Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  La   croce   che   abbiamo   costruito   a   Gesù   sta   a   testimoniare   che   chi   ama   non   deve   aspettarsi   la   riconoscenza.    I    martiri    lo   hanno    sperimentato.   Perché   facciamo   così   fatica   a   subire   una   piccola   prova,   quando   quella   più   cruenta   e   difficile   l’ha subita   Gesù?   Se   ci   lamentiamo   abbiamo   paura   di   amare,   di   essere   calunniati,   perseguitati   e   criticati.   Abbiamo   paura della   croce.   Dov'è   la   dignità   e   il   coraggio   dei   figli   di   Dio?   Quando   Gesù   è   stato   tentato   nel   deserto,   come   in   una   sfida epica   tra   il   bene   e   il   male,   gli   fu   detto:   "Se   tu   sei   Figlio   di   Dio,   dì   a   questa   pietra   che   diventi   pane".      Il   diavolo   ci   tenta nella   natura   divina,   non   in   quella   umana,   perché   nella   prima   abbiamo   il   delirio   del   soprannaturale   e   siamo   perdenti.   Ci vuole   portare   a   peccare   di   divinità,   a   commettere   l’errore   che   ha   fatto   quando   è   stato   scacciato   dal   Paradiso.   Non   era certo   che   Gesù   era   il   Figlio   di   Dio,   perché   Maria   Santissima   l'aveva   tenuto   nascosto   per   trent’anni   con   tanto rispetto   e   umiltà ,   altrimenti   l’avrebbe   messo   in   croce   prima.   La   Madonna   ha   svolto   il   suo   compito   nel   migliore   dei modi,   nel   silenzio,   possibile   che   adesso   cambi   totalmente   comportamento?   Chi   di   noi   avrebbe   nascosto   la   divinità   per così   tanto   tempo?   Se   fossimo   portatori   anche   solo   di   un   piccolo   miracolo,   lo   saprebbe   il   mondo   intero.   "Sta   scritto:   Non di   solo   pane   vivrà   l'uomo",   quanti   discorsi   avremmo   fatto   noi?   Nelle   tentazioni   Gesù   ha   nascosto   la   sua   divinità   e    ha difeso   la   natura   umana   per   rivelarci   come   dovremmo   comportarci.      Il   diavolo,   mostrandogli   in   un   istante   tutti   i   regni della   terra,   gli   disse:   "Ti   darò   tutta   questa   potenza   e   la   gloria   di   questi   regni,   perché   è   stata   messa   nelle   mie   mani   e   io   la do   a   chi   voglio" .   Il   potere   terreno   e   le   fantasticherie   sono   in   mano   al   diavolo,   che   ci   fa   digiunare   e   pregare   come facevano   scribi   e   farisei,   ma   non   ci   fa   amare.   "Se   ti   prostri   dinanzi   a   me   tutto   sarà   tuo" :   chi   per   avere   successo   e piacere,   non   accetterebbe   la   proposta   del   demonio?   Gesù   gli   rispose:   "Sta   scritto:   Solo   al   Signore   Dio   tuo   ti   prostrerai, lui   solo   adorerai".   Adoriamo   la   parola   di   Dio   o   il   nostro   pensiero?   I   veri   profeti   non   sono   mai   stati   accomodanti   con   lo stile   di   vita   del   loro   tempo,   ma   hanno   versato   sangue.   E   a   noi   è   riservata   la   parte   senza   nessuna   prova?   Lo   condusse   a Gerusalemme,   lo   pose   sul   pinnacolo   del   tempio   e   gli   disse:   "Se   tu   sei   Figlio   di   Dio,   buttati   giù;   sta   scritto   infatti:   Ai   suoi angeli   darà   ordine   per   te,   perché   essi   ti   custodiscano;   e   anche:   essi   ti   sosterranno   con   le   mani,   perché   il   tuo   piede   non inciampi   in   una   pietra".   Gesù   viene   nuovamente   tentato   nella   natura   divina.   Il   Signore   riconosce   i   nostri   difetti,   ma   non accetta   coloro   che   si   classificano   miracolosi   o   miracolati,   perché   rasentano   il   divino.   A   Lui   non   servono   i   numeri,   ma   la concretezza.   La   natura   divina   ci   sconvolge,   non   abbiamo   la   possibilità   di   gestirla,   perché   vogliamo   offrirla   al   primo   che incontriamo?   La   divinità   si   rivela   per   conto   suo,   non   siamo   noi   i   suoi   custodi.    Il   modo   di   evangelizzare   che   Gesù   ci ha    insegnato    è    il    silenzio.    Non    dobbiamo    pensare    che    il    male    deve    essere    affrontato    “di    petto”    altrimenti    ci distruggerebbe,   cerchiamo   di   essere   miti   agnelli,   ma   di   stare   lontano   dai   lupi.   Quelli   non   si   ammansiscono.   Ci   sarà   un motivo   per   cui   Maria   non   ha   proferito   parola   del   progetto   meraviglioso   che   Dio   aveva   su   di   Lei:   si   è   lasciata   umiliare, insultare   e   sfrattare   più   volte   da   un   luogo   all'altro,   ma   è   sempre   rimasta   in   silenzio.   Il   male   non   conosce   i   progetti   di Dio,   se   mai   conosce   la   legge   di   Dio.    Quelli   li   sveliamo   noi   perché   abbiamo   troppa   fretta   di   dimostrare,   di   attirare l'attenzione,   di   proclamare.   Come   cristiani   bisogna   essere   discreti   e   accettare   la   situazione   che   abbiamo   anche   se   non   è gradevole.   Nel   deserto   Gesù   ha   dimostrato   che   la   natura   umana   è   più   forte   di   quello   che   pensiamo   noi   e   può   superare certe   prove   se   ci   si   affida   a   Dio.   Perché   vogliamo   avere   le   scusanti   della   nostra   fragilità?   Siamo   deboli   dove   ci   conviene, ma   forti   dove   abbiamo   un   interesse.   Dov’è   la   nostra   fede?   Accettiamo   con   coraggio   ciò   che   umanamente   si   vorrebbe evitare.   Le   grazie   avvengono   abbondanti   quando   ci   si   affida   con   un   pensiero   a   Dio,   senza   che   nessuno   lo sappia.    Cerchiamo   di   essere   più   riservati,   che   il   Signore   non   ha   bisogno   che   uno   vada   a   dire   che   fa   i   miracoli. Diffondiamo   l'amore   prima   di   tutto,   poi   la   parola   del   Vangelo   che   è   anche   formativa   e   completa   la   natura   umana   con quella   divina.   Costruirsi   sul   pregate,   pregate,   pregate ”   ha   dei   contraccolpi   come   quando   si   prende   una   medicina,   va bene   da   un   lato,   ma   ha   delle   controindicazioni   dall'altro.   Quanti   di   noi   dicono:   " Sono   stato   guarito ",   ma   quanti   in   realtà   si sono   ammalati   di   spiritualità?   Se   non   si   fa   la   volontà   di   Dio,   si   è   malati   di   divinità.   Oggi   i   cristiani   stanno   vivendo   la   parte più   comoda   e   usano   il   nome   del   Signore   per   rivelare   la   propria   parola.   Un   giorno   ne   dovranno   rendere   conto.   Se   siamo guariti,   anche   nella   prova   più   difficile   il   Signore   sarà   con   noi,   non   saremo   in   crisi   di   astinenza   perché   non   abbiamo partecipato   a   certe   funzioni…   Il   soprannaturale   e   l'attesa   di   certi   messaggi,   crea   dipendenza   e   squilibrio   nelle   persone.   Le confidenze di Maria Santissima non sono niente di nuovo, ma “il vecchio” che ci siamo dimenticati.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Guariti o malati di spitirualità
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
La   croce   che   abbiamo   costruito   a   Gesù   sta   a testimoniare   che   chi   ama   non   deve   aspettarsi   la riconoscenza.    I    martiri    lo    hanno    sperimentato. Perché   facciamo   così   fatica   a   subire   una   piccola prova,   quando   quella   più   cruenta   e   difficile   l’ha subita   Gesù?   Se   ci   lamentiamo   abbiamo   paura   di amare,     di     essere     calunniati,     perseguitati     e criticati.    Abbiamo    paura    della    croce.    Dov'è    la dignità   e   il   coraggio   dei   figli   di   Dio?   Quando   Gesù è   stato   tentato   nel   deserto,   come   in   una   sfida epica   tra   il   bene   e   il   male,   gli   fu   detto:   "Se   tu   sei Figlio   di   Dio,   dì   a   questa   pietra   che   diventi   pane".     Il   diavolo   ci   tenta   nella   natura   divina,   non   in quella    umana,    perché    nella    prima    abbiamo    il delirio   del   soprannaturale   e   siamo   perdenti.   Ci vuole   portare   a   peccare   di   divinità,   a   commettere l’errore   che   ha   fatto   quando   è   stato   scacciato   dal Paradiso.   Non   era   certo   che   Gesù   era   il   Figlio di    Dio,    perché    Maria    Santissima    l'aveva tenuto    nascosto    per    trent’anni    con    tanto rispetto   e   umiltà ,   altrimenti   l’avrebbe   messo   in croce   prima.   La   Madonna   ha   svolto   il   suo   compito nel   migliore   dei   modi,   nel   silenzio,   possibile   che adesso   cambi   totalmente   comportamento?   Chi   di noi   avrebbe   nascosto   la   divinità   per   così   tanto tempo?   Se   fossimo   portatori   anche   solo   di   un piccolo   miracolo,   lo   saprebbe   il   mondo   intero. "Sta    scritto:    Non    di    solo    pane    vivrà    l'uomo", quanti     discorsi     avremmo     fatto     noi?     Nelle tentazioni   Gesù   ha   nascosto   la   sua   divinità   e    ha difeso    la    natura    umana    per    rivelarci    come dovremmo   comportarci.      Il   diavolo,   mostrandogli in   un   istante   tutti   i   regni   della   terra,   gli   disse:   "Ti darò   tutta   questa   potenza   e   la   gloria   di   questi regni,   perché   è   stata   messa   nelle   mie   mani   e   io la    do    a    chi    voglio" .    Il    potere    terreno    e    le fantasticherie   sono   in   mano   al   diavolo,   che   ci   fa digiunare    e    pregare    come    facevano    scribi    e farisei,   ma   non   ci   fa   amare.   "Se   ti   prostri   dinanzi a   me   tutto   sarà   tuo" :   chi   per   avere   successo   e piacere,     non     accetterebbe     la     proposta     del demonio?   Gesù   gli   rispose:   "Sta   scritto:   Solo   al Signore   Dio   tuo   ti   prostrerai,   lui   solo   adorerai". Adoriamo   la   parola   di   Dio   o   il   nostro   pensiero?   I veri   profeti   non   sono   mai   stati   accomodanti   con lo   stile   di   vita   del   loro   tempo,   ma   hanno   versato sangue.    E    a    noi    è    riservata    la    parte    senza nessuna   prova?   Lo   condusse   a   Gerusalemme,   lo pose   sul   pinnacolo   del   tempio   e   gli   disse:   "Se   tu sei   Figlio   di   Dio,   buttati   giù;   sta   scritto   infatti:   Ai suoi   angeli   darà   ordine   per   te,   perché   essi   ti custodiscano;   e   anche:   essi   ti   sosterranno   con   le mani,   perché   il   tuo   piede   non   inciampi   in   una pietra".    Gesù    viene    nuovamente    tentato    nella natura   divina.   Il   Signore   riconosce   i   nostri   difetti, ma     non     accetta     coloro     che     si     classificano miracolosi    o    miracolati,    perché    rasentano    il divino.    A    Lui    non    servono    i    numeri,    ma    la concretezza.   La   natura   divina   ci   sconvolge,   non abbiamo     la     possibilità     di     gestirla,     perché vogliamo   offrirla   al   primo   che   incontriamo?   La divinità   si   rivela   per   conto   suo,   non   siamo noi   i   suoi   custodi.    Il   modo   di   evangelizzare   che Gesù   ci   ha   insegnato   è   il   silenzio.   Non   dobbiamo pensare   che   il   male   deve   essere   affrontato   “di petto”   altrimenti   ci   distruggerebbe,   cerchiamo   di essere   miti   agnelli,   ma   di   stare   lontano   dai   lupi. Quelli   non   si   ammansiscono.   Ci   sarà   un   motivo per   cui   Maria   non   ha   proferito   parola   del   progetto meraviglioso   che   Dio   aveva   su   di   Lei:   si   è   lasciata umiliare,   insultare   e   sfrattare   più   volte   da   un luogo   all'altro,   ma   è   sempre   rimasta   in   silenzio. Il   male   non   conosce   i   progetti   di   Dio,   se   mai conosce   la   legge   di   Dio.    Quelli   li   sveliamo   noi perché   abbiamo   troppa   fretta   di   dimostrare,   di attirare     l'attenzione,     di     proclamare.     Come cristiani   bisogna   essere   discreti   e   accettare   la situazione     che     abbiamo     anche     se     non     è gradevole.   Nel   deserto   Gesù   ha   dimostrato   che   la natura   umana   è   più   forte   di   quello   che   pensiamo noi   e   può   superare   certe   prove   se   ci   si   affida   a Dio.    Perché    vogliamo    avere    le    scusanti    della nostra   fragilità?   Siamo   deboli   dove   ci   conviene, ma   forti   dove   abbiamo   un   interesse.   Dov’è   la nostra    fede?    Accettiamo    con    coraggio    ciò    che umanamente    si    vorrebbe    evitare.    Le    grazie avvengono   abbondanti   quando   ci   si   affida con   un   pensiero   a   Dio,   senza   che   nessuno   lo sappia.    Cerchiamo   di   essere   più   riservati,   che   il Signore   non   ha   bisogno   che   uno   vada   a   dire   che fa   i   miracoli.   Diffondiamo   l'amore   prima   di   tutto, poi   la   parola   del   Vangelo   che   è   anche   formativa   e completa    la    natura    umana    con    quella    divina. Costruirsi   sul   pregate,   pregate,   pregate ”   ha   dei contraccolpi     come     quando     si     prende     una medicina,    va    bene    da    un    lato,    ma    ha    delle controindicazioni   dall'altro.   Quanti   di   noi   dicono: " Sono   stato   guarito ",   ma   quanti   in   realtà   si   sono ammalati   di   spiritualità?   Se   non   si   fa   la   volontà   di Dio,   si   è   malati   di   divinità.   Oggi   i   cristiani   stanno vivendo   la   parte   più   comoda   e   usano   il   nome   del Signore   per   rivelare   la   propria   parola.   Un   giorno ne   dovranno   rendere   conto.   Se   siamo   guariti, anche   nella   prova   più   difficile   il   Signore   sarà   con noi,   non   saremo   in   crisi   di   astinenza   perché   non abbiamo     partecipato     a     certe     funzioni…     Il soprannaturale   e   l'attesa   di   certi   messaggi,   crea dipendenza     e     squilibrio     nelle     persone.     Le confidenze   di   Maria   Santissima   non   sono   niente di     nuovo,     ma     “il     vecchio”     che     ci     siamo dimenticati.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile