Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   dobbiamo   vivere   la   nostra   realtà,   non   prendere   spunti   o   paragonarci   a   esperienze   passate   di   vita   vissuta.   Ogni giorno   ha   la   sua   storia   e   può   avere   delle   nuove   verità,   che   sono   già   scritte   prima   della   nostra   esistenza.   Crediamo fermamente    in    Dio    o    ci    crediamo    solo    per    una    convenienza    personale,    quando    siamo    nella    sofferenza    e    nella tribolazione?   L'uomo   deve   cambiare   completamente   modo   di   agire   e   di   ragionare   perché   non   sta   facendo   il   proprio dovere   agli   occhi   del   Signore.   Mentre   tutto   il   creato   é   in   un'armonia   perfetta,   noi   lo   rendiamo   disarmonico,   non   riusciamo più   a   interpretare   il   nostro   ruolo   principale   e   a   confermare   quello   che   è   stato   scritto   per   noi   sulla   Bibbia.   Poiché   non abbiamo   accettato   Dio   come   conviene,   stiamo   precipitando   in   una   condizione   di   confusione   totale,   vedremo   cose   sempre peggiori.   Accogliere   Dio   vuol   dire   innanzitutto   accettare   l'amore,   creare   l'amore,   facilitare   tutte   le   persone   che   ci stanno   vicine,   portare   loro   sollievo,   tranquillità,   serenità,   pace   e   gioia,   non   conflitti   personali   che   alterano   “l'atmosfera” con   gelosie,   invidie,   cattiverie,   ripicche,   tradimenti   (tutte   cose   che   non   fanno   parte   della   regola   di   vita   dell'uomo). Potremo   essere   veri   strumenti   del   Signore   quando   la   smetteremo   di   “azzannarci”   a   vicenda,   di   muoverci   in   un   modo disarmonico,   con   ansia   e   tensione.   Quando   andiamo   da   un   medico   o   da   uno   specialista,   siamo   totalmente   dipendenti   da quello   che   dice   ed   in   silenzio   ascoltiamo   la   diagnosi.   Però   non   prestiamo   attenzione   alla   voce   del   nostro   “primario”,   del Signore,    che    sa    perfettamente    quello    di    cui    abbiamo    bisogno;    vogliamo    sovrapporci    come    per    giustificarci    e    ci affanniamo   a   voler   stabilire   come   dobbiamo   risanarci.   Se   avessimo   il   potere   di   Dio   ci   escluderemmo   a   vicenda,   faremmo piazza   pulita   di   ciò   che   non   reputiamo   cosa   buona.   Ma   non   trionferebbe   il   cuore   immacolato   di   Maria.   L'umanità   si   salva quando   si   ravvede   e   si   perdona,   non   quando   si   esclude.   Perché   vogliamo   rappresentare   e   proporre   un   Dio   che   castiga, quando   invece   è   infinitamente   amore?   Dirà   di   noi:   "Come   ti   permetti   di   dire   che   io   sono   questo   o      quello,   quando   non sono   mai   intervenuto   come   pensi   tu,   altrimenti   non   esisterebbe   più   uomo   sulla   Terra!".   Offriamo   al   mondo   il   vero   volto   di Gesù,   infinitamente   buono   e   misericordioso,   senza   approfittare   della   sua   bontà,   iniziando   ad   amarci.   Amare   deve essere   un   gesto   spontaneo,   non   una   decisione   mentale,   fredda,   obbligata;   deve   dispiacere   ogni   problema   e   ogni contrasto   che   c'è   su   questa   Terra.   Il   richiamo   di   Dio   è   sempre   stato   sul   lato   comportamentale   dell'uomo:   rispettiamo   la sua   Legge   o   siamo      ascoltatori   smemorati?   Quando   nel   nostro   cuore   c'è   l'armonia   celeste,   che   il   Signore   concede   a coloro   che   sono   giusti   davanti   a   Lui,   tutto   il   resto   è   di   importanza   secondaria.   Prima   di   tutto   viene   il   coinvolgimento   in nome   di   Dio.   Potremmo   fare   molto   di   più,   facendo   molto   di   meno,    rimanendo   all'ascolto   come   chiede   il   Signore. Chi   ci   ha   abituato   a   non   obbedire,   a   proporre,   a   discutere,   ad   approvare?   Chi   di   noi   conosce   il   Signore?   E’   un   mistero, non   dobbiamo   neanche   permetterci   di   immaginarlo,   come   se   fosse   vera   la   nostra   immaginazione.   Deve   prevalere   in   noi   il senso di accettazione, di considerazione e di amore nel guardare al nostro prossimo.  BENESSERE FISICO E COMPORTAMENTO INTERIOREIl cambiamento   interiore   avviene   quando   ci   tranquillizziamo,   in   modo   da   permettere   allo   Spirito   Santo   di   entrare   dentro   di noi.   Quando   invece   siamo   agitati   e   i   nostri   pensieri   viaggiano   “a   mille”,   eliminiamo   tutto,   siamo   la   causa   dell'ansia   e   dello stress,   che   sono   peggio   del   veleno   per   l'essere   umano.   Addolciamo   il   nostro   cuore,   riposiamo   con   il   Signore   e   la Madonna,   vedremo   la   nostra   anima   rasserenarsi   e   tante   malattie   che   sono   in   noi   guarire.   Quando   facciamo   la   nostra parte,   quella   che   Gesù   desidera,   portiamo   positività      a   noi   stessi,   mentre   quando   non   la   facciamo,   aumentiamo   il problema.   I   traumi   interiori   possono   innescare   malattie   perché   siamo   delicati,   basta   uno   spavento   per   alterare   l'equilibrio psicofisico.   Noi   siamo   fatti   di   milioni   di   cellule   e   il   tumore   è   una   cellula   che   si   modifica.   Perché   accade?   Per   qualcuno   ci sarà   una   patologia,   ma   per   tanti   è   causato   dal   trauma   psicofisico   che   l'individuo   somatizza:   mal   di   testa,   mal   di   stomaco, tutte   cose   che   creiamo   con   il   nostro   disordine.   Cerchiamo   di   camminare   come   ci   è   stato   insegnato   ed   educhiamo   gli   altri a non pregare per convenienza, ma per lodare il Signore, che già conosce le nostre necessità. IL DISINTERESSE DELL’INTERESSE Amiamo   disinteressatamente?   Dio   ci   ha   insegnato   che   il    modo    migliore    di    amare    è    nel    “disinteresse    degli interessi”,    non   amare   per   una   convenienza.   Amare   perché   in   quella   persona   c’è   Dio,   è   una   sua   creatura,   perché abbiamo   magari   la   possibilità   di   migliorare   e   rallegrare   un   cuore   contrito   e   sofferente,   che   ha   un'infinità   di   problemi. Tutte   le   nostre   necessità   la   Madonna   le   ha   già   messe   nel   suo   cestino   d'oro   e   le   porterà   in   cielo   davanti   al   Signore   per ottenere   le   grazie   di   cui   abbiamo   bisogno,   però   dobbiamo   seguirla   come   bambini   obbedienti   e   fiduciosi   del   fatto   che   una mamma   ci   ha   preso   per   mano   e   ci   sta   portando   fuori   dai   contagi   negativi   del   mondo.   Per   favorire   l'intervento   del   Signore dobbiamo   comportarci   come   i   Santi   ci   hanno   insegnato;   loro   avevano   una   caratteristica   in   comune:   l'obbedienza, l'umiltà   e   l'amore.   Davanti   a   tutte   le   domande   sugli   errori   del   mondo,   Maria   Santissima   ha   fornito   a   Roberto   una   sola risposta,   tra   il   serio   e   il   divertito,   ma   con   grande   dolcezza:   "Tu      ama" .   A   chi   si   rivolge   a   noi   insegniamo   innanzitutto   se sanno   amare,   non   se   sanno      ragionare.   La   via   migliore   per   risolvere   i   problemi   in   un   modo   perfetto   è   quella   di   amare; certo   valgono   anche   altri   consigli,      ma   amare   può   veramente   cambiare   la   vita,   in   qualsiasi   situazione,   anche   se   non   ne sappiamo   il   motivo.   Dove   c'è   più      bisogno   di   amare?   Ognuno   di   noi   ha   un'opportunità   personale,   magari   dove   abbiamo subito   più   ingiustizie,   dove   non      vorremmo   mai   dimostrare   la   nostra   disponibilità,   verso   la   persona   più   antipatica,   ma   è questo   che   si   aspetta   da   noi   il      Signore.   Solo   così      manterrà   fede   a   tutto   quello   che   ci   ha   promesso.   È   il   Signore   che interviene,   il   Creatore,   ma   se   non   gli      apriamo   la   porta   e   non   favoriamo   il   suo   intervento,   poco   conta   se   facciamo   tante altre   cose,   perché   sacrifici   e   olocausti   non   li   accetta.   Magari   ci   costano   di   più,   ma   non   servono   a   niente.   Perché   vogliamo continuare   ad   offrire   al   Signore   quello   che      non   ci   chiede?   Siamo   sicuri   che   a   Lui   vada   bene?   Se   sappiamo   che   uno predilige   un   cibo,   perché   ostinatamente   vogliamo      dargli   quello   che   non   gradisce?   Nella   sua   infinita   misericordia   il Signore   non   ci   chiede   dei   grandi   sacrifici,   perché   in   realtà      che   cosa   ci   costa   l'amore?   E’   totalmente   gratuito,   ci   fa   vivere meglio   e   ci   fa   essere   superiori   a   tutti   problemi   del   mondo.      Com’è   semplice   obbedire   e   fare   la   volontà   di   Dio!    Poi subentrano   altre   qualità   che   ci   permettono   di   affrontare   e      superare   ogni   situazione   della   vita,   con   uno   spirito   perfetto. Quando   una   persona   si   rivolge   a   noi   e   sembra   che   tutto   gli      debba   crollare   addosso,   con   umiltà   possiamo   fargli   capire che   si   è   dimenticata   di   amare,   perché   è   troppo   dura   dentro   di   sé,      troppo   piena   del   suo   io   e   della   propria   ragione. Possiamo   dirgli:   “Sbloccati,   rilassati,   lasciati   andare,   non   pensare   se   è      giusto   o   se   non   è   giusto.   Il   Signore   non   ha   fatto questo   ragionamento   quando   è   salito   sul   Calvario,   ha   amato   totalmente,      anche   quelli   che   lo   mettevano   in   croce”.    Dio   si serve   di   noi   per   portare   il   bene,   perché   in   ogni   intervento   che   ha   fatto   sulla      Terra   si   è   sempre   servito   dell'uomo.   Noi siamo   importanti   collaboratori   del   Signore,   non   dimentichiamocelo,   cerchiamo   solo      di   essere   più   giusti   possibili   e psicologicamente   preparati   nelle   cose   semplici.   Non   aspiriamo   a   cose   troppo   grandi   che   ci      portano   solamente   a   non sapere più da che parte muoverci, aspiriamo a quelle più umili, quelle che sono alla nostra  portata.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Dio è infinitamente amore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Noi    dobbiamo    vivere    la    nostra    realtà,    non prendere    spunti    o    paragonarci    a    esperienze passate   di   vita   vissuta.   Ogni   giorno   ha   la   sua storia   e   può   avere   delle   nuove   verità,   che   sono già   scritte   prima   della   nostra   esistenza.   Crediamo fermamente   in   Dio   o   ci   crediamo   solo   per   una convenienza     personale,     quando     siamo     nella sofferenza    e    nella    tribolazione?    L'uomo    deve cambiare    completamente    modo    di    agire    e    di ragionare    perché    non    sta    facendo    il    proprio dovere    agli    occhi    del    Signore.    Mentre    tutto    il creato   é   in   un'armonia   perfetta,   noi   lo   rendiamo disarmonico,   non   riusciamo   più   a   interpretare   il nostro   ruolo   principale   e   a   confermare   quello   che è   stato   scritto   per   noi   sulla   Bibbia.   Poiché   non abbiamo    accettato    Dio    come    conviene,    stiamo precipitando    in    una    condizione    di    confusione totale,      vedremo      cose      sempre      peggiori. Accogliere      Dio      vuol      dire      innanzitutto accettare   l'amore,   creare   l'amore,   facilitare tutte   le   persone   che   ci   stanno   vicine,   portare   loro sollievo,   tranquillità,   serenità,   pace   e   gioia,   non conflitti   personali   che   alterano   “l'atmosfera”   con gelosie,    invidie,    cattiverie,    ripicche,    tradimenti (tutte   cose   che   non   fanno   parte   della   regola   di vita   dell'uomo).   Potremo   essere   veri   strumenti del      Signore      quando      la      smetteremo      di “azzannarci”   a   vicenda,   di   muoverci   in   un   modo disarmonico,    con    ansia    e    tensione.    Quando andiamo    da    un    medico    o    da    uno    specialista, siamo   totalmente   dipendenti   da   quello   che   dice ed   in   silenzio   ascoltiamo   la   diagnosi.   Però   non prestiamo     attenzione     alla     voce     del     nostro “primario”,    del    Signore,    che    sa    perfettamente quello     di     cui     abbiamo     bisogno;     vogliamo sovrapporci   come   per   giustificarci   e   ci   affanniamo a    voler    stabilire    come    dobbiamo    risanarci.    Se avessimo    il    potere    di    Dio    ci    escluderemmo    a vicenda,   faremmo   piazza   pulita   di   ciò   che   non reputiamo   cosa   buona.   Ma   non   trionferebbe   il cuore   immacolato   di   Maria.   L'umanità   si   salva quando   si   ravvede   e   si   perdona,   non   quando   si esclude.     Perché     vogliamo     rappresentare     e proporre   un   Dio   che   castiga,   quando   invece   è infinitamente    amore?    Dirà    di    noi:    "Come    ti permetti   di   dire   che   io   sono   questo   o      quello, quando   non   sono   mai   intervenuto   come   pensi   tu, altrimenti     non     esisterebbe     più     uomo     sulla Terra!".   Offriamo   al   mondo   il   vero   volto   di   Gesù, infinitamente    buono    e    misericordioso,    senza approfittare   della   sua   bontà,   iniziando   ad   amarci. Amare   deve   essere   un   gesto   spontaneo,   non una   decisione   mentale,   fredda,   obbligata;   deve dispiacere   ogni   problema   e   ogni   contrasto   che   c'è su    questa    Terra.    Il    richiamo    di    Dio    è    sempre stato     sul     lato     comportamentale     dell'uomo: rispettiamo   la   sua   Legge   o   siamo      ascoltatori smemorati?     Quando     nel     nostro     cuore     c'è l'armonia   celeste,   che   il   Signore   concede   a   coloro che   sono   giusti   davanti   a   Lui,   tutto   il   resto   è   di importanza   secondaria.   Prima   di   tutto   viene   il coinvolgimento   in   nome   di   Dio.   Potremmo   fare molto     di     più,     facendo     molto     di     meno,   rimanendo   all'ascolto   come   chiede   il   Signore.   Chi ci    ha    abituato    a    non    obbedire,    a    proporre,    a discutere,   ad   approvare?   Chi   di   noi   conosce   il Signore?   E’   un   mistero,   non   dobbiamo   neanche permetterci   di   immaginarlo,   come   se   fosse   vera la   nostra   immaginazione.   Deve   prevalere   in   noi   il senso    di    accettazione,    di    considerazione    e    di amore nel guardare al nostro prossimo.  BENESSERE FISICO E COMPORTAMENTO INTERIOREIl cambiamento     interiore     avviene     quando     ci tranquillizziamo,    in    modo    da    permettere    allo Spirito   Santo   di   entrare   dentro   di   noi.   Quando invece   siamo   agitati   e   i   nostri   pensieri   viaggiano “a    mille”,    eliminiamo    tutto,    siamo    la    causa dell'ansia    e    dello    stress,    che    sono    peggio    del veleno   per   l'essere   umano.   Addolciamo   il   nostro cuore,   riposiamo   con   il   Signore   e   la   Madonna, vedremo   la   nostra   anima   rasserenarsi   e   tante malattie     che     sono     in     noi     guarire.     Quando facciamo    la    nostra    parte,    quella    che    Gesù desidera,    portiamo    positività        a    noi    stessi, mentre   quando   non   la   facciamo,   aumentiamo   il problema.   I   traumi   interiori   possono   innescare malattie     perché     siamo     delicati,     basta     uno spavento   per   alterare   l'equilibrio   psicofisico.   Noi siamo   fatti   di   milioni   di   cellule   e   il   tumore   è   una cellula    che    si    modifica.    Perché    accade?    Per qualcuno   ci   sarà   una   patologia,   ma   per   tanti   è causato    dal    trauma    psicofisico    che    l'individuo somatizza:   mal   di   testa,   mal   di   stomaco,   tutte cose     che     creiamo     con     il     nostro     disordine. Cerchiamo     di     camminare     come     ci     è     stato insegnato   ed   educhiamo   gli   altri   a   non   pregare per   convenienza,   ma   per   lodare   il   Signore,   che già conosce le nostre necessità. IL DISINTERESSE DELL’INTERESSE Amiamo      disinteressatamente?      Dio      ci      ha insegnato   che   il   modo   migliore   di   amare   è   nel “disinteresse   degli   interessi”,    non   amare   per una     convenienza.     Amare     perché     in     quella persona    c’è    Dio,    è    una    sua    creatura,    perché abbiamo    magari    la    possibilità    di    migliorare    e rallegrare   un   cuore   contrito   e   sofferente,   che   ha un'infinità   di   problemi.   Tutte   le   nostre   necessità la   Madonna   le   ha   già   messe   nel   suo   cestino   d'oro e    le    porterà    in    cielo    davanti    al    Signore    per ottenere   le   grazie   di   cui   abbiamo   bisogno,   però dobbiamo    seguirla    come    bambini    obbedienti    e fiduciosi   del   fatto   che   una   mamma   ci   ha   preso per    mano    e    ci    sta    portando    fuori    dai    contagi negativi   del   mondo.   Per   favorire   l'intervento   del Signore   dobbiamo   comportarci   come   i   Santi   ci hanno   insegnato;   loro   avevano   una   caratteristica in   comune:   l'obbedienza,   l'umiltà   e   l'amore. Davanti    a    tutte    le    domande    sugli    errori    del mondo,   Maria   Santissima   ha   fornito   a   Roberto una   sola   risposta,   tra   il   serio   e   il   divertito,   ma con   grande   dolcezza:   "Tu      ama" .   A   chi   si   rivolge a   noi   insegniamo   innanzitutto   se   sanno   amare, non   se   sanno      ragionare.   La   via   migliore   per risolvere   i   problemi   in   un   modo   perfetto   è   quella di   amare;   certo   valgono   anche   altri   consigli,      ma amare    può    veramente    cambiare    la    vita,    in qualsiasi   situazione,   anche   se   non   ne   sappiamo   il motivo.   Dove   c'è   più      bisogno   di   amare?   Ognuno di   noi   ha   un'opportunità   personale,   magari   dove abbiamo     subito     più     ingiustizie,     dove     non       vorremmo   mai   dimostrare   la   nostra   disponibilità, verso   la   persona   più   antipatica,   ma   è   questo   che si   aspetta   da   noi   il      Signore.   Solo   così      manterrà fede    a    tutto    quello    che    ci    ha    promesso.    È    il Signore   che   interviene,   il   Creatore,   ma   se   non   gli     apriamo     la     porta     e     non     favoriamo     il     suo intervento,   poco   conta   se   facciamo   tante   altre cose,   perché   sacrifici   e   olocausti   non   li   accetta. Magari    ci    costano    di    più,    ma    non    servono    a niente.   Perché   vogliamo   continuare   ad   offrire   al Signore   quello   che      non   ci   chiede?   Siamo   sicuri che    a    Lui    vada    bene?    Se    sappiamo    che    uno predilige   un   cibo,   perché   ostinatamente   vogliamo     dargli   quello   che   non   gradisce?   Nella   sua   infinita misericordia   il   Signore   non   ci   chiede   dei   grandi sacrifici,    perché    in    realtà        che    cosa    ci    costa l'amore?    E’    totalmente    gratuito,    ci    fa    vivere meglio   e   ci   fa   essere   superiori   a   tutti   problemi del   mondo.      Com’è   semplice   obbedire   e   fare la   volontà   di   Dio!    Poi   subentrano   altre   qualità che   ci   permettono   di   affrontare   e      superare   ogni situazione    della    vita,    con    uno    spirito    perfetto. Quando   una   persona   si   rivolge   a   noi   e   sembra che   tutto   gli      debba   crollare   addosso,   con   umiltà possiamo   fargli   capire   che   si   è   dimenticata   di amare,    perché    è    troppo    dura    dentro    di    sé,      troppo   piena   del   suo   io   e   della   propria   ragione. Possiamo     dirgli:     “Sbloccati,     rilassati,     lasciati andare,   non   pensare   se   è      giusto   o   se   non   è giusto.     Il     Signore     non     ha     fatto     questo ragionamento   quando   è   salito   sul   Calvario,   ha amato     totalmente,          anche     quelli     che     lo mettevano    in    croce”.     Dio    si    serve    di    noi    per portare   il   bene,   perché   in   ogni   intervento   che   ha fatto   sulla      Terra   si   è   sempre   servito   dell'uomo. Noi   siamo   importanti   collaboratori   del   Signore, non     dimentichiamocelo,     cerchiamo     solo          di essere    più    giusti    possibili    e    psicologicamente preparati   nelle   cose   semplici.   Non   aspiriamo   a cose   troppo   grandi   che   ci      portano   solamente   a non   sapere   più   da   che   parte   muoverci,   aspiriamo a   quelle   più   umili,   quelle   che   sono   alla   nostra     portata.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile