Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Qual   è   il   motivo   principale   per   cui   Dio   ha   creato   l'Immacolata   Concezione?   Sicuramente   per   la   venuta   del   nostro   Signore     Gesù,   ma   Dio   in   quel   momento   ha   pensato   nella   stessa   misura   all'umanità.   Tutti   siamo   stati   coinvolti   in   quel     progetto,    perché    l'Immacolata    Concezione    è    la    nostra    guida    sicura,    il    nostro    rifugio,    il    nostro    aiuto,    la    nostra consolazione,      la   nostra   redentrice,   la   nostra   avvocata,   la   salute   degli   infermi.   Ci   è   stata   regalata   per   ogni   situazione della   nostra   vita.      Pensiamo   che   quel   dono   non   ci   riguardi,   fino   al   punto   di   non   essere   grati   a   Dio,   perchè   ci   sfugge     l'importanza      dell'Immacolata   Concezione.   Ce   l'hanno   descritta   sotto   tutti   i   profili,   ma   ci   dimentichiamo   che   in   quel preciso   momento   Dio      pensava   a   ciascuno   di   noi,   anche   a   chi   ha   preso   strade   diverse.   Il   lavoro   dell'Immacolata Concezione   è   iniziato   molto   prima      di   quando   è   stata   riconosciuta   dal   Papa,   è   esistita   da   sempre   e   già   si   parla   di   Lei   nel libro   della   Genesi.   Consapevoli   di      questo   regalo,   dovremmo   onorarla   attraverso   il   Padre   che   l'ha   voluta   e   ce   l'ha   data. Chi   meglio   di   Maria   Santissima   è   la      strada   sicura   che   porta   a   Gesù,   alla   verità?   Chi   meglio   di   Lei   è   intervenuta   in   tanti momenti   della   nostra   vita   e   intercede   per      noi   in   Cielo?   Chi   può   sostituirla?   E’   un   privilegio   e   una   fortuna   che   i   popoli dell'antico   testamento   non   hanno   avuto.   Perché      lo   consideriamo   un   fatto   scontato,   dovuto?   Dio   ha   pensato   all’uomo anche   quando   ha   deciso   di   mandare   suo   Figlio   sulla      Terra,   per   salvarlo   e   riscattarlo.   Non   ci   sentiamo   riconoscenti   verso questo   nostro   Amico   che   ha   dato   la   vita   per   noi   e   ci   ha      aperto   le   porte   del   paradiso?   Gesù   Cristo   è   venuto   pensando a   noi   e   perché   noi   facciamo   così   fatica   ad   amarci?   Come      possiamo   dire   di   aver   capito,   se   tra   noi   c'è   disinteresse   ed egoismo?   Davanti   alle   prove   della   vita,   dovremmo   comportarci   in      un   unico   modo,   anche   se   le   ragioni   superano   la   logica. " Fate   quello   che   Lui   vi   dirà "      è   l'eredità   più   grande   che      l'Immacolata   Concezione   ha   lasciato   all'umanità,   non   ha   detto di   far   fare   al   Signore   quello   che   vogliamo   noi.   Questa   frase      deve   rimanere   indelebile   nella   nostra   mente.   Mettiamoci   in discussione   noi,   non   la   Chiesa,   i   preti,   i   politici,   perché   non      abbiamo   capito   il   regalo   che   abbiamo   ricevuto;   non dovremmo   aprire   più   bocca   e   pensare   a   come   far   felice   il   nostro      fratello,   che   è   ciò   che   il   Signore   si   aspetta   da   noi.   Chi accetta   le   ingiustizie   viene   considerato   un   perdente,   un   debole,      un   fragile,   uno   che   non   sa   farsi   valere   o rispettare.    E   se   invece   non   fosse   così?      Il   sentimento   dell'amore   è   ciò   che   ha      accomunato   i   santi,   anche   se   venivano criticati   perché   non   avevano   il   pugno   duro.   Ma   se   il   pugno   duro   lo   usasse   il   Signore      con   noi?   Nessuno   ci   ha   conferito l'autorità   di   giudicare,   promuovere   o   giustificare   il   prossimo.   Le   nostre   preghiere   non      devono   portarci   ad   accusare   il fratello,   escludendolo   dalla   nostra   vita   perché   ci   ha   fatto   del   male;   non   serve   a   niente      disgustarsi   o   dissociarsi   dal comportamento   degli   altri,   non   ci   rende   meritevoli   davanti   a   Dio.   Dispiaciamoci   per   non   aver      capito   quello   che   invece avremmo   dovuto   capire.   Tutto   il   nostro   corpo   si   muove   attraverso   la   forza   invisibile   del   pensiero:      se   la   nostra   mente   ci dice di amarci, dobbiamo abituarci a farlo perché è il messaggio principale di Gesù, per il nostro bene.   HO PREGATO TANTO, MA NON HO OTTENUTO NIENTE ! È   giusto   pregare   intensamente,   è   l'elemento   portante   della   nostra   fede,   come   l'acqua   per   i   fiori,   senza   la   quale   l'anima     appassisce,   inaridisce;   però   è   il   valore   del   comportamento   dell'uomo   che   Dio   gradisce   e   completa   la   vita   cristiana.   Siamo     stati   abituati   a   pregare   il   Signore   perché   cambi   tante   cose,   quando   in   realtà   dovremmo   cambiare   noi;   non   possiamo     rivolgerci   a   Dio   per   realizzare   le   nostre   vendette   e   i   nostri   progetti.   Chi   di   noi   può   dire   di   essere   dalla   parte   della   verità?   I     benefici   portati   dal   progresso   non   riguardano   i   veri   valori   della   vita   come   il   rispetto,   l'educazione,   l'onestà;   senza l’amore,      per   un   pezzo   di   eredità   o   per   una   lite,   si   va   a   finire   dagli   avvocati…   Il   mondo   ci   ha   abituati   a   farci rispettare   non   ad      amarci!    Con   il   nostro   stile   di   vita,   siamo   nella   condizione   di   ottenere   la   grazia   del   Signore?   Diciamo la   verità   o   vogliamo      dimostrare   di   avere   ragione,   perché   sappiamo   di   essere   in   difetto?   Il   Signore   non   dà   le   perle   ai porci   o   a   chi   parla   meglio      tra   noi,   ma   a   chi   è   giusto   davanti   ai   suoi   occhi.   Accettiamoci   così   come   siamo,   senza   avere pretese   inutili.   Le   famiglie   si      dividono   per   l’orgoglio   e   l’egoismo,   perché   ognuno   rimane   fermo   sulle   sue   posizioni   e   non vuol vivere a vantaggio dell'altro,  come ci hanno insegnato Gesù e Maria. Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Quel dono non è stato capito
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Qual   è   il   motivo   principale   per   cui   Dio   ha   creato l'Immacolata    Concezione?    Sicuramente    per    la venuta   del   nostro   Signore      Gesù,   ma   Dio   in   quel momento     ha     pensato     nella     stessa     misura all'umanità.    Tutti    siamo    stati    coinvolti    in    quel      progetto,   perché   l'Immacolata   Concezione   è   la nostra   guida   sicura,   il   nostro   rifugio,   il   nostro aiuto,     la     nostra     consolazione,          la     nostra redentrice,    la    nostra    avvocata,    la    salute    degli infermi.   Ci   è   stata   regalata   per   ogni   situazione della   nostra   vita.      Pensiamo   che   quel   dono   non   ci riguardi,   fino   al   punto   di   non   essere   grati   a   Dio, perchè   ci   sfugge      l'importanza      dell'Immacolata Concezione.    Ce    l'hanno    descritta    sotto    tutti    i profili,   ma   ci   dimentichiamo   che   in   quel   preciso momento   Dio      pensava   a   ciascuno   di   noi,   anche a     chi     ha     preso     strade     diverse.     Il     lavoro dell'Immacolata     Concezione     è     iniziato     molto prima      di   quando   è   stata   riconosciuta   dal   Papa,   è esistita   da   sempre   e   già   si   parla   di   Lei   nel   libro della    Genesi.    Consapevoli    di        questo    regalo, dovremmo   onorarla   attraverso   il   Padre   che   l'ha voluta    e    ce    l'ha    data.    Chi    meglio    di    Maria Santissima   è   la      strada   sicura   che   porta   a   Gesù, alla   verità?   Chi   meglio   di   Lei   è   intervenuta   in tanti   momenti   della   nostra   vita   e   intercede   per     noi   in   Cielo?   Chi   può   sostituirla?   E’   un   privilegio   e una   fortuna   che   i   popoli   dell'antico   testamento non   hanno   avuto.   Perché      lo   consideriamo   un fatto   scontato,   dovuto?   Dio   ha   pensato   all’uomo anche   quando   ha   deciso   di   mandare   suo   Figlio sulla      Terra,   per   salvarlo   e   riscattarlo.   Non   ci sentiamo   riconoscenti   verso   questo   nostro   Amico che   ha   dato   la   vita   per   noi   e   ci   ha      aperto   le porte     del     paradiso?     Gesù     Cristo     è     venuto pensando   a   noi   e   perché   noi   facciamo   così   fatica ad   amarci?   Come      possiamo   dire   di   aver   capito, se   tra   noi   c'è   disinteresse   ed   egoismo?   Davanti alle   prove   della   vita,   dovremmo   comportarci   in     un   unico   modo,   anche   se   le   ragioni   superano   la logica.   "Fate   quello   che   Lui   vi   dirà"      è   l'eredità più    grande    che        l'Immacolata    Concezione    ha lasciato   all'umanità,   non   ha   detto   di   far   fare   al Signore   quello   che   vogliamo   noi.   Questa   frase     deve    rimanere    indelebile    nella    nostra    mente. Mettiamoci   in   discussione   noi,   non   la   Chiesa,   i preti,   i   politici,   perché   non      abbiamo   capito   il regalo    che    abbiamo    ricevuto;    non    dovremmo aprire   più   bocca   e   pensare   a   come   far   felice   il nostro      fratello,   che   è   ciò   che   il   Signore   si   aspetta da     noi.     Chi     accetta     le     ingiustizie     viene considerato   un   perdente,   un   debole,      un   fragile, uno   che   non   sa   farsi   valere   o   rispettare.   E   se invece   non   fosse   così?      Il   sentimento   dell'amore è    ciò    che    ha        accomunato    i    santi,    anche    se venivano   criticati   perché   non   avevano   il   pugno duro.   Ma   se   il   pugno   duro   lo   usasse   il   Signore     con    noi?    Nessuno    ci    ha    conferito    l'autorità    di giudicare,   promuovere   o   giustificare   il   prossimo. Le    nostre    preghiere    non        devono    portarci    ad accusare   il   fratello,   escludendolo   dalla   nostra   vita perché   ci   ha   fatto   del   male;   non   serve   a   niente     disgustarsi   o   dissociarsi   dal   comportamento   degli altri,    non    ci    rende    meritevoli    davanti    a    Dio. Dispiaciamoci   per   non   aver      capito   quello   che invece   avremmo   dovuto   capire.   Tutto   il   nostro corpo   si   muove   attraverso   la   forza   invisibile   del pensiero:      se   la   nostra   mente   ci   dice   di   amarci, dobbiamo   abituarci   a   farlo   perché   è   il   messaggio principale di Gesù, per il nostro bene.  HO PREGATO TANTO, MA NON HO OTTENUTO NIENTE ! È    giusto    pregare    intensamente,    è    l'elemento portante   della   nostra   fede,   come   l'acqua   per   i fiori,     senza     la     quale     l'anima          appassisce, inaridisce;   però   è   il   valore   del   comportamento dell'uomo   che   Dio   gradisce   e   completa   la   vita cristiana.    Siamo        stati    abituati    a    pregare    il Signore    perché    cambi    tante    cose,    quando    in realtà    dovremmo    cambiare    noi;    non    possiamo      rivolgerci   a   Dio   per   realizzare   le   nostre   vendette e   i   nostri   progetti.   Chi   di   noi   può   dire   di   essere dalla   parte   della   verità?   I      benefici   portati   dal progresso   non   riguardano   i   veri   valori   della   vita come    il    rispetto,    l'educazione,    l'onestà;    senza l’amore,      per   un   pezzo   di   eredità   o   per   una   lite,   si va   a   finire   dagli   avvocati…   Il   mondo   ci   ha   abituati a   farci   rispettare   non   ad      amarci!   Con   il   nostro stile   di   vita,   siamo   nella   condizione   di   ottenere   la grazia   del   Signore?   Diciamo   la   verità   o   vogliamo     dimostrare   di   avere   ragione,   perché   sappiamo   di essere   in   difetto?   Il   Signore   non   dà   le   perle   ai porci   o   a   chi   parla   meglio      tra   noi,   ma   a   chi   è giusto   davanti   ai   suoi   occhi.   Accettiamoci   così come    siamo,    senza    avere    pretese    inutili.    Le famiglie   si      dividono   per   l’orgoglio   e   l’egoismo, perché   ognuno   rimane   fermo   sulle   sue   posizioni e   non   vuol   vivere   a   vantaggio   dell'altro,      come   ci hanno insegnato Gesù e Maria.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile