Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Il   vortice   del   mondo   che   rischia   di   risucchiarci   è   l'arrivismo,   il   materialismo,   l'egoismo,   l'avidità,   la   falsità.   L'invito   che   ci ha   sempre   fatto   il   Signore   è   quello   di   amarci,   invece   giudichiamo   e   critichiamo   con   una   facilità   come   fosse   un comandamento.   Chi   di   noi   ha   le   priorità   di   Dio?      Quante   ricchezze   si   sono   consumate   e   sperperate   in   questo   mondo?   Il Signore   ce   le   ha   date   in   abbondanza,   con   l'amore   nel   cuore   potremmo   vivere   tutti   più   felici,   ma   la   nostra   avidità   di potere   ha   scombinato   persino   l'equilibrio   naturale   creando   malattie   su   malattie.   Se   non   dà   l'amore   il   nostro   cuore   è come   un   seme   piantato   all'ombra,   non   dà   frutto.   A   cosa   serve?   Eppure   sembra   che   i   disastri   di   oggi   siano   colpa   del Signore   o   della   Chiesa.   Dove   hanno   sbagliato?   È   la   Chiesa   che   non   ha   dato   il   meglio   di   sé   o   siamo   noi   che   abbiamo   fatto di   tutto   tranne   quello   che   dovevamo   fare?   Nella   nostra   epoca   ci   sono   stati   due   Papi   santi   e   uno   beato,   non   possiamo incolpare   la   Chiesa   di   questa   confusione.   Siamo   obiettivi:   a   cosa   serve   il   Papa?   Per   emozionarci   quando   compie   gesti popolari?   Quale   cristiano   conosce   una   lettera   degli   ultimi   Papi   che   sono   verità   di   fede?   Nei   nostri   telefonini   e   tablet   ci sono   un'infinità   di      messaggi   e   di   segni,   ma   nessuna   lettera   dei   Papi.   Verità   di   fede   sono   le   rivelazioni   private   o   le   parole dei   vicari   di   Cristo?   Sono   più   coerenti   gli   ortodossi,   perché   loro   almeno   hanno   dichiarato   di   non   accettare   il   primato   del Papa,   ma   noi   avendolo   accettato   non   lo   rispettiamo.   Diffidiamo   dalle   rivelazioni   private   (che   ci   mettono   l'uno   contro l'altro),   rispettiamo   solo   il   Vangelo   e   rimarremo   uniti   alla   Chiesa.   I   vescovi   basano   le   loro   lettere   sulla   parola   di   Dio perché   non   c'è   niente   che   può   sostituirla.   Dobbiamo   difendere   la   nostra   fede   perché   ce   la   stanno   rubando   con   un'astuzia demoniaca.   Cosa   andiamo   a   fare   nei   pellegrinaggi,   per   portare   a   casa   l'immaginetta   e   il   santino?   Ammettiamo   di   avere tanto   sbagliato,   poniamo   un   freno   alla   nostra   condotta   perché   è   inutile   pregare   con   l'ipocrisia   e   i   sentimenti   negativi.   È un   miracolo   se   esiste   ancora   la   Chiesa   dopo   2000   anni   di   aggressioni   e   di   attacchi   micidiali:   come   può   un   pastore   tenere insieme    l’ovile    quando    ognuno    contesta    e    va    per    conto    suo?    Quando    i    figli    criticano    tutto    quello    che    i    genitori propongono,   quella   famiglia   non   può   andare   bene.   Il   Papa   è   messo   nella   condizione   di   proporre   il   meglio   per   la   sua Chiesa   o   purtroppo   deve   accettare   i   tempi?   Il   Papa   è   la   nostra   guida   spirituale,   avrebbe   tante   cose   meravigliose   da insegnarci   ma   se   rifiutiamo   tutto   quello   che   dice,   cosa   può   fare   per   noi?   E'   come   rifiutare   la   parola   di   Dio,   se   l'avessimo accettata   la   nostra   vita   sarebbe   diversa.   Chi   deve   continuamente   porsi   delle   domande   non   ha   la   luce   e   la   verità   nel cuore,   perché   ha   abbandonato   Dio.   La   negatività   ce   la   portiamo   dentro   con   le   nostre   azioni,   riscopriamo   la   gioia   di essere cristiani vivendo correttamente, rispettando ciò che la Chiesa propone. UN DISEGNO PRESTABILITO TRA ROMA E LORETO La   Madonna   sa   ciò   di   cui   abbiamo   bisogno,   ma   noi   corrispondiamo   alle   sue   aspettative?   Consoliamo   il   suo   Cuore Immacolato,   l'unica   nostra   difesa   e   certezza   di   vittoria,   amandoci   e   perdonandoci?   Senza   colpo   ferire   la   pietra   scartata dai   costruttori   è   divenuta   testata   d'angolo   nel   cuore   del   nemico,   a   Roma,   e   dopo   poco   tempo   la   sua   Santissima   Madre l'ha   seguito   portando   vicino   la   sua   casa   di   Nazaret.   Una   storia   dice   che   l'hanno   trasportata   agli   angeli,   un'altra   che   è stata   trasportata   dalla   famiglia   Angeli:   questa   similitudine   sta   a   significare   che   è   inutile   indagare,   per   noi   quella   di   Loreto resta   la   casa   della   Madonna.   Sentiamoci   più   rispettosi   verso   quel   luogo.   Venendo   nella   nostra   nazione   Gesù   e   Maria hanno   portato   un   enorme   benedizione,   una   roccaforte   contro   il   male.   L'hanno   di   colmata   di   grazie   come   nessun   altro paese:   è   fiorita   l'arte,   la   cultura,   la   santità,   vi   si   trovano   i   frutti   più   buoni   e   l'aria   più   salubre.   Ma   oggi   non   siamo   più protetti   come   in   passato.   Se   fossimo   stati   coerenti,   invece   di   demolire   la   nostra   fede,   chissà   quale   sfoggio   di   potenza l'Italia   dimostrerebbe!   Siamo   tutti   colpevoli   di   quello   che   sta   avvenendo   e   delle   leggi   stupide   che   promuovono.   Non scandalizziamoci,   fanno   parte   delle   nostre   abitudini   degradanti.   Ringraziamo   il   Signore   e   la   Madonna   per   aver   scelto l'Italia, difendiamola da questa devastazione spirituale.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Cosa rappresenta il Papa per noi?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il   vortice   del   mondo   che   rischia   di   risucchiarci   è l'arrivismo,   il   materialismo,   l'egoismo,   l'avidità,   la falsità.   L'invito   che   ci   ha   sempre   fatto   il   Signore   è quello      di      amarci,      invece      giudichiamo      e critichiamo    con    una    facilità    come    fosse    un comandamento.   Chi   di   noi   ha   le   priorità   di   Dio?     Quante   ricchezze   si   sono   consumate   e   sperperate in   questo   mondo?   Il   Signore   ce   le   ha   date   in abbondanza,    con    l'amore    nel    cuore    potremmo vivere    tutti    più    felici,    ma    la    nostra    avidità    di potere   ha   scombinato   persino   l'equilibrio   naturale creando     malattie     su     malattie.     Se     non     l'amore    il    nostro    cuore    è    come    un    seme piantato    all'ombra,    non    dà    frutto.    A    cosa serve?   Eppure   sembra   che   i   disastri   di   oggi   siano colpa   del   Signore   o   della   Chiesa.   Dove   hanno sbagliato?   È   la   Chiesa   che   non   ha   dato   il   meglio di   sé   o   siamo   noi   che   abbiamo   fatto   di   tutto tranne   quello   che   dovevamo   fare?   Nella   nostra epoca   ci   sono   stati   due   Papi   santi   e   uno   beato, non    possiamo    incolpare    la    Chiesa    di    questa confusione.   Siamo   obiettivi:   a   cosa   serve   il   Papa? Per   emozionarci   quando   compie   gesti   popolari? Quale   cristiano   conosce   una   lettera   degli   ultimi Papi   che   sono   verità   di   fede?   Nei   nostri   telefonini e   tablet   ci   sono   un'infinità   di      messaggi   e   di segni,   ma   nessuna   lettera   dei   Papi.   Verità   di   fede sono   le   rivelazioni   private   o   le   parole   dei   vicari   di Cristo?   Sono   più   coerenti   gli   ortodossi,   perché loro   almeno   hanno   dichiarato   di   non   accettare   il primato   del   Papa,   ma   noi   avendolo   accettato   non lo   rispettiamo.   Diffidiamo   dalle   rivelazioni   private (che   ci   mettono   l'uno   contro   l'altro),   rispettiamo solo   il   Vangelo   e   rimarremo   uniti   alla   Chiesa.   I vescovi   basano   le   loro   lettere   sulla   parola   di   Dio perché    non    c'è    niente    che    può    sostituirla. Dobbiamo   difendere   la   nostra   fede   perché   ce   la stanno   rubando   con   un'astuzia   demoniaca.   Cosa andiamo   a   fare   nei   pellegrinaggi,   per   portare   a casa   l'immaginetta   e   il   santino?   Ammettiamo   di avere    tanto    sbagliato,    poniamo    un    freno    alla nostra    condotta    perché    è    inutile    pregare    con l'ipocrisia   e   i   sentimenti   negativi.   È   un   miracolo se   esiste   ancora   la   Chiesa   dopo   2000   anni   di aggressioni   e   di   attacchi   micidiali:   come   può   un pastore    tenere    insieme    l’ovile    quando    ognuno contesta    e    va    per    conto    suo?    Quando    i    figli criticano   tutto   quello   che   i   genitori   propongono, quella   famiglia   non   può   andare   bene.   Il   Papa   è messo   nella   condizione   di   proporre   il   meglio   per la    sua    Chiesa    o    purtroppo    deve    accettare    i tempi?    Il    Papa    è    la    nostra    guida    spirituale, avrebbe   tante   cose   meravigliose   da   insegnarci ma   se   rifiutiamo   tutto   quello   che   dice,   cosa   può fare   per   noi?   E'   come   rifiutare   la   parola   di   Dio,   se l'avessimo    accettata    la    nostra    vita    sarebbe diversa.    Chi    deve    continuamente    porsi    delle domande   non   ha   la   luce   e   la   verità   nel   cuore, perché   ha   abbandonato   Dio.   La   negatività   ce   la portiamo   dentro   con   le   nostre   azioni,   riscopriamo la   gioia   di   essere   cristiani   vivendo   correttamente, rispettando ciò che la Chiesa propone. UN DISEGNO PRESTABILITO TRA ROMA E LORETO La   Madonna   sa   ciò   di   cui   abbiamo   bisogno,   ma noi      corrispondiamo      alle      sue      aspettative? Consoliamo    il    suo    Cuore    Immacolato,    l'unica nostra   difesa   e   certezza   di   vittoria,   amandoci   e perdonandoci?     Senza     colpo     ferire     la     pietra scartata     dai     costruttori     è     divenuta     testata d'angolo   nel   cuore   del   nemico,   a   Roma,   e   dopo poco   tempo   la   sua   Santissima   Madre   l'ha   seguito portando    vicino    la    sua    casa    di    Nazaret.    Una storia   dice   che   l'hanno   trasportata   agli   angeli, un'altra    che    è    stata    trasportata    dalla    famiglia Angeli:   questa   similitudine   sta   a   significare   che   è inutile   indagare,   per   noi   quella   di   Loreto   resta   la casa    della    Madonna.    Sentiamoci    più    rispettosi verso   quel   luogo.   Venendo   nella   nostra   nazione Gesù     e     Maria     hanno     portato     un     enorme benedizione,    una    roccaforte    contro    il    male. L'hanno   di   colmata   di   grazie   come   nessun   altro paese:   è   fiorita   l'arte,   la   cultura,   la   santità,   vi   si trovano   i   frutti   più   buoni   e   l'aria   più   salubre.   Ma oggi   non   siamo   più   protetti   come   in   passato.   Se fossimo    stati    coerenti,    invece    di    demolire    la nostra    fede,    chissà    quale    sfoggio    di    potenza l'Italia    dimostrerebbe!    Siamo    tutti    colpevoli    di quello   che   sta   avvenendo   e   delle   leggi   stupide che    promuovono.    Non    scandalizziamoci,    fanno parte      delle      nostre      abitudini      degradanti. Ringraziamo   il   Signore   e   la   Madonna   per   aver scelto       l'Italia,       difendiamola       da       questa devastazione spirituale.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile