Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Non   è   tutto   da   buttare   quello   che   abbiamo   fatto   fino   ad   oggi,   però   dobbiamo   deciderci   se   diventare   operai   qualificati   o     rimanere   apprendisti,   poiché   nelle   nostre   mani   potrebbe   rimanere   un   pugno   di   mosche   che   volano   via   appena   le apriamo.      Perché   facciamo   di   tutto   tranne   che   fare   il   salto   di   qualità?   Entriamo   nella   dimensione   più   reale,   quella   che   ci compete,   non      quella   "imbambolata"   che   ognuno   di   noi   ricerca   per   vantaggi   personali,   ma   che   non   porta   a   nessun risultato.   A   noi   sta   a      cuore   la   verità,   la   fede   come   fondamento   insostituibile   della   nostra   formazione   o   l'immagine? L'immagine   condiziona      l'uomo,   purtroppo,   più   di   quello   che   pensiamo.   I   cristiani      frequentano   luoghi   dove   sono   attratti dalla   devozione   verso   un      santo   o   la   Madonna   e   solo   lì   si   sentono   lievitare,   pieni   di   energia,   ma   quando   tornano   a   casa   si spengono,   diventano      confusi,   commettono   un   errore   dietro   l'altro   e   hanno   bisogno   ancora   di   quell'esperienza   per sentirsi   vivi.   Se   avessimo   fede,      quell'entusiasmo   dovremmo   sentirlo   a   casa   nostra   e   sul   posto   di   lavoro,   invece   siamo solamente   condizionati      psicologicamente.   E’   una      pressione   mentale   pericolosissima   perché   ci   porta   a   mettere   al   primo posto   ciò   che   non   deve      essere   messo   al   primo   posto.   Nel   libro   del   Deuteronomio   Dio   ci   ha   detto   di   non   appoggiare   la nostra   fede   su   un'immagine:      "Non   avere   altri   dei   di   fronte   a   me.   Non   ti   farai   idolo   né   immagine   alcuna   di   ciò   che   è   lassù in   cielo,   né   di   ciò   che   è      quaggiù   sulla   terra,   né   di   ciò   che   è   nelle   acque   sotto   la   terra.               Non   ti   prostrerai   davanti   a quelle   cose   e   non   le   servirai.      Perché   io   il   Signore   tuo   Dio   sono   un   Dio   geloso,   che   punisce   la   colpa   dei   padri   nei   figli   fino alla   terza   e   alla   quarta      generazione   per   quanti   mi   odiano,   ma   usa   misericordia   fino   a   mille   generazioni   verso   coloro   che mi    amano    e    osservano    i        miei    comandamenti".    L'immagine    è    trascinante    per    la    psiche    dell'uomo,    che    si    sente spiritualmente   acceso   solo   perché   si      trova   in   un   luogo,   magari   neanche   approvato   dalla   Chiesa   e   davanti   a   persone   che nemmeno   conosce.   Là   sembriamo      disponibili   a   sostenere   l'amore   universale   e   a   casa   nostra   cambiamo   radicalmente stato   d'animo,   non   amiamo   più   coloro      che   magari   qualcosa   di   buono   hanno   fatto   per   noi.   Confermiamo   la   fede   o   stiamo dicendo   che   non   abbiamo   fede?   La      devozione   verso   un   santo   o   un   luogo   mariano   non   ci   deve   trasformare   in   dottor Jekyll    e    Mister    Hyde,    perché    il    Signore    ci        chiede    l’equilibrio.    Senza    rendercene    conto    ci    siamo    scelti    il    nostro rappresentante   come   fanno   i   tifosi   sportivi   con      il   loro   idolo   e   lo   difendiamo   perché   vogliamo   che   trionfi.   Così   non   siamo uniti   in   un'unica   fede.   I   santi   e   la   Madonna      vogliono   portarci   a   Dio,   perché      anche   loro   provengono   da   Dio.   Non dobbiamo   cambiare   paese   se   nella   nostra   chiesa   non      abbiamo   quell'immagine   o   quel   tipo   di   messa:   è   una   mancanza   di fede,   un   modo   di   rifiutare   Dio,   che   è   al   di   sopra   di   tutte   le      immagini.   Dimostriamo   di   amarlo   solo   quando   lo   mettiamo   al primo   posto   nel   nostro   cuore,   mentre   siamo   anticristiani         quando   mettiamo   l’emozione   davanti   a   tutto.   Se   fossimo   veri cristiani   la   gioia   principale   la   troveremmo   nella   chiesa      più   misera,   nel   posto   più   semplice   e   visitare   un   luogo   benedetto con   lo   spirito   giusto   diventerebbe   un   premio.   Che      confusione!   Siamo   condizionati   ed   estasiati   dalle   strutture   che troviamo   nei   pellegrinaggi   e   non   dal   Dio   creatore   che   è   più      presente   fuori   di   casa   nostra.   E   se   l'immagine   di   Dio   o   del Santo   fosse   il   volto   del   nostro   peggior   nemico?   In   quei   luoghi   ci      sono   anche   le   musiche   di   sottofondo   che   hanno   una valenza   sulla   psiche   umana   e   la   intontisce;   la   stessa   cosa   avviene   in      certe   funzioni   che   durano   ore.   Ma   con   la   musica non   si   incantano   anche   i   serpenti?   Dobbiamo   formare   la   nostra   fede   sulle      emozioni,   quando   la   Madonna   e   Gesù   ci chiedono   il   silenzio?   E’   tutto   un   fattore   mentale,   se   mettessimo   le   stesse   cose   in      casa   nostra,   vivremmo   le   stesse emozioni.   La   fede   autentica   non   ha   bisogno   di   questi   marchingegni,   ma   ci      porta   al   di      sopra   delle   emozioni   terrene   e   ci garantisce   la   gioia   in   ogni   posto   dove   andiamo,   anche   nel      peggiore   dove   si   muore   per   la      cattiveria   dell'uomo.   Il   vero conflitto   mondiale   non   è   quello   che   sentiamo   alle   porte,   é   nel   nostro   cuore;   da   lì   sono   partite      tutte   le   guerre, dall'avidità,   dalla   falsità,   dalla   sete   di   potere.   Facciamo   pure   le   preghiere   e   i   digiuni,   ma   per   la   pace   del      nostro   cuore, perché   quando   la   troverà,   anche   il   mondo   intero   la   otterrà.   A   cosa   serve   chiedere   al   Signore   di   fermare      un   conflitto, quando   poi   andiamo   avanti   con   il   nostro   orgoglio?   Vogliamo   che   la   Madonna   metta   ancora   un'altra   pezza         sopra   un nostro   errore,   per   continuare   a   vivere   come   abbiamo   sempre   vissuto?   E’   inutile   leggere   il   Vangelo   quando   poi,      invece   di fare   un’introspezione   personale,   andiamo   a   criticare   nostro   fratello   e   a   erigere   un   muro   con   chi   vive   in   casa      nostra.   Cosa se   ne   fa   il   Signore   di   noi   se   ci   dice   che   amando   eliminiamo   tutti   i   conflitti?   Difendiamo   il   nostro   coniuge      davanti   agli   altri, ma   nell’intimità   non   lo   amiamo,   non   gli   diciamo   mai   “ti   voglio   bene”.   Pensiamo   anche   alla   Madonna,   alla      vera   Madonna, perché   se   ne   parla   in   tanti   modi,   ma   può   darsi   che   invece...   Chi   ha   orecchi   intenda.      Di   queste   due   letture,   quale   merita più riconoscimento, ringraziamento e gioia. 1° lettura: messaggio di Medjugorie (25 aprile 2013)  "Cari figli! Pregate, pregate, soltanto pregate affinché il vostro cuore si apra alla fede come il fiore si apre ai raggi caldi del sole. Questo è il tempo di grazia che Dio vi da attraverso la mia presenza e voi siete lontani dal mio cuore. Perciò vi invito alla conversione personale ed alla preghiera in famiglia. La Sacra scrittura sia sempre l’esortazione per voi. Vi benedico tutti con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata." 2° lettura: Salmo 136 (135) grande litania di ringraziamento all’amore di Dio Alleluia. Lodate il Signore perché è buono: perché eterna è la sua misericordia. Lodate il Dio degli dei: perché eterna è la sua misericordia. Lodate il Signore dei signori: perché eterna è la sua misericordia. Egli solo ha compiuto meraviglie: perché eterna è la sua misericordia. Ha creato i cieli con sapienza: perché eterna è la sua misericordia. Ha stabilito la terra sulle acque: perché eterna è la sua misericordia. Ha fatto i grandi luminari: perché eterna è la sua misericordia. Il sole per regolare il giorno: perché eterna è la sua misericordia; La luna e le stelle per regolare la notte: perché eterna è la sua misericordia. Percosse l’Egitto nei suoi primogeniti: perché eterna è la sua misericordia. Da loro liberò Israele: perché eterna è la sua misericordia; Con mano potente e braccio teso: perché eterna è la sua misericordia. Divise il mar Rosso in due parti: perché eterna è la sua misericordia. In mezzo fece passare Israele: perché eterna è la sua misericordia. Travolse il faraone e il suo esercito nel mar Rosso: perché eterna è la sua misericordia. Guidò il suo popolo nel deserto: perché eterna è la sua misericordia. Percosse grandi sovrani: perché eterna è la sua misericordia. Uccise re potenti: perché eterna è la sua misericordia. Seon, re degli Amorrei: perché eterna è la sua misericordia. Og, re di Basan: perché eterna è la sua misericordia. Diede in eredità il loro paese: perché eterna è la sua misericordia; In eredità a Israele suo servo: perché eterna è la sua misericordia. Nella nostra umiliazione si è ricordato di noi: perché eterna è la sua misericordia; Ci ha liberati dai nostri nemici: perché eterna è la sua misericordia. Egli dá il cibo ad ogni vivente: perché eterna è la sua misericordia. Lodate il Dio del cielo: perché eterna è la sua misericordia Non   c'è   bisogno   di   commenti,   non   possiamo   mettere   le   due   letture   sullo   stesso   livello.   Quante   persone   si   emozionano     davanti   a   questi   messaggi   e   si   dimenticano   le   basi   fondamentali   della   propria   fede?   Quante   persone   vanno   nei   luoghi     benedetti   e   non   sanno   nemmeno   il   Credo,   gli   atti   di   fede,   speranza   e   carità,   le   preghiere   di   indulgenze?      Il   salmo,   la parola      di   Dio   che   dovrebbe   farci   sciogliere   come   neve   al   sole,   non   ci   fa   nessun   effetto,   è   come   leggere   il   biglietto   della spesa.   Ma      dove   siamo   andati   a   finire?   Perché   non   ci   esaltiamo   davanti   a   ciò   che   ha   realizzato   il   Signore   nel   salmo   136? Mettiamo   al      primo   posto   la   devozione,   l'immagine   e   desideriamo   sapere   cosa   ha   detto   la   Madonna;   siamo   sicuri   che   sia la   via   giusta?      Prima   di   tutto   Maria   Santissima   viene   a   dire   che   non   siamo   corretti   nel   modo   di   vivere   e   noi   ci entusiasmiamo?   Dobbiamo      fare   un   passo   indietro   e   dare   meno   spazio   alle   nostre   fantasie.   L'esperienza   di   Roberto   non   è gratificante,   come   non   lo   è      stata   per   altri   miseri   strumenti   del   Signore:   hanno   trovato   solamente   critiche   dal   popolino, perché   non   concordavano   con   il      loro   stile   di   vita.   Siamo   sicuri   che   dentro   di   noi   abbiamo   l'immagine   giusta   di   Maria Santissima?   Dov’è   l'amore   e   la   carità?      La   Madonna   non   viene   ad   emozionarci   e   a   dare   importanza   al   suo   messaggio,   ma ci   offre   la   sua   scuola   di   vita,   quella   della      semplicità   e   della   naturalezza   (non   sappiamo   più   neanche   ridere,   se   non      “da arrabbiati”).   Non   serviamoci   del   suo   nome      immacolato   e   purissimo   per   metterla   in   evidenza:   lei   si   è   nascosta   per   dare risalto   al   suo   Signore   e   per   servirlo   meglio   di      tutti   gli   altri.   Se   capiamo   questo   discorso   la   prima   ad   essere   contenta   sarà proprio   la   Madonna,   perché   la   priorità   è   Dio,   la      sua   preghiera   e   le   sue   rivelazioni.   Per   servire   il   Signore   bisogna   essere molto   lucidi,   scaltri   e   al   100%   delle   proprie   facoltà,      perché   la   sua   parola   è   così   forte   e   incisiva   che   non   ha   bisogno   di moine, di musiche e di immaginazione.  Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Non ti farai idolo nè immagine
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Non   è   tutto   da   buttare   quello   che   abbiamo   fatto fino     ad     oggi,     però     dobbiamo     deciderci     se diventare      operai      qualificati      o            rimanere apprendisti,   poiché   nelle   nostre   mani   potrebbe rimanere   un   pugno   di   mosche   che   volano   via appena   le   apriamo.      Perché   facciamo   di   tutto tranne   che   fare   il   salto   di   qualità?   Entriamo   nella dimensione   più   reale,   quella   che   ci   compete,   non     quella   "imbambolata"   che   ognuno   di   noi   ricerca per    vantaggi    personali,    ma    che    non    porta    a nessun   risultato.   A   noi   sta   a      cuore   la   verità,   la fede   come   fondamento   insostituibile   della   nostra formazione   o   l'immagine?   L'immagine   condiziona     l'uomo,   purtroppo,   più   di   quello   che   pensiamo.   I cristiani      frequentano   luoghi   dove   sono   attratti dalla   devozione   verso   un      santo   o   la   Madonna   e solo   lì   si   sentono   lievitare,   pieni   di   energia,   ma quando   tornano   a   casa   si   spengono,   diventano     confusi,   commettono   un   errore   dietro   l'altro   e hanno    bisogno    ancora    di    quell'esperienza    per sentirsi   vivi.   Se   avessimo   fede,      quell'entusiasmo dovremmo   sentirlo   a   casa   nostra   e   sul   posto   di lavoro,     invece     siamo     solamente     condizionati       psicologicamente.    E’    una        pressione    mentale pericolosissima    perché    ci    porta    a    mettere    al primo   posto   ciò   che   non   deve      essere   messo   al primo   posto.   Nel   libro   del   Deuteronomio   Dio   ci   ha detto    di    non    appoggiare    la    nostra    fede    su un'immagine:      "Non   avere   altri   dei   di   fronte   a me.   Non   ti   farai   idolo   né   immagine   alcuna   di   ciò che   è   lassù   in   cielo,   né   di   ciò   che   è      quaggiù   sulla terra,   né   di   ciò   che   è   nelle   acque   sotto   la   terra.              Non   ti   prostrerai   davanti   a   quelle   cose   e   non   le servirai.      Perché   io   il   Signore   tuo   Dio   sono   un   Dio geloso,   che   punisce   la   colpa   dei   padri   nei   figli fino   alla   terza   e   alla   quarta      generazione   per quanti    mi    odiano,    ma    usa    misericordia    fino    a mille   generazioni   verso   coloro   che   mi   amano   e osservano   i      miei   comandamenti".   L'immagine   è trascinante   per   la   psiche   dell'uomo,   che   si   sente spiritualmente   acceso   solo   perché   si      trova   in   un luogo,   magari   neanche   approvato   dalla   Chiesa   e davanti    a    persone    che    nemmeno    conosce.    sembriamo        disponibili    a    sostenere    l'amore universale      e      a      casa      nostra      cambiamo radicalmente    stato    d'animo,    non    amiamo    più coloro      che   magari   qualcosa   di   buono   hanno   fatto per   noi.   Confermiamo   la   fede   o   stiamo   dicendo che   non   abbiamo   fede?   La      devozione   verso   un santo     o     un     luogo     mariano     non     ci     deve trasformare    in    dottor    Jekyll    e    Mister    Hyde, perché   il   Signore   ci      chiede   l’equilibrio.   Senza rendercene     conto     ci     siamo     scelti     il     nostro rappresentante   come   fanno   i   tifosi   sportivi   con      il loro   idolo   e   lo   difendiamo   perché   vogliamo   che trionfi.   Così   non   siamo   uniti   in   un'unica   fede.   I santi    e    la    Madonna        vogliono    portarci    a    Dio, perché        anche    loro    provengono    da    Dio.    Non dobbiamo   cambiare   paese   se   nella   nostra   chiesa non        abbiamo    quell'immagine    o    quel    tipo    di messa:   è   una   mancanza   di   fede,   un   modo   di rifiutare    Dio,    che    è    al    di    sopra    di    tutte    le      immagini.   Dimostriamo   di   amarlo   solo   quando   lo mettiamo    al    primo    posto    nel    nostro    cuore, mentre   siamo   anticristiani         quando   mettiamo l’emozione    davanti    a    tutto.    Se    fossimo    veri cristiani   la   gioia   principale   la   troveremmo   nella chiesa        più    misera,    nel    posto    più    semplice    e visitare   un   luogo   benedetto   con   lo   spirito   giusto diventerebbe   un   premio.   Che      confusione!   Siamo condizionati    ed    estasiati    dalle    strutture    che troviamo   nei   pellegrinaggi   e   non   dal   Dio   creatore che   è   più      presente   fuori   di   casa   nostra.   E   se l'immagine   di   Dio   o   del   Santo   fosse   il   volto   del nostro   peggior   nemico?   In   quei   luoghi   ci      sono anche   le   musiche   di   sottofondo   che   hanno   una valenza   sulla   psiche   umana   e   la   intontisce;   la stessa   cosa   avviene   in      certe   funzioni   che   durano ore.   Ma   con   la   musica   non   si   incantano   anche   i serpenti?   Dobbiamo   formare   la   nostra   fede   sulle     emozioni,   quando   la   Madonna   e   Gesù   ci   chiedono il    silenzio?    E’    tutto    un    fattore    mentale,    se mettessimo    le    stesse    cose    in        casa    nostra, vivremmo   le   stesse   emozioni.   La   fede   autentica non   ha   bisogno   di   questi   marchingegni,   ma   ci     porta   al   di      sopra   delle   emozioni   terrene   e   ci garantisce   la   gioia   in   ogni   posto   dove   andiamo, anche    nel        peggiore    dove    si    muore    per    la      cattiveria    dell'uomo.    Il    vero    conflitto    mondiale non    è    quello    che    sentiamo    alle    porte,    é    nel nostro   cuore;   da   lì   sono   partite      tutte   le   guerre, dall'avidità,    dalla    falsità,    dalla    sete    di    potere. Facciamo   pure   le   preghiere   e   i   digiuni,   ma   per   la pace   del      nostro   cuore,   perché   quando   la   troverà, anche   il   mondo   intero   la   otterrà.   A   cosa   serve chiedere    al    Signore    di    fermare        un    conflitto, quando     poi     andiamo     avanti     con     il     nostro orgoglio?   Vogliamo   che   la   Madonna   metta   ancora un'altra    pezza            sopra    un    nostro    errore,    per continuare    a    vivere    come    abbiamo    sempre vissuto?   E’   inutile   leggere   il   Vangelo   quando   poi,     invece     di     fare     un’introspezione     personale, andiamo   a   criticare   nostro   fratello   e   a   erigere   un muro   con   chi   vive   in   casa      nostra.   Cosa   se   ne   fa il     Signore     di     noi     se     ci     dice     che     amando eliminiamo   tutti   i   conflitti?   Difendiamo   il   nostro coniuge      davanti   agli   altri,   ma   nell’intimità   non   lo amiamo,   non   gli   diciamo   mai   “ti   voglio   bene”. Pensiamo     anche     alla     Madonna,     alla          vera Madonna,   perché   se   ne   parla   in   tanti   modi,   ma può   darsi   che   invece...   Chi   ha   orecchi   intenda.     Di     queste     due     letture,     quale     merita     più riconoscimento, ringraziamento e gioia. 1° lettura: messaggio di Medjugorie (25 aprile 2013)  "Cari figli! Pregate, pregate, soltanto pregate affinché il vostro cuore si apra alla fede come il fiore si apre ai raggi caldi del sole. Questo è il tempo di grazia che Dio vi da attraverso la mia presenza e voi siete lontani dal mio cuore. Perciò vi invito alla conversione personale ed alla preghiera in famiglia. La Sacra scrittura sia sempre l’esortazione per voi. Vi benedico tutti con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata." 2° lettura: Salmo 136 (135) grande litania di ringraziamento all’amore di Dio Alleluia. Lodate il Signore perché è buono: perché eterna è la sua misericordia. Lodate il Dio degli dei: perché eterna è la sua misericordia. Lodate il Signore dei signori: perché eterna è la sua misericordia. Egli solo ha compiuto meraviglie: perché eterna è la sua misericordia. Ha creato i cieli con sapienza: perché eterna è la sua misericordia. Ha stabilito la terra sulle acque: perché eterna è la sua misericordia. Ha fatto i grandi luminari: perché eterna è la sua misericordia. Il sole per regolare il giorno: perché eterna è la sua misericordia; La luna e le stelle per regolare la notte: perché eterna è la sua misericordia. Percosse l’Egitto nei suoi primogeniti: perché eterna è la sua misericordia. Da loro liberò Israele: perché eterna è la sua misericordia; Con mano potente e braccio teso: perché eterna è la sua misericordia. Divise il mar Rosso in due parti: perché eterna è la sua misericordia. In mezzo fece passare Israele: perché eterna è la sua misericordia. Travolse il faraone e il suo esercito nel mar Rosso: perché eterna è la sua misericordia. Guidò il suo popolo nel deserto: perché eterna è la sua misericordia. Percosse grandi sovrani: perché eterna è la sua misericordia. Uccise re potenti: perché eterna è la sua misericordia. Seon, re degli Amorrei: perché eterna è la sua misericordia. Og, re di Basan: perché eterna è la sua misericordia. Diede in eredità il loro paese: perché eterna è la sua misericordia; In eredità a Israele suo servo: perché eterna è la sua misericordia. Nella nostra umiliazione si è ricordato di noi: perché eterna è la sua misericordia; Ci ha liberati dai nostri nemici: perché eterna è la sua misericordia. Egli dá il cibo ad ogni vivente: perché eterna è la sua misericordia. Lodate il Dio del cielo: perché eterna è la sua misericordia Non    c'è    bisogno    di    commenti,    non    possiamo mettere   le   due   letture   sullo   stesso   livello.   Quante persone     si     emozionano          davanti     a     questi messaggi   e   si   dimenticano   le   basi   fondamentali della   propria   fede?   Quante   persone   vanno   nei luoghi      benedetti   e   non   sanno   nemmeno   il   Credo, gli   atti   di   fede,   speranza   e   carità,   le   preghiere   di indulgenze?        Il    salmo,    la    parola        di    Dio    che dovrebbe   farci   sciogliere   come   neve   al   sole,   non ci   fa   nessun   effetto,   è   come   leggere   il   biglietto della    spesa.    Ma        dove    siamo    andati    a    finire? Perché   non   ci   esaltiamo   davanti   a   ciò   che   ha realizzato   il   Signore   nel   salmo   136?   Mettiamo   al     primo     posto     la     devozione,     l'immagine     e desideriamo   sapere   cosa   ha   detto   la   Madonna; siamo   sicuri   che   sia   la   via   giusta?      Prima   di   tutto Maria    Santissima    viene    a    dire    che    non    siamo corretti      nel      modo      di      vivere      e      noi      ci entusiasmiamo?     Dobbiamo          fare     un     passo indietro   e   dare   meno   spazio   alle   nostre   fantasie. L'esperienza   di   Roberto   non   è   gratificante,   come non   lo   è      stata   per   altri   miseri   strumenti   del Signore:    hanno    trovato    solamente    critiche    dal popolino,   perché   non   concordavano   con   il      loro stile    di    vita.    Siamo    sicuri    che    dentro    di    noi abbiamo   l'immagine   giusta   di   Maria   Santissima? Dov’è   l'amore   e   la   carità?      La   Madonna   non   viene ad    emozionarci    e    a    dare    importanza    al    suo messaggio,    ma    ci    offre    la    sua    scuola    di    vita, quella   della      semplicità   e   della   naturalezza   (non sappiamo    più    neanche    ridere,    se    non        “da arrabbiati”).     Non     serviamoci     del     suo     nome       immacolato     e     purissimo     per     metterla     in evidenza:   lei   si   è   nascosta   per   dare   risalto   al   suo Signore   e   per   servirlo   meglio   di      tutti   gli   altri.   Se capiamo    questo    discorso    la    prima    ad    essere contenta    sarà    proprio    la    Madonna,    perché    la priorità    è    Dio,    la        sua    preghiera    e    le    sue rivelazioni.   Per   servire   il   Signore   bisogna   essere molto    lucidi,    scaltri    e    al    100%    delle    proprie facoltà,        perché    la    sua    parola    è    così    forte    e incisiva   che   non   ha   bisogno   di   moine,   di   musiche e di immaginazione. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Non ti farai idolo nè immagine  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile