Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Il   Signore   ha   molto   a   cuore   la   pecorella   smarrita   tanto   da   lasciare   le   altre   99   nell'ovile   per   andare   a   cercarla;   noi,   in     generale,   siamo   diversi   perché   ci   comportiamo   da   autentici   farisei   quando   non   viviamo   come   il   Vangelo   ci   dice   di   vivere.     Seguiamo   la   nostra   logica   e   siamo   bravi   a   parole,   ma   poi   ci   dimentichiamo   di   tutto   e   il   nostro   cuore   rimane   chiuso,   non     condensato   d'amore   e   di   dolcezza   come   sono   i   doni   dello   Spirito   Santo.   La   Madonna   ha   confidato   a   Roberto   Longhi: "Figlio      caro,   vedi   nel   mondo   non   c'è   un   ceto   sociale,   non   c'è   un   ambiente   familiare,   non   c'è   un   ordine   religioso,   non   c'è un   luogo      di   lavoro   dove   non   ci   sia   confusione,   gelosia,   invidia,   falsità   e   cattiveria".   Tutti   elementi   che   escono   dal   nostro cuore   e   che      ci   fanno   perdere   la   gioia   di   vivere.   Perché   si   è   formato   tutto   questo,   c'è   forse   un   luogo   che   è   stato   protetto? Persino   nei      conventi   di   clausura   non   c'è   più   quell'unione,   quella   familiarità   e   quella   spiritualità   che   hanno   vissuto   un   po' di   anni   fa,      perché   è   entrata   la   mentalità   del   mondo,   la   ragione   dell'uomo,   e   non   abbiamo   più   testimoniato   la   verità. Pochissimi      di   noi   sono   identificati   nel   pubblicano,   la   stragrande   maggioranza   è   di   estrazione   dei   farisei.   Maria   Santissima ha   addirittura      consigliato   a   Roberto   di   leggere   alcuni   passi   della   Bibbia   per   recuperare   qualche   pecorella   smarrita: "Guarda   figlio   caro   sul      libro   della   Verità   e   troverai   tutte   le   risposte   necessarie   anche   per   quelli   che   parlano   a   nome   mio". Abbiamo   tutti   bisogno   di      imparare,   nessuno   è   un   professionista   della   parola   di   Dio,   nemmeno   il   teologo   perché   è umano,   e   magari   è   inasprito   nel      cuore   per   una   vita   troppo   dura   di   rinunce   davanti   a   un   mondo   allettante   che   propone tutti   i   piaceri   della   vita.   Il   demonio   è      riuscito   veramente   a   trarci   in   inganno,   come   e   più   di   quello   che   pensiamo   noi, attraverso   rivelazioni   private   belle   e      affascinanti   che   ci   portano   lontano   dal   contenuto   della   Bibbia.   Ci   ha   sedotto   con   la sue false verità perché non viene come  vero male.  Prima meditazione -  (Matteo 15, 8-20)   “Questo   popolo   mi   onora   con   le   labbra   ma   il   suo   cuore   è   lontano   da   me.   Invano   essi   mi   rendono   culto   insegnando dottrine      che   sono   precetti   di   uomini".   Si   può   rendere   culto   invano   con   le   nostre   discussioni,   i   nostri   riferimenti,   le   nostre     illustrazioni,   quello   che   ci   suggerisce   la   mente,   non   il   cuore.   Il   Signore   non   sa   che      farsene   di   queste   persone!   Lo   dice   lui     stesso   e   quindi   dobbiamo   crederci.   “Poi   riunita   la   folla   disse:   "Ascoltate   e   intendete!      Non   quello   che   entra   nella   bocca     rende   impuro   l'uomo,   ma   quello   che   esce   dalla   bocca   rende   impuro   l'uomo!".      Allora   i   discepoli   gli   si   accostarono   per     dirgli:   "Sai   che   i   farisei   si   sono   scandalizzati   nel   sentire   queste   parole?".   Ed   egli   rispose:   "Ogni   pianta   che   non   è   stata     piantata   dal   mio   Padre   celeste   sarà   sradicata.      Lasciateli!   Sono   ciechi   e   guide   di   ciechi.   E   quando   un   cieco   guida   un   altro     cieco,   tutti   e   due   cadranno   in   un   fosso!".      Pietro   allora   gli   disse:   "Spiegaci   questa   parabola".      Ed   egli   rispose:   "Anche   voi     siete   ancora   senza   intelletto?   -   (e   noi   siamo   quel   popolo)   -   Non   capite   che   tutto   ciò   che   entra   nella   bocca,   passa   nel     ventre   e   va   a   finire   nella   fogna?      Invece   ciò   che   esce   dalla   bocca   proviene   dal   cuore.   Questo   rende   immondo   l'uomo.   Dal     cuore,   infatti,   provengono   i   propositi   malvagi,   gli   omicidi,   gli   adultèri,   le   prostituzioni,   i   furti,   le   false   testimonianze,   le     bestemmie.   Queste   sono   le   cose   che   rendono   immondo   l'uomo,   ma   il   mangiare   senza   lavarsi   le   mani   non   rende immondo      l'uomo".   Come   è   attuale   questa   parabola,   cerchiamo   di   capirne   il   senso.   All’inizio   dei   miracoli   di   Gesù   la Madonna   disse:      "Fate   tutto   quello   che   Lui   vi   dirà";   ci   sembra   giusto   che   Maria   Santissima   venga   a   dire   che   dobbiamo preoccuparci      di   quello   che   entra   nella   bocca   e   non   di   quello   che   esce   dalla   bocca?   In   generale   esistono   molti   riferimenti a   questo.      Noi   dobbiamo   imparare   innanzitutto   a   essere   obiettivi   al   Vangelo,   perché   quello   che   esce   dalla   bocca,   la parola,   è   l’origine      di   tutti   i   mali   del   mondo.   Se   escono   parole   in   disarmonia   con   gli   insegnamenti   di   Dio,   è   meglio   non fare   il   digiuno   dal   cibo,      non   offendiamo   la   Madonna.   Se   il   digiuno   del   cibo   (che   di   per   sé   è   un'offerta   gradita   al   Signore   e fa   bene   anche   alla   salute)      avesse   portato   a   dei   benefici,   almeno   qualche   famiglia,   qualche   ambiente   di   lavoro,   qualche parrocchia,   qualche   istituto   si      sarebbe   salvato   e   la   Chiesa   stessa   ne   avrebbe   avuto   giovamento.   Invece   c'è   anche   chi   si insuperbisce   pensando   di   avere      acquisito   dei   meriti   e   si   sente   autorizzato   a   criticare   suo   fratello!   La   Chiesa   ha   i   suoi tempi   anche   per   il   digiuno.   Se   uno      vuole   fare   il   digiuno   per   conto   suo,   si   profumi   il   capo,   si   chiuda   nella   sua   stanza   e non   lo   dica   a   nessuno,   ma   prima   di   tutto      si   preoccupi   di   quello   che   esce   dalla   sua   bocca.   Sorvolare   un   fatto   così importante   vuol   dire   sorvolare   su   tutto   il   Vangelo   e      decidere   noi   cosa   desidera   di   più   il   Signore!   Il   digiuno   a   tante persone,   fa   l'effetto   di   indebolirle   fisicamente   e      psicologicamente,   le   rende   al   punto   di   rottura   nevrotica   perché   devono fare   uno   sforzo   sovrumano   dentro   di   loro.   Pian      piano   queste   persone   si   induriscono   nel   cuore   come   si   era   indurita   la suora   del   convento   che   ospitava   Bernadette   di      Lourdes,   perché   nonostante   una   vita   di   rinunce   lei   non   aveva   visto   la Madonna   (poi   si   è   sciolta   quando   ha   conosciuto      meglio   Bernadette).   Tutto   quello   che   offriamo   al   Signore   ci   deve   rendere gioiosi,   non   isterici,   che   basta   un   niente   per   farci      esplodere.   Stiamo   attenti,   la   Madonna   non   verrà   mai   dopo   tanti   secoli a   mettere   in   secondo   piano   la   rivelazione   che   suo      figlio   Gesù   ha   pagato   con   la   vita,   per   mettere   in   primo   piano   la   sua rivelazione.   Lei,   così   ossequiosa   della   legge   ebraica   da      farsi   purificare   al   Tempio   nonostante   fosse   pura,   è   la   prima   che rispetta   tutto   questo;   ha   dato   inizio   alla   nuova   Chiesa,   non      modificherà   per   nessun   motivo   il   Libro   della   Verità.   Il   male invece   agisce   anche   così.   Tanto   tempo   fa   la   Madre   di   Gesù,      quando   Roberto   lamentava   che   altri   messaggeri   erano   più lodati   dal   mondo   intero   (mentre   lui   doveva   solo   tagliare   sterpi   e      rovi   ed   essere   preso   in   giro   da   tutti),   diventò   seria all'improvviso   e   disse:   "Che   ne   sai   tu   di   altre   apparizioni,   sappi   che      molti   demoni   appaiono   in   nome   mio".   Portiamo davanti   a   tutti   il   nostro   cuore,   non   i   messaggi   che   si   attribuiscono   alla      Madonna,   per   avere   sempre   di   più   la caratteristica   del   pubblicano,   quello   che   si   dispiace   di   tutte   le   sue   magagne   e   che   non      si   sente   neanche   degno   di avanzare   nella   casa   del   Signore.   Dio   l'ha   premiato   preferendolo   ai   farisei   che   pagavano   le   tasse,      facevano   i   digiuni, andavano   in   chiesa,   facevano   tutto   quello   che   facciamo   noi!   Svegliamoci!   In   un   altro   passaggio,   nel      Salmo   51,   ci   viene detto   “…   non   gradisci   il   sacrificio   e,   se   offro   olocausti,   non   li   accetti.   Uno   spirito   contrito   è   sacrificio   a      Dio,   un   cuore affranto   e   umiliato,   Dio,   tu   non   disprezzi”.   In   che   lingua   ce   lo   deve   dire?   Perché   vogliamo   continuare   a   vivere      da   farisei? Se siamo umili non commentiamo ma meditiamo.  Seconda meditazione -  (Matteo 24, 3-14)   Sedutosi   poi   sul   monte   degli   Ulivi,   i   suoi   discepoli   gli   si   avvicinarono   e,   in   disparte,   gli   dissero:   "Dicci   quando   accadranno     queste   cose,   e   quale   sarà   il   segno   della   tua   venuta   e   della   fine   del   mondo".   Perché   noi   siamo   incamminati   verso   un futuro,      non   verso   il   passato.   Gesù   rispose:   "Guardate   che   nessuno   vi   inganni;      molti   verranno   nel   mio   nome,   dicendo: Io   sono   il      Cristo,   e   trarranno   molti   in   inganno.      Sentirete   poi   parlare   di   guerre   e   di   rumori   di   guerre.   Guardate   di   non allarmarvi;   è      necessario   che   tutto   questo   avvenga,   ma   non   è   ancora   la   fine.   Si   solleverà   popolo   contro   popolo   e   regno contro   regno;   vi      saranno   carestie   e   terremoti   in   vari   luoghi;      ma   tutto   questo   è   solo   l'inizio   dei   dolori”.   Il   Signore   ci   ha predetto   che   noi      passeremo   una   grande   tribolazione,   una   grande   confusione   a   livello   mondiale,   e   tutto   avverrà.   “Allora vi   consegneranno   ai      supplizi   e   vi   uccideranno,   e   sarete   odiati   da   tutti   i   popoli   a   causa   del   mio   nome.   Molti   ne   resteranno scandalizzati,   ed   essi      si   tradiranno   e   odieranno   a   vicenda”.   Parla   dei   suoi   figli:   noi   ci   odiamo   a   vicenda!   “Sorgeranno molti   falsi   profeti   e      inganneranno   molti;      per   il   dilagare   dell'iniquità,   l'amore   di   molti   si   raffredderà.   Ma   chi   persevererà sino   alla   fine,   sarà      salvato.   Frattanto   questo   vangelo   del   regno   sarà   annunziato   in   tutto   il   mondo,   perché   ne   sia   resa testimonianza   a   tutte   le      genti;   e   allora   verrà   la   fine.      Purtroppo   tanti   di   noi   periscono   perché   si   preoccupano   solamente di   salvare   il   corpo;   sono      impegnati   solamente   a   evitare   il   crollo   di   se   stessi,   a   non   essere   coinvolti   in   questi   cataclismi   e si   dimenticano   di   salvare      l'anima.   E’   un   gioco   satanico.   Il   demonio   sa   benissimo   che   facendoci   preoccupare   e   mettendoci nella   condizione   di      perire   o   di   perdere   qualcosa,   noi   ci   lasciamo   impaurire   e   ci   dimentichiamo   di   salvaguardare   la   cosa più   importante      che   è   l'anima.   Non   dobbiamo   trascurare   i   nostri   interessi   materiali,   ma   non   dobbiamo   neanche   farne   una questione      personale.   Mettiamo   tutto   nelle   mani   del   Signore   e   non   nelle   nostre   casseforti,   perché   in   questo   marasma   più di tanto non  possiamo fare, possiamo uscirne solo per grazia di Dio e della Madonna.   Terza meditazione -  (Matteo 22, 34-40)   Allora   i   farisei,   udito   che   egli   aveva   chiuso   la   bocca   ai   sadducei,   si   riunirono   insieme   e   uno   di   loro,   un   dottore   della   legge,     lo   interrogò   per   metterlo   alla   prova:   "Maestro,   qual   è   il   più   grande   comandamento   della   legge?".   Gli   rispose:   "Amerai   il     Signore   Dio   tuo   con   tutto   il   cuore,   con   tutta   la   tua   anima   e   con   tutta   la   tua   mente.   Questo   è   il   più   grande   e   il   primo   dei     comandamenti.   E   il   secondo   è   simile   al   primo:   Amerai   il   prossimo   tuo   come   te   stesso.   Da   questi   due   comandamenti     dipendono   tutta   la   Legge   e   i   Profeti".   Gesù   per   spirito   di   contraddizione   aveva   chiuso   la   bocca   a   molti   delle   abitudini   del     passato,   ed   anche   per   questo   è   stato   messo   in   croce;   così   noi   dobbiamo   dire   la   verità,   per   non   illuderci   e   per   non   dare false      speranze,   a   costo   di   scandalizzare   il   prossimo.   Dunque,   sapendo   che   da   questi   due   comandamenti   dipendono   tutta la   Legge      e   i   Profeti,   non   c'è   un   riscontro   che   noi   ci   amiamo   veramente   gli   uni   e   gli   altri,   perché   non   amiamo   Dio   come dobbiamo      amarlo.   È   inutile   fare   tante   promesse   se   poi,   quando   siamo   coinvolti   personalmente,   emerge   sempre   l'uomo vecchio   che      non   ha   niente   a   che   fare   con   l'amore   vero.   E’   una   forma   nascosta   di   sentimenti   che   il   Signore   veramente rifiuta.      Tanti      nascondono   le   loro   pessime   qualità,   con   preghiere,   digiuni,   propositi,   frequentazioni   della   casa   del   Signore, ma   in   realtà      non   hanno   la   verità   e   l'amore   nel   cuore,   perché   appena   possono   lanciano   ben   volentieri   frecce   velenose contro   il   mondo      intero.   Cerchiamo   di   non   cadere   nella   trappola   del   giudicare   e   del   criticare,   soprattutto   quando   infuria   la battaglia,   non      quando   siamo   in   pace   e   nessuno   ci   istiga.   Nel   2011   siamo   imbevuti   dello   stile   dei   farisei   come   neanche   ce ne   rendiamo      conto,   ma   il   Signore   non   scherza:   a   nessuno   è   stato   permesso   di   aggiungere   o   di   togliere   una   sola   parola dal   libro   della      Verità   (Ap.22,18-19).   Nessuna   rivelazione   privata   ci   deve   far   cambiare   modo   di   interpretare   quello   che   è scritto   sulla      Bibbia,   perché   non   è   opera   del   Signore;   smettiamola   di   profanare   l'immagine   della   Madonna   attribuendole ciò   che      sicuramente   non   ha   detto,   altrimenti   diventiamo   collaboratori   “dell'inquilino   del   piano   di   sotto”.   I   falsi   profeti   che     parlano   in   nome   di   Gesù   Cristo   in   modo   infondato,   renderanno   conto   nel   giorno   del   giudizio!   Ringraziamo   Maria Santissima         che   ci   fa   conoscere   queste   trappole   per   edificarci   sulla   parola   di   Dio   e   consideriamo   i   suggerimenti   per   la vita quotidiana (in  linea col Vangelo), che ha dato a Roberto molti anni fa’. Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Dalla Bibbia le risposte ai falsi profeti
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il   Signore   ha   molto   a   cuore   la   pecorella   smarrita tanto   da   lasciare   le   altre   99   nell'ovile   per   andare a   cercarla;   noi,   in      generale,   siamo   diversi   perché ci   comportiamo   da   autentici   farisei   quando   non viviamo    come    il    Vangelo    ci    dice    di    vivere.      Seguiamo   la   nostra   logica   e   siamo   bravi   a   parole, ma   poi   ci   dimentichiamo   di   tutto   e   il   nostro   cuore rimane   chiuso,   non      condensato   d'amore   e   di dolcezza   come   sono   i   doni   dello   Spirito   Santo.   La Madonna   ha   confidato   a   Roberto   Longhi:   "Figlio     caro,   vedi   nel   mondo   non   c'è   un   ceto   sociale,   non c'è    un    ambiente    familiare,    non    c'è    un    ordine religioso,   non   c'è   un   luogo      di   lavoro   dove   non   ci sia     confusione,     gelosia,     invidia,     falsità     e cattiveria".   Tutti   elementi   che   escono   dal   nostro cuore   e   che      ci   fanno   perdere   la   gioia   di   vivere. Perché   si   è   formato   tutto   questo,   c'è   forse   un luogo   che   è   stato   protetto?   Persino   nei      conventi di    clausura    non    c'è    più    quell'unione,    quella familiarità   e   quella   spiritualità   che   hanno   vissuto un   po'   di   anni   fa,      perché   è   entrata   la   mentalità del   mondo,   la   ragione   dell'uomo,   e   non   abbiamo più   testimoniato   la   verità.   Pochissimi      di   noi   sono identificati      nel      pubblicano,      la      stragrande maggioranza    è    di    estrazione    dei    farisei.    Maria Santissima   ha   addirittura      consigliato   a   Roberto di     leggere     alcuni     passi     della     Bibbia     per recuperare   qualche   pecorella   smarrita:   "Guarda figlio   caro   sul      libro   della   Verità   e   troverai   tutte   le risposte   necessarie   anche   per   quelli   che   parlano a     nome     mio".     Abbiamo     tutti     bisogno     di       imparare,    nessuno    è    un    professionista    della parola    di    Dio,    nemmeno    il    teologo    perché    è umano,   e   magari   è   inasprito   nel      cuore   per   una vita   troppo   dura   di   rinunce   davanti   a   un   mondo allettante   che   propone   tutti   i   piaceri   della   vita.   Il demonio    è        riuscito    veramente    a    trarci    in inganno,   come   e   più   di   quello   che   pensiamo   noi, attraverso   rivelazioni   private   belle   e      affascinanti che   ci   portano   lontano   dal   contenuto   della   Bibbia. Ci   ha   sedotto   con   la   sue   false   verità   perché   non viene come  vero male.  Prima meditazione -  (Matteo 15, 8-20)   “Questo   popolo   mi   onora   con   le   labbra   ma   il   suo cuore   è   lontano   da   me.   Invano   essi   mi   rendono culto   insegnando   dottrine      che   sono   precetti   di uomini".    Si    può    rendere    culto    invano    con    le nostre   discussioni,   i   nostri   riferimenti,   le   nostre     illustrazioni,   quello   che   ci   suggerisce   la   mente, non   il   cuore.   Il   Signore   non   sa   che      farsene   di queste    persone!    Lo    dice    lui        stesso    e    quindi dobbiamo    crederci.    “Poi    riunita    la    folla    disse: "Ascoltate   e   intendete!      Non   quello   che   entra nella   bocca      rende   impuro   l'uomo,   ma   quello   che esce   dalla   bocca   rende   impuro   l'uomo!".      Allora   i discepoli   gli   si   accostarono   per      dirgli:   "Sai   che   i farisei   si   sono   scandalizzati   nel   sentire   queste parole?".   Ed   egli   rispose:   "Ogni   pianta   che   non   è stata        piantata    dal    mio    Padre    celeste    sarà sradicata.        Lasciateli!    Sono    ciechi    e    guide    di ciechi.   E   quando   un   cieco   guida   un   altro      cieco, tutti   e   due   cadranno   in   un   fosso!".      Pietro   allora gli   disse:   "Spiegaci   questa   parabola".      Ed   egli rispose:     "Anche     voi          siete     ancora     senza intelletto?    -    (e    noi    siamo    quel    popolo)    -    Non capite   che   tutto   ciò   che   entra   nella   bocca,   passa nel      ventre   e   va   a   finire   nella   fogna?      Invece   ciò che   esce   dalla   bocca   proviene   dal   cuore.   Questo rende    immondo    l'uomo.    Dal        cuore,    infatti, provengono   i   propositi   malvagi,   gli   omicidi,   gli adultèri,     le     prostituzioni,     i     furti,     le     false testimonianze,   le      bestemmie.   Queste   sono   le cose     che     rendono     immondo     l'uomo,     ma     il mangiare    senza    lavarsi    le    mani    non    rende immondo        l'uomo".    Come    è    attuale    questa parabola,   cerchiamo   di   capirne   il   senso.   All’inizio dei   miracoli   di   Gesù   la   Madonna   disse:      "Fate tutto   quello   che   Lui   vi   dirà";   ci   sembra   giusto   che Maria    Santissima    venga    a    dire    che    dobbiamo preoccuparci      di   quello   che   entra   nella   bocca   e non   di   quello   che   esce   dalla   bocca?   In   generale esistono     molti     riferimenti     a     questo.          Noi dobbiamo      imparare      innanzitutto      a      essere obiettivi   al   Vangelo,   perché   quello   che   esce   dalla bocca,   la   parola,   è   l’origine      di   tutti   i   mali   del mondo.   Se   escono   parole   in   disarmonia   con   gli insegnamenti   di   Dio,   è   meglio   non   fare   il   digiuno dal    cibo,        non    offendiamo    la    Madonna.    Se    il digiuno    del    cibo    (che    di    per    sé    è    un'offerta gradita   al   Signore   e   fa   bene   anche   alla   salute)     avesse   portato   a   dei   benefici,   almeno   qualche famiglia,    qualche    ambiente    di    lavoro,    qualche parrocchia,   qualche   istituto   si      sarebbe   salvato   e la   Chiesa   stessa   ne   avrebbe   avuto   giovamento. Invece   c'è   anche   chi   si   insuperbisce   pensando   di avere      acquisito   dei   meriti   e   si   sente   autorizzato a   criticare   suo   fratello!   La   Chiesa   ha   i   suoi   tempi anche   per   il   digiuno.   Se   uno      vuole   fare   il   digiuno per   conto   suo,   si   profumi   il   capo,   si   chiuda   nella sua   stanza   e   non   lo   dica   a   nessuno,   ma   prima   di tutto      si   preoccupi   di   quello   che   esce   dalla   sua bocca.   Sorvolare   un   fatto   così   importante   vuol dire   sorvolare   su   tutto   il   Vangelo   e      decidere   noi cosa   desidera   di   più   il   Signore!   Il   digiuno   a   tante persone,   fa   l'effetto   di   indebolirle   fisicamente   e     psicologicamente,   le   rende   al   punto   di   rottura nevrotica     perché     devono     fare     uno     sforzo sovrumano   dentro   di   loro.   Pian      piano   queste persone    si    induriscono    nel    cuore    come    si    era indurita    la    suora    del    convento    che    ospitava Bernadette   di      Lourdes,   perché   nonostante   una vita   di   rinunce   lei   non   aveva   visto   la   Madonna (poi   si   è   sciolta   quando   ha   conosciuto      meglio Bernadette).   Tutto   quello   che   offriamo   al   Signore ci   deve   rendere   gioiosi,   non   isterici,   che   basta   un niente   per   farci      esplodere.   Stiamo   attenti,   la Madonna    non    verrà    mai    dopo    tanti    secoli    a mettere   in   secondo   piano   la   rivelazione   che   suo     figlio   Gesù   ha   pagato   con   la   vita,   per   mettere   in primo     piano     la     sua     rivelazione.     Lei,     così ossequiosa   della   legge   ebraica   da      farsi   purificare al   Tempio   nonostante   fosse   pura,   è   la   prima   che rispetta   tutto   questo;   ha   dato   inizio   alla   nuova Chiesa,   non      modificherà   per   nessun   motivo   il Libro   della   Verità.   Il   male   invece   agisce   anche così.   Tanto   tempo   fa   la   Madre   di   Gesù,      quando Roberto   lamentava   che   altri   messaggeri   erano più   lodati   dal   mondo   intero   (mentre   lui   doveva solo   tagliare   sterpi   e      rovi   ed   essere   preso   in   giro da    tutti),    diventò    seria    all'improvviso    e    disse: "Che   ne   sai   tu   di   altre   apparizioni,   sappi   che     molti   demoni   appaiono   in   nome   mio".   Portiamo davanti   a   tutti   il   nostro   cuore,   non   i   messaggi che   si   attribuiscono   alla      Madonna,   per   avere sempre   di   più   la   caratteristica   del   pubblicano, quello   che   si   dispiace   di   tutte   le   sue   magagne   e che   non      si   sente   neanche   degno   di   avanzare nella     casa     del     Signore.     Dio     l'ha     premiato preferendolo    ai    farisei    che    pagavano    le    tasse,      facevano   i   digiuni,   andavano   in   chiesa,   facevano tutto   quello   che   facciamo   noi!   Svegliamoci!   In   un altro   passaggio,   nel      Salmo   51,   ci   viene   detto   “… non   gradisci   il   sacrificio   e,   se   offro   olocausti,   non li   accetti.   Uno   spirito   contrito   è   sacrificio   a      Dio, un    cuore    affranto    e    umiliato,    Dio,    tu    non disprezzi”.   In   che   lingua   ce   lo   deve   dire?   Perché vogliamo    continuare    a    vivere        da    farisei?    Se siamo umili non commentiamo ma meditiamo.  Seconda meditazione -  (Matteo 24, 3-14)   Sedutosi   poi   sul   monte   degli   Ulivi,   i   suoi   discepoli gli    si    avvicinarono    e,    in    disparte,    gli    dissero: "Dicci   quando   accadranno      queste   cose,   e   quale sarà   il   segno   della   tua   venuta   e   della   fine   del mondo".   Perché   noi   siamo   incamminati   verso   un futuro,        non    verso    il    passato.    Gesù    rispose: "Guardate     che     nessuno     vi     inganni;          molti verranno    nel    mio    nome,    dicendo:    Io    sono    il      Cristo,   e   trarranno   molti   in   inganno.      Sentirete poi    parlare    di    guerre    e    di    rumori    di    guerre. Guardate   di   non   allarmarvi;   è      necessario   che tutto   questo   avvenga,   ma   non   è   ancora   la   fine. Si   solleverà   popolo   contro   popolo   e   regno   contro regno;   vi      saranno   carestie   e   terremoti   in   vari luoghi;      ma   tutto   questo   è   solo   l'inizio   dei   dolori”. Il   Signore   ci   ha   predetto   che   noi      passeremo   una grande    tribolazione,    una    grande    confusione    a livello    mondiale,    e    tutto    avverrà.    “Allora    vi consegneranno   ai      supplizi   e   vi   uccideranno,   e sarete   odiati   da   tutti   i   popoli   a   causa   del   mio nome.   Molti   ne   resteranno   scandalizzati,   ed   essi     si   tradiranno   e   odieranno   a   vicenda”.   Parla   dei suoi   figli:   noi   ci   odiamo   a   vicenda!   “Sorgeranno molti   falsi   profeti   e      inganneranno   molti;      per   il dilagare     dell'iniquità,     l'amore     di     molti     si raffredderà.   Ma   chi   persevererà   sino   alla   fine, sarà      salvato.   Frattanto   questo   vangelo   del   regno sarà   annunziato   in   tutto   il   mondo,   perché   ne   sia resa   testimonianza   a   tutte   le      genti;   e   allora verrà   la   fine.      Purtroppo   tanti   di   noi   periscono perché   si   preoccupano   solamente   di   salvare   il corpo;   sono      impegnati   solamente   a   evitare   il crollo   di   se   stessi,   a   non   essere   coinvolti   in   questi cataclismi   e   si   dimenticano   di   salvare      l'anima.   E’ un   gioco   satanico.   Il   demonio   sa   benissimo   che facendoci     preoccupare     e     mettendoci     nella condizione   di      perire   o   di   perdere   qualcosa,   noi   ci lasciamo     impaurire     e     ci     dimentichiamo     di salvaguardare    la    cosa    più    importante        che    è l'anima.     Non     dobbiamo     trascurare     i     nostri interessi   materiali,   ma   non   dobbiamo   neanche farne   una   questione      personale.   Mettiamo   tutto nelle    mani    del    Signore    e    non    nelle    nostre casseforti,    perché    in    questo    marasma    più    di tanto   non      possiamo   fare,   possiamo   uscirne   solo per grazia di Dio e della Madonna.   Terza meditazione -  (Matteo 22, 34-40)   Allora   i   farisei,   udito   che   egli   aveva   chiuso   la bocca   ai   sadducei,   si   riunirono   insieme   e   uno   di loro,   un   dottore   della   legge,      lo   interrogò   per metterlo    alla    prova:    "Maestro,    qual    è    il    più grande   comandamento   della   legge?".   Gli   rispose: "Amerai   il      Signore   Dio   tuo   con   tutto   il   cuore,   con tutta   la   tua   anima   e   con   tutta   la   tua   mente. Questo     è     il     più     grande     e     il     primo     dei       comandamenti.   E   il   secondo   è   simile   al   primo: Amerai   il   prossimo   tuo   come   te   stesso.   Da   questi due   comandamenti      dipendono   tutta   la   Legge   e   i Profeti".   Gesù   per   spirito   di   contraddizione   aveva chiuso    la    bocca    a    molti    delle    abitudini    del      passato,   ed   anche   per   questo   è   stato   messo   in croce;   così   noi   dobbiamo   dire   la   verità,   per   non illuderci   e   per   non   dare   false      speranze,   a   costo di   scandalizzare   il   prossimo.   Dunque,   sapendo che    da    questi    due    comandamenti    dipendono tutta   la   Legge      e   i   Profeti,   non   c'è   un   riscontro che   noi   ci   amiamo   veramente   gli   uni   e   gli   altri, perché   non   amiamo   Dio   come   dobbiamo      amarlo. È    inutile    fare    tante    promesse    se    poi,    quando siamo   coinvolti   personalmente,   emerge   sempre l'uomo   vecchio   che      non   ha   niente   a   che   fare   con l'amore     vero.     E’     una     forma     nascosta     di sentimenti    che    il    Signore    veramente    rifiuta.      Tanti      nascondono   le   loro   pessime   qualità,   con preghiere,   digiuni,   propositi,   frequentazioni   della casa   del   Signore,   ma   in   realtà      non   hanno   la verità    e    l'amore    nel    cuore,    perché    appena possono   lanciano   ben   volentieri   frecce   velenose contro   il   mondo      intero.   Cerchiamo   di   non   cadere nella    trappola    del    giudicare    e    del    criticare, soprattutto    quando    infuria    la    battaglia,    non      quando   siamo   in   pace   e   nessuno   ci   istiga.   Nel 2011   siamo   imbevuti   dello   stile   dei   farisei   come neanche   ce   ne   rendiamo      conto,   ma   il   Signore non    scherza:    a    nessuno    è    stato    permesso    di aggiungere   o   di   togliere   una   sola   parola   dal   libro della      Verità   (Ap.22,18-19).   Nessuna   rivelazione privata   ci   deve   far   cambiare   modo   di   interpretare quello   che   è   scritto   sulla      Bibbia,   perché   non   è opera    del    Signore;    smettiamola    di    profanare l'immagine   della   Madonna   attribuendole   ciò   che     sicuramente   non   ha   detto,   altrimenti   diventiamo collaboratori   “dell'inquilino   del   piano   di   sotto”.   I falsi   profeti   che      parlano   in   nome   di   Gesù   Cristo in   modo   infondato,   renderanno   conto   nel   giorno del   giudizio!   Ringraziamo   Maria   Santissima         che ci    fa    conoscere    queste    trappole    per    edificarci sulla   parola   di   Dio   e   consideriamo   i   suggerimenti per   la   vita   quotidiana   (in      linea   col   Vangelo),   che ha dato a Roberto molti anni fa’.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                          Dalla Bibbia le risposte ai falsi profeti  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile