   che   siamo,   non   cerchiamo   di voler   essere   altri   a   scapito   di   chi   è   meglio   di   noi.   La   sapienza   non   possiamo   studiarla   a   memoria   come   una   lettura,   averla   con   risultati   scientifici   o   matematici;   essa   si   prende   cura   dei   suoi   figli,   di   quanti   la   cercano   (Sir.4),    ci   dà   la conoscenza   di   tutto   senza   averla   mai   studiata.   Dobbiamo   renderci   conto   che   possiamo   eliminare   le   cose   brutte   della   vita, non   solo   piangere   su   di   esse   con   la   preghiera.   Con   Dio   nel   cuore   davanti   alle   situazioni   critiche   e   negative,   abbiamo   la sapienza   per   capovolgerle   senza   nemmeno   proferir   parola   e   un'intelligenza   sopraffina   anche   se   siamo   analfabeti.   La nostra   base   insostituibile   deve   essere   la   parola   del   Signore,   non   la   nostra   ragione,   altrimenti   ci   dominerà.   Amiamo   di   più Dio   o   i   nostri   progetti?   I   libri   sapienziali   ci   indicano   come   comportarci   in   ogni   fatto   della   vita.   Conosciamo   il   significato delle   quattro   virtù   cardinali   (prudenza,   giustizia,   fortezza,   temperanza)?   Spesso   siamo   solidali   con   chi   ha   la   nostra dipendenza.   Alcolisti,   drogati   e   adulteri,   criticano   altri   per   giustificare   la   loro   scelta   di   vita   non   corretta   oppure   fanno azioni   di   solidarietà   per   mascherarsi.   Vigliacchi,   non   hanno   il   coraggio   delle   loro   azioni!   Con   Dio   nel   cuore   avremo sicuramente   una   vita   di   gioia,   non   di   preoccupazione   o   di   problemi,   potremmo   avere   qualcosa   per   noi   senza   imbrogliare, far   soffrire   o   tradire.   Non   dobbiamo   trovarci   a   confidare   gli   intrighi   degli   uomini   di   chiesa   o   dei   politici,   ma   a   rivelare   la buona   novella.   È   devastante   per   il   nostro   cuore   raccontare   le   brutte   abitudini   degli   altri ,   è   contagioso,   toglie   la gioia   che   impedisce   di   fare   le   cose   nel   migliore   dei   modi   e   merito   alle   nostre   preghiere.   Una   volta   l'uomo   era   più   sapiente perché   corretto   nel   vivere,   aveva   il   santo   timor   di   Dio,   oggi   è   più   istruito,   prega   e   invoca   lo   Spirito   Santo,   ma   non   ha   i suoi   doni.   Dio   ha   compiuto   prodigi   attraverso   l'opera   dell'uomo,   ci   rende   partecipi   delle   sue   meraviglie,   ci   fa   capire   che senza   di   Lui   non   possiamo   fare   niente.   È   avvenuto   così   con   i   santi   e   i   profeti   i   quali   però   sono   passati   attraverso   molte tribolazioni.   Quante   volte   il   Signore   ci   prova   attraverso   cose   non   logiche   per   la   nostra   mente?   Tanti   si   chiudono   alla   carità perché   hanno   una   mentalità   "vittimistica"   e   molte   persone   che   frequentano   luoghi   di   preghiera   sono   le   più   "disturbate", hanno   perso   la   propria   personalità   e   chi   ci   vive   accanto   subisce   la   loro   prepotenza.   Dio   concede   la   sua   grazia   a   chi   è giusto   davanti   a   Lui,   non   a   chi   critica   e   polemizza.   Sappiamo   fermare   il   male   addossandoci   anche   colpe   non   nostre?   Il male   non   può   nulla   contro   chi   ha   Dio   nel   cuore,   ama   ogni   persona   e   accetta   l'ingiustizia.   La   confusione   che   c'è   nel mondo   viene   dall'uomo,   egli   può   trasmettere   la   negatività   oppure   la   grazia   del   Signore   e   risanare   ogni   cosa.   Basta   un piccolo   gruppo   autentico   preparato   a   battaglia   per   sconfiggere   tutto   il   male.    Siamo   così   diversi   da   come   Dio   ci ha   creato!   Perdendo   la   pazienza   si   commettono   tanti   errori,   accettiamo   di   essere   umiliati   senza   essere   permalosi.   Il modo   migliore   di   amare   noi   stessi   è   di   amare   gli   altri.   Proponiamoci   nelle   nostre   famiglie   come   filtro   di   sofferenze   e   di maldicenze,   subiamo   ogni   sorta   di   vigliaccheria,   evitiamo   di   essere   selettivi   classificando   le   persone   in   un   certo   modo. Maria   Santissima   ha   conservato   la   parola   di   Dio   dentro   di   sé,   noi   facciamo   altrettanto?   La   troppa   devozione   Mariana   ha un   po'   svuotato   molti   cristiani   dalle   verità   principali;   cosa   dirà   di   noi   se   onorandola   ci   svuotiamo   di   ciò   che   Lei   è   piena? Siamo   disposti   ad   addossarci   anche   le   tribolazioni   dei   nostri   fratelli   che   ci   perseguitano   ingiustamente,   in   espiazione   di tante   vigliaccherie   del   mondo?   Sono   queste   le   tribolazioni   che   hanno   accettato   i   santi,   perché   avevano   Dio   nel   cuore, non   quelle   gratuite   che   ci   creiamo   noi   quando   osano   irritare   il   nostro   orgoglio.   Cerchiamo   di   non   entrare   in   causa   con nessuno,   perché   Dio   sostiene   il   giusto   e   lo   prova   con   molte   tribolazioni,   mentre   il   male   sostiene   il   vigliacco   e   gli   fa vincere molte situazioni in modo ingeneroso verso il buono per distruggerlo.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’istruzione della sapienza
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Più   ci   si   allontana   dal   Signore   e   più   vedremo cose   improponibili.   Anche   nei   fatti   di   cronaca   c'è molta   incoerenza,   si   dà   molto   risalto   ad   alcune vicende   disumane   e   non   si   dice   quasi   niente   di altre   altrettanto   gravi   che   accadono   nel   mondo. Eppure   sono   tutti   figli   di   Dio.   Non   serve   a   nulla commentare    i    fatti    di    sangue,    essi    ci    fanno perdere    la    conoscenza    della    verità    di    cui    noi siamo      portatori,      cerchiamo      piuttosto      di comportarci   bene   con   le   persone   che   ci   vivono accanto.   Siamo   incoerenti   perché   non   abbiamo Dio   nel   cuore.   Chi   ce   l'ha   non   dice   maldicenze ma   desidera   il   bene   del   fratello,   nel   suo   cuore dimora    la    sapienza,    il    rispetto,    il    desiderio    di sacrificarsi     per     non     far     soffrire     gli     altri. Addirittura   nei   fatti   fisiologici   del   corpo   umano   è più   disciplinato:   non   sputa   per   terra,   controlla   "i colpi   di   tosse",   è   attento   a   tutti   gli   altri   particolari che   normalmente   si   ritengono   naturali.   Chi   ha Dio   nel   cuore   è   dignitoso,   non   si   comporta   in   un modo   fallace   e   volgare   anche   davanti   ai   propri familiari,   non   gira   nudo   per   la   casa,   ha   equilibrio e   senso   del   pudore.   Giustifica   l'errore   del   fratello che   ha   visto   con   i   propri   occhi,   non   condanna   per sentito   dire,   si   dispiace   delle   critiche.   Ha      umiltà e   carità.   Il   Signore   non   darà   mai   una   grazia   e una   sapienza   a   chi   non   la   sa   gestire.   Egli   non vuole   dimorare   nel   portafoglio   come   un   santino   o nella     mente,     ma     nel     nostro     cuore.     Allora potremmo   stare   bene   24   ore   al   giorno,   digiunare mangiando   e   pregare   senza   pregare.   È   meglio mangiare   e   dire-bene   che   digiunare   e   sparlare.   È una   stupidità   enorme   livellare   le   persone,   cioè dare   più   validità   a   chi   è   mediocre   e   togliere   punti a   chi   ha   molte   qualità.   Se   diamo   più   talenti   a   uno che    ne    ha    pochi,    li    sperpera,    li    offende,    li infanga,   ma   è   altrettanto   perfido   toglierne   a   chi ne   ha   molti   solo   perchè   ha   un   passo   più   lungo degli   altri.   Nessuno   ci   dice   che   dobbiamo   essere perfetti,   ma   ammettiamo   quello   che   siamo,   non cerchiamo   di   voler   essere   altri   a   scapito   di   chi   è meglio     di     noi.     La     sapienza     non     possiamo studiarla   a   memoria   come   una   lettura,   nè   averla con    risultati    scientifici    o    matematici;    essa    si prende   cura   dei   suoi   figli,   di   quanti   la   cercano (Sir.4),    ci   dà   la   conoscenza   di   tutto   senza   averla mai    studiata.    Dobbiamo    renderci    conto    che possiamo   eliminare   le   cose   brutte   della   vita,   non solo   piangere   su   di   esse   con   la   preghiera.   Con Dio   nel   cuore   davanti   alle   situazioni   critiche   e negative,   abbiamo   la   sapienza   per   capovolgerle senza   nemmeno   proferir   parola   e   un'intelligenza sopraffina   anche   se   siamo   analfabeti.   La   nostra base    insostituibile    deve    essere    la    parola    del Signore,    non    la    nostra    ragione,    altrimenti    ci dominerà.   Amiamo   di   più   Dio   o   i   nostri   progetti? I   libri   sapienziali   ci   indicano   come   comportarci   in ogni    fatto    della    vita.    Conosciamo    il    significato delle   quattro   virtù   cardinali   (prudenza,   giustizia, fortezza,   temperanza)?   Spesso   siamo   solidali   con chi   ha   la   nostra   dipendenza.   Alcolisti,   drogati   e adulteri,    criticano    altri    per    giustificare    la    loro scelta   di   vita   non   corretta   oppure   fanno   azioni   di solidarietà     per     mascherarsi.     Vigliacchi,     non hanno   il   coraggio   delle   loro   azioni!   Con   Dio   nel cuore   avremo   sicuramente   una   vita   di   gioia,   non di    preoccupazione    o    di    problemi,    potremmo avere    qualcosa    per    noi    senza    imbrogliare,    far soffrire    o    tradire.    Non    dobbiamo    trovarci    a confidare   gli   intrighi   degli   uomini   di   chiesa   o   dei politici,    ma    a    rivelare    la    buona    novella.    È devastante   per   il   nostro   cuore   raccontare   le brutte    abitudini    degli    altri ,    è    contagioso, toglie   la   gioia   che   impedisce   di   fare   le   cose   nel migliore   dei   modi   e   merito   alle   nostre   preghiere. Una   volta   l'uomo   era   più   sapiente   perché   corretto nel   vivere,   aveva   il   santo   timor   di   Dio,   oggi   è   più istruito,   prega   e   invoca   lo   Spirito   Santo,   ma   non ha   i   suoi   doni.   Dio   ha   compiuto   prodigi   attraverso l'opera    dell'uomo,    ci    rende    partecipi    delle    sue meraviglie,    ci    fa    capire    che    senza    di    Lui    non possiamo   fare   niente.   È   avvenuto   così   con   i   santi e   i   profeti   i   quali   però   sono   passati   attraverso molte    tribolazioni.    Quante    volte    il    Signore    ci prova   attraverso   cose   non   logiche   per   la   nostra mente?    Tanti    si    chiudono    alla    carità    perché hanno     una     mentalità     "vittimistica"     e     molte persone    che    frequentano    luoghi    di    preghiera sono   le   più   "disturbate",   hanno   perso   la   propria personalità   e   chi   ci   vive   accanto   subisce   la   loro prepotenza.   Dio   concede   la   sua   grazia   a   chi   è giusto    davanti    a    Lui,    non    a    chi    critica    e polemizza.       Sappiamo       fermare       il       male addossandoci   anche   colpe   non   nostre?   Il   male non   può   nulla   contro   chi   ha   Dio   nel   cuore,   ama ogni   persona   e   accetta   l'ingiustizia.   La   confusione che    c'è    nel    mondo    viene    dall'uomo,    egli    può trasmettere    la    negatività    oppure    la    grazia    del Signore   e   risanare   ogni   cosa.   Basta   un   piccolo gruppo   autentico   preparato   a   battaglia   per sconfiggere   tutto   il   male.    Siamo   così   diversi da   come   Dio   ci   ha   creato!   Perdendo   la   pazienza si   commettono   tanti   errori,   accettiamo   di   essere umiliati   senza   essere   permalosi.   Il   modo   migliore di    amare    noi    stessi    è    di    amare    gli    altri. Proponiamoci   nelle   nostre   famiglie   come   filtro   di sofferenze   e   di   maldicenze,   subiamo   ogni   sorta   di vigliaccheria,      evitiamo      di      essere      selettivi classificando   le   persone   in   un   certo   modo.   Maria Santissima   ha   conservato   la   parola   di   Dio   dentro di     sé,     noi     facciamo     altrettanto?     La     troppa devozione    Mariana    ha    un    po'    svuotato    molti cristiani   dalle   verità   principali;   cosa   dirà   di   noi   se onorandola   ci   svuotiamo   di   ciò   che   Lei   è   piena? Siamo      disposti      ad      addossarci      anche      le tribolazioni   dei   nostri   fratelli   che   ci   perseguitano ingiustamente,       in       espiazione       di       tante vigliaccherie     del     mondo?     Sono     queste     le tribolazioni   che   hanno   accettato   i   santi,   perché avevano   Dio   nel   cuore,   non   quelle   gratuite   che   ci creiamo    noi    quando    osano    irritare    il    nostro orgoglio.   Cerchiamo   di   non   entrare   in   causa   con nessuno,   perché   Dio   sostiene   il   giusto   e   lo   prova con   molte   tribolazioni,   mentre   il   male   sostiene   il vigliacco   e   gli   fa   vincere   molte   situazioni   in   modo ingeneroso verso il buono per distruggerlo.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile