Accessi.IT
Home Accoglienza Come arrivare Foto Gallery Catechesi Contattaci
Maria Ausiliatrice del monte Misma
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
Un deserto sul Misma Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono....
                                                                                                                                                                Immacolata concezione: dono di Dio all’umanità! Per noi l'Immacolata Concezione, la madre di Gesù, sembra sia un fatto dovuto, ma per capire qual è il valore di Maria  Santissima in mezzo noi, quale grande dono d'amore il Padre ci ha fatto, bisognerebbe che ci venisse tolto, che noi non  avessimo più come riferimento Maria Santissima. Pensiamo al lavoro sottile, alla grazia, alla grandezza di quello che la  Madonna sta facendo per noi…  Facciamo un esame di coscienza e diciamo: " se non avessimo avuto Maria come rifugio, in  che condizioni saremmo?”. Se davanti ad un dono così grande che il Signore ha voluto darci, ideando e generando  l’Immacolata Concezione, noi non facciamo niente per ringraziarlo, significa che non lo abbiamo capito, che non siamo  molto intelligenti e che non siamo consapevoli di quello che Maria Santissima sta facendo per noi. Abbiamo la possibilità  per dimostrare al Santissimo Padre di aver gradito e apprezzato questo suo progetto ,  realizzando ciò che il Signore ci  chiede al di sopra di tutti i suoi comandamenti: di amarci gli uni e gli altri come lui ha amato noi, come lui ci ama..  Che valore ha Maria per noi? La Madonna accetta tutto quello che facciamo, e non dice mai niente! E’ mai possibile che da noi non esca mai una riconoscenza degna di tale nome?   Perché davanti a un dono così grande facciamo fatica a fare una buona azione? Che  in fin dei conti non ci  costa niente,  perché  amarci e perdonarci ci fa vivere meglio, perché se abbiamo l'amore nel cuore, i primi a beneficiarne siamo noi,  perché viviamo meglio. E poi ci fa capire che il Signore ci concede di perdonare gli altri nonostante non ne siamo degni,  perché abbiamo commesso anche noi del male, perché non siamo perfetti. Per assurdo dovremmo perdonare gli altri come  un fatto scontato, dovuto, perché come noi perdoniamo una persona che ha fatto qualcosa di sbagliato nei nostri confronti, così anche noi possiamo aver fatto qualcosa di male agli altri. Diamo valore alle nostre preghiere, perché aggiungere una  preghiera alle altre è la cosa più facile e scontata che ci possa essere, mentre il nostro traguardo come cristiani non deve  essere rivolto a recitare  una preghiera in più, ad assistere ad una Santa messa in più, che sono cose belle di per sé se  nascono dal cuore, ma se noi le facciamo solo come una dimostrazione e poi non siamo coerenti nella nostra vita, a cosa  servono? Il Signore stesso ci dice: " Non chi dice Signore, Signore entrerà nel regno dei cieli, ma solo chi fa la volontà del  Padre mio..".  Ma chi di noi fa la volontà del Padre che è nei cieli? Dobbiamo fare una scuola di crescita e di  consapevolezza. Maria Santissima per noi è un fatto dovuto, un fatto esistenziale, che non sappiamo neanche meritarcelo.  Nel corso dei tempi Maria Santissima è stata accolta o nell'esagerazione, che rende l'uomo fanatico, e portatore di  discredito all'immagine  della Madonna, o nell'indifferenza. Troppe poche volte viene accolta nell'equilibrio e nella  consapevolezza. Che mondo sarebbe senza Maria Santissima.... Dove andremmo a sbattere la testa, dove saremmo a  questo punto se la Madonna non c'avesse tirato per le orecchie e portato sulla retta via, che noi avevamo abbandonato a  un certo punto della nostra vita? E' merito della Madonna anche quello che stiamo conoscendo, e noi cosa facciamo  per dimostrare la nostra gratitudine, se al di sopra di ogni ragionamento il Signore ci ha chiesto una sola cosa " amatevi gli  uni gli altri come io ho amato voi"? Perché non ci riusciamo?Perché ci dobbiamo amare per rispetto e per convenienza,  quando il nostro cuore é duro come una roccia...? Ecco perché dobbiamo svuotare la nostra mente e ritornare indietro,  discendere dal piedistallo dove il nostro orgoglio si è assiso, rimetterci il grembiulino dell'asilo e renderci come degli alunni  obbedienti alla scuola di Maria Santissima. Che bello se la Madonna vedesse  un gruppo di cristiani che ha capito il senso  del gesto d'amore che il Padre ci ha fatto generandola per noi, insieme al suo figlio Gesù, il frutto benedetto del suo seno,  che si è fatto immolare  per noi. È tutto un dono per noi! Normalmente quando riceviamo un dono prezioso, non finiamo  mai di ringraziare la persona che ce lo ha donato. Perchè davanti a un dono così grande  che c'ha fatto Dio regalandoci  Maria Santissima e il suo figlio Gesù, noi non lo abbiamo mai ringraziato? Anzi dimostriamo che dove potremmo perdonare  non perdoniamo, dove potremmo non giudicare continuiamo a giudicare... Non abituiamoci alle consuetudini di questo  mondo, che è un mondo ateo e miscredente, come mai nella storia è avvenuto, facile alla dispersione spirituale e all'errore,  facile alla confusione. Tendiamo con amore la mano a chi  c'ha guardato di traverso, a chi ci ha detto una parola di più, per  dimostrare al Padre Santissimo di aver capito che cosa ha fatto per noi, generando l'Immacolata Concezione e il suo figlio  Gesù (che si offre ancora oggi nella Santissima eucaristia). Ritorniamo a capire le giuste misure e le giuste verità.   Chiediamo scusa al Padre per non aver capito i doni meravigliosi che ha voluto darci.       Confidenze di Maria SS. a Roberto Longhi sul  Monte Misma                                                        
      Indice suggerimenti