Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Come   cristiani   dobbiamo   approfondire   e   conoscere   la   nostra   responsabilità   per   poterla   rivelare.   Non   preoccupiamoci   nelle nostre   preghiere   di   dire   tante   parole,   come   i   pagani,   perché   il   Signore   sa   di   cosa   abbiamo   bisogno.   La   preghiera   è   una espressione   di   fede   e   di   amore   verso   Dio   e   verso   il   prossimo,   chi   non   crede   e   non   ama,   non   può   pregare.   Cerchiamo   di capire   l’importanza   della   preghiera   e   cosa   si   può   ottenere   la   preghiera,   per   essere   di   aiuto   e   di   esempio   agli   altri   con   la nostra   vita.   Se   non   dimostriamo   di   far   maturare   i   frutti   che   dobbiamo   diffondere,   non   siamo   cristiani   autentici,   perché   il Signore   ha   detto   che   è   dal   frutto   che   si      conosce   l’albero.   E   il   Signore   guarda   i   nostri   frutti,      a   quello   che   dimostriamo, non   a   quello   che   promettiamo   di   dire   o   a   quello   che   pensiamo   di   noi   stessi.   Se   non   offriamo   i   doni   dello   Spirito   Santo   che sono   amore,   gioia,   pace,   pazienza,   benevolenza,   bontà,   fedeltà,   mitezza   e   dominio   di   sé,   tutto   il   resto   è   vano,   non conosceremo   mai   la   grazia   e   la   gloria   del   Signore.   Come   è   inutile   invocare   lo   Spirito   Santo   se   possediamo   lo   spirito   non buono.   Se   avessimo   raggiunto   la   perfezione   terrena   del   cristiano,   conosceremmo   potenze   sconosciute:   davanti   al Signore   e   a   Maria   Santissima,   che   hanno   il   potere   su   tutto   l’universo   creato,   potremmo   diventare   anche   noi   invincibili, insuperabili.      Potremmo   esplodere   di   gioia,   distinguerci   nettamente   da   quelli   che   non   hanno   avuto   la   grazia   di   conoscere queste   profondità   e   attingere   all’acqua   benedetta   del   Signore,   che   non   dovremmo   più   neanche   “batter   ciglio”   talmente   è evidente    questa    diversità.    Invece    noi    dimostriamo    che    non    c’è    nessuna    differenza:    siamo    fragili,    insicuri,    tristi, sconsolati…   Che   tristezza!   Il   Signore   a   ha   in   serbo   cose   grandi   per   noi,   e   ci   dispiacerà   renderci   conto   di   quello   che abbiamo   sprecato,   ci   rimarremo   male.   Il   nostro   progetto   non   è   in   competizione   con   altre   verità   rivelate,   teoriche, ipotetiche,   immaginarie,   illusorie,   astratte.   Nessun   popolo,   e   nessuna   dottrina   o   teoria,   possono   ammettere   di   far   parte di   un   miracolo   vivente,   come   facciamo   noi.   Siamo   parte   di   colui   che   ha   creato   il   mondo,   l’unico   vero   Dio.      Il   mondo   è contrariato   da   tante   cose,   è   confuso   e   insicuro,   perché   non   ha   più   il   collegamento   diretto   con   il   Signore,   non   ha   più   quei valori   primordiali   che   bisogna   diffondere   e   proporre,   come   i   nostri   padri,   i   veri   cristiani   ed   i   santi   hanno   sempre   fatto.   Se vogliamo   bene   al   Signore,   cerchiamo   di   migliorare   la   nostra   esperienza,   mettendoci   in   discussione   senza   credere   di sapere   già   tutto,   e   preoccupandoci      sempre   di   diffondere   la   verità   di   Dio   nel   migliore   dei   modi.   Potremmo   essere   nella possibilità   di   trasmettere   quei   valori,   come   han   fatto   i   veri   cristiani,   con   tanta   forza.   Il   Signore   ci   dimostra   che   è infinitamente   più   potente   del   male,   perché   basta   che   scenda   la   sua   grazia   su   una   persona   per   annullare   tanto   male   nel mondo   e   sconvolgere   i   potenti.   Ne   abbiamo   la   prova   in   Madre   Teresa   di   Calcutta,   in   Giovanni   Paolo   II°,   in   padre   Pio…   Il male   non   riesce   a   fare   tanto,   ma   ottiene   un   risultato   preoccupante   solo   perché   la   grande   massa   è   caduta   nelle   sue sgrinfie.  DESIDERIAMO CON GIOIA DI VIVERE BENE INSIEME La   Madonna   vuole   portarci   ad   un   cambiamento   totale   della   nostra   vita,   senza   perdere   il   senso   della   misura,   della responsabilità,   ma   mettendoci   a   confronto   gli   uni   gli   altri.   Innanzitutto   dobbiamo   dimostrare   al   Signore   di   stare   bene insieme,   non   che   ci   critichiamo   gli   uni   gli   altri   o   ci   rispettiamo   solo   perché   è   un   dovere,   una   condizione   sociale.     Dimostriamo   al   Signore   che   ci   amiamo,   che   quello   dice   la   nostra   bocca   è   confermato   dal   nostro   cuore,   non   viceversa… Perché   deludiamo   tanto   Colui   che   si   è   compiaciuto   nel   crearci?   Non   dobbiamo   sopportarci   in   nome   del   Signore,      o   dire: “se   non   fossi   cristiano   mi   sarei   già   separato…”   o   “l’avrei   mandato   a   quel   paese…”.    In   quel   momento,   quando   nel   nostro cuore   c’è   quel   sentimento,   che   non   facciamo   certe   cose   perché   siamo   costretti   o   fermati   dalla   nostra   stessa   fede, l’abbiamo   già   fatto.   Non   commettiamo   più   questo   errore,   perché   se   non   si   è   uniti   nel   cammino   della   vita,   se   non   si   vive con   gioia   insieme,   ma   ci   si   sopporta,   si   vive   pesantemente   e   non   ci   si   migliora.      Non   deve   essere   un   problema   accettarsi anche   con   tanti   difetti,   magari   la   persona   che   abbiamo   accanto   è   la   prova   che   il   Signore   ci   ha   messo   davanti,   non   per farci    soffrire.    Accettiamo    la    nostra    croce,    non    lamentiamoci,    non    invochiamo    il    Signore    di    togliercela,    altrimenti dimostriamo   il   contrario   di   quello   che   ha   dimostrato   Gesù.   Dobbiamo   amarla   quella   croce,   perché   solo   il   Signore   ci conosce   fino   in   fondo   e   improvvisamente   può   cambiare   tutto.   E   se   è   vero   che   abbiamo   fede,   che    “non   cade   foglia   che Dio   non   voglia”,   niente   è   vano   in   questa   vita.   Niente.   Quante   volte   abbiamo   ringraziato   il   periodo   difficile   della   nostra vita,      che   ci   ha   fatto   crescere!      Se   avessimo   vissuto   il   momento   della   risurrezione   di   Gesù,   mentalmente   penseremmo che   non   ci   avrebbe   fermato   più   nessuno,   che   era   evidente   che   avremmo   fatto   le   cose   migliori,   memori   di   quell’esempio. Invece   la   nostra   fede   va   indebolendosi   e   annulliamo   la   presenza   del   Signore   in   noi.   Dobbiamo   riflettere   di   questo   fatto   e fare un profondo esame di coscienza.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Gli invincibili
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Come      cristiani      dobbiamo      approfondire      e conoscere    la    nostra    responsabilità    per    poterla rivelare.     Non     preoccupiamoci     nelle     nostre preghiere   di   dire   tante   parole,   come   i   pagani, perché   il   Signore   sa   di   cosa   abbiamo   bisogno.   La preghiera   è   una   espressione   di   fede   e   di   amore verso   Dio   e   verso   il   prossimo,   chi   non   crede   e non   ama,   non   può   pregare.   Cerchiamo   di   capire l’importanza    della    preghiera    e    cosa    si    può ottenere   la   preghiera,   per   essere   di   aiuto   e   di esempio    agli    altri    con    la    nostra    vita.    Se    non dimostriamo     di     far     maturare     i     frutti     che dobbiamo      diffondere,      non      siamo      cristiani autentici,   perché   il   Signore   ha   detto   che   è   dal frutto    che    si        conosce    l’albero.    E    il    Signore guarda   i   nostri   frutti,      a   quello   che   dimostriamo, non   a   quello   che   promettiamo   di   dire   o   a   quello che   pensiamo   di   noi   stessi.   Se   non   offriamo   i doni   dello   Spirito   Santo   che   sono   amore,   gioia, pace,    pazienza,    benevolenza,    bontà,    fedeltà, mitezza   e   dominio   di   sé,   tutto   il   resto   è   vano, non   conosceremo   mai   la   grazia   e   la   gloria   del Signore.   Come   è   inutile   invocare   lo   Spirito   Santo se   possediamo   lo   spirito   non   buono.   Se   avessimo raggiunto    la    perfezione    terrena    del    cristiano, conosceremmo   potenze   sconosciute:   davanti   al Signore    e    a    Maria    Santissima,    che    hanno    il potere    su    tutto    l’universo    creato,    potremmo diventare     anche     noi     invincibili,     insuperabili.       Potremmo     esplodere     di     gioia,     distinguerci nettamente   da   quelli   che   non   hanno   avuto   la grazia   di   conoscere   queste   profondità   e   attingere all’acqua     benedetta     del     Signore,     che     non dovremmo   più   neanche   “batter   ciglio”   talmente   è evidente       questa       diversità.       Invece       noi dimostriamo    che    non    c’è    nessuna    differenza: siamo    fragili,    insicuri,    tristi,    sconsolati…    Che tristezza!   Il   Signore   a   ha   in   serbo   cose   grandi   per noi,   e   ci   dispiacerà   renderci   conto   di   quello   che abbiamo   sprecato,   ci   rimarremo   male.   Il   nostro progetto   non   è   in   competizione   con   altre   verità rivelate,      teoriche,      ipotetiche,      immaginarie, illusorie,    astratte.    Nessun    popolo,    e    nessuna dottrina   o   teoria,   possono   ammettere   di   far   parte di    un    miracolo    vivente,    come    facciamo    noi. Siamo   parte   di   colui   che   ha   creato   il   mondo, l’unico   vero   Dio.      Il   mondo   è   contrariato   da   tante cose,   è   confuso   e   insicuro,   perché   non   ha   più   il collegamento   diretto   con   il   Signore,   non   ha   più quei   valori   primordiali   che   bisogna   diffondere   e proporre,   come   i   nostri   padri,   i   veri   cristiani   ed   i santi   hanno   sempre   fatto.   Se   vogliamo   bene   al Signore,     cerchiamo     di     migliorare     la     nostra esperienza,    mettendoci    in    discussione    senza credere    di    sapere    già    tutto,    e    preoccupandoci      sempre   di   diffondere   la   verità   di   Dio   nel   migliore dei   modi.   Potremmo   essere   nella   possibilità   di trasmettere   quei   valori,   come   han   fatto   i   veri cristiani,   con   tanta   forza.   Il   Signore   ci   dimostra che   è   infinitamente   più   potente   del   male,   perché basta   che   scenda   la   sua   grazia   su   una   persona per     annullare     tanto     male     nel     mondo     e sconvolgere   i   potenti.   Ne   abbiamo   la   prova   in Madre   Teresa   di   Calcutta,   in   Giovanni   Paolo   II°, in   padre   Pio…   Il   male   non   riesce   a   fare   tanto,   ma ottiene   un   risultato   preoccupante   solo   perché   la grande massa è caduta nelle sue sgrinfie.  DESIDERIAMO CON GIOIA DI VIVERE BENE INSIEME La   Madonna   vuole   portarci   ad   un   cambiamento totale   della   nostra   vita,   senza   perdere   il   senso della   misura,   della   responsabilità,   ma   mettendoci a     confronto     gli     uni     gli     altri.     Innanzitutto dobbiamo   dimostrare   al   Signore   di   stare   bene insieme,   non   che   ci   critichiamo   gli   uni   gli   altri   o   ci rispettiamo     solo     perché     è     un     dovere,     una condizione   sociale.      Dimostriamo   al   Signore   che ci   amiamo,   che   quello   dice   la   nostra   bocca   è confermato    dal    nostro    cuore,    non    viceversa… Perché     deludiamo     tanto     Colui     che     si     è compiaciuto      nel      crearci?      Non      dobbiamo sopportarci   in   nome   del   Signore,      o   dire:   “se   non fossi   cristiano   mi   sarei   già   separato…”   o   “l’avrei mandato    a    quel    paese…”.     In    quel    momento, quando   nel   nostro   cuore   c’è   quel   sentimento,   che non   facciamo   certe   cose   perché   siamo   costretti   o fermati   dalla   nostra   stessa   fede,   l’abbiamo   già fatto.    Non    commettiamo    più    questo    errore, perché   se   non   si   è   uniti   nel   cammino   della   vita, se    non    si    vive    con    gioia    insieme,    ma    ci    si sopporta,    si    vive    pesantemente    e    non    ci    si migliora.          Non     deve     essere     un     problema accettarsi    anche    con    tanti    difetti,    magari    la persona   che   abbiamo   accanto   è   la   prova   che   il Signore    ci    ha    messo    davanti,    non    per    farci soffrire.     Accettiamo     la     nostra     croce,     non lamentiamoci,    non    invochiamo    il    Signore    di togliercela,   altrimenti   dimostriamo   il   contrario   di quello   che   ha   dimostrato   Gesù.   Dobbiamo   amarla quella   croce,   perché   solo   il   Signore   ci   conosce fino   in   fondo   e   improvvisamente   può   cambiare tutto.   E   se   è   vero   che   abbiamo   fede,   che    “non cade   foglia   che   Dio   non   voglia”,   niente   è   vano   in questa     vita.     Niente.     Quante     volte     abbiamo ringraziato   il   periodo   difficile   della   nostra   vita,     che   ci   ha   fatto   crescere!      Se   avessimo   vissuto   il momento       della       risurrezione       di       Gesù, mentalmente   penseremmo   che   non   ci   avrebbe fermato    più    nessuno,    che    era    evidente    che avremmo    fatto    le    cose    migliori,    memori    di quell’esempio.      Invece      la      nostra      fede      va indebolendosi    e    annulliamo    la    presenza    del Signore    in    noi.    Dobbiamo    riflettere    di    questo fatto e fare un profondo esame di coscienza.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile