Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Partendo   dal   Nuovo   Testamento   il   logico   diventa   illogico   perché   l'illogico   è   diventato   logico.   In   tutte   le   epoche   si   è sempre   parlato      della   venuta   di   Cristo   e   quando   apparve   all'orizzonte   dei   tempi   non   c'era   la   possibilità   di   trasmettere informazioni,   filmati   o      testimonianze.      Il   mondo   all'inizio   del   cristianesimo   era   molto   diverso   dal   nostro,   c'era   una cristianità   autentica   che   veniva   difesa      con   la   propria   vita.   Si   poteva   solo   accettare   il   mistero,   ma   la   parola   di   Dio   era   in auge   perché   venivano   rivelati   l'amore   e   i      comandamenti.   Tra   alti   e   bassi   l'eredità   dei   padri   si   è   mantenuta   fedele,   poi   la Chiesa   ha   gestito   la   parola   del   maestro   Gesù   in   un      modo   stupendo   e   meraviglioso   fino   al   1960,   quando   la   responsabilità spirituale   era   di   pertinenza   del   sacerdote.   Anche   allora   si      commettevano   certi   peccati,   ma   c’era   il   santo   timor   di   Dio. Pensando   che   loro   sono   stati   soggiogati   come   bigotti   e   fanatici,      abbiamo   ritenuto   imposizione,   violenza   e   mancanza   di libertà,      ciò   che   invece   avevano   salvaguardato.   Oggi   si   è   liberalizzato   tutto      e   non   ci   si   rende   conto   del   tranello   in   cui siamo   caduti.   Da   quando   l'uomo   ha   incominciato   a   pregare   ritualmente,   ha   smesso   di      amare,   si   è   indurito   nel   cuore.   La nostra   fede   non   è   come   un   albero   di   Natale   dove   possiamo   appoggiare   le   nostre   cianfrusaglie   (le      intenzioni   di   preghiera, le   novene…),   quando   poi   ci   svuotiamo   dell'essenza.   Dov'è   la   concretezza   del   Maestro?   Abbiamo   fatto      diventare   la   fede un   fatto   secondario,   mentre   abbiamo   messo   al   primo   posto   tutte   le   nostre   iniziative.   Per   tantissimi   secoli   l'uomo      non   ha avuto   la   possibilità   di   documentarsi   sulla   Bibbia,   da   chi   è   stato   istruito?   Quando   non   era   così   libero   di   interpretare   e   di     agire,   aveva   una   qualità   di   vita   migliore   della   nostra   e   trasmetteva   la   fede   con   l'esempio.   C’era   l’amore.   Lasciava   la   porta aperta      quando   andava   a   dormire   e   divideva   il   poco   pane   con   gli   altri.   Ma   è   positivo   per   noi   lasciarci   liberi   di   interpretare o   era   meglio      confermare   la   parola   di   Dio?   Come   logica   conseguenza   avremmo   dovuto   confermare   e   migliorare   la condizione   dei   nostri   padri,      invece   siamo   caduti   in   un   precipizio,   distruggendo   il   loro   lavoro   e   aprendo   la   porta   al peccato.   C'è   da   rabbrividire   pensando   alla      cultura   che   si   è   insediata,   quando   mai   si   sono   sentite   crudeltà   e   sofferenze come   quelle   di   oggi?   Persino   in   guerra   c'era   più      rispetto.   Abbiamo   fatto   entrare   nelle   famiglie   e   nella   santa   Chiesa   la possibilità   di   non   rendere   più   peccato   quello   che   era   peccato.      Chi   ci   ha   autorizzato?   Con   che   spirito   leggiamo   la   Parola   di Dio?   Sappiamo   solamente   salvaguardare   i   nostri   interessi,   anche   a      costo   di   giurare   il   falso.   Doveva   farci   bene   vedere rappresentata   la   vita   di   Gesù   e   dei   Santi,   ma   non   è   stato   così,   senza   questi      mezzi   d'informazione   magari   saremmo   più genuini.   Ecco   perché   parliamo   di   analisi   illogica.   Anche   l'amore   che   tanto      decantiamo   è   freddo,   ragionato,   condito   di convenienza,   di   circostanza   e   di   favoritismi,   è   un'offesa   all'amore   vero.      Sarà      aumentata   la   cultura,   l'emancipazione della   donna,   ma   abbiamo   smesso   di   amare.   Ci   stiamo   giocando   l'eternità,   quel   mistero      della   fede   che   nemmeno   i   film riescono   a   rappresentare.   La   Madonna   non   viene   a   dirci   “pregate,   pregate,   pagate”   ma   qualcosa   di      più,   di   essere consapevoli,   perché   dalla   Genesi   ad   oggi   tutto   quello   che   Dio   ha   rivelato   si   è   realizzato.   Non   ci   fa   specie   che      all'epoca, senza   nessun   tipo   di   illustrazione   e   la   possibilità   di   frequentare   luoghi   benedetti,   c'era   un'integrità   spirituale   stupenda?     Era   la   fede   che   garantiva   tutto.   Progredendo   e   conoscendo   tutto,   siamo   arrivati   allo   sfacelo   spirituale,   sostenuti   dalla     preghiera.   Siamo   così   ingenui?   Non   conformiamoci   alle   abitudini   del   mondo   e   non   insabbiamo   quello   che   ci   è   stato tramandato      dai   nostri   padri.   Ci   rendiamo   conto   l'orrore   che   hanno   davanti   i   nostri   figli?   Il   mondo   non   è   mica   nostro,   non possiamo   creare   e      distruggere   a   piacimento.   Dio   non   ci   obbliga   a   prendere   una   strada   o   un'altra,   ma   le   ripercussioni sono   diverse.   Se   fossimo   stati      tutti   col   Signore   non   ci   sarebbero   stati   miliardi   di   morti   in   nome   Suo   per   orgoglio,   avidità, falsità   e   tradimenti.   Amiamo   il   nostro      nemico?   Perché   dobbiamo   sopraffare   chi   ha   un'idea   diversa   dalla   nostra?   Abbiamo aperto   la   porta   al   peccato,   a   Satana,   e   lui   entra      come   falso   agnello   nelle   nostre   vite,   ci   fa   prendere   iniziative   che sembrano   sostenibili,   ma   mancano   d'amore.   Le   guerre   e   le      rivoluzioni   nascono   così,   con   i   motivi   della   logica   e   della ragione,   per   sostenere   un   simbolo   politico   dentro   il   quale   c’è   il      materialismo,   l'interesse,   il   potere.   Dall'avvento   di   Gesù Cristo   quanti   simboli   sono   cambiati   nel   mondo?   Sono   tutti   fattori      teorici   che   hanno   provocato   scismi,   divisioni,   nuove dottrine,   mentre   Dio   ci   garantisce   la   Divina   Provvidenza.   Sii   agnello   ma   sta      lontano   dai   lupi:   pur   amando   non   dobbiamo lasciarci   uccidere,   un   ladro   va   trattato   da   ladro,   un   farneticante   va   trattato   da      farneticante,   uno   spergiuro   va   trattato   da spergiuro,   questo   Dio   ce   lo   permette.   Gli   ultimi   50   anni   ci   devono   molto   far   riflettere,      perché   questa   è   la   cultura   del   non amore   e   del   rispetto   per   paura   del   codice   civile.   Torniamo   a   riscoprire   “il   vecchio”   che   abbiamo      distrutto,   non   aspettiamo che   la   misura   sia   colma,   restiamo   in   quel   piccolo   resto   che   Gesù   ha   preannunciato.   Sosteniamo   l'ente      dell'amore,   il Signore interverrà per noi. Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’analisi illogica
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Partendo   dal   Nuovo   Testamento   il   logico   diventa illogico    perché    l'illogico    è    diventato    logico.    In tutte   le   epoche   si   è   sempre   parlato      della   venuta di    Cristo    e    quando    apparve    all'orizzonte    dei tempi    non    c'era    la    possibilità    di    trasmettere informazioni,   filmati   o      testimonianze.      Il   mondo all'inizio   del   cristianesimo   era   molto   diverso   dal nostro,   c'era   una   cristianità   autentica   che   veniva difesa        con    la    propria    vita.    Si    poteva    solo accettare   il   mistero,   ma   la   parola   di   Dio   era   in auge     perché     venivano     rivelati     l'amore     e     i       comandamenti.   Tra   alti   e   bassi   l'eredità   dei   padri si   è   mantenuta   fedele,   poi   la   Chiesa   ha   gestito   la parola   del   maestro   Gesù   in   un      modo   stupendo   e meraviglioso      fino      al      1960,      quando      la responsabilità    spirituale    era    di    pertinenza    del sacerdote.   Anche   allora   si      commettevano   certi peccati,   ma   c’era   il   santo   timor   di   Dio.   Pensando che    loro    sono    stati    soggiogati    come    bigotti    e fanatici,      abbiamo   ritenuto   imposizione,   violenza e   mancanza   di   libertà,      ciò   che   invece   avevano salvaguardato.   Oggi   si   è   liberalizzato   tutto      e   non ci   si   rende   conto   del   tranello   in   cui   siamo   caduti. Da    quando    l'uomo    ha    incominciato    a    pregare ritualmente,   ha   smesso   di      amare,   si   è   indurito nel   cuore.   La   nostra   fede   non   è   come   un   albero di   Natale   dove   possiamo   appoggiare   le   nostre cianfrusaglie    (le        intenzioni    di    preghiera,    le novene…),   quando   poi   ci   svuotiamo   dell'essenza. Dov'è   la   concretezza   del   Maestro?   Abbiamo   fatto     diventare    la    fede    un    fatto    secondario,    mentre abbiamo   messo   al   primo   posto   tutte   le   nostre iniziative.   Per   tantissimi   secoli   l'uomo      non   ha avuto   la   possibilità   di   documentarsi   sulla   Bibbia, da    chi    è    stato    istruito?    Quando    non    era    così libero    di    interpretare    e    di        agire,    aveva    una qualità   di   vita   migliore   della   nostra   e   trasmetteva la   fede   con   l'esempio.   C’era   l’amore.   Lasciava   la porta    aperta        quando    andava    a    dormire    e divideva   il   poco   pane   con   gli   altri.   Ma   è   positivo per   noi   lasciarci   liberi   di   interpretare   o   era   meglio     confermare     la     parola     di     Dio?     Come     logica conseguenza    avremmo    dovuto    confermare    e migliorare   la   condizione   dei   nostri   padri,      invece siamo   caduti   in   un   precipizio,   distruggendo   il   loro lavoro    e    aprendo    la    porta    al    peccato.    C'è    da rabbrividire    pensando    alla        cultura    che    si    è insediata,   quando   mai   si   sono   sentite   crudeltà   e sofferenze   come   quelle   di   oggi?   Persino   in   guerra c'era   più      rispetto.   Abbiamo   fatto   entrare   nelle famiglie   e   nella   santa   Chiesa   la   possibilità   di   non rendere   più   peccato   quello   che   era   peccato.      Chi ci   ha   autorizzato?   Con   che   spirito   leggiamo   la Parola        di        Dio?        Sappiamo        solamente salvaguardare   i   nostri   interessi,   anche   a      costo   di giurare     il     falso.     Doveva     farci     bene     vedere rappresentata   la   vita   di   Gesù   e   dei   Santi,   ma   non è   stato   così,   senza   questi      mezzi   d'informazione magari     saremmo     più     genuini.     Ecco     perché parliamo   di   analisi   illogica.   Anche   l'amore   che tanto      decantiamo   è   freddo,   ragionato,   condito   di convenienza,   di   circostanza   e   di   favoritismi,   è un'offesa   all'amore   vero.      Sarà      aumentata   la cultura,      l'emancipazione      della      donna,      ma abbiamo   smesso   di   amare.   Ci   stiamo   giocando l'eternità,   quel   mistero      della   fede   che   nemmeno i   film   riescono   a   rappresentare.   La   Madonna   non viene    a    dirci    “pregate,    pregate,    pagate”    ma qualcosa   di      più,   di   essere   consapevoli,   perché dalla    Genesi    ad    oggi    tutto    quello    che    Dio    ha rivelato    si    è    realizzato.    Non    ci    fa    specie    che      all'epoca,   senza   nessun   tipo   di   illustrazione   e   la possibilità   di   frequentare   luoghi   benedetti,   c'era un'integrità   spirituale   stupenda?      Era   la   fede   che garantiva   tutto.   Progredendo   e   conoscendo   tutto, siamo    arrivati    allo    sfacelo    spirituale,    sostenuti dalla        preghiera.    Siamo    così    ingenui?    Non conformiamoci   alle   abitudini   del   mondo   e   non insabbiamo   quello   che   ci   è   stato   tramandato      dai nostri    padri.    Ci    rendiamo    conto    l'orrore    che hanno   davanti   i   nostri   figli?   Il   mondo   non   è   mica nostro,   non   possiamo   creare   e      distruggere   a piacimento.   Dio   non   ci   obbliga   a   prendere   una strada    o    un'altra,    ma    le    ripercussioni    sono diverse.   Se   fossimo   stati      tutti   col   Signore   non   ci sarebbero   stati   miliardi   di   morti   in   nome   Suo   per orgoglio,   avidità,   falsità   e   tradimenti.   Amiamo   il nostro      nemico?   Perché   dobbiamo   sopraffare   chi ha   un'idea   diversa   dalla   nostra?   Abbiamo   aperto la   porta   al   peccato,   a   Satana,   e   lui   entra      come falso    agnello    nelle    nostre    vite,    ci    fa    prendere iniziative   che   sembrano   sostenibili,   ma   mancano d'amore.   Le   guerre   e   le      rivoluzioni   nascono   così, con    i    motivi    della    logica    e    della    ragione,    per sostenere   un   simbolo   politico   dentro   il   quale   c’è   il     materialismo,   l'interesse,   il   potere.   Dall'avvento di   Gesù   Cristo   quanti   simboli   sono   cambiati   nel mondo?    Sono    tutti    fattori        teorici    che    hanno provocato     scismi,     divisioni,     nuove     dottrine, mentre   Dio   ci   garantisce   la   Divina   Provvidenza. Sii   agnello   ma   sta      lontano   dai   lupi:   pur   amando non    dobbiamo    lasciarci    uccidere,    un    ladro    va trattato   da   ladro,   un   farneticante   va   trattato   da     farneticante,     uno     spergiuro     va     trattato     da spergiuro,   questo   Dio   ce   lo   permette.   Gli   ultimi 50   anni   ci   devono   molto   far   riflettere,      perché questa   è   la   cultura   del   non   amore   e   del   rispetto per   paura   del   codice   civile.   Torniamo   a   riscoprire “il     vecchio”     che     abbiamo          distrutto,     non aspettiamo   che   la   misura   sia   colma,   restiamo   in quel   piccolo   resto   che   Gesù   ha   preannunciato. Sosteniamo     l'ente          dell'amore,     il     Signore interverrà per noi.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile