Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Affidarsi   a   Dio   significa   essere   vittoriosi,   è   scritto   sul   Vangelo.   Solo   così   possiamo   fare   bene   più   di   quanto   può   fare   un politico.   Purtroppo   nel   corso   della   storia   l'uomo   si   è   sempre   tirato   addosso   tanti   disastri   per   la   sua   abitudine   di   vita   e oggi   il   mondo   sta   pagando   la   gravità   dei   suoi   peccati.   E   quando   la   vita   ci   presenta   il   conto,   non   è   facile...   Il   Signore, sicuramente,   soccorrerà   i   figli   che   gli   sono   fedeli,   che   interpretano   la   Bibbia   nel   modo   giusto.   Perciò   nessun   avvenimento terreno   dovrebbe   farci   paura,   nemmeno   questa   crisi.   Invece   ci   siamo   fatti   prendere   dall'ansia,   sembriamo   tutti   sull’orlo del   baratro,   presi   a   salvaguardare   gli   interessi   materiali.   Se   cominciamo   ad   essere   tremolanti   e   paurosi,   vuol   dire   che anche   dentro   di   noi   non   abbiamo   quella   forza   e   quella   fiducia   che   dobbiamo   avere   in   Dio.   E   se   il   Signore   volesse   metterci alla   prova,   come   ha   fatto   con   Giobbe,   per   farci   capire   che   se   non   ritorniamo   a   Lui   la   nostra   fine   è   segnata?   Il   momento che    stiamo    vivendo    è    insignificante    rispetto    a    quello    che    Dio    ci    ha    già    garantito.    Manteniamo    la    calma, minimizziamo,   non   lasciamoci   sorprendere   da   eventi   terreni   e   non   diffondiamo   il   panico.   Cosa   dobbiamo temere?   Tanto   chi   porterà   ordine   nel   mondo   sarà   ancora   Dio,   con   un   atto   di   misericordia,   non   sarà   quel   politico   o quell'altro,   non   sarà   l'uomo   a   risolvere   i   problemi   che   ha   creato.   Dimostriamo   che   anche   quando   infuria   l'uragano   noi abbiamo   sempre   un   punto   fermo   che   ci   mantiene   uniti   e   protetti.   Cerchiamo   di   capire   il   significato   della   parola conversione,   che   non   è   quello   di   dire   agli   altri   che   si   devono   convertire,   ma   fare   un   cammino   interiore,   ricercare   sempre Dio   per   avere   ogni   volta   una   conoscenza   maggiore   di   quella   di   prima.   Ci   lamentiamo   e   colpevolizziamo   gli   altri   perché manchiamo   di   fede.   Certo,   ci   dispiace   vedere   tanta   gente   disperata,   in   una   situazione   che   sembra   peggiorare   di   giorno   in giorno.   Ma   ci   siamo   mai   dispiaciuti   prima   di   come   vivevano   queste   persone?   Di   come   si   comportavano   in   casa loro   e   di   cosa   avevano   nel   cuore?   È   inutile   dispiacersi   per   l'esteriorità   quando   non   ci   siamo   dispiaciuti   dell'interiorità. E   si   che   il   Signore   si   cura   molto   di   più   dell'interiorità,   è   scritto   anche   sulla   Bibbia.   Pur   essendo   noi   persone   di   chiesa   e   di preghiera,   abbiamo   tenuto   in   poca   considerazione   le   rivelazioni   che   Gesù   ha   pagato   con   la   vita.   E   se   da   noi   potesse dipendere   il   futuro   di   altri?   Per   il   merito   di   poche   persone   Dio   ha   sempre   allentato   quello   che   doveva   essere   il   suo intervento ed addirittura ha difeso anche quelli che non erano meritevoli.  QUANTO MALE SI FA IN BUONA FEDE! Neanche   ce   ne   rendiamo   conto.   Dovrebbe   venirci   la   nausea   quando   sentiamo   parlare   di   errori   in   buona   fede,   come   ha dato   nausea   al   Signore   vedere   gli   ipocriti   nel   Tempio   e   i   farisei   che   in   buona   fede,   si   sentivano   a   posto   solo   perché pagavano   la   10ª,   facevano   il   digiuno   e   pregavano.   Essere   uomini   non   vuol   dire   essere   sempre   in   difetto   verso   il   Signore. Noi   vogliamo   giustificare   tutto   perché   non   vogliamo   cambiare   vita   e   allora   giriamo   intorno   all'ostacolo   come   ci   fa comodo.   In   realtà,   se   fossimo   veramente   uomini,   corrisponderemmo   alla   caratteristica   per   cui   Dio   ci   ha   creati;   così siamo   una   brutta   copia   di   uomini,   perché   abbiamo   profanato   ciò   che   Lui   voleva   si   conservasse.   Dobbiamo   riscoprire   il nostro   potenziale,   mettendo   al   primo   posto   Dio   che   è   la   parte   più   semplice,   mentre   la   parte   più   difficile   è   quella   che   ci creiamo   con   le   nostre   scelte,      i   nostri   ragionamenti   e   la   nostra   buona   fede.   Bisogna   capire   che   la   ragione   va   usata   a livello   materiale,   ma   non   va   usata   nella   parte   spirituale,   dove   tutto   è   il   contrario   di   tutto.   Il   Signore   sa   perfettamente   che se   uno   mette   al   primo   posto,   in   buona   fede,   la   sua   ragione,   non   potrà   abbandonarsi   a   Dio.   Ci   vuole   un   po'   di   incoscienza. Dovremmo   dimenticarci   di   dire   che   è   impossibile   fare   quello   che   il   Signore   ci   chiede:   chi   parla   così   non   ha   fede,   anche   se ha   tanto   pregato.   Se   un   giorno   il   Signore   ci   facesse   vedere   come   dovremmo   essere   riconoscenti   per   quello   che   Gesù   ci ha   portato   con   la   sua   vita   e   la   sua   risurrezione,   nessuno   di   noi   direbbe   più    “è   difficile”.    Ci   deve   dispiacere   che   il   Signore trovi   tanta   irriconoscenza,   che   trovi   tanti   cristiani   che   non   lo   amano.   Cerchiamo   di   sentire   l'amore   verso   Dio,   come   Lui gradisce,   da   persone   equilibrate,   senza   perdere   il   senso   della   misura   e   gli   interessi   per   le   cose   materiali.   L'uomo   che eccelle   in   difetto   o   in   eccesso   non   fa   bene,   perché   poi   commette   errori   madornali.   Si   fa   del   male   in   buona   fede,   ma   non deve   più   essere   la   scusante   di   tutte   le   nostre   azioni,   perché   è   ciò   che   ci   penalizza   ancora   di   più.   La   buona   fede   non   è un fatto positivo perché toglie il senso della misura davanti a Dio e davanti alla materia.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Interiorità o esteriorità?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Affidarsi   a   Dio   significa   essere   vittoriosi,   è   scritto sul   Vangelo.   Solo   così   possiamo   fare   bene   più   di quanto   può   fare   un   politico.   Purtroppo   nel   corso della   storia   l'uomo   si   è   sempre   tirato   addosso tanti   disastri   per   la   sua   abitudine   di   vita   e   oggi   il mondo   sta   pagando   la   gravità   dei   suoi   peccati.   E quando   la   vita   ci   presenta   il   conto,   non   è   facile... Il   Signore,   sicuramente,   soccorrerà   i   figli   che   gli sono   fedeli,   che   interpretano   la   Bibbia   nel   modo giusto.     Perciò     nessun     avvenimento     terreno dovrebbe    farci    paura,    nemmeno    questa    crisi. Invece     ci     siamo     fatti     prendere     dall'ansia, sembriamo    tutti    sull’orlo    del    baratro,    presi    a salvaguardare      gli      interessi      materiali.      Se cominciamo   ad   essere   tremolanti   e   paurosi,   vuol dire   che   anche   dentro   di   noi   non   abbiamo   quella forza   e   quella   fiducia   che   dobbiamo   avere   in   Dio. E   se   il   Signore   volesse   metterci   alla   prova,   come ha   fatto   con   Giobbe,   per   farci   capire   che   se   non ritorniamo    a    Lui    la    nostra    fine    è    segnata?    Il momento    che    stiamo    vivendo    è    insignificante rispetto    a    quello    che    Dio    ci    ha    già    garantito. Manteniamo    la    calma,    minimizziamo,    non lasciamoci   sorprendere   da   eventi   terreni   e non    diffondiamo    il    panico.    Cosa    dobbiamo temere?   Tanto   chi   porterà   ordine   nel   mondo   sarà ancora   Dio,   con   un   atto   di   misericordia,   non   sarà quel    politico    o    quell'altro,    non    sarà    l'uomo    a risolvere   i   problemi   che   ha   creato.   Dimostriamo che   anche   quando   infuria   l'uragano   noi   abbiamo sempre   un   punto   fermo   che   ci   mantiene   uniti   e protetti.   Cerchiamo   di   capire   il   significato   della parola   conversione,   che   non   è   quello   di   dire   agli altri    che    si    devono    convertire,    ma    fare    un cammino    interiore,    ricercare    sempre    Dio    per avere    ogni    volta    una    conoscenza    maggiore    di quella   di   prima.   Ci   lamentiamo   e   colpevolizziamo gli    altri    perché    manchiamo    di    fede.    Certo,    ci dispiace    vedere    tanta    gente    disperata,    in    una situazione   che   sembra   peggiorare   di   giorno   in giorno.   Ma   ci   siamo   mai   dispiaciuti   prima   di come   vivevano   queste   persone?   Di   come   si comportavano     in     casa     loro     e     di     cosa avevano    nel    cuore?    È    inutile    dispiacersi    per l'esteriorità    quando    non    ci    siamo    dispiaciuti dell'interiorità.   E   si   che   il   Signore   si   cura   molto   di più   dell'interiorità,   è   scritto   anche   sulla   Bibbia. Pur   essendo   noi   persone   di   chiesa   e   di   preghiera, abbiamo     tenuto     in     poca     considerazione     le rivelazioni   che   Gesù   ha   pagato   con   la   vita.   E   se da   noi   potesse   dipendere   il   futuro   di   altri?   Per   il merito   di   poche   persone   Dio   ha   sempre   allentato quello   che   doveva   essere   il   suo   intervento   ed addirittura   ha   difeso   anche   quelli   che   non   erano meritevoli.  QUANTO MALE SI FA IN BUONA FEDE! Neanche   ce   ne   rendiamo   conto.   Dovrebbe   venirci la   nausea   quando   sentiamo   parlare   di   errori   in buona   fede,   come   ha   dato   nausea   al   Signore vedere   gli   ipocriti   nel   Tempio   e   i   farisei   che   in buona    fede,    si    sentivano    a    posto    solo    perché pagavano     la     10ª,     facevano     il     digiuno     e pregavano.   Essere   uomini   non   vuol   dire   essere sempre   in   difetto   verso   il   Signore.   Noi   vogliamo giustificare     tutto     perché     non     vogliamo cambiare      vita      e     allora     giriamo     intorno all'ostacolo    come    ci    fa    comodo.    In    realtà,    se fossimo    veramente    uomini,    corrisponderemmo alla   caratteristica   per   cui   Dio   ci   ha   creati;   così siamo     una     brutta     copia     di     uomini,     perché abbiamo     profanato     ciò     che     Lui     voleva     si conservasse.     Dobbiamo     riscoprire     il     nostro potenziale,   mettendo   al   primo   posto   Dio   che   è   la parte   più   semplice,   mentre   la   parte   più   difficile   è quella   che   ci   creiamo   con   le   nostre   scelte,      i nostri    ragionamenti    e    la    nostra    buona    fede. Bisogna   capire   che   la   ragione   va   usata   a   livello materiale,   ma   non   va   usata   nella   parte   spirituale, dove   tutto   è   il   contrario   di   tutto.   Il   Signore   sa perfettamente   che   se   uno   mette   al   primo   posto, in    buona    fede,    la    sua    ragione,    non    potrà abbandonarsi     a     Dio.     Ci     vuole     un     po'     di incoscienza.   Dovremmo   dimenticarci   di   dire   che è   impossibile   fare   quello   che   il   Signore   ci   chiede: chi   parla   così   non   ha   fede,   anche   se   ha   tanto pregato.    Se    un    giorno    il    Signore    ci    facesse vedere   come   dovremmo   essere   riconoscenti   per quello   che   Gesù   ci   ha   portato   con   la   sua   vita   e   la sua   risurrezione,   nessuno   di   noi   direbbe   più    “è difficile”.    Ci   deve   dispiacere   che   il   Signore   trovi tanta   irriconoscenza,   che   trovi   tanti   cristiani   che non    lo    amano.    Cerchiamo    di    sentire    l'amore verso     Dio,     come     Lui     gradisce,     da     persone equilibrate,   senza   perdere   il   senso   della   misura   e gli   interessi   per   le   cose   materiali.   L'uomo   che eccelle    in    difetto    o    in    eccesso    non    fa    bene, perché   poi   commette   errori   madornali.   Si   fa   del male   in   buona   fede,   ma   non   deve   più   essere   la scusante   di   tutte   le   nostre   azioni,   perché   è   ciò che   ci   penalizza   ancora   di   più.   La   buona   fede non    è    un    fatto    positivo    perché    toglie    il senso   della   misura   davanti   a   Dio   e   davanti alla materia.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile